El dilemma dele strade romane

dei omini preistorici, i castellieri, fin ala Tergeste romana, inclusa
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

sono piccolo ma crescero ha scritto:
mer 4 apr 2018, 16:06
Segnalo questo articolo de "il Piccolo" che parla delle ricerche recenti sulle strade romane del Carso

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... hfpitses-1
Viene su da San Lorenzo questa strada di cui parli e quindi si collega alla strada che Barbara diceva passare per San'Antonio, San Giuseppe, Sella di Longera/Altura,Via dell'Istria. Si immette sull'Annia (proveniente da Basovizza). Si tratta appunto del raccordo Flavia-Annia.
Cercando sotto l'asfalto dell'attuale strada Basovizza-Pesek o parallela a questa nelle immediate vicinanze... potrebbe saltare fuori il tracciato principale.



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Barbara... hai ragione.. Ho trovato una vecchia carta di Trieste. Si vede un "sentiero"-stradina nera che passa per il castelletto e si immette nella parte alta di Via Commerciale.
Allegati
27067647_10155148307422927_7849894897788986531_n_10155148307422927.jpg
27067647_10155148307422927_7849894897788986531_n_10155148307422927.jpg (198.74 KiB) Visto 1299 volte



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Scusate un momento.. lungo la ferrovia tra il ponte in ferro ed il Bivio Gretta (Casello Km 2+...) ho notato una strada parallela alla ferrovia che si collega proprio in Salita Madonna di Gretta... poteva essere la vecchia strada?

Considerate che prima di costruzione della Strada del Friuli Viale Miramare si fermava a Roiano e moriva in mezzo a campi e al lazzaretto nuovo di Roiano, ma parallela si vede una strada (che sembra essere il primo tratto di Strada del Friuli).. Da Roiano c'era una strada che seguiva il torrente e girava verso Gretta...
Il punto è proprio li tra Barcola e Roiano (anche se sembra ci sia una stradicciola che aggira il lazzaretto e segua la linea di costa.... Boh... Sapete dirmi?



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Forse ho trovato il bivio.
Presso il lazzaretto di San Bartolomeo-PIazzale a Roiano convogliava Scala Santa (penetrazione da Opicina) e Salita di Gretta (penetrazione da Aquileia) - prima che facessero il viadotto - che poi scendeva su Barcola subito dopo il Faro.

Per quanto riguarda le vie Perarolo e San Bortolo.... forse sono state aperte dopo la costruzione della ferrovia e che la strada romana passasse sopra la galleria ferroviaria di Gretta considerando che c'è pure un casello con una strada che sale da dietro e raggiunge il casello (tale stradina sembra proseguire ma bloccata dalle infrastrutture ferroviarie di RFI)



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Strade Romane in Venezia Giulia:

Via Electra (Via dell'Ambra) Aquileia-Villa Vicentina-Villesse-Gradisca(Pons Isontis)-Merna (Incorcio Via Isontina)-Aidussina-Kelce/Longatico-Lubiana (Ingresso Porta Sud)-Lubiana (Uscita Porta Nord)-Maribor-Graz-Vienna

Via Isontina (SS 55 del Vallone) Fonti del Timavo/Lisert-Jamiano-Merna (incrocio Electra)-Gorizia-Tolmino-Caporetto (inserimento sulla Via Juliana).
Via Gemina: Aquileia-Vecchio Ponte Ronchi-Ronchi-Slivia-Sgnonico-Prosecco-Salita di Contovello-Barcola-Strada del Fiuli-Trieste-Via Battisti-Damiano Chiesa-Strada Monte Spaccato-Basovizza (Incrocio Annia)-Postumia-Longatico (incrocio Electra)-Lubiana (ingresso Porta Ovest-Uscita Porta Est)-Zagabria-Belgrado.

Via Juliana SS. 54 : Ramo Aquileia (Terzo d'Aquileia-Cividale) Ramo Udine (Udine-Cividale) Ramo Palmanova (Palmanova-Cividale)-Cividale-Caporetto-Moistrocca-Fusine-Jesenice-Lubiana.

Udine-Longatico SS. 56. Esisteva poi una strada che a Udine raggiungeva Aiudissina passando per Gorizia (non ricordo il nome).

E' curioso che in zona Villesse ci dovesse essere un vecchio ponte Romano sul Torre.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37103
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da babatriestina »

luco813 ha scritto:
mer 23 gen 2019, 1:45
Forse ho trovato il bivio.
Presso il lazzaretto di San Bartolomeo-PIazzale a Roiano convogliava Scala Santa (penetrazione da Opicina) e Salita di Gretta (penetrazione da Aquileia) - prima che facessero il viadotto - che poi scendeva su Barcola subito dopo il Faro.

Per quanto riguarda le vie Perarolo e San Bortolo.... forse sono state aperte dopo la costruzione della ferrovia e che la strada romana passasse sopra la galleria ferroviaria di Gretta considerando che c'è pure un casello con una strada che sale da dietro e raggiunge il casello (tale stradina sembra proseguire ma bloccata dalle infrastrutture ferroviarie di RFI)
sto cercando di capire, ma mi confondo coi nomi: il lazzaretto di Roiano era dedicato santa Teresa, il lazzaretto di san Bartolomeo, non è quello di Muggia? anche se è la chiesa di Barcola ad essere dedicata a san Bartolomeo. Scala santa ok a Roiano, ma salita di Gretta sale oltre Barcola in direzione opposta a Roiano..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Praticamente l'asse proveniente da Gorizia-Monrupino-Opicina-scendeva per Scala Santa e raggiungeva Roiano. A Roiano confluiva sulla strada che veniva giù da Salita di Gretta-Salita di Contovello (ovviamente non esisteva il viadotto che c'è ora su via Udine)



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Il lazzaretto di Roiano si chiamava San Bartolomeo a Rojan



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Lokev – Corgnale

La Villa Chorgnalis, così menzionata in un documento del 1304, si trovava lungo il percorso dell’antichissima Strada dei Carsi (Via Gemina) che dalla Carniola scendeva verso il valico di Monte Spaccato per poi raggiungere le zone costiere.
Alcuni storici supposero che il nome derivasse da quello della gens Cornelia, famiglia patrizia di Roma, ma in seguito la storia lo mutò in quello di Kornial, dal tedesco korn-grano (1), nello slavo Locko, indicante le vasche a riserva d’acqua e infine nell’attuale Lokev.
Dalla fine della Prima Guerra al 1947 il paese passò alla sovranità italiana e venne chiamato Corgnale o anche Corniale per la diffusione dei cespugli di Corniolo nelle vicine campagne.

Significa che il ramo principale era Trieste-Monte Spaccato-Basovizza-Lokev-Carso Sloveno



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37103
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da babatriestina »

Ne parliamo a lungo nella pagina dedicata al Carso e ai paesini https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopi ... t=corgnale.
Risultava Corgnale anche nelle cartine di epoca austroungarica
Immagine
la strada sarà stata sicuro usata nel medioevo, vista la presenza di un a cappella templare.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37103
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da babatriestina »

Di oggi: scavi in via Montecucco: sotto il manto stradale, si vede la viabilità romana. siamo nei pressi del colle di san Giusto.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Corretto! Le strade Romane erano in Via Molino a Vento, Montecucco (che portava verso i prati) e Via San Michele-Bramante-Istria-Flavia/Strada di Fiume.
Dovrebbero esserci tracce anche sotto vai Bramante e Via dell'Istria oltre a Via Molino a Vento e Via San Michele.



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Allora la strada che passa per Montespaccato si chiama Via Annia e segue l'asse Battisti-Via Giulia (era lo storico accesso plurimillenario). La Gemina partiva da PIazza Goldoni e passando per Barriera-Molino a Vento-Pestalozzi-Strada di Fiume e Basovizza andava a Lubiana. Infatti fu aperta dalla Gemina che si calò a Trieste da Montebello.
La Via Flavia percorreva Via San Michele-Strada dell'Istria-Pestalozzi-Via Flavia.
La strada che passava per Altura-San Giuseppe-San Lorenzo-Basovizza era una variante-raccordo della Via Flavia
La strada da Gorizia a Roiano (via San Daniele del Carso-Monrupino) si chiamava Via Lattiera (portavano il latte da 3000 anni)



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

La Via Gemina nel tratto Monfalcone-Basovizza era detta strada dei castellieri ed è plurimillenaria (la Via Annia - Strada Provinciale del Carso) fu aperta da Giulio Cesare come prosecuzione della Via Annia.
La Strada del Vallone si chiamava Via Manlia (Bocche Timavo-Gorizia-Tolmino-Caporetto
La Strada da Aquileia a Cividale si chiamava Cividalese



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

luco813 ha scritto:
lun 21 gen 2019, 22:51
triestin in monte ha scritto:
lun 23 mag 2016, 19:41
babatriestina ha scritto:che io sappia via Commerciale , detta dai nostri vecchi " strada vecia de Opcina" è stata aperta nel Settecento, com'era il detto? una coppia di buoi lasciata a caso non avrebbe fatto di peggio" o qualcosa di simile..
la strada romana più nota è q uella del Monte Spaccato dove hanno spaccato pur e l a lapide, perchè era del Ventennio e pertanto un tantino r etorica. i pezzi sono ancora là a lato- ne abbiamo le foto in forum
Avevo letto sullo Zubini che la via Romagna era chiamata riva d'Opcina, da cui si presume che portasse alla località suddetta. Anche qui guardando le carte ottocentesche (Scorcola) si nota che essa si interrompe presso l'attuale castelletto Geiringer, mentre il tratto in discesa verso via Ovidio che porta in via Commerciale è stato aperto solo nel dopoguerra. Anche qui si possono fare delle ipotesi: ad esempio che la via continuasse percorrendo l'attuale strada interna al castelletto che arriva fino alla via Marziale e, continuando per quest'ultima si riallacciasse alla parte alta di via Commerciale (dopo il campo sportivo). Possibile quindi che la via Commerciale costruita nel 700 (1777 mi pare) sia solo la parte bassa e che essa abbia in parte riutilizzato un tracciato preesistente. Una volta in funzione quest'ultima il percorso per via Romagna potrebbe esser stato abbandonato ed una parte inglobata nella proprietà Geiringer che doveva esistere già all'epoca. Ovviamente le mie sono solo ipotesi che cercherò di approfondire appena (e se) possibile.
Mi puoi fare per piacere una cartina e il tracciato? Anch'io pensavo a questa ipotesi. Un ramo che da Via Giulia collegasse Opicina (Quadrivio).
Sicuramente il pezzetto dal Quadrivio a Opicina-Sesana è stato fatto da Maria Teresa (prima avevo visto carte del 1400 non c'era nulla) neppure sentieri.
Sostenendo la tua ipotesi c'era una bretella che dal quadrivio scendeva su Via Giulia passando per il castelletto.
Barbara... hai approfondito la questione di Via Romagna e la prosecuzione dentro al Casatelletto? Io pensavo ad un raccordo tra Via Giulia e Via Romagna...



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7491
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Passando davanti allo stand di Luglio editore, al centro commerciale di Montedoro, ho visto n libro, edito da loro, sulle antiche strade della Venezia Giulia. Lo segnalo a chi ne fosse interessato: http://www.luglioeditore.it/libridett.php?cat=13&id=500


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Ho fatto una scoperta.
Un ricorso fatto da un certo Gaio che voleva deviare la Via Annia da Basovizza verso Roditti e Lubiana, mentre Tiberio Claudio ordinò di passare per Fiume.
Lucio Rufellio Severo ripristinò il tratto Basoviza-Fiume che Gaio Lecanio Basso fece deviare per Rodik e Postumia (la ben nota Via Cargnola). La Caniola fu apertada Lecanio, mentre Rufellio fece costruire la continuazione della Via Annia.
https://books.google.it/books?id=QtcSVq ... ti&f=false

https://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?i ... Yf7tpAnF2o



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

La Strada del Vallone si chiamava Via Manlia e fu fatta da Manlio.
La Gemina si distaccava dall'Annia a Fonti del Timavo e ripredeva le mulattiere verso Aidussina e lungo "la linea dei castellieri".
A Prosecco si staccava dall'Annia il ramo per Trieste che in origine non percorreva Via San Michele, ma passava per Barriera Vecchia e Molino a Vento.
Si passava per Via Santa Caterina-Via della Zonta dove fu trovato il resto del tempio della Bona Dea.
Successivamente furono fatti i raccordi per Montespaccato e per Strada di Fiume.



luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: dom 22 mag 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 »

Mi è stata data conferma che gli storici accessi a Trieste erano: Salita a Contovello (Via Gemina) e Scala Santa (Via Lattiera); quest'ultima da 2500 anni si chiamava Via Lattiera. Dal Carso veniva il latte e formaggio fin dalla notte dei tempi.
Successivamente furono aperte Salita di Monte Spaccato (Via Lecania) , la Via Flavia e il raccordo tra la Via Flavia e Basovizza (Strada di Fiume) Via Lecania (ex Gemina).
Leggendo un po' di quaderni si dice che furono scoperte resti di ville romane e botteghe nella Contrada de Romagna.

Cosa si intende la Contrada di Romagna? Via Romagna? Se si allora c'era pure un accesso dal Castelletto



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37103
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da babatriestina »

via Romagna prende il nome dall'altura e d a un castello Romagna costruito durante un assedio medievale veneziano


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “De la preistoria a la Trieste romana”