Le origini de Trieste

dei omini preistorici, i castellieri, fin ala Tergeste romana, inclusa
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37938
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

el Jure ha scritto: I attuali abitanti de la costa oriental [..]
Ve ricordo che a Curzola (dove ghe xe la casa de un zerto Marco Polo), nella loggia veneziana, al posto del leon de s.Marco, i ga messo un monumento dove, sora una iscrizion "1939-1945" xe rafigurà el "serbo liberatore" mentre che el copa el leon de Venezia ... .
mi capisso che essendo zaratin de origine, te pol aver dele memorie che brusa più dele nostre, comunque qua parlavimo de Trieste, e concordo con ti che parlar de etnie pure xe dificile e a volte mi me domando se no tendi quasi a sconfinar quasi in razzismo. riporto un passo de un scrittor grego Isocrate che ga scritto cussì dei Greghi del IV secolo a c:
Il nome di Greco non designa più la razza, ma la maniera di pensare, e sono chiamati Greci piuttosto coloro che partecipano alla nostra educazione che quelli che hanno le stesse origini di noi
mi trovo ste parole sacrosante, e me par che le xe stade fate proprie de tante civiltà.
Per Curzola, però, me permetto de dir che nei ultimi tempi de qua e de là del adriatico el clima sta cambiando, grazie a Dio in meo: iero là do anni fa e mi go visto questi bassorilievi:

Immagine
come te vedi, el Leon venezian xe, co l'aria un poco rabiada, anca perchè el ga el libro serado. Se sia el original o una copia nova, no so, ma comunque i lo ga rimesso. e soto xe una memoria de un re Tomislav de Croazia che ga regnado in quel periodo che la Croazia xe stada efetivamente un regno indipendente, prima de esser stada annessa al Ungheria.
poco più in là se vedi ancora un leon, questo col libro averto: i ghe ga scarpelado el muso, sì ala fin dela guera sicuro, ma intanto adesso el xe là e lo pol veder tuti.
Immagine
Questo per precisar. Po se volemo andar ala storia antica dela Dalmazia, gavemo una sezion a parte, perchè sta roba ormai con Trieste no ga a che far (anche a Trieste i gaveva messo per qualche periodo el Leon venezian, ma el xe stado cavado: un xe finido a Genova!). e se gavemo deciso de parlar de storia fin al 1918, no xe per ignorar quel che xe nato dopo, ma perchè se gavevimo inacorto che finiva spesso per butar in baruffe politiche.


Avatar utente
el Jure
naufrago
naufrago
Messaggi: 26
Iscritto il: mer 7 nov 2007, 14:03

Messaggio da el Jure »

babatriestina ha scritto: ... comunque qua parlavimo de Trieste, e concordo con ti che parlar de etnie pure xe dificile e a volte mi me domando se no tendi quasi a sconfinar quasi in razzismo. riporto un passo de un scrittor grego Isocrate che ga scritto cussì dei Greghi del IV secolo a c:
Il nome di Greco non designa più la razza, ma la maniera di pensare, e sono chiamati Greci piuttosto coloro che partecipano alla nostra educazione che quelli che hanno le stesse origini di noi
mi trovo ste parole sacrosante, e me par che le xe stade fate proprie de tante civiltà.
Per Curzola, però, me permetto de dir che nei ultimi tempi de qua e de là del adriatico el clima sta cambiando, grazie a Dio in meo: iero là do anni fa e mi go visto questi bassorilievi:
Amirevole capazità de sintesi nella citazion de Isocrate ( ... ma la maniera di pensare ...).
Per Curzola ... vero che le cose sta cabiando ... ma mi son pasà de là proprio quindese giorni fa ... e la lapide "di cui al mio post precedente" la xè ancora là (el leon in tera de la foto n°2 xe proprio quel che i ga butà zo per meterghe al suo posto quelo "1939-1945" copado dal serbo ...).

Chiedo venia se son sbriscià in paralleli tra Trieste e le altre zità de la costa dalmata ... ma non me par de esser tanto OT se attraverso sti paraleli zerco apunto de sostegnir le "parole sacrosante" de Isocrate.
Trieste apartien al la antica cultura "adriatica" (non balcanica, come voria dimostrar zerti storici tirai in ballo in sto 3D ...)

... PS - a mi (anche se son culturalmente "rozzo") non ti me vedarà mai impegnado in barufe politiche (politiche magari sì, barufe però no) ... esprimo semplizemente el mio pensier per confrontarlo con quelo dei altri (non per imporlo).
B T ... me piasi la tua maniera di pensare, te son "adriatica" anca ti per caso? :-D


era il sole calato
e lenta avanzava da oriente la notte.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37938
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

el Jure ha scritto:
Trieste apartien al la antica cultura "adriatica" (non balcanica, come voria dimostrar zerti storici tirai in ballo in sto 3D ...)
te son "adriatica" anca ti per caso? :-D
Per mi Trieste xe un punto de incontro, ma qualche volta de frizion, fra Nord e Sud e fra Est e Ovest.
Go anche origini adriatiche: ragusee e greghe, per la precision. Insieme a tante altre fra istriane, furlane, tedesche, slovene... un bel missiot come che nassi spesso a Trieste. Po come che se diseva, xe la cultura che se ga per tradizion e educazion, e la mia xe principalmente italiana, ma come che fussi un piato de cusina, con tante spezie zontade de fora che ghe dà più gusto.


Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

Scuseme, ma cosa ghe entra sti discorsi adiritura del 1939-45 con la storia de Trieste ante-romana?
BT, no te podesi separar sti mesagi e meterli in logo oportuno? Separè per robe ben meno importanti. Qua no se riva a far un discorso serio (su l'argomento del topic). :wink:


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37938
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

rofizal ha scritto:Scuseme, ma cosa ghe entra sti discorsi adiritura del 1939-45 con la storia de Trieste ante-romana?
BT, no te podesi separar sti mesagi e meterli in logo oportuno? Separè per robe ben meno importanti. Qua no se riva a far un discorso serio (su l'argomento del topic). :wink:
xe dificile perchè nel stesso messaggio ghe xe tochi relativi al topic e tochi relativi a altro, bisognassi proprio taiar el messaggio in due. cosa che no gavemo mai fato. Go fato un post propio per sugerir de parlar dela storia dela Dalmazia nel logo apropriado.


Avatar utente
el Jure
naufrago
naufrago
Messaggi: 26
Iscritto il: mer 7 nov 2007, 14:03

Messaggio da el Jure »

rofizal ha scritto:Scuseme, ma cosa ghe entra sti discorsi adiritura del 1939-45 con la storia de Trieste ante-romana?
BT, no te podesi separar sti mesagi e meterli in logo oportuno? Separè per robe ben meno importanti. Qua no se riva a far un discorso serio (su l'argomento del topic). :wink:
i "discorsi" 1939-45 i se riallaccia alla frase
babatriestina ha scritto: Xe solo che adesso alcuni storici sloveni , e solo che lori, sta scrivendo libri per dimostrar che i Sloveni iera za, soto un altro nome ,i misteriosi Wendi, e varianti del nome..., fra i primi abitanti de ste parti.

e detti "discorsi" i riporta una delle probabili motivazioni de "alcuni storici sloveni, e solo che lori".

Ergo, se fussi OT far riferimento a le tesi de "alcuni storici sloveni" che i scrive proprio sulle "ORIGINI DI TRIESTE" (titolo del 3D), voria capir quanto pol esser in topic citazioni de la Bibbia che sarà anca un testo sacro, ma de rigor storico la ga asai poco (per non dir gnente ...).

Per carità, non voio entrar nel merito de come gestir la suddivision dei argomenti (xe a total e insindacabile discrezion de le persone preposte), ma xe indubio che la carateristica più interesante de un forum sta proprio ne la sua capazità de portar el discorso su piani totalmente diversi da quei de partenza.

Cossa distingue un artista geniale da uno "scolastico"? ... che quelo geniale, quando el cominzia un opera nol sa gnanca lu dove "il genio" lo porterà.
Nel forum "il genio" no xe sicuramente "el jure" ... ma gnanca el "rofizial" o la "babatriestina" o "refolo", per quanto persone indiscutibilmente brillanti e colte. Nel forum "il genio" xe il dialogo, ovvero quella scintilla che "accende" neuroni ora in questo e ora in quel zervel, quasi che fusse una unica granda "scatola cranica virtuale".
Utilizar el web come "gruppo di studio" col semplize obiettivo de racoglier le informazioni za esistenti e preconfezionade su un dato argomento, me par alquanto limitativo ... no ghe saria gnanca bisogno de dialogo. Sinceramente no gavaria gnanche bisogno de voi (con un poco de pazienza, nel web e in libreria trovo tuto quel che xe za stado scrito).

Le origini de Trieste? Ecco la risposta più illuminante, ecco l'opera del "genio"
babatriestina ha scritto: Go anche origini adriatiche: ragusee e greghe, per la precision. Insieme a tante altre fra istriane, furlane, tedesche, slovene... un bel missiot come che nassi spesso a Trieste. Po come che se diseva, xe la cultura che se ga per tradizion e educazion, e la mia xe principalmente italiana, ma come che fussi un piato de cusina, con tante spezie zontade de fora che ghe dà più gusto.
... e una risposta così vera, così real, così disarmante, così incontestabile non la trovarè che in un forum dove che no se taia, no se sposta e no se "mete in ordine" che in casi estremi.


era il sole calato
e lenta avanzava da oriente la notte.
Avatar utente
Coce
citadin
citadin
Messaggi: 689
Iscritto il: dom 5 feb 2006, 11:24
Località: Australia

L'Origine di Trieste

Messaggio da Coce »

Mi no so se podemo aver una risposta o se mai podaremo aver una risposta a questa domanda, ma certamente discutendo sta Citta' no se pol separar le regioni agiacenti e specialmente L'Adriatico. Come le origini de Beta, le origini de Trieste xe un missiot. EL JURE, immenso piacer de leger el tuo contributo su questo sito. Ciao e benvenuto. Coce :-)


La vita
Piu' che la pendi
Piu' la rendi
Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

Nisun obieta sula validità dei argomenti dela discusion, ma sta sezion me par che la se intitoli "De la preistoria a la Trieste romana". Un pochi de OT li fazo anche mi (chi xe senza pecato scai la prima piera), ma trasformar el discorso da l'epoca preromana a quela de sto ultimo secolo... mah... vedè voi.


Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

Data 19 gennaio 2005 e successive :
Da Babatriestina :

Alcune leggende
Antenore fugge da Troia e fonda Padova, un altro eroe fugge da Troia e fonda Trieste (sarebbe di origini ittite?).
No, la ha fondata un certo Tergesto (eroe eponimo).
La hanno fondata i Fenici?

Sono arriavti qui Teseo e gli Argonauti, di ritorno con il Vello d'oro, venendo su dal mar Nero per l'Istro (che dovrebbe essere il Danubio), assonanza con l'Istria?
Ma altri dicono che chiamavano Istro anche il Quieto o il Risano...
E gli Argonauti sono arrivati fino all'Adriatico, presso le foci del Timavo.
Ma alle foci del Timavo c'era un santuario a Diomede (origini greche) e ai cavalli.. pare ci fosse per secoli una fiera di cavalli... il posto era sacro, pensiamo al Mitreo tardoromano, poi quando li trovo vi riporto i versi esatti dell'Eneide che parla delle 9 (sic!!) bocche del Timavo!!!

-----------------
RicDunam ha scritto:Da Babatriestina :
Alcune leggende
Sono arriavti qui Teseo e gli Argonauti, di ritorno con il Vello d'oro, venendo su dal mar Nero per l'Istro (che dovrebbe essere il Danubio), assonanza con l'Istria?
Ma altri dicono che chiamavano Istro anche il Quieto o il Risano...
E gli Argonauti sono arrivati fino all'Adriatico, presso le foci del Timavo.
Il collegamento (ma di che tipo?) del Danubio con la città di Tergeste risulta anche dall'ipotesi, apparentemente fantasiosa (ma non del tutto), del collegamento di Tergeste con il popolo dei Peucini (vedi https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopic.php?t=3462).

Un altro popolo che potrebbe essere collegato alla nostra zona (e culturalmente lo è certamente stato) è quello dei ProtoVeneti (o Venedici), di cui parleremo a parte.


[i]Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera[/i]
[S. Quasimodo]
Donau
naufrago
naufrago
Messaggi: 33
Iscritto il: lun 24 ago 2009, 18:28

Messaggio da Donau »

Ciao a tuti, bei e bruti,

a so novo de sto filò e me piaxe i bigoli co la luganega, Roxina damela par caretà.

Go la pasion o visieto de la lengoestega e de la toponomastega;
el kinome o toponemo TRIESTE no lo gò gnaora ciapà in man, però gò sti studi ke penso podaria interesarve (tuto contà no i xe male):


Timavo, Timaf, Timau
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=7304

Donau, Danubio, (Istro, Ister, Istria, Irtys)
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=7274


Cona
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=7118

Grado, Gravo, Grau
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=5748

Tolmezzo
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=6946

Aquileia
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=5731

Maniago
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=6543

Velma
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=6996

Udine
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=6126

Friul
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=6638

Livenza
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=6431

Altino
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=5739

Abano
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=5738

Spero in calke contribuo par profondir le voxi e far pasi in vanti se ocor.


Donau
naufrago
naufrago
Messaggi: 33
Iscritto il: lun 24 ago 2009, 18:28

Messaggio da Donau »

On contributin so la etimoloja de Trieste:

http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=7343


Donau
naufrago
naufrago
Messaggi: 33
Iscritto il: lun 24 ago 2009, 18:28

Messaggio da Donau »

Muggia, Mugla, Muia/Muja, *Murja/Murgia? etimoloja
http://www.raixevenete.com/forum_raixe/ ... IC_ID=7401


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4365
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da Ciancele »

Le origini de Trieste
A mi ‘ste storie me interessa ‘ssai e devo dir che quel che ga contà ffdt e Ursus Canadiensis me ga piasso, anca come che i ga contà.
No so come incominciar 'ste righe perchè so poco o gniente e no volaria contar più monade (baggianate, fesserie) del solito o del necesario. Forsi bisognaria cambiarme nome e ciamarme pintosto “dindius clanfatus”.
Go leto la parola LATINIZZAZIONE. Mi son una vitima de quei che saveva scriver un poco e i ga storpià, dizemo scrito mal, el nome sia de mio papà che de mia mama. Quindi chissà quanti altri nomi i gavarà scrito mal, foneticamente. I s’ciavi i iera dapertuto. Parfina a Cormons nel 1946 go leto: Cormons je naš. I ga inventà tuto. Qua se dizeva che i rusi ga inventà tuto, meno che la Coca Cola. I se gà rifiutà de averla inventada. Un fato xe anca però che i slavi i ieri in un certo punto de l’Europa e i xe stai scazai ancora de più verso l’est. Nel Mar Baltico, a esempio, xe rivai quei de l’Ordine dei cavalieri teutonici (I Deutschritterorden) atraverso la Polonia per andar nela Prusia Orientale. Su l’isola de Rügen se trova ancora resti de vilagi slavi, e i sorbi vivi ancora adeso con propri usi e costumi. Co’ le mie modeste conoscenze dela lingua rusa, me go inacorto anca mi dela somiglianza dei carateri cirilici con quei greghi. Go leto che questi carateri i saria stai inventai verso el IX secolo in Bulgheria e po’ “svilupai”, no inventai, da Cirilo e Metodio. E questo quadreria con quel che ga scrito Ursus Canadiensis e i altri. Cità scomparse xe de sempre un tema. Per esempio Atlantide. Dovaria eser storia vera che el mar del nord tra l’isola de Sylt (penisola danese) e l’Inghiltera secoli fa el iera cusì baso che se podeva andar a pie (magari coi trombini) in Inghiltera. Dopo xe vignù do maregiate, una nel 1362 e una nel 1634, e de quela volta se ga formà diverse isole a sud de Sylt. Ma ancora ogi, co’ la marea xe ‘ssai basa, se pol andar a pie de una isola a l’altra. Vol dir che diversi picoli vilagi xe sparidi soto aqua. Ne l’isola de Usedom (che adeso xe divisa tra la Germania e la Polonia) se parla de una fiorente cità: Vineta o Wineta. Par che un sia andà là a parlar co’ la gente e co’l xe tornà la seconda volta la cità no esisteva più. Sparida soto aqua. Ma dove? Nisun sa. Ripetendo Vineta Vineta vien inamente i Veneti, e se pensemo che la su iera i slavi, chi iera veramente i Veneti? I Venedi iera i slavi occidentali? Compagni dei veneti o qualcosa de diverso? Forsi cusì se spiega una eventuale origine baltica.
Po’ xe vignù la question dei celti, magari in un altro tema (The celtic world), ma xe un fato anca che i celti i ga visù e che i xe andai un poco dapertuto, forsi i xe vignudi anca a Trieste. Coi celti se parla del regnum noricum, a caval tra la Baviera e l’Austria. Nel XVII secolo la cità de Norimberga iera ciamada anca Noris. Qua se parla poco dei celti. Noi gavemo i catti (die Chatten) vignudi però dopo i celti e i xe considerai sucesori de lori. Ma solo ne l’Assia. I catti iera però più guerieri dei celti. Tute e due le stirpi le ga imparado a magnar Rippche’ mit Kraut (cotolette di maiale salmistrate su cappucci acidi) e bever Ebbelwoi (Apfelwein – vino di mele) e cusì le xe stade integrade e asimilade.
A scola i me contava che i romani ga scazà i slavi e i ga fondà Trieste. Ma iera quasi otanta ani fa. A scola i parlava anca dele invasioni barbariche. In tedesco se ciama Völkerwanderung che tradoto leteralmente xe caminada dei popoli (trasmigrazion). I disi anca che, per esempio i Uni, i gaveva al suo seguito anca altri popoli vinti. E i disi che i celti iera un popolo nomade. Forsi par questo i andava sempre in giro e no i ga lasà ricordi tali da poder ricostruir qualcosa, anche se se parla dela civiltà celtica. Anche ne l’epoca moderna se ga verificà trasmigrazioni. Quele più recenti xe dei cosideti extracomunitari. Anca lori i xe integrai e assimilai, chi prima, chi dopo. Penso che a Trieste i cabibi dela quinta generazion, sposai con triestine o s’ciavete (del contado), i se senti più triestini che cabibi. Co’ qua in strada fa zima (freddo), vado a casa. Trasmigrazion del singolo. No bisogna dismentigar le epoche glaciali che al nord iera de sicuro più forti che no al sud. Popoli andava in zerca de loghi dove che fazeva meno fredo. Ogi se va ale Baleari, quela volta i vigniva forsi su l’Adriatico o nele sue vicinanze, dove no i bateva broche (pestare i piedi per riscaldarsi).
Bisognaria star un poco atenti coi ani. Me fa dificile creder che quando Alesando Magno xe ‘ndà a farse la carta d’identità e i ghe ga domandà quando ch’el xe nato, el gabi risposto: Nel 356 avanti Cristo. O Giulio Cesare: Nel 101 avanti Cristo. Bisognaria star atenti a no confonder la religion, dove che una copia de l’altra, con i fati comprovadi dala sienzia. Tipo eroi che scampa e i fonda cità. Come mai no i xe tornai a casa a ciapar la pension de reduce? Tipo diluvio universale, che xe tanti che spiega ognidun in modo diverso, ma che in fondo i disi che forsi iera la fine de l’era glaciale. Come data podaria ‘ndar ben.
De quel che go capì nisun no sa gniente de sicuro, teorie basade su qualche fato, alora fantasia ben contada. Come la storia del Cro-Magnon, dei Neanderthal e dei homo sapiens. I contava che l’homo sapiens iera sapiens, el “saveva”, che anca le altre raze gaveva babe e cusì i se ga misià con tuti e con tute. E tuti xe stai integrai e assimilai. Dopo qualche zento ani nisun se inacorzi più de gniente. Cusì xe sta coi celti e cusì con tuti i altri, anca coi cabibi e s’ciaveti (nulla injuria).
Bisognaria definir anca la parola autoctono. Dopo el diluvio universale iera i tre fioi de Noè (Sem, Cam e Jafet) e xe tramandà che de lori disendi adeso l’umanità. La domanda: Con chi i ga fato quele robe? xe legitima. I tre i iera sposai e i gaveva fioi. Però no pol ‘ver piovù dapertuto, i ga trovà sicuramente altre babe autoctone e con ore straordinarie e lavorando a cotimo i ga risolto el problema. Ma anca mi go una domanda: Dopo quanti ani se diventa autoctoni?


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37938
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da babatriestina »

Te ga scritto un romanzo e visto che de quando che son in pension leggio assai, posso commentar qualche frase
Ciancele ha scritto:
Go leto la parola LATINIZZAZIONE.
no so in che contesto sora te ga trovado, ma pol voler dir due robe a seconda del contesto: 1 inclusion nel Stato roman, prima repubblica e po Impero e conseguente estension dele loro regole statali, lingua de aministrazion, istruzion, scole, tribunai latina. 2- tradizion medieval, che ga doprado el latin per secoli. Se te pensi che i Ungheresi, cola loro ligua invirigolada ( i la sugerissi nei esercizi per sviluppar la memoria) ga doprado fin al tardo Settecento el altin per farse capir nel resto de Europa ( moriamur pro rege nostro Maria Theresia!) e se ga sbarufado co Giuseppe II ga tentado de imporghe el tedesco.Solo nel otocento i ga rivado a impor el Ungherese.


.
Ciancele ha scritto: I s’ciavi i iera dapertuto. Parfina a Cormons nel 1946 go leto: Cormons je naš. I ga inventà tuto. Qua se dizeva che i rusi ga inventà tuto, meno che la Coca Cola. I se gà rifiutà de averla inventada. Un fato xe anca però che i slavi i ieri in un certo punto de l’Europa e i xe stai scazai ancora de più verso l’est. Nel Mar Baltico, a esempio, xe rivai quei de l’Ordine dei cavalieri teutonici (I Deutschritterorden) atraverso la Polonia per andar nela Prusia Orientale. Su l’isola de Rügen se trova ancora resti de vilagi slavi, e i sorbi vivi ancora adeso con propri usi e costumi.
Popoli slavi ga girado parecchio per l'Europa e soprattutto xe stado un momento nel alto medioevo che el ducato de Carantania che precedeva la Carinzia iera molto ampio e rivava forsi anche a Cormons : el iera se go ben capido un mix tedesco-slavo. legi sto articolo, magari anxche nelle versioni in altre lingue http://it.wikipedia.org/wiki/Samo_(sovrano) e diem coss che te par anche de sto Samo. Mi lo go trovado anche legendo sto libro http://www.anobii.com/books/Empires_and ... b4c539600/ che me par piutosto recente e che tratta abbastanza scorrevolmente el argomento.
Per tedeschi e slavi in Europa oriental, dopo el viaggio fato sta estate in Germania zone est me go letto diversi libri sule storie de Prussia e Sassonia. Xe verissimo che ai tempi de Carlo Magno e successivi i xe andai a far campagne nel est , cola scusa che quei che iera là iera pagani e i voleva cristianizzarli cole bone ma assai più spesso cole brute e che presempio el stesso nome Lipsia ga a che far col tiglio Lipa, ma xe de dir che i slavi che iera là a loro volta iera rivai de el est de qualche secolo zontandose ale popolazioni c he iera prima e che probabilmente iera Germani.. el discorso xe sempre quel " e chi xe i autoctoni?"


Ciancele ha scritto:Co’ le mie modeste conoscenze dela lingua rusa, me go inacorto anca mi dela somiglianza dei carateri cirilici con quei greghi. Go leto che questi carateri i saria stai inventai verso el IX secolo in Bulgheria e po’ “svilupai”, no inventai, da Cirilo e Metodio. E questo quadreria con quel che ga scrito Ursus Canadiensis e i altri.
concordo sì e no: concordo cola somiglianza del cirillico col grego ( xe col grego che intuisso un fià el cirillico) e quindi el idea che lo gabi creado gente che scriveva grego me par anca logica. Anca mi son stada colpida del fatto che Cirillo e Metodio no ga inventado el cirillico, ma el precedente, el glagolitico nel stato della Gran Moravia. Adesso vien fora che i Bulgari lo doprava za,"http://en.wikipedia.org/wiki/Glagolitic_alphabet" .

Ciancele ha scritto:Cità scomparse xe de sempre un tema. Per esempio Atlantide.
qua go sempre rinunciado a creder. o meo, tante città e regioni xe stade sommerse, el mito par che co tiri fora Platone in un dialogo, ma no vedo Certo se te citi mareggiate medievali, Platone no podeva saver ancora.
Ciancele ha scritto: Ne l’isola de Usedom (che adeso xe divisa tra la Germania e la Polonia) se parla de una fiorente cità: Vineta o Wineta. Par che un sia andà là a parlar co’ la gente e co’l xe tornà la seconda volta la cità no esisteva più. Sparida soto aqua. Ma dove? Nisun sa. Ripetendo Vineta Vineta vien inamente i Veneti, e se pensemo che la su iera i slavi, chi iera veramente i Veneti? I Venedi iera i slavi occidentali? Compagni dei veneti o qualcosa de diverso? Forsi cusì se spiega una eventuale origine baltica.
Più che legio el nome Veneti meno capisso, ricordo ancora che Cesare in Gallia ga avudo a che far coi Veneti, che iera in Bretagna e che gaveva una "città" per quelc he iera città i loro paesotti che lu ciamava in latin Venetia e che xe el attual Vannes.
Ciancele ha scritto:Po’ xe vignù la question dei celti, magari in un altro tema (The celtic world), ma xe un fato anca che i celti i ga visù e che i xe andai un poco dapertuto, forsi i xe vignudi anca a Trieste. Coi celti se parla del regnum noricum, a caval tra la Baviera e l’Austria. Nel XVII secolo la cità de Norimberga iera ciamada anca Noris. Qua se parla poco dei celti. Noi gavemo i catti (die Chatten) vignudi però dopo i celti e i xe considerai sucesori de lori. Ma solo ne l’Assia. I catti iera però più guerieri dei celti.
I Celti adesso xe deventai de moda, perchè quei del Nordovest de Europa ( a dirla ala generica) ga riscoperto la cultura celtica, dei francesi ai irlandesi. E anche i nostri Padani. Però te sa che no son sicura che el Norico sia stado celtico? el me par un poco troppo a est, più vizin ai germani che ai Celti. E come se fa a saver se un iera Celta? no savemo la lingua, no i scriveva, se riconossi o dei nomi tramandai o del stile dei oggetti o de qualche cenno in cronache de autori non c elti..
Ciancele ha scritto:A scola i me contava che i romani ga scazà i slavi e i ga fondà Trieste. Ma iera quasi otanta ani fa.
Questa xe una balla grande e grossa che i te contava, perchè intanto Trieste picia ma la iera za e po i slavi al epoca iera ancora nele pianure del est più o meno intorno ala Vistola. i xe rivai insieme coi Avari pian pianin nel VI secolo ( leger sempre el libro che go citado sora) senza conquiste, senza guerre, come boni coltivatori de terre..

Ciancele ha scritto:A scola i parlava anca dele invasioni barbariche. In tedesco se ciama Völkerwanderung che tradoto leteralmente xe caminada dei popoli (trasmigrazion). I disi anca che, per esempio i Uni, i gaveva al suo seguito anca altri popoli vinti. E i disi che i celti iera un popolo nomade. Forsi par questo i andava sempre in giro e no i ga lasà ricordi tali da poder ricostruir qualcosa, anche se se parla dela civiltà celtica.
Difatti el termine invasioni barbariche xe deventado de cattivo gusto, intanto perchè barbari xe offensivo soprattutto per quei che discendi de quei che xe calai nel impero romano e adessi anche nei libri de scola se disi Migrazioni de popoli. I Unni più che aver altri popoli drio soprattutto come che se spostava fazeva spostar altri popoli che no voleva esser becai dei Unni. Inveze no me risultassi che i Celti fussi nomadi: i gaveva villaggi..


Ciancele ha scritto:Bisognaria star un poco atenti coi ani. Me fa dificile creder che quando Alesando Magno xe ‘ndà a farse la carta d’identità e i ghe ga domandà quando ch’el xe nato, el gabi risposto: Nel 356 avanti Cristo. O Giulio Cesare: Nel 101 avanti Cristo. Bisognaria star atenti a no confonder la religion, dove che una copia de l’altra, con i fati comprovadi dala sienzia. Tipo eroi che scampa e i fonda cità. Come mai no i xe tornai a casa a ciapar la pension de reduce? Tipo diluvio universale, che xe tanti che spiega ognidun in modo diverso, ma che in fondo i disi che forsi iera la fine de l’era glaciale. Come data podaria ‘ndar ben.
Per le date, no xe che Alessandro Magno e Giulio Cesare contassi i anni avanti Cristo. Alessandro Magno contava col anno dele Olimpiadi che iera ogni 4 anni ( come adesso) e cussì contava i storici greghi, oltre che a Atene che iera el arconte eponimo che ghe dava el nome al anno: el anno che iera arconte...http://it.wikipedia.org/wiki/Arconte_(storia) copio: "Un'apposita lista degli arconti ateniesi ci tramanda i loro nomi progressivi, fornendoci peraltro un importante criterio di datazione relativa per la storia antica. Da essa, apprendiamo che il primo arconte eponimo fu Creonte nel 683/682 a.C. (oppure: 682/681 a.C.), l'ultimo Tito Flavio Mondone Flieo in tarda età romana." I Romani ovviamente contava i anni indue modi: 1 ab urbe condita- dela fondaziond e Roma 2 coi consoli del anno "XY consulibus". E ghe xe le liste dei consoli, che xe restai formalmente anche durante el impero roman, e a un zerto punto qualchedun ga messo in relazion sti anni cola presunta data de nascita de Cristo,c he ormai tuti sa che dele revisioni successive xe sbagliada de un per de anni http://it.wikipedia.org/wiki/Cronologia " In quei tempi si contavano gli anni utilizzando la lista dei nomi dei consoli (cariche di durata annuale), che pertanto erano funzionari eponimi, e solo successivamente si cominciarono a contare gli anni a partire dall'anno supposto della fondazione della città di Roma: ab Urbe condita (abbreviato in a.U.c. o AUC). Questo avvenne non prima dell’anno 400 per opera dello storico iberico Orosio. Dionigi conosceva la cronologia ab Urbe condita, ma fu al tempo di papa Bonifacio IV (più o meno nell’anno 600) che si cominciò a fissare il collegamento tra questi due importanti sistemi di datazione (AD 1 = AUC 754)." Se te vol, dovessi gaver un file in inglese sula cronologia romana che gavevo tirado zo de un riassuntin de un corso de storia de una università canadese, ceh po la prof ga cavado del pubblico, ma intanto mi gavevo za salvado quasi tutte le pagine, e che spiega ben sta storia della cronologia romana, coi sui problemi e dubbi. te lo posso inviar per posta privatamente.
Ciancele ha scritto:De quel che go capì nisun no sa gniente de sicuro, teorie basade su qualche fato, alora fantasia ben contada. Come la storia del Cro-Magnon, dei Neanderthal e dei homo sapiens. I contava che l’homo sapiens iera sapiens, el “saveva”, che anca le altre raze gaveva babe e cusì i se ga misià con tuti e con tute.
de quel che go capido, i misurava i resti dei scheletri e quel che i trovava nelle sepolture e i distingueva. ma de paleologia no so assai e anca mi me par a volte un poco tirado per i cavei, d'altronde se volemo zercar de capir de dove che vegnimo, no podeop far altro. I disi che i neanderthal se ga estinto e no se gaveva sposado coi Sapiens..
Ciancele ha scritto:Bisognaria definir anca la parola autoctono. Dopo el diluvio universale iera i tre fioi de Noè (Sem, Cam e Jafet) e xe tramandà che de lori disendi adeso l’umanità. La domanda: Con chi i ga fato quele robe? xe legitima. I tre i iera sposai e i gaveva fioi. Però no pol ‘ver piovù dapertuto, i ga trovà sicuramente altre babe autoctone e con ore straordinarie e lavorando a cotimo i ga risolto el problema. Ma anca mi go una domanda: Dopo quanti ani se diventa autoctoni?
No stemo ciapar per storia la Bibbia, se no semo protestanti fondamentalisti. I tre fioi de Noè mi la go sempre interpretada come spiegazion de co i ga scritto el libro de come che xe caratteri somatici diferenti ma soprattutto come insegnamento moral che tutti i omini xe fradei o discendi de fradei. Anche el diluvio universal, che se trova anche nei miti cananei, sempre più i sta provando che xe stada una inondazion grossa, forsi oltre al Bosforo. Adesso storicamente, par piutosto che tuti i esseri umani sia vegnudo de un gruppo che se ga svluppado in Africa e po pian pianin se ga spostado in tutta la Terra, forsi anche seguidno le variazioni climatiche. E concordo con ti cola domanda ironica Dopo quanti ani se diventa autoctoni? che me par un termine per impignirse la bocca de qualchedun che praticamente disi Mi son qua e no voio che vegni altri a secarme i bisi. per i autoctoni, veder anche http://it.wikipedia.org/wiki/Deucalione_e_Pirra un dei miti de quei che seminava piere e nasseva omini e Cadmo, che seminava denti de drago e nasseva omini http://it.wikipedia.org/wiki/Cadmo.

me par de gaverla fata longhetta..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2219
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da Piereto »

Ciancele xe bravo,e ,el ga tirà fora un mar de argomenti,e Baba no xe da meno nel zercar de far chiarezza: Mi credo che nisun xe veramente autoctono,ognidun xe vignù de qualche altra parte ne la incessante ricerca dei mezi de sostentamento ,e po un bel momento se gà estinto causa le carestie e le malatie e le inevitabili guere.Una sola xe la realtà : che la morte tua xe la vita mea,da Adamo e Eva in poi.Che po da studi genetici che go leto,da bon pensionato, risulta che le eve probabili e diverse da cui noi tuti discendemo xe stade almeno 8.Concordo con Baba che la Bibia xe un libro pseudo storico fato a d uso e consumo de chi che lo legi.Ma el da anche qualche notizia de avenimenti confermadi po da altre fonti.Ma in generale la Bibia xe stada scrita in epoche diverse e da più mani,sorvolando su quel che no interesava più,e su le robe più vecie per sentito dire. Per quanto riguarda i veneti o vendi,xe un filon de pensiero che li vol slavi,un filon che li vol greghi,un filon che li vol celti,ma mi li preferiso come un misiot de genti de sta area de nord est de la pianura padana.Che dir po dei greghi.Go leto,che in realta xe tuto un complesso de popolazioni che viveva nel mar baltico,che i popolava la scandia, e che pò col fredo i se ga calà nel mediteraneo,un do mila ani prima de cristo, come i ittiti,come i popoli del mare,come i fenici,come greghi micenei, come i etruschi, e come i latini,e ancora prima i arii che xe rivadi fin in India . Anche i antichi scritti dei veda ga una loro origine ne le regioni circumpolari.No xe trovate de sti ultimi ani ,ma xe robe e studi de metà otocento,solo che alora no pareva vero,perchè andava contro l'ideale ellenistico della culla della civiltà del mediterraneo,e sti studiosi xe stadi mesi in un canton. Nell'ottocento no se saveva che ghe iera sta un periodo clinatico molto caldo 5000 anni fa,per cui in norvegia creseva la vite e se fazeva el vin a Bergen,adeso la vite cresi ne la valle del Reno 3000 chilometri più a sud. Tanti de noi ignora che trondheim se ciamava fina centocinquanta ani fa Nisiros e che esisti un numero enorme de toponimi scandinavi che no ga niente a che far co le lingue germaniche.


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4365
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da Ciancele »

Origini de Trieste
Grassie Piereto che te me difendi. Ti te ga visto justo che mi volevo un poco provocar e un poco ripeter quel altri ga dito, ma che no xe sta ripetù.
In sintesi:
1) Rofizai (15.12.2006) cita ffdt che scrivi dei Vendi o Venedi e mostra una cartina. Co’ xe sparì el iazo no xe escluso che i sia ‘ndadi anca al nord. A Trieste se diria pa’ le alte. Par questo go scrito dela provenienza baltica.

2) Cità scomparse. Volevo solo dir che nel corso dei secoli cità xe scomparse e che cusì xe sparidi segni.

3) I Celti. Ma anca altri popoli xe ga integrà e asimilà. Per Trieste pol eser vero o anca no.

4) Migrazioni. No i vigniva a far i bagni a Barcola, ma chi sa cosa che li ga costreti a vignir dele nostre parti (periodi glaciali, guere, carestie).

5) Latinizzazione. Mi go leto in un post de nomi che xe stai latinizai, cioè scriti in un modo diverso de l’original. In questo modo no se sa più de che raza che i iera. Esempio: l’american Krickstein (pronuncia: cricstain) in american vien: cricstin. L’american feuerbach (pronuncia: foierbah) vien in american: fiuerbec. Tra qualche secolo no se savarà più de dove che i xe ‘rivai. Cormons je naš go scrito perchè, come che ga dito ben Adler, dopo la guera iera questioni politiche.

6) Calendario. Go imparà anca mi, ani anorum fa, come che i contava el tempo, la question dele olimpiadi e de l’era fasista. La mia prima pagela no xe del 1933, ma de l’ano VI de l’Era Faasista. Ma mi go scrito cusì per dir che se pol sbaliar de qualche ano e se se pensa a 5-6 mila ani avanti Cristo, la diferenza pol eser “major” (più granda).

7) La Bibia no la ciogo come vangelo, anzi go dito che no la val niente. Qua se canta che se Adamo con quel famoso pomo gavesi fato el vin de pomi, noi gavesimo tanti pensieri in meno. Inveze del paradiso terestre gavesimo l’osmiza, che po’ saria l’isteso.

8) In un altro post Adler scrivi del Pucino, un vin antico. E in questo post (se go leto ben) xe vignù fora i Pucini vizin a Duin.

9) No dovè ciapar tropo sul serio tuto quel che scrivi Ciancele.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37938
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da babatriestina »

Con questo titolo xe un cartelin ai Musei civici, che ve trascrivo:

nella piena età del Ferro VI-V sec a. C. sul territorio del Carso triestino popolazioni paleovenete si erano inserite con forza in un substrato di culture locali, accentuando così la caratteristica delle zona, crogiolo di esperienze culturali e commerciali a vasto raggio.
Furono i Veneti a chiedere a Roma aiuto contro il comune nemico, il popolo degli Istri, dedito alla pirateria, al saccheggio. I Romani, nel 181 a. C . fondarono la strategica colonia di Aquileia quale punto di partenza per la guerra contro gli Istri. Questi, dopo aver sottoscritto un concordato con Roma, ben presto però dimostrarono di non volervi tener fede. la guerra si svolse tra il 178 e il 177 a C e si concluse con la totale disfatta degli Istri i quali preferirono il suicidio alla perdita dell'autonomia. Probabilmente dopo la vittoria, i Carni e i Giapidi, genti indigene dell'entroterra, si affacciarono alle sponde dell'Adriatico.
E' possibile che nell'89 a C in seguito alla cosiddetta Lex Pompeia, anche Tergeste come altri centri transpadani abbia ricevuto il ius Latii, una forma di cittadinanza con diritti ridotti. Gli studiosi ritengono che negli anni antecedenti al 52 a C ( anno dell'incursione dei Giapidi che distrusse la città) Tergeste divenne una colonia i cui abitanti erano cittadini romani a tutti gli effetti. Dopo le guerre contro i Giapidi del 33-32 a C condotte da Ottaviano ( il futuro imperatore Augusto) il confine nordorientale dell'Italia fu portato, tra il 18-12 a C dal fiume Formio (RIsano/Rizana) all'Arsia / Arsa/Rasa) nell'Istria meridionale. Così Tergeste non si trovò più in un territorio "caldo" bensì in posizione sicura e tranquilla, che le permise di rimanere fuori dalla direttrici delle invasioni e delle lotte per il potere.La città potè iniziare il suo sviluppo demografico ed economico, riprendendo la funzione di centro nodale di raccordo tra i traffici marittimi e le regioni danubiane


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37938
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da babatriestina »

anche in collegamento con le recenti scoperte degli accampamenti romani, vi metto alcuni riquadri di un tabellone del Museo Civico
el primo ricorda i due passi de Strabone
Immagine
precisemo che Strabone scrivi ai tempi de Augusto, el suo no xe un libro de storia ma de geografia, ai sui tempi Tergeste iera za cittadina romana, ma Strabone par che no ghe sia mai andado de persone ( el viveva in oriente) e el devi gaver ciolto le informazioni de altri geografi precdenetei. Difatti qualchedun disi che i due passi xe contraddittori, un disi che xe un phrourion cioè un fortilizio, de l'altra un villaggio carnico. I ga provado a spiegar disendo che prima i Romani ga fatto un accampamento fortificado, po xe rivai a viver i Carni dei dintorni e i muri no ga servido più.. mi no vedo l'obbligo de sta succession e me par che possi esser anche viceversa, iera un villaggetto de sti Carni e co ga tirado aria de guerra i lo ga fortificado, o i Carni contro i Romani o i Romani, za sistemai, contro invasioni barbariche successive ( i Gepidi?).
La palude Lugea i la identifica col Lago Circonio ossia el Cerkniško jezero in tedesco Zirknitzer See
secondo passo
Immagine
e qua gavè propio el ipotesi dela Tergeste protostorica nella valle del Rosandra, dove che i ga identificado i accampamenti romani

Immagine
questo vol spiegar el passaggio dei castellieri a un borgo in zona pianeggiante..
resta el dubbio perchè i gabi lassado perder el insediamento pianeggiante per spostarse sul colle de san Giusto, i cui reperti comincia con la fin dela repubblica e va avanti in età imperial, quindi disemo del I secolo a C in zo. e prima?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4365
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da Ciancele »

Go leto ieri e ogi un per de volte tuto, tanto interesante iera. E po de gnoco go pensà par gnoco e me xe vignù inamente el nome Wendi (de Jure?), Wendelin (nel teritorio della Sarre – Saargebiet) e i Windisch, nome gnoco dei slavi. Gira de qua gira de là go leto anca dei Vandali e se vardè la macia rosa nel post de rofizai del 15.12.2006 06:22 e in internet la region dove che dovaria eser stadi i Vandali, vedarè che squasi combina. Fazeghe un pensierin.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37938
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le origini de Trieste

Messaggio da babatriestina »

stavo zercando sto post per no ripeter tuto nela pagina del museo, ma go ritrovado se no gavevo messo indove che iera i veneti ai tempi de Giulio Cesare. E no steme contar, quei che identifica Sloveni e Veneti, che iera za Sloveni in Bretagna o che la Bretagna iera slava.. :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
la iera quasi precisa sui mii libri de scola

Immagine

E Vannes se ciamava Venetia prima che i fondi la nostra Venezia


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “De la preistoria a la Trieste romana”