El dilemma dele strade romane

dei omini preistorici, i castellieri, fin ala Tergeste romana, inclusa
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

El dilemma dele strade romane

Messaggio da rofizal » martedì 25 dicembre 2007, 22:50

Sì, perché ala fine me sembra un dilemma.

Go zercado de far un poco de ordine tra le strade romane dela nostra zona (comprendendo la region intera, altrimenti no ga senso):

La Via Postumia che collegava Genova ad Aquileia.

La Via Annia (131 a.C.) portava da Adria ad Aquileia.

La Via Claudia Augusta, che da Altino arrivava fino al Monte Croce Comelico.

Fin qua bastabza ciaro, xe strade importanti.
Poi però...

La via Iulia Augusta, che da Aquileia saliva fino al Monte Croce Carnico (passando per Zuglio).

In realtà no se ciamava via Iulia Augusta, ma no se sa come (se la gaveva un nome). La vera via Julia Augusta la se trova in Liguria. Sta qua i la ga ciamada cusì solo nel 1884 e no se conosi ben el tracciato, anche se se sa che colegava Aquileia al Norico e che la percoreva una strada ancora più vecia.

Poi me riva notizie discordanti:

La Via Flavia (ben nota) i dixi che collegava Aquileia a Trieste, proseguendo poi, lungo il litorale istriano, per Parenzo, Pola, Nesazio e Fiume; giungeva infine in Dalmazia.

Ma poi trovo anche che

La Via Gemina collegava Aquileia a Trieste, proseguendo poi con la via Flavia.

Chi ga ragion? El primo trato dela via Flavia se ciamava via Gemina? la ga preso sto nome dopo una certa data o la se ciamava prima cusì?
La cosa se fa ancora più complicada se vardo el sito Terre di Aquileia:
Di qui passava infatti un tratto della via Gemina, la strada che – staccandosi nei pressi di Terzo d’Aquileia dalla via Julia Augusta – conduceva verso l’antica Julia Emona (Lubiana) e verso il mondo illirico.
Un altro sito che dixi de citar quel del museo de Aquileia (no son rivado a trovar la notizia su quel originale):
"all'incrocio tra la via Julia Augusta e la via Gemina, rispettivamente cardo e decumano massimo della città."

Un altro sito (http://razor.arnes.si/~mkralj/istra-his ... cient.html) me da più particolari ma no la fonte:
La prima, la cosiddetta via Gemina, da Aquileia e Trieste attraverso il Carso portava a Matteria, Obrov, Lipa e Clana, da dove vicino a Fiume scendeva verso Tersatto e proseguiva lungo la costa dalmata. La seconda, la cosiddetta via Flavia, da Trieste, attraversando il Risano, il Dragogna (Argaon) e a Porto Porton il maggior fiume istriano, il Quieto (Ningum), portava al Canal del Leme, a Duecastelli, Valle, Dignano e Pola. Qui la strada girava verso Altura raggiungendo l'Arsia e, attraversato il fiume, continuava come strada locale attraverso Albona e Fianona fino a Castua, dove si congiungeva trasversalmente alla già citata via Gemina.
Ma alora, la via Flavia iera la continuazion dela via Gemina o iera due strade diverse? E cosa ghe entra Lubiana con la via Gemina?
Credo che el sito Terre di Aquileia sia sbaiado. Ma resta el dubio per el resto.

Dubio che podesi in parte sparir con questo:
Due mosaici e una moneta con l'immagine dell'imperatore Costantino sono stati portati alla luce lunedì scorso nello scavo di via Gemina ad Aquileia. La scoperta, fatta da ricercatori e studenti dell'università di Trieste, è stata accolta con particolare entusiasmo.
trato dal sito http://www.archeomedia.net/articolo.asp ... 0e%20scavi che me par superserio.

Alora disemo che la via Gemina partiva da Aquileia. Per dove? Per Trieste? E alora, se a Trieste cominciava la via Flavia, quei che disi che la cominciava a Aquileia (e me par che xe diversi) disi una roba sbaiada? A sto punto diria de sì. Ma a sostener el contrario xe anche un sito quasi ufficiale come
http://www.laviaannia.org/strade_romane.php
che dixi:
il centro di Aquileia venne anche collegato all'area istriana, attraverso i centri di Trieste, Parenzo, Pola, Nesazio e Fiume, mediante la via Flavia
Boh...

Qualche notizia in più (ma sarà giusta?):
La via Flavia fu costruita da Vespasiano nel 78-79 d.C.. Univa Trieste con Pola passando per Parenzo.
la trovo su http://www.roccioso.it/roma/strade.htm

Ma no finisi qua... :(
Sul sito http://ospitiweb.indire.it/ictavagnacco ... /2_bis.htm (ghe xe anche la musicheta) trovo una bela cartina :-D ... che me meti la via Gemina verso Lubiana (dovesi eser quela famosa dela vale del Vipacco) senza pasar per Trieste! :'-( opur la va verso Lubiana ma poi la gira e la vien a Trieste? Però nele note ghe meti el punto de domanda...

Insoma, roba de diventar mati.



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » mercoledì 26 dicembre 2007, 9:14

Altre notizie su queste benedette strade:
Il ramo sud della "Via Gemina" o "Via Timavo" dall'Isonzo, via Prosecco e Castelnuovo d'Istria, portava a Fiume; ora è parte dell'odierna E 63 da Pese a Fiume. Da Trieste a Pola, toccando Parenzo, c'era la Via Flavia costruita nel 78 d.C. da Vespasiano; l'attuale strada da Trieste a Pola passa in parte sul vecchio tracciato. Da Pola a Fiume [17] fu costruita nel 80 d.C. da Tito la Via Flanatica. L'attuale strada litoranea della Liburnia ricalca in parte l'antica via.
(da http://www.istrianet.org/istria/history ... storia.htm)

Qui compare la via Timavo che loro dicono fosse la stessa via Gemina (ramo sud) e la via Flanatica.



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » mercoledì 26 dicembre 2007, 20:38

Ala fin go risolto chiedendo aiuto a una mia amica esperta de storia romana che se ocupa anche de scavi archeologici.

L'identificazion dele vie/strade romane non la xe semplice, perché no ghe xe indicazioni ciare dei tracciati de l'epoca. Niente piantine insoma. :wink: Speso se ricostruisi per deduzioni, magari savendo che una certa strada iera stada costruida da una certa legione e se trova (se se ga fortuna) una lapide de quela legion lungo el percorso (ma miga xe scrito in ciaro :wink: , magari xe solo un numero roman, apunto el numero dela legion). Caso reale.

Nisun ga risposto a sto topic, quindi no so se interesa. Se ghe fosi qualchedun interesado dixeme e ve conto un poco (quel che rivo a ricordarme sui dati fornidi dala mia amica).



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 26 dicembre 2007, 21:10

No go risposto, no perchè no me interessi, anzi, ma perchè anche mi go idee abastanza vaghe, se no per qualche strada più conossuda. Che mi sappio, la sola " cartina" de epoca romana, ma che no credo che meti molte strade, xe la tabula Peutingeriana, che no gavemo el original ma una copia abastanza ntica, medieval, imagino, Se la vedi riprodotta un poco dapertutto, mi go una foto de una riproduzion che go visto a una mostra e ve la fazo veder, relativa ale nostre regioni, xe quindi una foto de una foto..
Immagine
http://it.wikipedia.org/wiki/Tavola_Peutingeriana
( qua la vedè meo e trovè tuta la storia)
Po ogni volta che legio un testo che conta de roba romana, i parla de una via ao l'altra, ma soprattutto de queste zone no se parla molto se no a livello local. In zona Lisert e Timavo se vedi tracce de una strada romana, ma no so el nome.. e se no i me gavessi dito, per mi podeva esser una mulattiera ottocentesca, no gavessi riconossudo.



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » mercoledì 26 dicembre 2007, 21:58

babatriestina ha scritto:la tabula Peutingeriana
Complimenti ! :-D Te son sempre informatisima. In efeti me sembra l'unica roba del genere esistente.

Bon, la situazion dele strade per Tergeste/Trieste, se no fazo erori de memoria :wink: , xe la seguente:

La via Gemina la partiva da Aquileia per rivar a Trieste, pasando per varie località (la me le ga elencade, anche in latin, ma chi se le ricorda). La pasava per Ronchi (se ricordo ben), sicuramente per Staranzan. Ghe iera un ponte (su l'Isonzo? no me ricordo) che me par ghe xe ancora i resti. La rivava in cità pasando Proseco (Avesica) e scendendo per Strada del Friul e via Udine. La se ciamava Gemina (e qua spero de ricordarme ben) perché costruida dala X o XIII Legione, ma no me ricordo el ragionamento, o forsi la relazion per la Legion xe solo per el cippo. Fato sta che xe proprio per sta strada che i ga trovado quel cippo con el numero roman che ga permeso de identificarla.

No esisteva nisuna via Timavo.

La via Flavia partiva da Tergeste, per rivar in Istria, no me ricordo fin dove. La seguiva el percorso de via de l'Istria e de via Flavia odierne.

La strada per Aemona (Lubiana) la partiva da Aquileia e no la gaveva nome o no i lo ga scoperto. La seguiva la vale del Vipacco.

Anche la strada che pasava per monte Spacà la xe senza nome, ma iera la strada più antica de colegamento per Tergeste. La girava per Basovizza, poi per Pese e la se ricongiungeva a quela che andava a Aemona.

La strada che adeso i ciama via Iulia Augusta (el nome i ghe lo ga dado solo nel 1884) no la gaveva nome ma la iera importante, colegando Aquileia con el Norico, cioè con l'Austria.

Me par che no iera altro.



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » mercoledì 26 dicembre 2007, 22:03

Ah, dimenticavo la famosa via de l'ambra (evidentemente i la usava per importar la pregiata resina fossile, specialmente, da quel che go capido legendo in giro, la succinite). Ma no ghe go domandado el percorso.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 26 dicembre 2007, 22:08

rofizal ha scritto:Ah, dimenticavo la famosa via de l'ambra .
de questa, se go ben capido, no xe una precisa via romana, ma un percorso ( no ben determinado) dei mercanti, credo ancora preroman, che congiungeva le zone nordiche apunto de l'ambra con el Nord Adriatico. Un poco come la "via della seta" cola Cina.



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » mercoledì 26 dicembre 2007, 22:27

babatriestina ha scritto:
rofizal ha scritto:ma un percorso ( no ben determinado) dei mercanti, credo ancora preroman
Anche se no lo go dito espresamente, anche altre strade (sopratuto quele senza nome) iera percorsi preesistenti. Dopo magari i romani le lastricava o i ghe meteva ghiaia (se ricordo ben, devo aver leto de qualche parte) e stazioni de sosta (o de riparo).



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » giovedì 27 dicembre 2007, 10:27

rofizal ha scritto:La se ciamava Gemina (e qua spero de ricordarme ben) perché costruida dala X o XIII Legione, ma no me ricordo el ragionamento, o forsi la relazion per la Legion xe solo per el cippo.
Go trovado la spiegazion! :-D
Ogni legione romana, oltre al numero, gaveva anche un nome. Cusì la XIII Legione (iera proprio quela) la se ciamava Gemina! :-D
Ghe xe adiritura un capitolo de Wikipedia ad essa dedicado:
http://it.wikipedia.org/wiki/Legio_XIII_Gemina
dove tra l'altro i disi:
Legio XIII, conosciuta come Legio XIII Gemina ("legione gemella") dopo il 31 a.C., è una delle legioni romane storicamente più degne di nota, e fu una delle legioni che furono condotte da Giulio Cesare nelle sue campagne in Gallia e anche nelle successive guerre civili contro la fazione capitanata da Pompeo. È soprattutto la legione che per prima passò il Rubicone il 10 gennaio del 49 a.C.. La legione si trovava a Vienna nel V secolo. Il simbolo della legione era il leone.
[...]
Cesare con la sua Legio XIII attraversò il Rubicone dando inizio alla guerra civile contro la fazione degli ottimati.
[...]
La legione rimase sempre fedele a Cesare durante la guerra civile contro la fazione senatoriale guidata da Pompeo e fu sempre attiva durante tutto il conflitto, combattendo la battaglia di Durazzo e quella di Farsalo nel 48 a.C..
[...]
L'imperatore Augusto ricostruì nuovamente la legione nel 41 a.C. per affrontare la ribellione di Sesto Pompeo, figlio di Pompeo in Sicilia. La Legio XIII acquisì il cognomen Gemina (gemella appunto, che era l'appellativo comune per indicare le legioni costituite a partire da porzioni di altre legioni), dopo che fu rinforzata con i legionari veterani provenienti da altre legioni dopo la battaglia di Azio.[2] Augusto inviò poi la legione a Burnum (l'odierna Tenin) nella provincia romana dell'Illiria (oggi in Croazia), mentre nel 16 a.C., la legione fu trasferita ad Emona (odierna Lubiana), in Pannonia, dove dovette fronteggiare le ribellioni locali. Dopo la disastrosa Battaglia della foresta di Teutoburgo del 9 d.C., nella quale i Germani annientarono tre legioni romane, la Legio XIII fu inviata a Vindonissa, nella provincia di Germania Superior, per prevenire ulteriori attacchi delle tribù germaniche.
L'imperatore Claudio la spostò nuovamente in Pannonia intorno al 45; la legione era di stanza a Poetovio, Ptuj nell'odierna Slovenia. Nell'Anno dei quattro imperatori, la XIII Gemina si schierò prima con Otone e poi con Vitellio, entrambi sconfitti, nelle due battaglie di Bedriaco. Nel 89, Domiziano trasferì la legione, che si trovava accampata a Vienna, in Dacia ad Alba Iulia, per presidiare la regione. La legione fu poi spostata quando la Dacia fu evacuata, e riposizionata nella Dacia Aureliana.

Vexillationes della XIII Gemina combatterono sotto l'imperatore Gallieno nell'Italia settentrionale. L'imperatore, per celebrare la legione, coniò un antoniniano con il leone della legio (259-260).[3] Un'altra vexillatio era presente nell'armata Impero delle Gallie sotto il comando di Victorinus: anche questo imperatore coniò una moneta d'oro per celebrare la legio e il suo emblema.
Eco come tuto comincia quadrar e se vien a scoprir (almeno parlo per mi) altre pagine de storia dela nostra zona. :-D



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 29 dicembre 2007, 17:47



"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 29 dicembre 2007, 17:48



"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » sabato 29 dicembre 2007, 19:27

Belle quelle cartine, ma sbagliate!
Dalla pubblicazione "Le vie di comunicazione" di Valentina Degrassi :
Il Lacus Timavi e le zone finitime erano inserite nella rete stradale antica attraverso due percorsi principali:
1. la via Gemina, che collegava Aquileia a Tergeste.
2. la via che collegava questa zona con la grande strada Aquileia-Emona, l'odierna Lubiana, stesa lungo la valle del Vipacco.
e vi assicuro che è affidabile. :wink:



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 29 dicembre 2007, 19:42

Per una volta, libro batti internet! :-D :wink: :-D
mi spetto de vederghene ancora un per, per poder dir de gaver capido ben


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 10 gennaio 2008, 14:30

dal libro: Durissini Nicotra Guida agli itinerari architettonico-ambientali edel carso triestino Trieste Lint 1989:
Via Gemina:
La via Gemina, chiamata così perchè partiva da Aquileia assieme alla Postumia, per poi dividersi da questa, una volta superato il ponte di Ronchi, passava ai piedi dei colli di Monfalcone e, superato il Timavo, percorreva parte dell'altipiano carsico, per dividersi in due rami, uno dei quali raggiungeva Trieste e l'altro Tarsatico[..].
La via Postumia fu costruita intorno ak 147 a C, ricalcando, in parte, l'antica via dell'Ocra che, in tempi preistorici, come ricorda Erodiano, percorreva la valle di Brestovizza, passava accanto all'odierna Ceroglie, si dirigeva quindi verso il porto del Timavo e toccava i porti di Duino, Sistiana e Trieste, per poi proseguire verso l'Istria

Per el ponte de Ronchi, attribuido fra el I sec a C e el I d C, i frammenti xe al Orto lapidario, come che go qua de una visita seral
[Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » domenica 26 ottobre 2008, 8:45

Gavevo fato un riepilogo su l'altro forum (quel che esisti ancora ma praticamente no gestiso più). Ve lo riporto qua.

---------------------

Cercando di riassumere un po' le strade romane della nostra regione:

La Via Postumia collegava Genova ad Aquileia.

La Via Annia (131 a.C.) portava da Adria ad Aquileia.

La Via Claudia Augusta da Altino arrivava fino al Monte Croce Comelico.

La via Iulia Augusta da Aquileia saliva fino al Monte Croce Carnico (passando per Zuglio) e poi arrivava al Norico.
In realtà non si chiamava via Iulia Augusta, ma non si sa come (se mai avesse avuto un nome). La vera via Julia Augusta si trova in Liguria. La nostra viene chiamata cusì solo nel 1884 e non se ne conosce bene il tracciato, anche se si sa che collegava Aquileia al Norico e che percorreva una strada ancora più antica.

La via Gemina partiva da Aquileia per arrivare a Trieste, passando per Ronchi e Staranzano. Arrivava a Tergeste passando per Avesica (Prosecco) e scendendo per la Strada del Friuli e via Udine. Prendeva il nome di Gemina dalla XIII Legione. Proprio il ritrovamento di un cippo con il numero romano ha permeso di identificarla.

La via Flavia partiva da Tergeste, per arrivare in Istria. Seguiva il percorso di via dell'Istria e della via Flavia odierne.

La strada per Aemona (Lubiana) partiva da Aquileia e non aveva nome o perlomeno non è stato scoperto. Seguiva la valle del Vipacco.

Anche la strada che passava per monte Spaccato era senza nome, ma era la strada più antica di collegamento per Tergeste. Girava per Basovizza, poi per Pese e si ricongiungeva a quella che andava verso Aemona.

C'era poi la famosa via dell'ambra (usata per importare la pregiata resina fossile, specialmente la succinite, dai paesi nordici).

Non esisteva nessuna via Timavo (citata da alcune fonti su internet).

L'unica mappa delle strade romane conosciuta è la famosa Tavola Peutingeriana (http://it.wikipedia.org/wiki/Tavola_Peutingeriana).

---

Parte della carta dell'anonimo pellegrino che da Bordeaux si recava a Gerusalemme. La carta risale all'anno 333 e mostra come la strada principale verso l'oriente cha partiva da Aquileia fosse quella che portava a Emona (Lubiana), con tappe (mutatio) per il cambio cavalli ed eventuale riposo a Ad Undecimum, Ad Fornolus, Ad Pirum summas Alpes.

Da notare che questa antica strada (esistente probabilmente ben prima dell'epoca romana) metteva in comunicazione la nostra zona con il fiume Danubio.

-------
Allegati
Carta dell'anonimo pellegrino
Carta dell'anonimo pellegrino


[i]Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera[/i]
[S. Quasimodo]

Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Misure dell'epoca romana

Messaggio da rofizal » domenica 26 ottobre 2008, 8:49

Meto qua senza crear un topic a parte, tanto xe sai breve.

Misure dell'epoca romana

- Miglio Romano : miglio significava "milia passuum", cioè mille passi, e corrispondeva a 1450 m.
- Lega Gallica : corrispondeva a circa 1,5 Miglia Romane, più esattamente a 2375 m.


[i]Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera[/i]
[S. Quasimodo]

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Misure dell'epoca romana

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 26 ottobre 2008, 15:26

rofizal ha scritto:- Miglio Romano : miglio significava "milia passuum", cioè mille passi, e corrispondeva a 1450 m
Ciò, ma che gambe longhe che i gaveva per far 1 metro e mezo con un passo. :-D Speremo che i ciamassi passo l'un/due, o senò iera passi de caval (ma questo te lo sa ti) :-D :wink:



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 26 ottobre 2008, 16:33

i greghi inveze misurava soprattutto a stadi- la misura de un stadio, ma no son sicura che i stadi gavessi tuti la stessa misura


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re:

Messaggio da babatriestina » lunedì 4 aprile 2016, 9:57

rofizal ha scritto: La via Flavia partiva da Tergeste, per arrivare in Istria. Seguiva il percorso di via dell'Istria e della via Flavia odierne.
riprendo la via Flavia, perchè ieri a val Stagnon . che xe el sito naturalistico vizin de Capodistria, ghe xe una serie de tabelle de una mostra sulla storia della città e xe anche via Flavia.
Adesso tuti se ricordemo dele lezioni de storia che i Flavi iera tre: Vespasiano, Tito e Domiziano
Chi dei tre ga fatto la via? ( per dir anche el Colosseo xe Anfiteatro flavio).. confesso che no so. Ma lori no ga dubbi, diria:
:lol:
la ga fatta Tito e pertanto la se ciama conseguentemente Titova Cesta

Immagine
nb nel 78 el imperator iera Tito Flavio Vespasiano, Quel dei cessi ( vespasiani..) che diseva pecunia non olet i soldi no spuzza, Tradizionalmente con Tito se intendi el fio Tito Flavio Cesare Vespasiano Augusto


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

luco813
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: domenica 22 maggio 2016, 2:32

Re: El dilemma dele strade romane

Messaggio da luco813 » domenica 22 maggio 2016, 9:44

Buongiorno...
anche a me interessano le Strade Romane...

Allora la situazione è questa:
Via Postumia da Genova ad Aquileia con ramo per Este (Cremona-Este) conosciuta durante il fascismo con il nome di Via Padana Inferiore SS. 10
Via Annia: da Mestre a Prosecco, Strada Provinciale del Carso, Basovizza, Pesek, VIlla del Nevoso, Fiume, Dalmazia. Da San Giorgio di Nogardo ad Aquileia c'era il raccordo ora non più attivo e sperso nei campi friualni.
Un'altro ramo di via Annia passava per Groppada-Padriciano-Povir.
Altro ramo: Trieste-Via Giulia-Strada di Guardiella,Via Damiano Chiesa-SS14-Basovizza/Strada di Monte Spaccato-Basovizza.
Via Julia Augusta: Grado-Aquileia-Udine-Gemona-Carnia-Tarvisio/Zuglio (sempre chiamata così)
Via Flavia: Prosecco-Strada del Friuli-Trieste-Via San Michele-Via dell'Istria-Muggia......
Via Augusta Postumia: Aquileia-Ronchi-Gradisca-Gorizia-Aidussina-Postumia-Lubiana (Via Gemina Settentrionale)
Via Gemina: Aquileia-Ronchi-Gorano-Comeno-Aidussina-Postumia-Lubiana

Resta da identificare il nome della Strada Romana che dalla via Julia Augusta portava a Cividale e da li attraverso il valico di Moistrocca-Fusine portava a Lubiana.
Bisogna trovare anche il nome della Strada Romana che da Lubiana portava a Belgrado. Da Belgrado a Costantinopoli la strada prendeva il nome di via Militaris.
Da Lubiana a Belgrado potrebbe chiamarsi o via Gemina o tenere il nome della strada Cividale-MOistrocca-Fusine-Lubiana.



Rispondi

Torna a “De la preistoria a la Trieste romana”