Carlo I d'Austria

Austria-Ungheria, K&K, "vecchie province" e ...
You can also write in English, as a new 'lingua franca'
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Carlo I d'Austria

Messaggio da rofizal »

Me par che no esisti ancora un topic a lui dedicado, e alora recuperemo quel che iera sul vecio forum (topic de data 28 Novembre 2004) :

AdlerTS :
Ieri 27 novembre 2004 anche a Trieste xe stada celebrada una Messa per la beatificazion de Carlo d'Asburgo.
Volevo ringraziar tutti quei che se ga da de far per organizzarla, xe stado un momento commovente. El coro (de Gorizia) iera bravissimo e xe stada un emozion forte una "serbidiola" cantada dal vivo in presenza de un vero Asburgo. Un grazie anche al Vescovo per le bele parole su Carlo.
So che "noi delle vecchie province" semo consideradi anacronistici, però certe robe non se pol taserle, me sentivo de buttar zo ste quattro righe.
Babatriestina :
Ieri sera a Montuzza iera la messa per festegiar la beatificazion de Carlo d'Asburgo.

Cesa iluminata con tute le luci, pien de gente, messa col vescovo.
De la tribuna de l'organo picava tre bandierone enormi: do biancorosse con l'alabarda e una zalonera con l'aquila. De una parte de l'altar un grupo de Schuetzen tirolesi con capei cole piume de galo cedron e bandiere biancoverdi, de l'altra un grupo in divisa dela prima guera grigia e bandiere gialorosse e un gagliardetto col aquila a do teste che per mi iera original, e davanti al altar el ritrato del povero Beato coi oci un poco de sepa lessa e tre militari con una divisa come i soldatini austroungarici de povero papà.

No go portà la machina fotografica perchè me pareva irriguardoso far foto durante una messa, ma credo de aver sbaglià visto che iera un per de babe dei banchi riservati , capel de feltro e piume de galo, giaca de lana cota rossa che fotografava a tuto spiano, l'altar, el vescovo, la messa, ancora un poco le ghe andava sul altar anca lore. Concelebrava anche don Cosulich!

Un pochi de invitati che doveva esser de familia, un che ghe somigliava a Oto d'Asburgo in più giovine, sarà un fio, un per de triestini nobili de Banfield, una Economo... Coro che ala fin ga intonado Serbidiola.

Meto una foto del neo Beato arivadame de l'Ungheria.
AdlerTS :
Lunedi 3 ottobre, primo anniversario della beatificazione (anche se el giorno a lui dedicado xe stabilido nel 21 ottobre).

Per Papa Pio XI, Carlo xe stado "la ricompensa che Dio ha riservato all'Austria per tutto ciò che questo paese ha fatto per la Chiesa".
Allegati
carlobeatosmall.JPG


Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

Agiungo i link de Wikipedia, per chi vol saver de più su Karl I (Österreich-Ungarn) :
http://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_I_d%27Austria (italiano)
http://en.wikipedia.org/wiki/Karl_of_Austria (inglese)
http://de.wikipedia.org/wiki/Karl_I._vo ... ich-Ungarn (tedesco)

e inoltre
http://www.geocities.com/veldes1/karl.html (in inglese)
con molte notizie e foto, de cui ve propongo quela del suo matrimonio con la famosa Zita (tanto amada da tuti, a quei tempi).
Allegati
Zitawed.jpg


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37934
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

rofizal ha scritto: la famosa Zita (tanto amada da tuti, a quei tempi).
meno amada dai militaristi austriaci, che la ciamava con sprezzo "l'italiana" perchè la iera de casa Borbone Parma e no ghe ga perdonado i collegamenti coi fradei Sisto e Saverio per tentar de trovar un accordo per finir la guerra, e anca forsi salvar el Impero.
Qualche testo:
Jean Sévilia: Zita impératrice courage
e soprattutto
Brook Shepherd La tragedia degli ultimi Asburgo


Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

babatriestina ha scritto:e soprattutto
Brook Shepherd La tragedia degli ultimi Asburgo
Cercando de trovar su internet el libro (per comprarlo), go trovado questa pagina :
http://www.30giorni.it/it/articolo.asp?id=997
con uno scritto de Paolo Mattei, de cui ve riporto el primo paragrafo, perché el me par sai bel e comovente :

"È un giorno di primavera del 1922 a Funchal, sull’isola portoghese di Madeira. Nella cattedrale di Nossa Senhora do Monte 30mila persone assistono al funerale di un re trentaquattrenne. L’uomo, che era stato imperatore tra le prime macerie fumanti del secolo scorso, era morto povero ed esule in quell’isola dell’Atlantico tra le braccia dell’imperatrice sua moglie, il 1° aprile di quell’anno. La folla che si assiepa fuori e dentro la chiesa e la maggior parte degli isolani lo considerano un santo. Il suo nome era Carlo, Carlo I, imperatore d’Austria e re d’Ungheria. Nelle ultime ore, ai dottori che tentavano invano di curargli la grave polmonite, chiedeva scherzando: "Comment allez-vous? Moi je vais bien!"."

(vedo adeso che el sito xe quel de un "mensile internazionale diretto da Giulio Andreotti"!)


Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

Ancora, dall'articolo citado, riporto questa frase, che fa giustizia de alcuni commenti che gavevo sentido sul vecio forum, da persone evidentemente male informade :

"si oppose all’uso dei gas letali contro il nemico, contestando l’ordine del capo di Stato maggiore tedesco Hans von Seeckt che li voleva adoperare sul fronte orientale. [...] si batté contro l’impiego dei sottomarini per colpire le città nemiche che si affacciavano sull’Adriatico, in primo luogo Venezia"

Ve consiglio de legervelo tuto, perché el merita.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37934
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

rofizal ha scritto:Ancora, dall'articolo citado, riporto questa frase, che fa giustizia de alcuni commenti che gavevo sentido sul vecio forum, da persone evidentemente male informade :

"si oppose all’uso dei gas letali contro il nemico, contestando l’ordine del capo di Stato maggiore tedesco Hans von Seeckt che li voleva adoperare sul fronte orientale. [...] si batté contro l’impiego dei sottomarini per colpire le città nemiche che si affacciavano sull’Adriatico, in primo luogo Venezia"
.
la malinformazion gira su internet, vedi el sito (ovviamente NON super partes :wink: :-D ) NO GOD Atei per la laicità degli Stati, che riporta:
5/10/04 - Carlo d'Asburgo, sale sugli altari grazie alle vene varicose. L'ultimo imperatore d'Austria, dopo aver autorizzato l'uso dei gas asfissianti sul fronte meridionale nel corso della 1° guerra mondiale, ha miracolato una suora che soffriva del grave disturbo. E il papa lo ha beatificato con grande partecipazione di cariatidi e rampolli di sangue blu.
Su Il Tempo.it LEGGI
per esser bipartisan, ve metto invece una "letteratura devozional" , agiografia vera e propria, sul medesimo beato:
http://www.paginecattoliche.it/modules. ... le&sid=465
Come sempre... visto de destra e visto da sinistra... :-D


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Forse el sito più completo a lui dedicado xe

http://72.18.130.10/~jidosxyr/Italiano/index.shtml

Su http://www.kinogeschichte.at/kaiser_karl_I.htm#TOP trovè un DVD a lui dedicado, con un piccolo estratto scaricabile in formato Real.

Per l'amata Zita, sul libro de Albert von Margutti "Francesco Giuseppe", questo scrivi che la "coniugava felicemente la vivacità italiana e l'educazione tedesca".

Per concluder, tra i libri che me ga trasformado in "Adler" ghe xe "Carlo I d'Asburgo, un imperatore Santo - una biografia spirituale" de Mauro Faverzani, ed. "Il cerchio". Le pagine dedicade ai ultimi giorni xe intenssissime
Ultima modifica di AdlerTS il mar 12 dic 2006, 22:14, modificato 1 volta in totale.


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

Certo che a vardar le ultime vicende de l'Impero, l'Austria, o almeno gran parte dela popolazion, Tirolesi esclusi, e dela nomenclatura, no ghe fa proprio una bela figura. Nemeno l'Italia se ga comportado cusì mal con i propri re, figure ben meno degne dei Asburgo. Dele altre nazioni, solo la Francia xe stada pegiore, ma i gaveva anche qualche bona ragion dala loro parte. I altri paesi i ga tolto ai regnanti el potere politico, ma ancora i li rispeta, se adiritura non li adora come in Gran Bretagna. Monarchie e Imperi ormai fa parte del passato, ma in genere i loro rapresentanti vien rispetadi. Ben o mal xe stadi lori a formar e a guidar le vari nazioni nel corso dei secoli, la loro storia fa comunque parte dela cultura e dela tradizion de un popolo.


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

La mia idea personale xe che in alcuni momenti storici piccoli gruppi de persone ga rivado sfruttar a proprio vantaggio malconti generali girandoli verso una figura specifica. Credo che i contadini in piazza durante la rivoluzion francese non ghe interesava niente de ghigliottinar el re o meno: voleva magnar ! Stessa roba nel 1918, quando noi dei imperi centrali (come ga ribadido spesso anche Babatriestina dalle memorie de suo papà) semo stadi ciapadi per fame. A quel punto, qualche scaltro opportunista ga utilizzado el malessere per ribaltar el potere precostituido "in nome del popolo", anche se probabilmente nissun del popolo fino a quel momento calcolava minimamente quella persona/e. Dopo basta "la verità dei vincitori" a meter tutto a posto :?

Molte volte go riflettudo sulla scelta del Beato Carlo de non usar la parte de esercito a Lui fedele per riprenderse el trono. Tante volte go avudo el dubbio che sia stada debolezza. Poi, davanti alle foto ed ai filmati della grande guerra ed i suoi milioni de morti, scene che noi fortunati difficilmente immaginemo possibili, go capido che xe stado un grande gesto quel de non voler aver un solo morto in più. Vol dir che ogni singolo morto del nostro esercito gaveva un valor nella testa dell'imperator e non jera solo carne da macello "alla cadorna".


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

rofizal ha scritto:
AdlerTS ha scritto:La Massoneria e la dissoluzione dell’Impero Austro Ungarico
Devi eser interesante el raporto tra la Massoneria e l'Impero Austro-Ungarico.
Te riporto un par de righe dal za citado "Carlo I - Una biografia spirituale" de Mauro Faverzani:

"Pur in gravi difficoltà economiche, mai cedette alle profferte di restaurazione avanzategli prima a Wartegg, nel cantone di San Gallo, poi a Prangins sul lago di Ginevra, quindi ancora a Hertenstein, sul lago di Lucerna, dalla massoneria internazionale, a suo tempo nemica dell'Impero per odio verso la religione cattolica che esso rappresentava ed incarnava sulla scena mondiale. Il prezzo del trono però sarebbe stato il mantenimento di una legislazione laicista nella scuola e nell'ambito delle politiche familiari, nonché il pieno diritto di cittadinanza per le associazioni libero-muratorie, proibite sotto gli Asburgo in Austria"


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37934
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Dal libro della Cattaruzza l'Italia e il confine orientale:
p 114
In Austria, le ultime disperate mosse di Carlo d'Asburgo introducevano in realtà già il dopoguerra: il 16 ottobre (1918 ndr) l'imperatore emanava un proclama in cui veniva garantito il diritto all'autonomia politica, fino alle estreme conseguenze dell'indipendenza nazionale. si costituivano così Consigli nazionali, che dichiaravano la propria indipendenza da Vienna. In una specie di reazione a catena lo Stato asburgico cessava così di esistere.
per cui, per esser troppo democratico.. el ga fato autogol!
in effetti lu dopo ga reclamado Austria e Ungheria, o anche el resto? in fondo nol xe stado mai stato incoronado re de Boemia ( e gnanca Franz Joseph)
( qualchedun che ga voia, tradusi in inglese, se ve par? xe tanti qua che sa l'inglese meo de mi..)


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37934
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Ps nissun ga ricordado el nomignolo che i ghe gaveva dado dele nostre parti, Carlo Piria. Se tratta de una diceria quasi sicuramente falsa, messa in giro per screditarlo dopo la dissoluzion del impero, e che paressi esser nata dela scoperta de una cantina imperial (no so dove) ben fornida de bottiglie de qualità. Zerto, la scelta de Madera .. :wink:


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

85° anniversario: el 1 aprile 1922, alle ore 12.23 mori l’Imperator Carlo.

Rinnovo el mio Riposi in pace.


Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2663
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 18:54
Località: London, UK

Messaggio da macondo »

A mi sta cospirazion dela 'masoneria internazionale' me sona un poco de Mein Hampf.
Premeto che se dovemo parlar de una organizazion masonica a livel mondial, la unica che in pratica rapresenta diverse loggie massoniche nel mondo che aderisci a certi valori comuni, xe la United Grand Lodge of England. El unico requisito per far parte de una loggia che sia riconosuda per la UGLE xe che te devi creder in Dio.
Altre loggie a livel nazional, e che no le xe riconosude per el UGLE, le acetta anche atei e per questo no le xe riconosude come 'regolari' e se vieta categoricamente ai liberi muratori de la UGLE de entrar in contato o de visitarle.
Normalmente ste loggie dipendi dei vari Orienti o altre organizazioni con nomi simili.
In certi paesi dove la religion catolica la xe stada prevalente nela organizazion de lo stato e particolarmente nela educazion, sti grupi massonici i ga zercado de crear una alternativa secolar o laica e de limitar l'egemonia de la cesa catolica. Cussi xe stado in Francia, in Spagna, in Italia e nell'Impero Austro-Ungarico.


Avatar utente
McFriend
ixolan
ixolan
Messaggi: 407
Iscritto il: sab 29 dic 2007, 15:15

Una reliquia di Carlo a Stams

Messaggio da McFriend »

Ho letto un interessante articolo sul "Tiroler Chronist" del dicembre 2007, che parla che nel monastero di Stams, in Tirolo il 20 ottobre 2007 è stata consegnata una reliquia dell'imperatore Carlo. E' stata posta nel cripta dove sono sepolti diversi nobili. Alla presenza di varie autorità e di Karl und Otto v. Habsburg.
Vede anche il seguente sito: http://www.pfarrestams.at/index.php?opt ... Itemid=112


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Prima o poi devo andare a Funchal !


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2663
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 18:54
Località: London, UK

Messaggio da macondo »

Te devi andar sul serio. Aparte el motivo del pelegrinagio, l'isola de Madeira (de la cual Funchal xe la capital) la xe stupenda. E ricordite de magnar el pescespada, che xe el piato local per ecelenza!!!


Avatar utente
McFriend
ixolan
ixolan
Messaggi: 407
Iscritto il: sab 29 dic 2007, 15:15

Messaggio da McFriend »

Foto di Carlo e Zita :-D veramente una bella coppia 8)
Allegati
Karl u, Zita.jpg


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Bellissima foto ! :P

Rileggendo quanto sopra, vedo che abbiamo messi diversi collegamenti internet, ma poche informazioni "di prima mano", cercherò allora di aggiungere qualcosa, magari di quelle cose che non si trovano comunemente nelle biografie sparse sul web.

Intanto riporto anche qua el Manifesto di Feldkirch
AdlerTS ha scritto:El nostro amico Mcfriend me lo ga tradotto e penso che el sia d'accordo a farve legger el testo in italian:

Nel momento che Io mi appresto a lasciare l'Austria tedesca e a calpestare il terreno amico della Svizzera sollevo per me e per il mio casato, alla persistente preoccupazione per la felicità e la pace dei miei popoli, protesto formalmente contro le offensive disposizioni a tutti i miei diritti secolari della casa regnate, del governo e della provvisoria e costituente assemblea dell'Austria tedesca che ha preso l' 11 novembre 1918 la decisione della Mia destituzione dal trono e del futuro esilio dei membri della casato Habsburg-Lothringen.
Nel mio annuncio del 11 novembre 1918 ho dichiarato di rimettere all'Austria tedesca la decisione di forma di stato: il governo ha messo da parte il mio manifesto del 11 novembre 1918, che avevo scritto in questi momenti brutti, decidendo lo stesso giorno che il 12 novembre 1918 l'assemblea provvisoria nazionale doveva decidere su una mozione per la proclamazione della repubblica, prendendo da sè una decisione che secondo il mio manifesto soltanto il popolo avrebbe dovuto prendere.
Io e la mia famiglia siamo a Eckartsau, che non è stato un riconoscimento della continuità di diritto, rompendo l'evoluzione rivoluzionaria, ma soltanto un pegno della fiducia del popolo, con cui Io e i miei abbiamo diviso i dolori e i sacrifici di questa infelice guerra. Ma siccome il governo dell'Austria tedesca mi fece sapere a mezzo del suo cancelliere che, qualora non avessi abbandonato il paese e rifiutando di abdicare sarei stato internato e che lo stesso governo mi ha dichiarato posto fuori legge, mi trovai di fronte all'importante problema se dovesse essere risparmiata all'Austria la vergogna di abbandonare il suo legittimo capo in preda ad un'ondata contro la quale oggi non sta nessuna diga. Per questo motivo io lascio l'Austria.


Ancora grazie mille per la traduzion :wink:
Quindi la sua educazione: a seguito della morte di Rodolfo a Mayerling, divenne 3° in linea di successione e questo comportava che la sua educazione dovesse essere di pertinenza di Francesco Giuseppe. La madre Maria Josefa, però, chiese una deroga e le fu consentito di affidarlo a miss Casey, irlandese, che più tardi divenne oblata benedettina. A 7 anni la sua formazione fu assegnata allo stesso istitutore di suo padre e dello zio Francesco Ferdinando.
Già a questa tenera età, però, la suora stigmatizata Madre Vincenza (al secolo Aloisia Fonland) vide in lui un "bersaglio speciale dell'inferno"
Il fidanzamento con Zita avvenne il 13.06.1911 ed il matrimonio il 21.10 dello stesso anno. Alla cerimonia venne letto un discorso augurale inviato da papa Pio X. Per quanto possa sembrare strano vista la lunghezza della frase, si racconta che sull'anello nuziale vi fosse scritto "Sub tuum praesidium confugimus sancta Dei Genitrix", stessa frase che allo scoppio della guerra volle far incidere sull'elsa della propria sciabola di ufficiale.
A proposito della guerra, una delle sue decisioni meno note fu quella di proibire l'apertura di postriboli nelle retrovie e di incentivare invece gli spettacoli "seri".
Durante la guerra, poi, i contatti tra l'Impero e la Santa sede si svolsero attraverso la Nunziatura Apostolica di Vienna, per la quale Carlo si spinse a chiedere al Papa la sostituzione del rettore in favore di Monsignor Eugenio Pacelli, futuro Papa Pio XII, ma ciò non accadde e rimase a reggerla monsignor Teodoro Valfré di Bonzo, piemontese e nipote di Camillo di Cavour, descritto come "eccessivo nella parola, carente nell'ascolto, impreciso nel riferire".
Come politico, seppur in tempo di guerra, introdusse leggi contro l'usura, l'abolizione degli sfarzi di corte, l'abolizione del duello e fece nascere il primo Ministero per la Salute Pubblica e quello per gli affari Sociali.
A Tihany, in Ungheria, nel punto dove atterrò l'aereo che doveva portarlo al cospetto dell'ammiraglio Horty, ho letto che un gruppo di sudditi ungheresi ancora fedeli fece erigere una cappella con la scritta "in propria venit et sui eum non receperunt", ossia "venne a casa sua ed i suoi non l'hanno riconosciuto".
Ultima modifica di AdlerTS il gio 23 ott 2008, 22:53, modificato 1 volta in totale.


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37934
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Sabato 5 aprile, ore 18.30, Messa a Montuzza in memoria del beato Carlo. Saranno presenti anche alcuni Arciduchi in rappresentanza della casa d'Austria.
E speriamo che non facciano come l'altra volta, che durante la messa giravano per la chiesa facendo fotografie...
Serbidiola presumibilmente assicurato per gli amanti del genere :-D :-D :-D :wink:


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Mitteleuropa Treffpunkt”