ambulanti de una volta e non solo

chi se ricorda più che a Trieste ghe iera....
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
granzo

ambulanti de una volta e non solo

Messaggio da granzo » sabato 28 gennaio 2006, 19:49

A Trieste, oltre ale mlecherze del Carso, coi bidoni del late sula testa, che passando vizin delel fontane le lo slongava co' l'acqua, ghe iera altri venditori ambulanti.
Da Capodistria e Semedella vigniva dele done col pianer sula testa che vendeva oio de oliva, vin, fruti e more de gelso.
Dal Friul e da la Carnia iera le venditrici de ogeti in legno intaiado come cuciari, mestoli per la polenta e scudele de legno.
A Barcola ghe iera le done con i cesti coi pessi (sardoni per lo piu`).
Iera el strazeriol che comprava e vendeva straze, carta, ossi, fero, pignate, fiasche, roba vecia.
Iera el stramazer che de estate el se meteva sul pra` o in corte a disfar e rifar i materassi e el fazeva una gran quantita` de polvere, per questo el lavorava al' aperto...
Iera i zingani: in genere i omini i iera conzapignate i rivestiva le pignate de teracota con un reticolo de fil de fero e i cambiava el fondo dele pignate in lamierin. Le done inveze legeva la man.
E ghe iera i poveri che andava a bater la porte dela gente per domandar la carita`.
La muleria per guadagnar qualche soldin, oltre a pascolar galine e capre, ingrumava l'assenzio e i lo portava ale fabriche de liquori a Barcola con cui i preparava dei amari. I se dava anche al recupero: fero, rame, oton, piombo e pignate de aluminio.

Comunque ino era sprechi e tuto vigniva riutilizado: carta, cartoni e legno vigniva riutilizadi o finiva in spargher o in camin.
I baratoli de lata dele conserve e dele marmelate diventava utili contenitori.
In scovazon finiva rifiuti organici e deperibili. I vigniva butadi in fossa per far el concime che co' iera pronto i usava per l'orto.

Per la carta e el legno ghe son, per i baratoli e i vaseti ghe son, 'pena che go l'orto giuro che fazo cussi` e elimino tute le scovaze.
Resta el problema dela plastica (quanti contenitori che go...), saria de costruirse un picolo laboratorio e fonderia per poder squaiar sia la plastica che el vetro e riutilizarli. :-D



palpio

Messaggio da palpio » sabato 28 gennaio 2006, 21:58

E po ghe iera quei che grumava ciche (ei se lamentava quando la piova ghe rovinava el racolto...)



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » domenica 29 gennaio 2006, 2:20

palpio ha scritto:E po ghe iera quei che grumava ciche [...]
Me vien in a mente una canzon de Cechelin ... 'l ingrumaciche, apunto :-) ... la go de cualche parte ... se la trovo meto el testo in te la sezion de la muxica ;-D

Ciau

Franco



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 35102
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 29 gennaio 2006, 9:08

No molti ani fa, una zingana me ga oferto le legerme la man, in via Muratti.. no go acetado. Istesso , molto de più, le gitane in Andalusia.
mama me contava anca dei cantanti ambulanti, famoso Sonz col violon! i vegniva in corte :i portoni de strada iera liberi e 'verti, tanto ghe iera le portinere, e i se meteva a cantar in mezo de la corte, cussì le babe che no lavorava fora de casa, ma lavorava in cusina, li podeva sentir e le ghe butava un per de monedine dela finestra. Ela me contava de un che i lo ciamava Tacè perchè el fazeva l'acompagnamento cantando Um-ta-cè Um-ta-cè
Granzo: mi i vanzumi organici li meto in un mucio in terazza e vien veramente tericcio, ma dopro sopratutto i sfalci del erba. Dopo un ano tamiso e go un poca de tera bona organica.. questo rente de Piazza Goldoni!
Nona salvava tuto: i giornai vegniva taiai a retangoli per far cartine de naftalina o de riserva in cesso, no se sa mai se mancava carta, i tappi de sughero la li salvava per imbotigliar vin in damigiana, de raro perchè se sporcava de vin la cusina, po iera in dispensa el cestelin dei spaghi, i nastri la li sopressava e la li tegniva in scatolette in suo armer ( go ancora una de ste scatole), la carta dei pacchi la la salva per riciclar, legneti e cartoni in stua a carbon... scatole de sigarette de metallo le go ancora piene de ciodi.. scatolette de metallo de pirole in cassetin de lavor con botonzini pici e sustine..



granzo

Messaggio da granzo » martedì 31 gennaio 2006, 18:09

babatriestina ha scritto:... scatole de sigarette de metallo le go ancora piene de ciodi.. scatolette de metallo de pirole in cassetin de lavor con botonzini pici e sustine..
Scatole de lata de sigarete no go , ma scatole de lata de caramele o de savonete dove che tegno aghi de pomola, sustine etc. si` :-D .
E nei baratoli de cafe` tegno la pastina pel brodo e anche tuta una serie de erbe per far tisane. come vaseti per le spezie go salva` i vaseti de vetro de yoghurt, dopo go preferi` cambiar e usar altri col tapo a vida de certi suchi de fruti per fioi pici :-D .



Capuzi garbi

Messaggio da Capuzi garbi » mercoledì 17 maggio 2006, 11:10

granzo ha scritto: Scatole de lata de sigarete no go , .......
Due esempi vecieti: Tabaco Woodbine, famoso per tuto el mondo, specialmente in Inghilterra, el le sigarette De Reszke, nominade dopo el famoso tenor polacco Jean De Reszke ( suo fradel Edward jear anche un famoso basso, ma quela xe un'altra storia).

In quei giorni quasi tuti i cantanti fumava e nianche poco. Enrico caruso jera ben conossu` come acanido fumador de sigarete egiziane.

Immagine



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 35102
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 17 maggio 2006, 13:15

Co iero putela, iera dele scatolette de sigarette, ma de carton, con un magnifico disegno de una odalisca che fumava, imagino orientali, che gavevo taiado el pupolo per tacarlo nel quadernetto dove che disegnavo modelli de vestiti.. :-D



patrizia
naufrago
naufrago
Messaggi: 3
Iscritto il: domenica 28 ottobre 2018, 6:02

Re: ambulanti de una volta e non solo

Messaggio da patrizia » martedì 5 febbraio 2019, 8:11

a trieste lavorava un venditore di biglietti della lotteria negli anni50 60 detto il gobetto qualcuno lo ha conosciuto



Rispondi

Torna a “Veci mestieri”