I FACHINI E LE BABE IN PORTO VECIO

chi se ricorda più che a Trieste ghe iera....
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

I FACHINI E LE BABE IN PORTO VECIO

Messaggio da LELA » lunedì 27 aprile 2009, 3:41

I fachini che 'ndava par i hangar "a cafè" i gaveva anca un "provin", 'na speze de tubo - o curto de oton o longo de lata - che l'andava strenzendose in fondo come un cuciarin e co' 'stà punta i podeva far pici busi nei sachi de cafè e el serviva anca par far "campioni".
Par "sdoganar" el cafè bisognava mostraghe al capo hangar el zertificato de orizine e de proprietà dela merze e po' se faseva l'operazion co'l "provin". Completava "el parecio" (l'insieme degli attrezzi per svolgere questo mestiere) la paleta, un ganzo de fero fato a punto de domanda che de 'na parte gaveva un manigo de legno incastrà in t'el fero e, de quel'altra, un quadrato in fero con diverse punte. 'Stò ordegno serviva par lavorar co'i sachi de "Moka" o co'i sachi de "Cuba o de "Indonesia" che i pesava oltra otanta chili e tante volte par sistemar 'stè partide vigniva ciamadi quatro fachini.
Và dito anca che par zerti fachini "el parecio" jera un vestido particolar, un fià largo par poder scondar qualca picoleza che i robava.

Immagine

Fachin de una dele "ganghe del portonovo co' la "meza nosa" piegada ala cupola e drio la recia el "spagnoleto".

Ciau ciau, sempre con simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 27 aprile 2009, 4:21

BABE IN PORTO VECIO

Le tabachine lavorava al'Hangar 19, sempre in Porto Vecio e le portava 'na flaida (grembiulone e/o vestaglia) de color sal e pevere. Cò sonava mezogiorno le coreva verso l'Hangar 26 parchè i dava 'na scudela de minestra par 50 centesimi, ma jera sempre fila e in t'un ora come se fazeva?
Alora qualca tabachina se fermava in t'una spezie de baraca comprando par pranzo pastecreme e pomi.
Paron de l'Hangar 26 jera un american co' do greghi, le babe le gaveva 'na flaida zala co' do bele scarsele e 'na scufieta co'l camufo (gala, balza, frangia, falpalà) e 'stà montura (divisa) squasi tute le 'ndava a comprarla in "via Nova" (oggi via Mazzini). I ghe pasava anca mezo litro de late e più paga che al 19.
Sempre al "26" ghe jera babe che le fazeva stramazi, ciamadi anca "pajoni de emigrasion" che ordinariamente i vigniva mesi in te le navi dela "sozietà Cosulich". Le rivava a far anca 40 stramazi de crena (crine, sia animale che vegetale) al zorno de basa sielta, e più pajoni le fazeva, più le ciapava.
Jera la dita "Giovanni Gazorri" de via San Giacomo in Monte che ingazava babe par 'stò lavor; 'stà dita la jera anca spezalizada in t'el tapezar co' la stofa i mobili.
In te'i ani '20 e '30, spezialmente nel'Hangar 2 e nel'Hangar 4 del Porto Vecio le lavorava anca co'i sachi svodi, 'stò lavor consisteva in t'el cusir 'na spezie de rinforzo fiso par zerti tipi de sachi, netarli se ghe jera drento qualcosa o far un mucio de quei roti.
I sachi roti vigniva cusidi co' machine tedesche, rente de l'ago jera do grandi ruli de fil de juta (canapa) mesi verticalmente, jera babe che le pasava el saco preparandoghe el lavor par le machiniste e par quele altre che le fazeva bale che po' i omini le stivava in magazini che jera in via Machiavelli o in via Vasari o in via Solitro.
Se usava 'sai lavorar co'i sachi de riso e rison, con quei tochi de juta che coverzeva le bale de coton, co'i sachi dele zivole, patate, zucaro oltra che quei de cafè.

Ciau ciau, sempre con simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » mercoledì 29 aprile 2009, 21:42

LELA ha scritto:BABE IN PORTO VECIO

Le tabachine... I ghe pasava anca mezo litro de late e più paga che al 19.
Perchè el tabaco fazeva vignir la febre, me contava una mia zia, che ga fato la tabachina in porto. Durante la guera i soldai se meteva un sigaro soto el scaio, e par che bastava questo per farghe vignir la febre e marcar visita.

Iera anche le sesolote, le done che lavorava in porto per esempio per scartar i fruti marzi e sistemar quei boni nele cassete, dividendoli secondo la misura.

"Voio far la sesolota
de limoni e de naranze,
'che go perso le speranze,
el mio ben me ga lassà..."


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » giovedì 30 aprile 2009, 15:07

serlilian ha scritto:
LELA ha scritto:BABE IN PORTO VECIO

Le tabachine... I ghe pasava anca mezo litro de late e più paga che al 19.
Perchè el tabaco fazeva vignir la febre, me contava una mia zia, che ga fato la tabachina in porto. Durante la guera i soldai se meteva un sigaro soto el scaio, e par che bastava questo per farghe vignir la febre e marcar visita.

Iera anche le sesolote, le done che lavorava in porto per esempio per scartar i fruti marzi e sistemar quei boni nele cassete, dividendoli secondo la misura.

"Voio far la sesolota
de limoni e de naranze,
'che go perso le speranze,
el mio ben me ga lassà..."
Bonzorno serlilian, quel che te me gà contado xe 'nà roba par mi asolutamente nova: no gò mai savudo ch'el tabaco fazesi vignir la febre; (quel che stago par scriver xe un O.T., ma spero che par 'na volta me pardonerè, altrimenti deme el castigo che xe previsto in 'stì casi), noi, al'E.C.A. par farse vignir la febre e finir in "infermeria", indove che se magnava un fià più dezentemente, se metevimo i fogli de carta asorbante sula lingua: efeto asicurado e molto più valido che quel de ficar el tarmometro in t'el late o altra bevanda calda, parchè tante volte se finiva par farlo sc'iopar e cusì eser "canade", opur no' se lo podeva far, parchè in quei momenti ghe jera squasi sempre le monighe a controlar; e anca più pratico de qul de sfregar la ponta del tarmometro con la coverta parché s'el te 'ndava tropo suso no'i te dava de magnar, vanificando cusì la razon par la quale volevimo finir in infermerìa.

Par quel che riguarda le sesolote le conoso ben (lozicamente no' in t'el senso leterale, parchè cò son nata mi penso che no' esistesi zà più sto mistier e se l'esisteva 'ncora, mi no' ghe mai sentido parlar de nisun);e quele che le lavorava co'i fruti le vigniva considerade più fortunade de quele che ghe tocava far el steso lavor co'l cafè, co'l riso opur co'i fasioi.
Anca la canzon popolare, dela quale te gà zità una strofa, la conoso ben, anzi la gò inserida tra le "vece canzoni triestine: solo testo".
Le sesolote le gaveva anca l'abitudine de cantar insema par strada cò, finida la zornada de lavor, le fazeva ritorno a casa.
Dopo de lore, son quasi sicura che de done che lavorava in Punto franco vecio jera quele de la "Luchy Shoe" (che altrimenti le doveva portarse drio el "gamelin co'l pranzo e che cò le rivava de matina i lo andava a meter in vasche grandi base e retangolari, indove ch'el magnar el restava in caldo "a bagnomaria" e che le se trovava in t'un grando salon pien de tavolazi de legno 'sai longhi co' le panche senza schenal) come gò zà gavudo modo de dirte ieri, quando che te gò dito cosa che fazevo durante el zorno, cò 'ncora frequentavo le serali - ghe jera le done che le cusinava le serviva e le lavava i crepi nela "Locanda", indove che - con pochi soldi - andava qualche volta a magnar sia mia mama che qualche sua/o colega e i omini che con varie mansioni i lavorava in Porto. In Porto novo me par, inveze, che ghe fusi qualche fabrica dele quali una de camise.
Te ringrazio de cuor serlilian par el tuo comento, te son sempre 'sai cocola!

Ciau ciau, sempre con tana simpatia, Lela.

PS: 'stà risposta te la volevo inviar zà ieri sera tardi, ma cò gò fato par postarla i me diseva che "la pagina non è disponibile", par fortuna che gò imparado a salvar tuti i post che nò gò 'ncora inviado sul "notes", cusì ogi no' gò fato altro che cambiar el "Bonanote" co'l "Bonzorno" e el post xe zà pronto. Gò savudo de un'e-meil de babaTS, che anca ogi ghe xe chi no' riva a colegarse e, probabilmente gnanca ti come che xe suceso l'altra volta, no sò se in t'el fratempo i gà meso a posto, mi comunque son rivada a colegarme. Ancor ciau, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » giovedì 30 aprile 2009, 17:16

Mia zia ga fato la sessolota fin ai anni '60, credo. La iera za vecia, ma no la gaveva ancora la pension o la gaveva za la minima, no me ricordo, e la doveva rangiarse.


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » giovedì 30 aprile 2009, 17:26

Bon pomerigio serlilian!
Alora vol dir che cò son nata mi - nel '51 - le esisteva 'ncora, ma probabilmente jero forsi tropo picia par interesarme de 'stè robe.
Grazie par l'informazion, te son sempre cusì cortese in t'el risponder subito.

Ciau ciau, sempre con tanta simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » giovedì 30 aprile 2009, 18:48

:ciao: :ciao: :ciao:


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » domenica 3 maggio 2009, 1:55

"Iera anche le sesolote, le done che lavorava in porto per esempio per scartar i fruti marzi e sistemar quei boni nele cassete, dividendoli secondo la misura.

"Voio far la sesolota
de limoni e de naranze,
'che go perso le speranze,
el mio ben me ga lassà..."
(serlilian)"


Serlilian come se pol veder quà de sora, la gà puntualizà che fra le "babe" che lavorava in Porto Vecio ghe jera, apunto le "sesolote", e alora gò pensà che fusi justo far un ceno anca su de lore.

LE SESOLOTE

Le "sesolote" jera, tuti sa, quele done che in Porto, nei magazini del Borgo Teresiano, e anca a caşa le netava café, fruti, goma e altri comestibili. Tuti le ciamava cusì parché le lavorava con un grando cuciar de legno, dito, apunto, “sesola”. Ala matina le se trovava in “piaza dei limoni” o “piaza dele zivole” , overosia sule scale dela ceşa de Sant’Antonio Novo.
Le spetava la “capa” che la le coseva e la saveva indove mandarle, cusì la le divideva a seconda del lavor e dela bravura, perché le jera o “stivadore” o “incartadore”. No’ le gaveva ‘na vita fazile parchè le jera carighe de fioi. Squaşi tute le spoşava fachini o cucer e cò pioveva e ‘l marì no’ lavorava, par pasar el tempo ‘l andava in osteria, e jera lore che ghe tocava bazilar co’i fioi cò le tornava a caşa stanche del lavor.
Nò jera, nela Trieste muşicale, nisun che savesi cantar come lore, le se gaveva tramandà la magnera de lavorar e anca la magnera de cantar. Pur no’ savendo lezer la muşica le cantava in magnera che la melodia la vegniva sempre “ligada e intensa”, le lavorava cantando e anca a seconda del scorer del lavor, con un’intonazion perfeta. El repertorio xe ‘ndà squaşi tuto disperso e ogi squaşi no’ se se ricorda più de lore, che le cantava fin a caşa caminando via dei magazini co’l lavor in t’un cesto che le se lo meteva in testa.
Anca se par imposibile le gaveva sete teli de cotola e adiritura el profesor Paganini el ghe gaveva dà i nomi a ’stè cotole; le gaveva tute un fazoleto bianco o grişo torno ‘l colo, petenade col cocon e, par guantar fermi i cavei, le doprava petini de oso. Le gaveva quel che se dişeva una volta “la belesa del mus”, parchè in vişo no’ le meteva né cipria né roseto.
Jera ‘na vita grama e par dir che le se spoşava le dişeva “semo cascade in bota a un povaro fachin” e dopo le doveva combater co’i fioi e le ghe dişeva “ara che te dago un papin ch’el muro te darà un altro”.

Me pareva dovudo includerle, anca se solo cò 'stà picia nota.

Ciau ciau, sempre con simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
oli1939
distinto
distinto
Messaggi: 1426
Iscritto il: mercoledì 22 giugno 2011, 12:33
Località: Trieste - Rozzol

Re: I FACHINI E LE BABE IN PORTO VECIO

Messaggio da oli1939 » venerdì 8 giugno 2012, 20:22

Ben spiegade le sessolote, iera done che teniva su tre muri de casa, le prime done "libere" (emancipate) a Trieste. Ogni tanto le se trovava insieme in osteria a cantar e farse scherzi una con l'altra, sempre piene de morbin, nonostante i pensieri de ogni tipo. Done in gamba. Le lavorava el cafe' in porto.Dopo tanto tempo go leto el vostro post. Saluti, oli1939.


Il colore e' il mio mestiere

Avatar utente
bulibù
naufrago
naufrago
Messaggi: 1
Iscritto il: giovedì 13 giugno 2019, 16:42

Re: I FACHINI E LE BABE IN PORTO VECIO

Messaggio da bulibù » venerdì 14 giugno 2019, 9:10

Sempre su le sesolote ve poso dir che ancora nei ani '70 del novezento al 1 picio (quel de banchina rente el molo IV) dove rivava le barche giziane
ghe iera ancora sesolote de agrumi che le lavorava. In quei ani mi iero esterno de casa de spedizion stavo sobordo de le barche greghe de la Sarlis agenzia marittima Boss e ogni tanto fiavo al 1 picio a bekar na naranza e le babe me zigava drio de tuto. Le pasava i cartoni de naranza 4 toki per man
,de un carton a l'altro e come che le se moveva le lasava cascar partera quele macade... me parerva de veder mandrake !!! Co la flaida blu el sial de lana su le spale...magiche done !!! W l'A'



Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3406
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: I FACHINI E LE BABE IN PORTO VECIO

Messaggio da Elisa » domenica 16 giugno 2019, 23:33

Emerge qui un nuovo forumista la cui redazione io, personalmente e con curiosità mossa da simpatia, valuto “patoco” o intenso con percettibile differenza nella costruzione dialettale odierna. Ostrega, scuséme da foresta per entrometerme... :-)


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Rispondi

Torna a “Veci mestieri”