Trieste paradiso fiscale

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
julien
naufrago
naufrago
Messaggi: 52
Iscritto il: dom 16 dic 2007, 23:47

Trieste paradiso fiscale

Messaggio da julien »

Buongiorno a tutti.

Oggi la televisione francese ha evocato i "25 paradisi fiscali" europei. A mia grande sorpresa, nella lista figurava pure Trieste. Una piccola ricerca su Internet me lo ha confermato : troverete al seguito uno degli articoli che ho scoperto.
Per mè è stato uno choc. E voi, abitanti di Trieste, eravate coscenti di vivere in un paradiso ? Non parlo della storia della città, del suo fascino, dei suoi paesaggi e architetture: ma, molto più concretamente, delle situazione fiscale. Come funziona questo paradiso? Pagate tasse ? Conoscete l'IVA o TVA ? Esiste in città una dogana e una Guardia di Finanza ? I bilanci pubblici sono alimentati unicamente da doni vari ? Forse che, come in Andorra, l'Assistenza Pubblica è finanziata unicamente dalla vendita di francobolli triestini ? Trieste è gemellata con l'Ingouchie ? Sono veramente curioso di leggere le vostre spiegazioni.
Ciao.
--------------------------------------------------------------------------------

Riches • L’Europe des 25... paradis fiscaux

Instinctivement, on associe les paradis fiscaux aux palmiers des îles tropicales. On en compte pourtant 25 en Europe. Dont la bandante Belgique.

Marco Van Hees
21-02-2007

L’Europe des 25... paradis fiscaux
La liste des paradis fiscaux
Les multinationales apprécient le climat belge
Une étude de l’OCDE1 a dressé la liste des paradis fiscaux. Elle en recense 72 dans le monde, dont 25 en Europe. De petits états comme Monaco, le Lichtenstein ou Andorre. De petites îles, comme Aurigny, Guernesey, Jersey, l’île de Man ou Madère (située au large du Maroc mais appartenant au Portugal). Il y a aussi des villes (Campione, Trieste, Londres, Dublin, Francfort), un gros rocher anglais sur la côte espagnole (Gibraltar) ou encore une petite république russe, l’Inchourie.

La liste comprend enfin de « vrais » pays. À part la Suisse, ils sont tous membres de l’Union européenne : Hongrie, Malte, Luxembourg, Pays-Bas et Belgique. Oui, oui, notre gentil pays en est. Évidemment, le paradis n’est pas offert à l’ensemble de la population, vous êtes bien taxé pour le savoir. Mais les grosses fortunes et les multinationales n’apprécient pas que nos bières et nos frites.

Des bureaux spécialisés s’adressent par exemple aux riches Français qui veulent fuir l’impôt sur la fortune. La Belgique, qui ne connaît pas un tel impôt, est leur destination la plus prisée.

Autre spécialité belge : les gains réalisés en Bourse ne sont pas soumis à l’impôt. De plus, la Belgique est, avec le Luxembourg et l’Autriche, parmi les rares pays de l’Union européenne à refuser de collaborer aux échanges internationaux d’information fiscale sur les revenus financiers des non-résidents. Si on y ajoute que le secret bancaire est toujours bien gardé, on comprendra que les grosses fortunes se sentent bien chez nous.

Les multinationales aussi. Depuis 1982, elles peuvent échapper à l’impôt grâce aux centres de coordination. Faisant office de banque interne pour les filiales du groupe, ces centres paient de l’ordre de... 1 % d’impôt. L’Union européenne a signé leur arrêt de mort pour 2010, mais le gouvernement a déjà sorti la parade : les intérêts notionnels. Une déduction d’intérêt fictif dont peuvent profiter toutes les sociétés, mais en particulier celles qui ont des fonds importants.

Tellement alléchant qu’Euronext (fusion des Bourses de Paris, Amsterdam, Bruxelles, Lisbonne, Porto et Londres) vient de décider de transférer sa trésorerie dans notre pays.



1 Economist Intelligence Unit, OCDE, John Christensen et Mark Hampton, cité dans Taxez nous si vous le pouvez, www.taxjustice.net.

> Top

1. Aurigny (Alderney en anglais)*
2. Andorre
3. Belgique
4. Campione (Italie)
5. City de Londres (Royaume-Uni)
6. Chypre (Grèce)
7. Francfort (Allemagne)
8. Gibraltar (Royaume-Uni)
9. Guernesey*
10. Hongrie
11. Islande
12. Dublin (Irlande)
13. Ingouchie (Russie - hors de la carte)
14. Ile de Man*
15. Jersey*
16. Liechtenstein
17. Luxembourg
18. Madère (Portugal – hors de la carte)
19. Malte
20. Monaco
21. Pays-Bas
22. Sark*
23. Suisse
24. Trieste (Italie)
25. Chypre du Nord (Turquie)


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

credo si riferiscono al particolare regime doganale fiscale del porto franco in Porto Vecchio. Mi son sempre chiesta come mai c'è un gruppo di pressione che insiste tanto per conservare il regime di porto franco in porto vecchio, che come porto non è che abbia molto movimento..devono avere un regime fiscale particolare che non vogliono perdere.
la cosa riguarda solo le ditte con sede in porto vecchio. Non noi poveri abitanti, che paghiamo le tasse e le imposte nè più nè meno di tutti gli altri cittadini italiani :-D

Je crois que ça s'applique seulement aux emprises qui ont siège dans le Vieux port qui ont un particulier traitement fiscal qui descend de l'ancien port franc


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Je suis d'accord avec Babatriestina :o


Mal no far, paura no gaver.
julien
naufrago
naufrago
Messaggi: 52
Iscritto il: dom 16 dic 2007, 23:47

Messaggio da julien »

Sempre cinici e scettici questi triestini: riconoscono, come se fosse la cosa più normale del mondo, di vivere in un paradiso (anche se limitato al solo porto vecchio... ma è sempre meglio che niente, dico io!), e si lamentano!

Io avrei voglia di dire, come Jules Renard : "Le paradis n'est pas sur la terre, mais il y a des morceaux." Uno di questi pezzi sarebbe dunque a Trieste, e si manifesta pure sul piano fiscale. E meraviglioso.

Ma attenzione, il paradiso è forse minacciato! Avete certamente sentito parlare del progetto di "guerra ai paradisi fiscali", di Nicolas Sarkozy et Angela Merkel: il paradiso sarebbe sul punto di subire l'assalto degli angeli ribelli? Come finirà questa volta?


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

la cosa non riguarda per nulla i triestini, che pagano le tasse come in tutta Italia. E sono certa che la guerra ai paradisi fiscali non ha nulla a che fare con la gestione del porto franco


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Ho dimenticato di guardare la data :-D :-D :-D :-D
che i Triestini siano esentati da tasse è
Allegati
pesce.jpg
pesce.jpg (5.04 KiB) Visto 6538 volte


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7783
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Non sarà che forse pensavano al famoso "off shore" di cui si parlò anni fa e poi non se ne fece nulla? Magari pensavano che, dopo averne tanto parlato, qualcosa, oltre al fumo, fosse rimasto! :-D


julien
naufrago
naufrago
Messaggi: 52
Iscritto il: dom 16 dic 2007, 23:47

Messaggio da julien »

Vi sento tutti un po' reticenti a evocare i vantaggi del paradiso fiscale triestino... Si puo' facilmente indovinare il perché ! Ma sappiate che ormai tutta l'Europa ne parla, et non dovrete stupirvi se nelle settimane a venire ci sarà in città un poderoso un giro di vite per mettere fine, nel nome della solidarità europea, ai privilegi incredibili di cui giova la popolazione di Trieste.
Eccone qui qualche esempio, trovato su internet. I prezzi indicati, incredibilmente bassi, illustrano perfettamente la situazione privilegiata di Trieste. E non è un pesce d'aprile, siamo seri !
----------------------------------------
Dix euros pour une soirée « parmi les fous » à San Giovanni. Marco Bellochio leur a consacré un documentaire intitulé "Fous à délier" (Matti da slegare). Marco Tullio Giordana leur a aussi fait la part belle dans sa grandiose fresque cinématographique Nos meilleures années (La meglio gioventù). Ces deux films nous ont remis en mémoire qu’il y a peu de temps encore, les hôpitaux psychiatriques, véritables lieux de terreur et d’électrochocs, communément appelés asiles, étaient toujours ouverts.
Franco Basaglia fut le premier à se prononcer en faveur de la fermeture de l’hôpital psychiatrique de Trieste, établissement implanté dans la zone de San Giovanni. C'est devenue une attraction touristique. L’éminent psychiatre vénitien eut l’idée de créer une communauté de travail pour les patients, ainsi réadaptés à la vie à l'extérieur. Depuis 1979, une initiative similaire a vu le jour : la Communauté « Il posto delle fragole ». Il gère le bar-restaurant du même nom, situé à proximité des structures psychiatriques, et deux autres hôtels en ville. Selon le même principe, une radio communautaire émet de ce même endroit, Radio Fragola.
Les initiatives ne manquent pas : soirées et concerts avec les étudiants tout au long de l’année, fêtes des cuisines du monde en été, veillées au feu de bois, cinéma de plein air en août… On peut même assister à des représentations théâtrales assurées par une compagnie composée d’acteurs « fous » et créée par un ancien patient de Basaglia : l’Accademia della Follia, autrement dit l’Académie de la Folie.

15 euros pour un festin dans une « osmiza »
Trieste est une cité-frontière. Davantage prononcée qu’en ville, cette position frontalière, délimitant l’Italie et la Slovénie, se perçoit sur les collines bucoliques (et fraîches !) du Carso. Duino Aurisina, Sgonico, Monrupino, Dolina... Petits villages où prolifèrent les « osmize », ces rameaux accrochés à un poteau par les paysans issus de la minorité slovène. Ces lieux étaient ouverts à l’origine seulement huit jours dans l’année, maintenant ils le sont tout l’été pour faire déguster vins et charcuteries maison. Les incontournables : le vin Terrano del Carso et le fromage trabor.

10 euros pour faire du shopping dans l’ancien ghetto juif
Ici, à Trieste, on les appelle, dans le joyeux et étincelant patois local, « trapoleri ». Ce sont des revendeurs, ils vendent de tout : du commerce d’antiquités de luxe à celui de vieux meubles mis au rebut ou de livres. Ils sont nombreux dans l’ancien ghetto juif. Et ce justement parce que l’âme commerciale des juifs est encore très prégnante et que ce sont eux qui y gèrent les affaires. A Trieste, ville multiconfessionnelle par excellence, il n’y a pas qu’une synagogue, mais aussi une église luthérienne, une église orthodoxe grecque et une serbe. Elles sont la preuve vivante que les différentes communautés religieuses peuvent cohabiter pacifiquement. Un détour pour les admirer s’impose.

2 euros pour une excursion en tram jusqu’à Opicina, sur la route Napoléon
Un inoubliable tram-funiculaire gravit la côte – et quelle ascension ! – de la Via Commerciale pour atteindre la petite bourgade d’Opicina. Une splendide promenade avec vue sur la mer, la route Napoléon, conduit à un mur d’escalade. Une promenade facile, praticable été comme hiver, à l’unique condition que le bora, vent qui souffle en hiver sur les côtes de l’Adriatique, le permette.</em>

7 euros pour une visite du château de Duino. Balade sur le sentier Rilke
Le poète austro-allemand originaire de Prague, Rainer Maria Rilke a vécu en Bohème, en Allemagne, en Russie et à Paris. Il disait du château de Duino : « Hiersein ist herrlich » (« être ici-bas est magnifique »). C’est précisément en ce lieu qu’il a composé les bien nommées Elégies à Duino. Tant et si bien qu’on lui a dédié un sentier tout proche, le sentier Rilke. Une des promenades les plus romantiques, surplombant la mer, dans un charmant cadre méditerranéen. Dans le châteause déroulent régulièrement des expositions consacrées à l’œuvre littéraire du poète.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

forse non hai idea di cosa si stia parlando. Si parla di un biglietto di tram, di un bicchiere di vino con un piatto di formaggi e salumi, di un mercato tipo il marché aux puces, e dell'ingresso a un museo. Non so quanto costino queste cose in Francia, ma alla mia ultima visita a Parigi 3 anni fa spendevo al massimo 15 euro per un pasto al bistrot, non ricordo quanto costi una corsa semplice di métro , ma mi facevo l'abbonamento e valeva pure per gli autobus parigini, e per il biglietto caro a Duino, 7 euro per il castello di Duino, quando l'ingresso al Louvreche in un giorno non finisci di visitarlo costa 9 euro ??
suvvia, siamo seri!!!! :-D :-D :-D :-D :-D :-D
con la crisi che c'è queste battute mi sembrano decisamente fuori luogo...
:evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil:
NB l'accesso al porto vecchio è proibito ai triestini, tranne per i pochi che ci lavorano.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
julien
naufrago
naufrago
Messaggi: 52
Iscritto il: dom 16 dic 2007, 23:47

Messaggio da julien »

Ecco come funziona un paradiso fiscale...che non esiste!


TRIESTE il paradiso fiscale italiano
di Valentino Spinaci

Era piena estate: luglio 1990, per esattezza. Nella cornice, unica al mondo, della laguna di Venezia, si svolse una riunione dei Capi di Governo di Austria, Italia, Ungheria, Jugoslavia e Cecoslovacchia, destinata a mutare il corso della storia di Trieste. Anche da quel "summit" infatti, scaturì la legge 19/1991 che oltre ad aver presentato importanti novità per quanto concerne la normativa fiscale italiana ha trasformato Trieste in "paradiso fiscale".

Con questa legge, coerentemente con gli interessi della Comunità Economica Europea, si è voluto promuovere lo sviluppo delle attività dei Paesi dell'Est e nel contempo modernizzare il sistema delle strutture finanziarie italiane in attesa dell'apertura delle frontiere europee.

D'ora in avanti nella città friulana, sarà possibile creare società offshore di natura finanziaria, assicurativa e di intermediazione. Esse potranno operare nella totale esenzione fiscale per quanto riguarda l'imposta per le persone giuridiche, e con esenzione ridotta a metà per quanto riguarda l'imposta locale sui redditi.

L'esenzione ILOR sarà totale per i redditi e le plusvalenze derivanti da investimenti compiuti nei Paesi dell'Est compresa l'Unione Sovietica. Le imposte indirette di costituzione e funzionamento, vista l'assenza di controllo fiscale, saranno naturalmente ad aliquota fissa.

Per società offshore - non è superfluo ricordarlo - si intende una società che, per poter usufruire delle esenzioni fiscali nel Paese dove è istituita, deve operare solo con i mercati esteri. Visto il particolare trattamento fiscale di cui godono, la loro istituzione e localizzazione è sempre abbinata a quello che, in termini moderni, viene di solito chiamato "paradiso fiscale". Per ovvi motivi di gettito fiscale, il Paese che ospita le offshore si preoccupa in genere di creare "paradisi" solo per capitali e contribuenti non residenti. La nuova legge italiana appare al riguardo particolarmente innovativa.

Fino a poco tempo fa, era impensabile la nascita di un paradiso fiscale nella terra considerata dai contribuenti, e non a torto, "l'inferno fiscale per eccellenza": l'Italia. Lo stupore aumenta quando scopriamo che la società offshore "made in Trieste" può essere anche una società residente purchè utilizzi capitali esteri e purchè questi vengano impiegati esclusivamente per investimenti all'estero.

E' forse per questo che, contro ogni pessimistica previsione, superando le lentezze che tradizionalmente contraddistinguono in Italia tutte le nuove iniziative, Trieste ha espresso notevole interesse alla normativa dimostrando di aver ben compreso l'importanza della sua candidatura. Trovate le aree si è già avviato infatti l'iter burocratico necessario a portare a termine il progetto. Inoltre, forse perchè sorprese da tanto dinamismo, forse perchè attratte dalla novità dell'esenzione fiscale ma soprattutto per l'enorme potenziale di sviluppo e guadagno che promettono i Paesi dell'Est, molte compagnie italiane e straniere hanno dimostrato grande interesse all'iniziativa offshore: gruppi bancari (la BNL ha aperto uno sportello nel porto franco), assicurazioni, multinazionali dell'industria informatica e della chimica, hanno inserito Trieste nelle loro scelte operative.

La concreta riuscita del progetto è in verità legata al reale avvio delle riforme nei Paesi dell'Est. Se è vero infatti che molta strada in questo senso è stata percorsa in questi ultimi anni (con l'abbattimento del muro di Berlino, con la fine della guerra fredda, con l'avvicendamento al vertice dei Paesi comunisti di politici più vicini all'economia di mercato, con l'investimento di consistenti capitali europei nei Paesi dell'Est), è altrettanto vero che il processo avviato ha accusato, in questi ultimi tempi, qualche battuta d'arresto. Inoltre il fenomeno citato non ha interessato in pieno - se si esclude l'U.R.S.S. che rimane comunque il mercato più appetibile - i Paesi dell'Est dell'Intesa Pentagonale di Venezia.

Come mai si è scelta Trieste come città dove promuovere le società offshore? I motivi sono molteplici e traggono origine dalla storia e dalla posizione geografica della città. II Friuli confina con quasi tutte le nazioni interessate all'accordo; ha zone franche nell'ambito portuale già consolidate; ha una borsa valori per il mercato ristretto già esistente e sufficientemente operante; ha contatti diretti con le Nazioni confinanti non solo di natura economica ma anche culturale. Sarebbero proprio queste le garanzie che offre Trieste e che la pongono in concorrenza con altri paradisi fiscali più famosi nel mondo.


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7783
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Avendo indovinato la natura del finto paradiso fiscale triestino, posso dire che a furia di rompermi la testa un'agevolazione fiscale da paradiso l'avevo trovata: la benzina che indubbiamente, anche se abbiamo perso l'agevolazione provinciale, se confrontiamo Trieste con Venezia, costa abbastanza di meno, e se non sbaglio, in qualunque distributore della regione noi triestini paghiamo la benzina come se la facessimo a casa, e non è poco.

Però Julien attento: nell'articolo si parla di Trieste come città friulana... si rischia grosso eh! :wink: :-D


julien
naufrago
naufrago
Messaggi: 52
Iscritto il: dom 16 dic 2007, 23:47

Messaggio da julien »

E vero, non è credibile !


Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: mar 3 mar 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA »

Innanzitutto buonanotte Julien, ma mi puoi spiegare perché ce l'hai tanto con Trieste?
Ho letto tutti i tuoi post, ma non riesco a capire la tua posizione nei confronti di Trieste: se ti sembra così "facile" vivere a Trieste piuttosto che da un'altra parte, perché non ci vai a vivere?
Sembra, secondo le tue opinioni, che tutto sia "agevolato" a Trieste, anche se più di un utente ti ha spiegato (qualcuno anche diverse volte) che non è come pensi tu?
Guarda, io sono pensionata, anche se ancora relativamente giovane, a causa di grossi problemi di salute e, se non fosse perchè mio marito lavora ancora, ma soprattutto perchè le case in affitto a Trieste sono molto, ma molto costose, ti assicuro che avrei fatto ritorno alla mia natia e amatassima Trieste già da molto tempo.
Che il "Friuli Venezia Giulia" sia una regione a Statuto speciale è vero e che Trieste faccia parte della Giulia anche, ma a quanto mi risulta da parenti che ho ancora lì, non mi sembra sia molto meno dispendioso viverci piuttosto che da altre parti.

Ciau, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sab 10 mag 2008, 21:03
Località: T.L.T.

Messaggio da serlilian »

L'offshore riguarda grandi società che investiranno all'estero.
A Trieste avranno un piccolo ufficio, con uno o due impiegati precari e i guadagni, esentasse, non resteranno di certo a Trieste.
Dire che Trieste è un paradiso fiscale, sarebbe come dire che tutti quelli che lavorano a Montecarlo sono miliardari!


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

serlilian ha scritto:L'offshore riguarda grandi società che investiranno all'estero.
!
ma dopo averne parlato vent'anni fa, ne hanno poi realizzata qualcuna???? qualcuno mi può citare dei nomi?

io trovo questa citazione, in un'intervista al sindaco da parte del gruppo di Beppe Grillo
http://www.gruppobeppegrillo.it/trieste ... piazza.php
parla il sindaco di Trieste:

vi ricordate l'Off Shore? Abbiamo parlato per 7 anni dell'off shore, che si parlava di nulla! Cioè l'off shore finanziario, vi ricordate? Che Trieste. questa era la nostra città! Perché una parte della politica (da una parte o dall'altra non cambia nulla), parlava di progetti che non sono mai, mai stati realizzati!

e attenzione! che come offshore a volte si parla di gare di motoscafi ( tenute nel golfo di Trieste) e altre volte invece di impianti in alto mare, come il possibile rigassificatore in mezzo al mare, offshore anche lui e proposto anche quello nel nostro golfo


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
julien
naufrago
naufrago
Messaggi: 52
Iscritto il: dom 16 dic 2007, 23:47

Messaggio da julien »

"Les femmes préfèrent la brutalité à l'ironie. Le brutal se met nettement dans son tort à leur égard ; l'ironiste les met en méfiance vis-à-vis d'elles-mêmes et cela ne pardonne pas." (Henri de Régnier)


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

julien ha scritto:"Les femmes préfèrent la brutalité à l'ironie. Le brutal se met nettement dans son tort à leur égard ; l'ironiste les met en méfiance vis-à-vis d'elles-mêmes et cela ne pardonne pas." (Henri de Régnier)
affirmation faite par un homme :-D :-D :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Franco 50
naufrago
naufrago
Messaggi: 70
Iscritto il: ven 28 set 2012, 14:12

Re: Trieste paradiso fiscale

Messaggio da Franco 50 »

Ciao agli amici del forum,
tra i tanti argomenti interessanti del forum trovo anche questo. Trieste non è certamente un paradiso fiscale. Forse lo è per gli Sloveni e Croati che portano i loro risparmi nelle ns banche con interessi privilegiati.
La ns città è stata spogliata, se esisterebbero botti capienti ci avrebbero portato via anche il mare, ma si sono accontentati di portarci via il porto, o per dirla diversamente le linee marittime. Possiamo elencare: Cantieri navali, Dreher, raffineria, Stock, Buton, vetrobel e molte altre realtà produttive che tradotto significano molti posti di lavoro persi. E la serie negativa continua, negozi aperti sino a ieri, oggi sono chiusi, drammi per i commercianti. La disoccupazione è alta specialmente tra i giovani che non vedono il futuro davanti a loro. Questo non è certo paradiso fiscale.
I politici di una volta riuscivano a far arrivare qualcosa a Trieste, un esempio: La benzina agevolata, anche se a conti fatti per lo stato era conveniente. Incassava solo un po' meno fisco, ma incassava. Ora invece l'Europa ha detto basta, è necessario tagliare, basta con questi paradisi fiscali !
Qualche anno fa, quando il Sig. Illy era sindaco, fu ospite della trasmissione Uno Mattina, e in quell'occasione decantò Trieste come se fosse il fiore all'occhiello tra le città italiane. Io rimasi di stucco, eravamo già spogliati di tutto...
Forse cento anni fa si poteva dire che Trieste era un paradiso fiscale, nel senso che si viveva bene, i nostri predecessori hanno vissuto quel periodo agiatamente, meglio che altrove.
Il nostro porto (porto vecchio) era classificato terzo in Europa per importanza e i traffici portuali erano rigogliosi. A quei tempi, i porti di Venezia, Genova e altri al confronto, si può dire che erano il porticciolo di Barcola. Trieste è stata città immediata a Vienna.
Quali sono le ragioni del decadimento della nostra città ?
Nel 1985, quindi immediatamente dopo l'emanazione della legge di riforma sui porti, il governo Austriaco chiese ufficialmente l'utilizzo e la gestione del porto vecchio
col chiaro intento di creare nuove infrastrutture e utilizzare personale portuale triestino. Le pagine del ns giornale, sempre attento alle novità, quella volta riportarono solo un trafiletto, dicendo che Roma rifiutò. Ma invece per Trieste non sarebbe stato meglio accettare ? In fondo era la nostra vecchia scuola... Oltre 500 anni di convivenza... O forse qualcuno temeva che il porto di Trieste ritorni ad essere potente come una volta. Lo strapotere delle altre grandi città portuali, con politici più forti.
Questo sarebbe un bel argomento.
Franco 50


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Trieste paradiso fiscale

Messaggio da babatriestina »

Franco 50 ha scritto: Nel 1985, quindi immediatamente dopo l'emanazione della legge di riforma sui porti, il governo Austriaco chiese ufficialmente l'utilizzo e la gestione del porto vecchio
col chiaro intento di creare nuove infrastrutture e utilizzare personale portuale triestino. Le pagine del ns giornale, sempre attento alle novità, quella volta riportarono solo un trafiletto, dicendo che Roma rifiutò. Ma invece per Trieste non sarebbe stato meglio accettare ? In fondo era la nostra vecchia scuola... Oltre 500 anni di convivenza... O forse qualcuno temeva che il porto di Trieste ritorni ad essere potente come una volta. Lo strapotere delle altre grandi città portuali, con politici più forti.
,Mi piacerebbe saperne di più su questa proposta... e in che forma venne avanzata: perchè "Roma" rifiutò? Roma chi? il Governo? il Parlamento? ma non si trattava di una concessione di competenza dell'Autorità Portuale locale? e perchè L'Austria chiedeva una concessione in Porto Vecchio e non nel Porto Nuovo, quello dove attraccano le navi grandi?
sai dirmi di più? io non ricordo nulla a riguardo. Dove posso trovare informazioni più dettagliate?

500 anni di convivenza ma 200 anni di porto , fino a che Carlo VI e Maria Teresa non furono costretti dalle circostanze a fare una politica adriatica.. non ho mai capito chi ci perderebbe con una Trieste ricca, visto che le tasse le riscuoterebbe lo Stato italiano.. c'è invece a me sembra in Italia una politica piuttosto tirrenocentrica.. ho sempre temuto le velleità di "potenza", portano assai spesso a conflitti in cui alla fine ci perdono tutti, Prima guerra mondiale docet.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Franco 50
naufrago
naufrago
Messaggi: 70
Iscritto il: ven 28 set 2012, 14:12

Re: Trieste paradiso fiscale

Messaggio da Franco 50 »

Ciao, non sono in grado di fornirti info precise, io avevo letto la notizia sul giornale.
In riferimento alla quinta domanda ti dico che qui non si decide nulla, comunque per questi "affari internazionali" c'è il ministro, questo lo sappiamo tutti. L'Austria chiese il porto vecchio in quanto già in decadenza. Non ho idea dove si potrebbero trovare info più dettagliate, forse qualche movimento cittadino a favore del porto vecchio, io non ho nulla a che fare con la politica,non lo so.
Per quanto riguarda la storia, a me risulta che per il ns porto solo gli ultimi 200 anni sono stati proprio folgoranti,prima si vivacchiava...e Carlo sesto e sua figlia vollero agevolare il porto di Trieste con una legge (ancora in vigore) che prevede la produzione,trasformazione,immagazzinaggio delle merci,estero per estero in esenzione doganale.
Anche il porto di Fiume è stato agevolato molto...Questi cambiamenti forti avvennero dal 1719 circa in poi. Altre cose si possono argomentare solo al bar davanti a un calice bianco...
Franco 50


Torna a “Section française”