Porto vecchio futuro

Cosa volemo per la cità  dei nostri fioi?
Proposte e discusioni su quel che i sta fazendo e quel che volesimo sia fato
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina »

Grazie, me pareva de ricordar sti 5.. dove i xe, in particolar dove xe e quando grande xe el Punto Franco Industriale? Chi sfrutta e quali punti, principalmente?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

No xe facile trovar le risposte. Credo che una caratteristica de la zona franca sia quela de eser recintada e con varchi in modo che te paghi el dazio e no te fazi contrabando. Za nel 1900 el baron Economo el se ga meso a comprar tereni ne la valle de Zaule e a bonificarli perchè i iera paludosi e con avanzi de saline e a cominciar a scavar el canal navigabile, per insediar i novi stabilimenti industriali austroungarici triestini. Quindi el crea una impresa privata " Associazione fondi di Zaule", ma che saria stada poi molto probabilmente inglobada nella gestion portuale, e quindi goder de le agevolazioni doganali. Anche soto l'italia se ga continuà a acquistar tereni e le robe se ga strasinà dal 1929 in cui vien costituida la " Società anonima della zona industriale del porto di Trieste ", fin al 1942. Quindi ghe xe l'impegno governativo nel promuoverla, e a causa de la crisi economica se riva fin al 1940 quando se riprendi el lavor de scavo del canal navigabile. El Governo militare alleato del TLT continua anche lu darse de far e nel 1949 el detta le regole de gestion dell' "Ente del porto industriale di Zaule" che el cambia denominazion in "Ente porto industriale di Trieste" estendendoghe tuti i benefici fiscali che vigeva in tutti i comuni sotto aministrazion americana della zona A del TLT . Xe la diretiva n° 104 che definisi le linee de intervento e de svilupo e fiscali dell' Ente , che credo mi nol podeva eser ancora fato diventar franco cioè extradoganale, in quanto nol iera sta scrito nel tratato de pace. Pur tuttavia el ga continuà a goder anche soto l'Italia con la lege n°163 del 1969 de le sue prerogative e che lo rinomina ne la denominazion atuale de EZIT. Po xe viniude altre legi a regolarlo in armonia con l'entrata nella UE.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina »

ma insoma per capirse: la zona industrial Zaule, Noghere, etc xe anche punto franco? o solo che un a parte? perchè le ditte che no xe in Punto Franco no se trasferissi oltre la linea doganal? o viceversa, che vantaggio le gavessi - e noi de ribatin- se i estendessi la zona franca ale ditte.. penso cussì la prima che me vien, pasta Zara..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

L'Ezit no xe zona franca cioè no la xe extradoganale. E pasta Zara o Illy se ga insedià nell'EZIT perchè ghe xe delle convenienze o agevolazioni che no ghe xe se i gavesi verto in altre zone industriali italiche , e i preferisi verzer fabriche all'estero che produr in porto franco a Trieste che xe za come eser fora de la UE. Evidentemente all'interno de la zona franca esisti dei impedimenti burocratici italici e normativi che no esisti all'estero. Cioè come che disemo in altro post i imprendori preferisi andar altrove a far investimenti.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina »

alora se concludi che EZIT xe meo che punto franco,dal punto de vista del vantaggio ale imprese? come che sta le robe? ma alora el Punto franco industriale dove xe? e chi ghe xe dentro?
premetto che mi no go cultura giuridica, quindi domando un poco in stile "cosa dirà la gente".D'altrocanto, per capir, bisgna far cussì...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

Sarò ciompo, ma nianche mi go riva a capir dove che xe sto porto franco industrial. Me iera viniù in mente che podeva eserghe sta dopo gli inizi asburgici una sudivision che riguardasi più l'insediamento industriale. Cusì el porto petroli che dal molo zero del vecio, se ga spostà ai depositi esso e che dopo xe sta da in concesion a la società dell'oleodotto. Cusì podesi eser sta per le Spremiture de oio de Gaslini o le pilature e i mulini tute concesioni ma dentro la zona franca e esterne al porto novo. Ma chi ne sa de più ne conti.


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4445
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Ciancele »

Mi go el problema de mancar de Trieste e de no saver gnente. Zerchè ‘lora de tentar de capir qualcosa de quel che scrivo legendo con un criel (setaccio).
Qua i conta de quei che fa trapa in casa. La machineta ga un sigilo e bisogna star ‘tenti de no spander (esagerare) col nero. E tuto funziona. Anca co’la testa e la coda, che no devi contar. Insoma con un poco de bona volontà se fa tuto.
Quel che fa quei che fa trapa podaria far anca Zara o altri. Me par. Bisogna tignir registri e tuto quel che se registra bisogna anca pagar. Sul termine sdoganar bisogna distinguer. Sdoganar saria operazioni doganali di definitva importazione, di nazionalizzazione. Ma sdoganar vol dir qualche volta anca operazioni doganali in genere. Insoma anca quele de temporanea importazion o de esportazion. Dipendi dei documenti che se presenta. Se un chilo de farina te dà un chilo e mezo de pasta, un million de tonelate de farina devi dar un milion e mezo de tonelate de pasta. E no solo un quintal. E cusì con tuto. El nostro SPMC disi sempre che xe solo question de matematica. Nel caso nostro diria solo de aritmetica.
Se no se pol far, xe qualchedun che fa el m... Diciamo bastian contrario.
Ma no xe solo problemi de dogana, ma anche de costi. Questi xe problemi pasegeri. Che pol durar anca un mucio de tempo, ma i pasa. Sempre qua, se conta dei polachi che andava a lavorar nela RDT. Dopo xe stati i ucraini, rumeni a andar in Polonia a lavorar. Ogi xe caligo veder qual paese che ga costi basi e esporta disocupazion. Resta forsi el cosideto terzo mondo. Xe una dita tedesca, che fa straze (maglieria in genere) e lavora solo in Germania. I disi che, par i motivi che go dito, col tempo no ghe convien andar via, che in fondo xe meio restar qua, tanto dopo qualche ano anca in quel altro paese i costi aumenta. Tignimo alora duro e tuto pasa.
I gnochi fa far auto, o altra roba, in altri paesi. Personal tecnico xe gnoco. Cusì xe sta in Inghiltera, cusì xe inte la republica ceca e anca in Cina. Cusì fa anca i giaponesi. I operai xe però del paese e par quel i lasa, e i xe contenti, che vegni gente de fora a portar soldi e lavor. Solo soldi xe poco. Se la Cina meti anca el personal, xe come che disi Piereto. Se vendi el paese.
Cambiar adeso el euro con la moneda de prima xe caligo. Ciolemo par conto mio la lira. Se l’euro val de novo 2000 lire no ga servì a gnente. L’incontrario andaria ben: 2000 euro = 1 lira. Se no, gavesimo la stesa inflazion. La lira iera sempre basa e el cambio in euro ga portà de sicuro meno soldi in giro. Ma in Germania la coda de rospo, che prima del cambio costava circa 40/60 marchi, adeso costa 40/60 euro. Insoma un cambio 1:1. Solo che le paghe no xe ancora 1:1. Gavaremo sempre paesi indove che le paghe xe base, parchè anca la vita costa meno, ma a ‘sti paesi ghe manca la tecnica e la roba che i vendi xe sì bona ma in diversi casi no pol far concorenza a altra roba. Sempre qua i diseva dopo la riunion del 1989 iera una dita de l’est che fazeva machine che te podevi asfaltar strade, ma no lucidar palcheti. Le costava anca de meno e le durava una vita. Ma chi che ga palcheti no crompa ‘ste machine. ‘lora bisogna ‘ver anca machine par palcheti. Tecnica alta, costo alto. Vedi sopra.
In zerti paesi i ciol gente e i ghe disi: Senteve e inventè qualcosa. Cosa dovemo inventar? Quel che volè, basta che inventè. Altri paesi no ga tanti soldi. O forsi no ga la gente aposita. In Italia, e anca in Germania, xe scampada gente che in altri paesi i ga fato la bomba atomica e tante altre robe. Adeso xe altri tempi e la gente no scampa più. Adeso i va a l’estero parchè se guadagna de più soldi. Soto soto xe quasi la stesa roba. I più bravi va via.
No se pol confrontar l’Europa con l’America. L’Europa xe Babele, con tante lingue, tanti modi de veder e tante monede diverse. L’euro no ga fato tuti compagni. Ciolemo come esempio i spagheti. Spagheti se magna in tuti i paesi, solo che in qualche paese una volta al mese, in altri paesi do volte al giorno. In Italia i costa meno de un euro, in Germania quasi tre al chilo. In Germania saria tuti contenti de pagar prezi italiani (fileto de manzo da 35 a 60 euro, manzo giaponese coi masagi più o meno zento euro) e paghe tedesche: un operaio almeno 1500 euro. Ve imaginè el talian co’le paghe taliane pagar prezi tedeschi? Nel 1970 gavevo ‘sai de far co’ l’America e coi dolari. I americani gaveva svalutà el dolaro rispeto al marco. El dolaro xe pasà da 4,20 a 3 marchi. Un mucio de gente che vendeva ai americani xe ‘ndada a tirar i disocupai. Chi che gaveva soldi crompava roba Americana o andava in America in gita. Par via del cambio i soldai americani no gaveva più schei per andar in bar o a babe. I me ga dito che questo xe caligo solo pai altri, parchè in America i se ne frega. Difati, come che disi me par anca Piereto, i ga stampà soldi col rodolo de carta de condoto, ma chi che gaveva dolari ga perso un mucio de soldi. Ga durà diversi ani. I americani ga un mercato interno che ghe basta, i me ga contà, e par quel no i ga bisogno dei altri. Anca l’Europa gavaria un mercato interno, ma no funziona come in America. O forsi no ancora?
Scusè se go misià un poco el futuro de Trieste con le fosche nubi. Ma forsi no xe misià, ma vero. :( :(
Steme ben.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

Ciancele scrivi : " Cambiar adeso el euro con la moneda de prima xe caligo. Ciolemo par conto mio la lira. Se l’euro val de novo 2000 lire no ga servì a gnente. L’incontrario andaria ben: 2000 euro = 1 lira. Se no, gavesimo la stesa inflazion. La lira iera sempre basa e el cambio in euro ga portà de sicuro meno soldi in giro. Ma in Germania la coda de rospo, che prima del cambio costava circa 40/60 marchi, adeso costa 40/60 euro. Insoma un cambio 1:1. Solo che le paghe no xe ancora 1:1. "
Santa verità dita da Ciancele. Anche de noi, dopo un per de ani e co la nova moneda, mile lire xe diventà un euro. Solo che per mille lire de paga i me gà da 50 centesimi. Semo diventai tuti più poveri, e i continua a dir che no xe vero. El nostro potere de acquisto se ga dimezà. Son sempre più convinto che con tasse, giustizia ,sanità e esercito uguale in tuti i paesi dell'unione diventasimo de novo el centro del mondo e se rivasi a risparmiar.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina »

sotoscrivo. Xe chi che ga guadagnado col euro, c hi che ga messo prezzi 1 euro mile lire. E chi che li ga acetai li ga aiutai... e adesso semo tuti più poveri e i botegheri che alzava i prezzi pianzi che no i ga chi che compra. Anche mi digo, per cominciar tasse e po el resto uniforme in europa.. per el esercito no sarà un problema economico, ma de imagine de potenza nel mondo


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4445
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Ciancele »

Ala television gavemo gente che in talk show e cabaret i ciol in giro i politici. I conta i sbagli che i fa e tuti bati le man. E i ridi. Mi credo che ridi de più i politici e i pensa: Ridè, ridè, poveri moni. Ride bene chi ride ultimo.
La loro indennità è l’unico salario ad essere 1:1 rispetto alla moneta. Qualche volta si teme che la moneta di prima sia per essi un euro e mezzo di adesso.
Si parla di trattamento, quindi si devono trattare. E si trattano.
Bene.


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4445
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Ciancele »

Piereto ha scritto: Ciancele scrivi : " Cambiar adeso el euro con la moneda de prima xe caligo. Ciolemo par conto mio la lira. Se l’euro val de novo 2000 lire no ga servì a gnente. L’incontrario andaria ben: 2000 euro = 1 lira. Se no, gavesimo la stesa inflazion. La lira iera sempre basa e el cambio in euro ga portà de sicuro meno soldi in giro. Ma in Germania la coda de rospo, che prima del cambio costava circa 40/60 marchi, adeso costa 40/60 euro. Insoma un cambio 1:1. Solo che le paghe no xe ancora 1:1. "
Santa verità dita da Ciancele. Anche de noi, dopo un per de ani e co la nova moneda, mile lire xe diventà un euro. Solo che per mille lire de paga i me gà da 50 centesimi. Semo diventai tuti più poveri, e i continua a dir che no xe vero. El nostro potere de acquisto se ga dimezà. Son sempre più convinto che con tasse, giustizia ,sanità e esercito uguale in tuti i paesi dell'unione diventasimo de novo el centro del mondo e se rivasi a risparmiar.
Mi no credo che sia tanto facile far in Europa tuto uguale. Trope lingue, trope nazionalità e modi de veder. Se pol forsi, ma dura. In America ghe ga volesto circa zento ani. Dove che no capiso xe a cosa che servi un esercito. Ma xe normale che con una potenza come San Marino l’Italia gabi paura de un’invasion. Par difenderse ghe vol un esercito. Forsi qualche paese della CE speta che tuti sia sensa esercito e po el vien lu e conquista tuta l’Europa. In do e do quatro.
No se pol scartar che qualche paese grando voli diventar ancora più grando e se i altri no ga esercito, el ga più facile. Ma cosa el fa dopo aver conquistà? Se ‘sto paese xe grando, basteria l’esercito dei picoli a difenderse? Se nolegia qualche mercenario? Se paga par vignir difesi? No so parchè, ma go l’impresion che stemo za pagando par vignir difesi. Gavemo una nazione amica.
Quel che me fa rider, rider par modo de dir, xe la paura dela Rusia. La Rusia ga sempre ‘vu paura de paesi più pici. Esempio: Finlandia, Polonia. Adeso Ucraina. I rusi gavarà sentì che i pici tira piade intai schinchi e che anca i pici, anzi specialmente i pici, i xe teribili. Ciapar piade intai schinchi fa diol. Par quel ghe vol l’esercito. E i soldai costa.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina »

babatriestina ha scritto:Grazie, me pareva de ricordar sti 5.. dove i xe, in particolar dove xe e quando grande xe el Punto Franco Industriale? Chi sfrutta e quali punti, principalmente?
forsi go trovado... Paolo Rovis nel suo blog riporta el Piano regolator del Porto del 1957 , che in assenza de modifiche el disi che xe ancvora vigente (http://paolorovis.blogspot.it/2014/12/i ... -1957.html) e el punto franco industrial dovessi esser el Canal navigabile, me par che i ciamo adesso quel:
H) Porto Industriale, della superficie complessiva di 1.340.000 m2. L’escavo del Canale Industriale (900 x 200 m) è iniziato nel 1937. La colmata nord è ancora in fase di assestamento nel 1957 ed è in corso un progetto per arginare il refluimento del materiale fangoso verso il Canale e ripristinare così il fondale previsto di 12 m. Le industrie insediate sono 47 nel 1957 e faranno capo per i trasporti marittimi alle opere portuali ancora da realizzare lungo le sponde del canale.
interessante questa osservazion ancora del 1957:
Il traffico del PFV costituisce il 15-20% del totale (merci pregiate e di piccolo volume) a causa delle limitazioni presenti per navi di grande stazza. Il traffico del PFN e bacini contigui costituisce l’80-85% del totale, ed è composto dalle materie grezze di massa, destinate alle industrie locali e dell’entroterra.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

Ciancele ga scrito : a cosa che servi un esercito comune?. Finora no se lo gà doprà ,ma el servi, se te decidi de difenderte no solo co le parole da i mati ( no so e no voio definirli altrimenti), che te spara o i se fa saltar per aria. Comunque tornando al porto vecio, iera proprio ogi scrito sul tagblatter locale, che gavemo palazi come quel de le ferovie, la intendenza de finanza, e el Kalister in vendita za de ani e che nisun compra ....e digo mi , la stesa fine farà la caserma de via roseti e tuto el porto vecio, el grande afar del secolo de sta giunta comunal. Ristruturar costa sai, e me ricordo che anche per el tergesteo, che xe sta comprà e messo a posto da un fondo de investimento american, xe sta crodighe per rivar a rientrar de le some spese, e no iera ancora la crisi. Ricordo anche come xe stadi tempi longhi per el palazo de la Arigoni ristruturà de Anton Veneta e adeso finalmente in man de le Generali. Gavemo tropi contenitori de una epoca che fu, una epoca che se podeva permeter ste costruzioni, e ogi che semo in braghe de tela, tuti vol far soldi vendendo i gioielli. Forsi a palazo cheba dopo aver aumnetà tute le tase locali, noi se ga ancora inacorto de che aria che tira a Trieste.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

Legio sul Picolo che per el de profundis del porto vecio i gà deciso che ocori una società apposita (mi digo ocio e crose una ventina de impiegati) che la durerà 2 ani (promese de mariner) per vender l'area ai privati senza che ghe posi eser el dubio de mazete o altro. Diseme se no semo di fronte al solito clientelismo. Un ente aposito che noi pagheremo e chi sà che paghe. Ristruturar un magazin de 5 piani e trasformarlo in abitazioni burocrazia permettendo , xe indubiamnete più facile che otenir l'autorizzazion a convertirlo in un magazin a un pian solo per uso portuale. Xe questa la ragion dell'immobilizzo dell'area del porto vecio e el suo non utilizzo soto tute le autorità potuali. . No se rivava più a farlo funzionar modernamente perchè le regole e le procedure del stato italian xe le stese anche per una zona franca. Basta vedere che l'Adria terminal dentro el porto vecio che gà anche un magazin a un pian solo el funziona benissimo. Voio ricordar in questo de profundis anche le colpe de le ferovie che gà taià el colegamento co Trieste centrale meno de 50 metri de binario e la chiusura del scalo de barcola per el smistamento dei carri.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

Ogi i ne gà sbandierà per radio la grande iniziativa del sindaco nostran de mostrarghe a tuti i sindaci de la regione e anche a quei de fora stato, se i voleva vinir a trieste, le potenzialità de sta areea ex portuale. Cioè el voleva inzinganarli a far chi sa quala propaganda per investimenti. Per inciso sta area ex demaniale no xe ancora comunal perchè xe qualche impedimento a iscriverla in catasto. ( Tralaso el regolamento del TLT e i ricorsi bla bla ). Chisà forsi a palazo cheba i se gà inacorto de che grosa bala al pie che sta area rappresenta. Spese de milioni per la urbanizzazion, la disinfestazion, e altri milioni per render abitabili i magazini, diria decine de milioni de euro. Le elezioni xe vizine e con sta aquisizion nisun fa bela figura. Stemo ziti e no ghe disemo niente a le Ferovie perchè i podesi benisimo vender l'area tra la stazion centrale pasegeri e el porto che una volta serviva per el riordino e a far i convogli merci del porto. Una area enorme anche questa, ma libera da vincoli edilizi e quindi molto più appetibile. Vivemo in un periodo de crisi, in primis del sistema italia che no reggi col resto del'europa, e quindi no atira nisun investitor. Mi tiro fora i bori per costruir se so che i apartamenti li vendo a chi che vignirà a lavorar a Trieste ne le nove attività terziarie e artigianali che se lumerà in porto. Ma chi xe quel......eme che tira fora schei in sti momenti. Quali atività? Perchè un austriaco o un bavarese dovesi venir qua , quando che el xe za andà a piantar attività a Koper dove che per otenir permesi basta diese giorni. La svendita del porto xe una pura operazion secondo la moda de Renzi.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

In atesa de veder quante tasse che i ne aumenterà per render agibile ( Rete eletrica, fognaria, asfaltatura) el novo rion del porto vecio, perchè me sa che coi ciari de luna che gavemo nisun investi nel maton, ve meto una bela foto fata ieri de come ancora ogi le navi abellisi el porto vecio, e poderà farlo per almeno altri 20 fin tanto che no cesà la concesion. .
adria terminal in porto vecio..jpg
adria terminal in porto vecio..jpg (64.94 KiB) Visto 2354 volte
Come se pol veder sto grande piazal funziona perchè el magazin drio el xe e un pian solo , mentre la zona retrostante ghe xe i magazini veci e svodi a più piani, che no interessa più nisun spedizionier . Anche le fabriche moderne se sviluppa sempre solo su de un pian.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

Se vedi che xe cominciada la campagna per la elezion del sindaco perchè ogi sul picolo se incensa el lavor fato da Cosolini e company circa el ritorno del porto vecchio in seno a Trieste, e la volata gà comincià con la visita de Franceschini ministro dei beni culturali. Xe proprio vero che el 2015 passerà alla storia non solo per el giubileo de Roma strordinario in ogni senso (caput mundi , ma anche Kaput), per la carica dei profughi che no xe 101, e per le panzane sparade dai nostri governanti. Ve risparmio el taio de le tasse el 16 dicembre. Nei piani del governo nazionale ghe xe el rilancio turistico del porto vecio. Parole de Franceschini. No saria proprio niente da comentar pecà che tuto el bronzo profuso nelle faccie de ste persone nol sia adoprabile. :lol:


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina »

mi preferiria el rilancio del porto novo e che i se decidi a finir la piattaforma logistica, che se no co la sarà finida la sarà za obsoleta.No che no me dispiasi che i meti a posto el porto vecio..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto »

Legevo ogi che Santin, la cui statua qualchidun ga dito stasi meio sul monte grisa che non alla radice del molo IV, parlando con el gaulaiter Reiner el ga salvà el porto vecio. El porto iera sta minà dai gnochi. Beh col senno di poi e con tutti i se e i ma, se i lo gavesi minà e distrutto i capannoni, el saria sta pronto all'avvento dell'era dei container che gaveva comincià i timidi apprrocci nei anni 30 del secolo scorso, e ogi el saria funzionante come el novo. Ma la storia xe andada in altro modo.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina »

ma i gaveva minado el Porto Vecio o el Porto Novo?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Trieste, el futuro”