Porto vecchio futuro

Cosa volemo per la cità  dei nostri fioi?
Proposte e discusioni su quel che i sta fazendo e quel che volesimo sia fato
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » lunedì 8 ottobre 2012, 19:06

sono piccolo ma crescero ha scritto:]Che vantaggi si avrebbero nell'ipotesi di un'esportazione extracomunitaria del prodotto finito rispetto all'installazione di un frantoio in Marocco o in Tunisia direttamente
qua direi che non ci siano dubbi, che ci sarebbe lavoro per i triestini - che volessero lavorare in un frantoio locale. Sicuro anche per i coltivatori di olive locali. Però... i coltivatori di olive non le coltivano in Punto Franco, ma nell'Unione Europea. Pertanto l'Unione Europea potrebbe metterci un dazio per farle arrivare in Punto franco, se fosse extraeuropeo. Se invece fosse punto franco ma entro i confini della E, non potrebbe.. almeno a lume di naso.
Ovviamente l'imprenditore che delocalizzasse in Marocco o Tunisia pagherebbe lavoratori marocchini e tunisini a prezzi marocchini e tunisini e non europei.. e se invece avesse il frantoio qua, avrebbe tutto il vantaggio a comprare le olive marocchine e tunisine, che hanno prezzi molto diversi dalle olive nostrane. Potrebbe comprare olive nostrane, farne olio di qualità e con l'agevolazione dei dazi rivenderlo come olio di qualità.. a chi? fuori CE, senza dazi.. ma le regole CE proteggono gli agricoltori locali ( per esempio Parovel di Dolina) contro un olio che venisse fatto dalle medesime olive ma che costerebbe molto meno , se li vendessero entrambi a Trieste. Parovel potrebbe spostare i suoi frantoi in Punto Franco.. ma il Punto Franco potrebbe forse andare da Parovel...
altro non riesco ad immaginare , ma sono certa che i Soloni del Porto Franco ti sapranno spiegare...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1965
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » lunedì 8 ottobre 2012, 19:25

Premetto che anche mi non son un esperto,ma trovo utile e no futile discuter per sciarirse le idee ,pochete. Un dato de cui se dovesi tenir comunque conto xe che inzona franca no dovesi valer el sistema fiscale patrio,e quindi anche el costo del lavoro che incidi in maniera rilevante. Parlemo de robe ufo perchè nisun ga mai legiferà sull'argomento. Comunque se se rivasi a portar a un terzo i oneri sociali che grava ogi sul costo del lavoro, credo podesimo eser competitivi. Quindi nel caso A,spacar le olive marochine in porto ,el costo de la manodopera marochina xe senz'altro più baso,ma in porto podesimo aver machinari novi e tecnologicamente più avanzai. El caso B saria za interesante sia esportando in europa che fora perchè gavesimo i oneri sociali minori.Perchè se devi considerar che quel che ogi convien produr in romania o in polonia tra qualche ano no sarà più conveniente perchè el costo de la vita aumenterà anche da lori,mentre noi continueremo a versar meno trattenute. Quel che manca xe el caso C. E cioè una fabrica de manifature in portro che assembla prodoti semifiniti extra UE e che esporta extra UE. Nell'analisi de spmc manca una zona de esportazion che xe el ricco mondo arabo,e che xe un mercato a noi vizin ,dove per altro va una bona feta de prodoti UE. E xe forsi anche per questo che sta zona franca no i la vol sfrutar.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » lunedì 8 ottobre 2012, 20:07

"costo del lavoro più basso...oneri sociali minori.." ma po sti lavoratori ciapassi la pension? che diritti i gavessi? chi ghe pagassi la malatia o el ricovero a Cattinara che no xe un Punto franco? el imprenditor sicuro ghe sparagnassi, ma chi anderia a lavorar senza garanzie?
mi no go fantasia,ma provo a pensar al caso C: cossa compra i arabi? mi li vedevo in Svizzera nele gioiellerie... comprar diamanti in Sudafrica far gioielli- eco, tipo Oppenheim, e vendergheli... abbigliamento? comprando coton egizian o turco e seda cinese e creando fabbriche de abbigliamento? o compremo legname in Africa, paia no so dove e ospitemo i furlani dele sedie? :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » martedì 9 ottobre 2012, 8:34

Ancora roba che volessi capir meio...
parlemo de queste ipotesi de zone franche come se fossi una roba ancora de far.. ma i punti franchi in Porto i ghe xe za!
i xe stati recepidi dopo la prima guerra, riconfermai del trattato de pase, confermai de l'accordo de Londra, confermai del trattato de Osimo, e.. difatti per entrar nei Punti franchi ocori gaver permessi.. eco, perchè visto che i xe za no i pullula de ste attività che ne vien presentade come un glorioso futuro? co se domanda, riva due risposte:
1 iera za, e i porta sempre e solo un esempio: la Lucky Shoes in Portovecio durante el GMA. Quela e basta. Tute le altre ditte che iera ( e xe ancora) in porto Vecio iera carigo e scarigo de bestie vive ( de macello), merci che andava e vegniva ma nissuna trasformazion in zona portual, o no i me ga contado?
2 i me disi che ocori un Regolamento che no i ga mai portado a termine in 60 anni ( :shock: e i se inacorzi solo adesso?? )

Secondo:
che vantaggi e svantaggi ghe xe se questi punti franchi xe considerai comunque entro la CE ( perchè l'interpretazion dela lege italiana xe che i xe comunque in territorio italian) o come che sostien quei altri, fora dela CE ? no decido chi che ga ragion, perchè no son esperta in diritto internazional. Me domando comunque: se i benefici dei Punti Franchi del Porto de Trieste i ghe xe anche se la zona agevolada doganal xe in Italia, perchè i fa tuto sto scandal per farla riconosser extracomunitaria? vantaggi speciali aggiuntivi? altri obiettivi più importanti che el stesso vantaggio doganal? mi ai idealisti che se movi solo che per rispettar una legge de cui per 60 anni qua no se ga inacorto nissun no ghe credo... 8)

Terzo: se i benefici de sti Punti Franchi xe per industrie de trasformazion ( magari estero per estero) :
1 perchè no le pullula de queste industrie?
2 perchè no convegnissi spostarli nele zone indove che le industrie le ghe xe za? ( presempio in zona industrial. cussì cossa so, Pasta Zara podessi lavorar a costi più bassi e vender a dazi agevoladi)? perchè qualchedun se opponi ferocemente a questo?

Ultima considerazion, i trasporti, la bestia nera de Trieste: mar, rotaia, gomma.

1 Mar: Trieste come porto se go ben capido agiva comprando e vendendo per mar, nel Settecento, quando che i altri trasporti de terra iera più longhi e bigolosi. Xe cambiadi i tempi dei velieri e dele maone, adesso o se metemo a comprar per mar e rivender per mar e alora: come se trasporta le merci? i container va solo che in Porto Novo Molo VII e là ghe xe un sacco de roba de migliorar.. e solo che là ghe xe i famosi fondai de 18 metri per le supercontainer, in porto Vecio i fondai riva max 12 metri e xe previsti solo che per le rinfuse

2 rotaia: gavemo una curiosa situazion a Trieste: due stazioni feroviarie, colegade de una circonvallazion feroviaria merci- e in caso de necessità, passeggeri- al posto del trenin dele Rive, ma pochi colegamenti merci...la Stazion Central xe tacada del Punto Franco Vecio ma no vedo atuali colegamenti, anzi la zona feroviaria i me disi che xe un ottimo santuario per nidificazon de usei.. la Stazion de Campo Marzio xe ormai museo e el colegamento merci no go capido se passa per le vece linee de Rozzol o passa per la circonvallazion e po per la central

3 gomma i TIR no passa per el Punto Franco Vecio, perchè de una parte i saria blocai dela cità ( Rive, Barcola) - ogi tanto qualchedun difatti ghe passa- ve ricordè el TIR ribaltado dela bora in Riva? e quindi la sola roba saria meter tuto in container o meter i TIr stessi su rotaia e portarli cola Circonvalazion feroviaria a Campo Marzio, de dove che xe la Grande Viabilità. A meno che no i riesumi el progetto del Tubon... e po se intasa tuto sula A4..

Correggeme se go dito robe no giuste e provè a risponder ai mii dubbi o diseme se no i ve xe vegnudi anche a voi..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1965
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » martedì 9 ottobre 2012, 18:56

Disemo che in 60 ani no se ga da corso a nisun regolamento su come crear e far aplicar o migliorar o potenziar i poteri che dovesi aver l'autorità portuale sempre in riferimento alla extradoganalità .Credo che no esisti nisun regime fiscale o normativo o che riguarda gli oneri sociali che potenzi le attrattive de investimento da parte de privati italiani o esteri dei lavoratori de questa zona franca. Dito questo me par che in questi 60 ani nisun xe andà a smover le aque a Roma, e Roma se gà guardà ben de crear una fiscalità a favor del porto franco triestin. Credo che el governo centrale ga creado anche una regione speciale autonoma anche per questo problema ,lavandose le man savendo ben che i triestini saria sta in minoranza. Le industrie no pullula all'interno dei punti franchi perchè se te ga de meter un tubo te devi farlo tramite acega,se te buti zo un magazin te devi aver el permeso de altri ,e cusi per costruir ,procedure che magari richiedi l'intervento de decine de enti,tute robe che no aiuta gli investimenti. Me par che la situazion italiana sia simile a quela triestina,nisun investi perchè esisti restrizioni che in altri paesi europei no xe. Quando i ga fato l ' EZIT,molte industrie se ga insedià perche esisteva anche delle agevolazioni fiscali,che no so se xe ancora ogi. Certamente la zona franca gavesi podesto aumentar de superficie,ma xe una scelta de Roma. Non esisti la volontà politica de Trieste de smover le aque,ma esisti la volontà romana de no far niente. Ricapitolando gavemo magazini veci che no se pol ristruturar ,xe meio andar a monfalcon dove te meti subito su un novo capanon su una area vergine. e per far rivar le navi che porta rinfusei i te slongà l'unica banchina col pescaggio de 10 metri.(pescagio che xe za in porto vecio). El porto vecio atualmente nol xe colegà feroviariamente perchè el smistamento dei cari che se podeva far a barcola no funziona più, (i ga asfalta la strada sora i binari per andar al magazin 26 cioè i collegamenti xe interrotti),cioè no se forma treni merci in stazion centrale,come 30 ani fa. Itreni podesi andar via dal porto novo pasando anche per rozol e rivar a opcina ,ma no esisti nisuna curva che tira drito per aurisina,cusì alora se fa la galeria de circonvalazion e se esci soto greta e se riva al bivio de aurisina. Anche i problemi feroviari triestini xe una altro topic ,ma anche qua no xe volontà del governo centrale tramite RI de tirar fora soldi.La bona notizia de ieri xe che la regione ga deciso de cior in gestion una tratta ferroviaria che riguarda Gemona.,e questo podesi esser l'inizio del subentro regionale rispetto RI su tuto el teritorio regionale.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4138
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Ciancele » sabato 3 novembre 2012, 20:58

Go leto quel che gavè scrito sul porto de Trieste. Purtropo mi son ‘sai poco informà parchè xe de ani che no legio el Picolo o qualche altro giornal su Trieste. Come che ga dito Coce in una sua, Trieste la gavemo solo nel cuor e no sula carta de identità. Anca metendo firme e fazendose soci de no so quante organizazioni, noi a l’estero no podemo cambiar gnente. Legendo i post de questo tema, no poso far meno de pensar che qualchedun confondi la situazion. Qua se parla del futuro COMERCIAL de Trieste e no de quel politico. ‘lora no ocori far propaganda per l’Italia. L’Italia c’entra par modo de dir. Come che ga za dito un altro, solo parchè la xe la parona de Trieste. De l’Italia se parla ‘lora solo in quel che la ga de far con Trieste comerciale. In diversi punti devo però darghe ragion a Baba Triestina (tuti quei che la pensa come mi i ga ragion!). La question dela produzion in punto franco xe la roba più facile de questo mondo. Basta meterse d’acordo co’ la guardia de finanza per i controli. Tignir i libri e no imbroiar. Fata la xe. Per ‘sta roba i ga inventà ani anorum fa la temporanea importazion. La location (tipica espresion del dialeto triestin) no ga nisuna importanza. Anca Bolunz ‘ndaria ben. Chi che trasferisi i stabilimenti dove che le paghe xe base, no ghe interesa dela gente. L’unico interese xe pagar poco. Se cominciasimo a farse pensieri, fusimo santi. Anca la question dele protezioni e dei dazi xe relativa. Altro xe la qualità. Le dite che ga fabriche a l’estero i manda propri impiegati per la qualità. No xe ancora quela tedesca, ma la xe più vizin de prima. I conta in sconton che le Skoda xe più meo, più ben fate dele Volkswagen. I conta anca che la machina più bona xe una BMW cola stela dela Mercedes. Per i trasporti xe un poco più caligo (sussistono maggiori difficoltà). La goma: el posto xe un poco strento (limitato) per tanti camion. La rotaia: el smistamento dei vagoni xe una scienza per sé. E ghe vol ‘ver posto. L’unico posto che ‘ndaria ben xe el toco, ‘bastanza grando, de la stazion fina a Barcola. El tempo dei treni con 30/40 vagoni xe pasà. Adeso se ga fina a 100 vagoni, grandi, no quei picoli de 10 o 15 tonelate. Ma la roba de carigar xe de l’altra parte, in porto novo. A Stocarda xe sta rivoluzion parchè i vol far la stazion soteranea. Stocarda xe stazion de testa. Soto tera saria stazion de transito, cioè i treni se ferma, la gente smonta e el treno va avanti. A Trieste, come a Monaco e Francoforte, i treni devi tornar indrio par ‘ndar avanti. Ma a Stocarda i la fa e tra 20 o 30 ani i ghe farà el monumento a quei che ga fato la stazion soto tera. ‘ste robe no se fa per qualche mese ma per el futuro. Parchè a Trieste no se fa robe che servirà tra tanti ani? Par el mar, l’Italia ga Venezia, la Slovenia Capodistria e i croati Fiume. Trieste rompi (disturba). De quela parte non vegnarà nisun aiuto. Anzi. Xe ‘lora inutile ‘ndar a tratar coi vis’cia (sloveni e croati) o a Roma. A Roma se pol ‘ndar a magnar castagne roste, zupa inglese e spagheti coi caparazoli (vongole). Per politica no servi. Mi credo che i disi de ‘ndar a parlar de politica par Trieste, ma soto soto vedi sopra. Go za dito in un altro sito che co’ ’na roba no xe posibile, se fa un’altra. I grandi magazini a l’ingroso de Francoforte i xe soto vincolo del monumento. No se li pol tocar. Bon, adeso xe una granda banca che ghe va. La Giunta o chi che dovaria aver iniziative, eleta dal popolo, inveze che far i interesi de Trieste (no’ i ga giurà de farlo?) i se misia spetando le elezioni, ma i ga poco movimento parchè i devi seguir le diretive de l’alto. E l’alto no vol. Vedi sopra. Piereto parla dela politica dei picoli pasi. Caro Piereto, mi credo che i mati (certe persone) stracapisi. No’ i sa che xe la politica de far subito quel che se pol far subito, per aver un pensier de meno. I credi che sia la politica de far pasi picoli, insoma de no far gnente e tirar par le longhe. Adeso podemo pasar ala politica e domandarse se soto un altro paron Trieste stesimo meo. Per paron intendo tuti i altri, alora anca l’indipendenza. Ogni cità ga posibilità. Basta sfrutarle. Anca Trieste. Un esempio: de Amburgo a Bombay ghe vol ’sai tempo. In Australia xe un viagio. De Trieste a Bombay bastava una volta quatordize o sedize giorni e per l’Australia trenta. Tuta la roba de Amburgo a Tarvisio i la pol mandar col camion e imbarcar a Trieste. I container che riva col camion, se li pol mandar anca col treno. Mi vedo in Germania vagoni e vagoni carighi de container. Solo che i vapori de container che riva nei porti del mar del nord i xe più grandi de quei che podaria ‘rivar a Trieste. Ma a mi poco me importa se el mio container xe un de zento o un de zentomila. A mi me importa ch’el rivi e che no costi ‘sai. Par l’America del sud Trieste xe fora man. Xe meo Genova o Marsiglia o adiritura Barcelona.
Mi la vedo ‘sai nera.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » giovedì 28 febbraio 2013, 18:48

Ultima de pochi minuti fa: Portocittà mola tuto:
http://ilpiccolo.gelocal.it/cronaca/201 ... -1.6614727
ricopio alcuni passi:
Portocittà, la società aggiudicataria della concessione di 70 anni delle aree del Porto vecchio, sbatte la porta e se ne va. Con una nota stampa annuncia che «per fattori non dipendenti dalla propria volontà, si trova costretta a interrompere le attività previste dalla concessione per la riqualificazione del Porto Vecchio di Trieste. Il Consiglio di amministrazione ha informato di ciò, a mezzo lettera, l’Autorità Portuale lo scorso 22 febbraio e annuncia oggi, suo rammarico, che tutelerà gli interessi materiali e reputazionali della società mediante l’avvio di azioni giurisdizionali presso il competente Tar».
«Una decisione difficile e sofferta maturata - spiega la nota - a seguito della presa d'atto dell'impossibilità di proseguire nello sviluppo del progetto a causa del protrarsi del regime di incertezza generale che ha contraddistinto il recupero del Porto Vecchio di Trieste».
«L’azienda - afferma il comunicato di Portocittà - è purtroppo costretta a rilevare che l’incertezza e l’indecisione hanno vanificato gli sforzi profusi da Portocittà per risolvere le innumerevoli complessità di un progetto così importante, articolato e gravoso quale la riqualificazione e il riuso del Porto Vecchio di Trieste».
«Il “no se pol” - è l’ammonimento degli imprenditori di Portocittà - è un fantasma che pare non volersene andare da Trieste».
domani i dettagli sul Piccolo.
Bon, quei che no li voleva sarà contenti e le pantigane del Porto Vecio anche
E se i fa causa, pagherà Pantalon come sempre


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » giovedì 28 febbraio 2013, 19:05

e la conferma del Ansa:
http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/ ... 28417.html
RIESTE, 28 FEB - Portocitta' interrompe le attivita' per la riqualificazione del Porto Vecchio di Trieste. Lo annuncia una nota stampa della societa' di costruttori e banche che ha in concessione l'area demaniale e che puntava a riconvertirla in citta' con investimenti per circa un miliardo di euro. Portocitta' annuncia inoltre che ''tutelera' gli interessi materiali e reputazionali della societa' presso il Tar'' e ha informato della decisione l'Autorita' portuale lo scorso 22 febbraio.
e xe restado 6 giorni sconto.. i fautori del portofranco vecio esulta..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » giovedì 28 febbraio 2013, 19:38

qualchedun gentilmente me ga ricordado questo articolo
http://ricerca.gelocal.it/ilpiccolo/arc ... _STOR.html
xe de 10 anni fa e parla de una battaglia che alora durava de 16 anni. Adesso xe 26 e xe sempre la fiaba de sior Intento..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » venerdì 1 marzo 2013, 14:45

al risposta dela Presidente del ente porto
http://www.triesteallnews.it/index.php/ ... um=twitter

qualche passo..
1.3.2013 | 13.34 - «Apprendo con dispiacere dalla stampa della rinuncia di Portocittà Srl alla concessione in Porto Vecchio. Oggi, alle ore 10, Portocittà Srl era stata convocata per la consegna delle aree come previsto dall'atto concessorio. Ad oggi nessun atto giuridico di rinuncia ufficiale è pervenuto all’Autorità portuale». Comunicato contro comunicato. Dopo l'annuncio di ieri di Portocittà, ecco oggi la replica, con le stesse modalità, della presidente dell'Autorità portuale di Trieste, Marina Monassi. «Abbiamo sgombrato le aree facendo i salti mortali: sono stati svuotati i capannoni, trasferite le imprese, spostati una ventina di rimorchiatori, puliti gli specchi acquei anche dai relitti di barche affondate negli anni. Davvero non so cosa dire...».
Al di là di proclami e marce di cui leggiamo sui giornali - scrive Marina Monassi - vi è un altro concessionario, Greensisam Spa, il cui avvio dei lavori è bloccato perché manca un parere che il Comune di Trieste deve trasmettere da tempo alla Regione Friuli Venezia Giulia. Abbiamo convocato d’urgenza il Comitato portuale per martedì prossimo e, alla presenza della stampa, daremo tutte le informazioni del caso con le copie degli atti».
«Infine, con riferimento alle dichiarazioni apparse sul Piccolo di oggi in merito al Piano Regolatore Portuale preciso che la concessione demaniale delle aree di Porto Vecchio in essere con la Portocittà è stata rilasciata sulla base di un progetto, presentato dal Concessionario, conforme al Piano Regolatore già vigente in Porto Vecchio (variante al PRP approvata nell’anno 2007). Non corrisponde quindi al vero che l’iter del Piano Regolatore del Porto - attualmente in corso di approvazione - abbia rallentato in alcun modo le attività di Portocittà. Il Piano Regolatore dell’intero porto di Trieste è attualmente presso il Ministero dell’Ambiente per lo svolgimento della procedura congiunta di Via – Vas e confido in una positiva conclusione entro il presente anno. Sullo stato dell’iter del Piano regolatore - conclude la Monassi - il Comitato portuale è stato puntualmente informato dal presidente con comunicazioni periodiche (vedi sedute del settembre 2012 e gennaio 2013)».


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1965
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » venerdì 31 maggio 2013, 19:43

Adeso che gavemo......la strada ferata, la boba in pignata mai più mancherà diseva una canzon. Adeso co la Seracchiani torna de novo la voia de far una unica portualità regionale. Sicome che specie adeso la coverta xe curta con la cabina de regia unica regionale i trafici e i pochi soldi romani e regionali venisi "EQUAMNETE SPARTIDI" . Ma se no se riva nianche a farse dar i bori che iera stadi deliberadi dal cipe, e aprovadi dal governo Monti : i 30 milioni per la piattaforma logistica ( legi moloVIII ) Quanti soldi posa trieste in tasse portuali e che ghe va a la region, e quanti portonogaro e monfalcon? No. Sembra inveze la ennesima manovra per eliminar l'autorità portuale triestina in modo de fagocitar el porto vecio (nord) lasado andar in malora da 30 ani perchè no se fa manutenzion (no xe bori) e dove funziona l'adria terminal nonostante el scalo feroviario de barcola sia inservibile,(perchè no se vol far pasar i treni) e co l'asfalto su le rotaie per andar nel magazin museo da viale miramare. La speculazion edilizia xe trasversale a tuti i partiti e nonostante che tuti i costruttori se tiri fora perchè no i ga bori e le banche no scusi un centesimo, se continua a voler crear un novo rion de cui Trieste no senti el bisogno. Savè za che el porto de Trieste xe un porto ferroviario e che intervien tre gestori per portar un vagon da soto la nave fin in centroeuropa. Ma sicome treni italia no ga vagoni nè mezi nè ferovieri, alora i treni merci noi se movi de note. Adriafer porta da la nave a la stazion de campomarzio, nel scalo de campomarzio lavora trenitalia che aplica le sue tarife, e el treno che parti xe proprietà de rail che xe una società austriaca. Quindi non esendoghe el personal per campo marzio se ga serado el scalo de barcola. e el scalo de barcola racogli i vagoni del porto vecio e li mada in trieste centrale.Drio de la stazion paseggeri e del silos xe un bel fascio de binari verso el porto che i xe sempre svodi e che dovesi acoglier i treni merci provenienti dal scalo de barcola e che no parti più dal porto vecio.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » venerdì 31 maggio 2013, 20:26

Dipiazza ga dichiarado ( legio oggi) che xe stada deleteria la decision de meter Adriaterminal in Porto vecio. De quanto la xe là? Co legio i tre porti me vien de pensar Trieste, Venezia e Capodistria e inveze xe Trieste, Monfalcon e Porto Nogaro.. Muia no?
e sta piataforma logistica, xhe xe ani che se strassina, la dovessi eser er el Porto novo. Che cola scusa del Porto Vecio nissun me par insisti per le Porto Novo. Che ga i fondai, le banchine, la ferovia, la superstrada..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4138
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Ciancele » sabato 1 giugno 2013, 19:47

Mi, come tanti de noi che vivemo a l’estero, no so quel che sucedi, o meo quel che no sucedi, a Trieste. E no go nisuna posibilità de dir qualcosa, anca parchè no son a conosenza dei detagli. Noi se maraviliemo solo che in altri paesi, in altre zità, se fa qualcosa e a Trieste no. E che no i me stia contar de Trieste caralcuore. In Italia Trieste rompi (disturba)!! Trieste xe una concorenza par Venezia, par Ancona. E adeso se ga meso anca Capodistria, che fa concorenza anca a Trieste. No servi ‘ndar in altre zità a l’estero a informarse. Anzi, i se informa come guar (buggerare) meo Trieste. A Neviork (New York) gavemo i appartamenti sul fiume, a Parigi la riva gosc, a Amburgo la Speicherstadt (città magazzini nel porto, xe una roba tra museo e casa), a Francoforte i apartamenti sul fiume, dove che iera el porto ovest, i costa un mucio de soldi e quei del porto est una valanga. E no i ga lasà pasar ani e ani prima de far qualche roba, i ga fato relativamente subito. In Francia go visto paeseti al mar con un porton davanti, che servi per ‘ndar drento (ma anca par vignir fora :cheezy_298: ), e un posto barca de l’altra parte, anca con un porton. Vedi sopra. So che no se pol confrontar el mar con un fiume, dove xe una zaia (gran numero) de chiuse. El porto vecio podaria però eser o diventar la Speicherstadt de Trieste o la casa col propio posto barca davanti casa. Sul forum poso leger solo i comenti. E che no se fa gnente.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » sabato 1 giugno 2013, 20:08

Te vedi Ciancele, quel che te disi che in tante cità e anche Londra i veci porti i ga fato apartamenti sul mar par logico, ma qua no, perchè i sospeta sempre che sia i italiani malignazi che vol rovinar la cità, che se iera porto soto el Austria là vol dir che andava bene alora e devi andar ben adesso e i ga non del tutto infondati sospetti che qua intanto i costruttori se fa i bori cole case e po.. chi va a viverghe? e po intanto a Trieste nosepol, no se ga mai fato, soto la Defonta no iera.. 8) e no se pol tocar i masegni, che chissà dove che i li ruba o i li scondi..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1965
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » sabato 1 giugno 2013, 20:39

Cara Baba te me devi spiegar perchè dovesimo privarse de un adriaterminal in porto vecio che funziona e no dopra container trasformando el porto in rion, e regalarghelo a Monfalcon con la benedizion de la Region? Te sa che no se riva a vender i quartieri nel costruendo compleso de case in campo marzio (pagine intiere de publicità e carteloni per strada) e te vol che se vendi posti barca e case fate nel porto vecio ? Te vedi anche ti come che sia dificile afitar locali de afari e come che sera negozi per no parlar del svodo del tergesteo. No semo nostalgici semo realistici.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36489
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » sabato 1 giugno 2013, 21:23

Piereto ha scritto:Cara Baba te me devi spiegar perchè dovesimo privarse de un adriaterminal in porto vecio che funziona e no dopra container trasformando el porto in rion, e regalarghelo a Monfalcon con la benedizion de la Region?
questo te ghe va a domandar a Dipiazza che go citado. Mi personalmente no go mai visto cosa fa Adriaterminal e pertanto no son in grado de giudicar. e no so chi che ga dito de regalarghelo a Monfalcon. Mi son de l'idea che i lavori portuali vadi concentradi in porto Novo, ampliandolo semai.
Piereto ha scritto:Te sa che no se riva a vender i quartieri nel costruendo compleso de case in campo marzio (pagine intiere de publicità e carteloni per strada) e te vol che se vendi posti barca e case fate nel porto vecio ? Te vedi anche ti come che sia dificile afitar locali de afari e come che sera negozi per no parlar del svodo del tergesteo. No semo nostalgici semo realistici.
anche questo te ghe giri a Ciancele che ne ga citado tanti esempi de altre cità. Mi vedo solo che de noi nosepol.
( per tergesteo e locai de afari mi go el idea che i siori triestini e paroni de case de fora xe tropo ben abituai a domandar affitti esosi..i ga fato el possibile per parar fora inquilini privati del centro per pder sparar affitti più alti.. so come che i ga fato nela casa dove che abitavo una volta)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1965
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » domenica 2 giugno 2013, 9:54

Probabilmente el porto vecio xe destinado a diventar un rion de la cità, ma come quando se cambia de casa ,se zerca el novo quartier, el piasi e se lo compra. Se ghe fa le modifiche necessarie, e solo dopo se lasa el vecio quartier. Xe una superficie de zona franca che devi eser spostada de una altra parte. Se la podesi meter a Ferneti che diventasi retroporto. Ghe xe la possibilità de imbunir el spazio tra molo 5° e molo 6° del porto novo, se pol far el molo 8° come previsto e in parte finanzià, tute nuove acquisizioni de zona franca bone per meterghe anche l'adria terminal. Comunque che ghe vol i tempi per far ste robe a parte i soldi, e meter d'acordo diversi sogeti, e solo dopo dismeter el porto vecio. Parlo de sto porto perchè mi ghe abito quasi sora e vedo le navi e i carichi che riva, come che la banchina dell'adria se impinisi. Per l'edilizia saria una boccata de ossigeno meter le man su sta zona, ma come vedemo le vendite de case nove a Trieste xe ferme. Per mi no ghe xe i sogeti che compreria e vedo quanto dificile sia rivar a vender el complesso edilizio de campo marzio. Costruir apartamenti al posto de aree dismesse su la riva con posto barca xe magnifico come che ga dito Ciancele e come che go visto a Oslo, un picio quartier vetro e cemento con ponti e canai come a Venezia. Se fa i conti senza l'oste, e me ricorda tanto Trieste città dell'expo, città della cultura. Anche la Regione volesi meterghe le man e non so quanto a fin de ben per Trieste, ma i porti e le capitanerie dipendi direttamente dallo Stato e le nomine xe ministeriali. E se riva le agevolazioni fiscali previste per le zone franche chisà che i magazini del porto vecio no torni utili.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4138
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Ciancele » domenica 2 giugno 2013, 18:10

Legio i post de Baba Triestina e de Piereto. No ve poso dar torto perché semo amici e saria bruto. Disemo ‘lora che gavemo punti de vista diferenti. Anca qua gavemo case che no se vendi, anca se a Francoforte, capitale finanziaria, vien sempre più gente che ga bisogno de quartieri de una certa categoria. Però le case sul fiume xe za vendude. Vol dir ‘lora che xe gente che no crompa una roba e crompa pintosto una altra, anca se la costa de più. Naturalmente, e qua gavè ragion, bisogna che sia gente che vegni a crompar. Se Trieste no ofri gnente, gente no vien. Gnanca a magnar una luganiga e scampar. :( :(



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da AdlerTS » lunedì 8 luglio 2013, 21:15

I me segnala che sul sito

se trova l'elenco dei ESERCIZI PUBBLICI ABILITATI ALLA RACCOLTA FIRME PER LA RICHIESTA ALL’ONU DEL GOVERNATORE DEL TERRITORIO LIBERO DI TRIESTE

http://triestelibera.org/it/2013/06/dove-firmare/

...e non xe pochi !


Mal no far, paura no gaver.

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1965
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » giovedì 3 luglio 2014, 14:25

La Provincia vol un magazin nel porto vecio, che vecio el xe sta fato diventar, per meterghe dentro el istituto nautico. Ma no iera che i doveva far un polo per le scole nela ex caserma de via Roseti. Xe più facile o conveniente portarghe via un magazin a la autorità portuale che dipendi dal ministero delle infrastrutture e trasporti o una ex caserma ala Difesa ?. Ma ancora me domando del nautico cosa po i farà, apartamenti de vender ?.



Rispondi

Torna a “Trieste, el futuro”