Porto vecchio futuro

Cosa volemo per la cità  dei nostri fioi?
Proposte e discusioni su quel che i sta fazendo e quel che volesimo sia fato
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36472
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » giovedì 3 luglio 2014, 14:48

quela del spostamento dele scole xe una storia assai complicada.. anni anorum che le scole cala o cressi a seconda dela moda dei iscritti e quindi cambia el numero de classi e de aule che ocori. Cussì le scole dismesse vien adibide a sucursali.. go perso el conto dei spostamenti. so cossa che gavevimo de sucursali al Carli ai tempi de piena....
le scole grandi po xe stade fate a suo tempo, parlo dele superiori dove che conosso meio el problema, ma penso che no sia tante diferenze cole alre, e le gaveva altre priorità. Penso tanto per dir ale palestre, quante scole no ga palestre o ga una sola in tuto el edificio, insufficiente?
cussì de anni i disi de riunir o de decentra, de far sti "poli scolastici" .. in via Rossetti geh xe za Petrarca e Galilei che straborda e ga sucursali in giro.. el Da Vinci xe tacado del Oberdan e ga asorbido el Sandrinelli.. el Nautico condividi el edificio col Carli che però nominalmente dipendi del da Vinci ( vol dir che se te ga bisogno del preside o dela segreteria de devi andar suso)... po xe adesso i edifici che meti insieme scole d e livello diferente, elementari con medie, una volta i deiseva oror! la promiscuità dele età diferneti, adesso xe tuto scola del obligo, poli comesecama quei?
insoma, quando i ga fato una scola nova in cità l'ultima volta? el Petrarca e el Galilei nei anni 60? no anche el novo Volta e el novo istituto de arte... anni 70 forsi... intanto i se ga rangiado i ga serado le biblioteche per far i laboratori de informatica, quante ga laboratori de scienze e fisica? quante una biblioteca come che Dio comanda?
nissun se sogna de far novo, e alora i parla de ristruturar quel che xe svodo..
nel ex Nautico se slargassi el Carli-Da Vinci Sandrinelli, ma se pol far el viceversa, lassar el Nautico e spostar le altre...
mi sento parlar de un polo nautico in porto vecio, inclusa la scola... ma so che xe chi che preferissi che tuto resti arremengo come che xe adesso.
A proposito , chi xe andado a veder la nova mostra sula marina de guera in centrale idrodinamica? mi xe giorni che me riprometto e ogni giorno de matina me riva qualcossa, che xe averto solo che de mattina..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » giovedì 3 luglio 2014, 16:30

Ma resterà qualche scola preuniversitaria che ofri una specializazion, o i pensa che xe meio che esisti solo scole omniconprensive rinviando sempre più in là co la età le scelte , che po saria de veder se se pol parlar de scelte opur de oblighi a binario unico. Una volta te andavi a lavorar a far el aprendista a 14, te te diplomavi e te podevi andar a lavorar a 18. Ogi no te xe niente fino ai 30 (laurea breve co la quale no te combini nada po altri do ani, po el master l, la specializazion ,.....e po niente lavor. Sembra sempre più che la scola sia una specie de edificio de parchegio per una umanità che gà le travegole.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » giovedì 3 luglio 2014, 16:31

forsi semo fora tema col porto, ma senza voler semo entradi in una altra cartela.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36472
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » giovedì 3 luglio 2014, 16:51

sì, no so dove taiar e spostar, perchè xe un argomento assai de atualità e che no riguarda apunto più el porto e gnanca el edilizia scolastica.. vedo se trovo un posto giusto...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Franco 50
naufrago
naufrago
Messaggi: 70
Iscritto il: venerdì 28 settembre 2012, 14:12

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Franco 50 » martedì 16 settembre 2014, 13:35

Salve,
parlemo ancora del porto vecio, ma in 'sto caso del pasà. Inveze che rovinarlo con strade interne e altre robe de chebe (diria qualche dun che conosso), i podeva darghelo in gestion all'Austria che lo ga formalmente domandà nel '85. No stemo dimenticarse dela lege speciale "estero per estero".
Ma qualche dun no ga volù darghelo. Son sai curioso de saver se qualche dun de voi indovina al primo colpo.
Chi no ga volù ?
Franco 50



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36472
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » martedì 16 settembre 2014, 14:44

contine de più, che poco me ricordo de sta roba del 85. In che stato el iera nel 85?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » domenica 21 settembre 2014, 17:36

Altra polemica alimentada dal Picolo su la fiera ( un per de giorni de incontri e esposizioni) del cafe in porto ai magazini 26 e 27. Che no se pol, che Bolzonello ( la regione ) no ghe darà un boro perchè no porta benefici a la region ( ma chi sà forsi a trieste si) Che basta la fiera de Udine e quela de Pordenon che le xe specializade , ma forsi el cafe xe un prodoto generico. Cosolin che el se ga acorto che le fiere in periodo de internet le xe superade e che quindi visto che per lu el porto xe off limits el minimo che el disi xe che xe scelte sbagliade. Me piasi sai le crociate del Picolo contro el porto , e quando che anche quel paserà de man cosa el scriverà. Finalmente si costruisce sulle rovine de la passata gestione e avremo nuovi alloggi per il nuovo lavoro che scaturirà dalle riforme, e si potrà aprire una pista ciclabile fin al terapien de barcola.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » venerdì 12 dicembre 2014, 15:43

Continua la corsa alla diligenza dei posti rimasi liberi, causa scadenza de mandato, da parte dei vincitori delle ultime elezioni. Xe mesi che i nè bombarda dalle pagine del Piccolo zercando el pel nel ovo sui veci amministratori e perorar la causa de quei novi cari al partito, come se quei che vignirà podesi far de meio dei veci. Le normative xe sempre quele nel nostro paese, e sarà sempre qualchidun che farà ricorso ai vari Tar, e i tempi per otinir qualche risultato operativo, longhi quel tanto che basta a far scampar i investitori. E po no se devi trascurar la invidia dei porti vicini perchè la coverta xe curta, e alora perchè a lui si , e ami no?. Se parla de una nova lege che dovesi regolar i porti el prosimo ano, sempre che sto governo resti in pie. Comunque xe più probabile che l'agancio del porto a la politica regionale se traduci in un danno per Trieste, perchè bisognasi dar spiegazion a altri porti regionali che xe meio investir su Trieste, mentre la politica del voto preferisi che se distribuisi i fondi a piova. Proprio l'altro giorno i se vantava che la Regione ghe gavesi dà 2 milioni de euro in più al porto, col novo aministrator. Ricordo che 2 milioni xe el costo de rotonde per el trafico e 200 metri de novo marciapie, opur un terzo del costo del rifacimento de la galeria de piaza foraggi. Comunque xe inveze de ogi che Bruxelles ga blocà el investimento privato per allargamento del molo7° e piattaforma logistica perchè la gara de appalto no xe sta fata con sufficente publicità e zo a bater la Monassi . Cioè el rinnovo delle concessioni no xe sta publicizado abbastanza secondo Bruxelles. Ma sicome che la concesion attuale scadi nel 2031 chi saria quel momolo che ogi gavesi concorso per agiudicarse la concesion. Me piasesi saver chi che xe che rema contro. Ghe rasomiglia tanto a la storia de quel povero mato che gaveva la concesion a Barcola e dopo che i ghe ga brusà el bareto i lo ga estromeso, e al devi far le gare per i appalti.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » sabato 20 dicembre 2014, 12:57

Notizia fresca de giornata : el senato gà aprovà la sdemanializzazione del Porto vecio. Volesi dir che l'autorità portuale no pol dispor più de l'area, e el demanio ghe la pasa al comun. Legendo l'articolo de Maranzana (giornalista del Picolo) par de capir che el comun ghe la torna all'autorità portuale ????. Credo che esisterà cioè quele concesioni che durerà ancora per trenta o sesanta ani tipo adriaterminal , ma per le altre zone libere , el comun sceglierà a chi venderghe. Va da se che se prima ghe iera qualche regime agevolato che no gà rivà a interesar imprenditori foresti, a causa del sistema burocratico italian, adeso sarà pezo de prima, gaveremo ufici e case de abitazion svodi ( solo lavori in corso per le imprese de costruzion, una voragine de spese che qualche banca finanzierà). El tono trionfalistico continua co la tiritera che Trieste poderrà eser come Barcelona o Roterdam. Tuto sona purtropo falso perchè Barcelona xe in un mar de debiti a causa de la costruzion de la grande Barcelona e dismision del porto vecio, e forse anche per questo i vol andar via da la Spagna, e Roterdam ga de drio le banche e la volontà de la capitale de investir. Ve vedè Trieste co de drio Roma ? Mi no. E indove metemo tuti i altri pesecani che no vedi l'ora de poder stacar un bocon per Portonogaro ,Monfalcon, Venezia ?. El lato positivo xe che sta area sdemanializada poderà spostarse come estension e regime de governo de l'autority portuale in altre parti del comun o de la provincia, ma forsi la provincia no esisti più. Per esempio l'autoporto de Ferneti, (sarà pupoli nel passaggio dei attuali concessionari e l'autority? ) o l'area retrostante el scalo feroviario de Proseco, opur zone de le noghere o chi sa cosa altro. Me par un futuro più de fantatrieste.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36472
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » sabato 20 dicembre 2014, 16:05

legio anche che in realtà xe aprovado del Senato ma devi ancora passar per la Camera.
Se i sposta la zona franca ( perchè no i la pol cavar ma solo spostar) forsi, per far fabbriche a condizioni doganali agevolade, un posto no necessariamente vizin de l'acqua e inveze vizin de autotrasporti e - speremo- ferrovie podessi anche funzionar meo.. s e ghe fussi la bona volontà..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Nona Picia » domenica 21 dicembre 2014, 9:23

babatriestina ha scritto:. s e ghe fussi la bona volontà..
Che xe proprio quela che manca.....perchè tuti vol arafar e cussì no i combina niente....


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » domenica 21 dicembre 2014, 17:45

Eh la bona volontà, manca sempre la volontà da parte del fisco de ridurse le entrate de le tasse per atuar el porto franco, e diventando el porto vecio area comunal, el sarà apetibile come una qualsiasi area comercial nazionale. Cioè pezo de prima. Gavemo za adeso in cità contenitori publici svodi : salone incanti, palazo carcioti, magazin vini, la caserma de via roseti, e prosimamente l'ex mercato ortofruticolo, ne manca solo adeso i magazini del porto. Mi vedo che per el silos i lavori xe fermi e par che no i vol più far el market e che l'hilton no voli far l'albergo. Ricordo sempre che drio campo marzio xe una costruzion in C.A. che doveva diventar el centro informatico de le ferovie per la movimentazione de le merci, la caserma de la stradale, un centro per l'università e xe pasadi presto 40 ani. Altro esempio l'ospedal militare. Semo convinti che l'università riverà a entraghe ? Trieste continua a eser in recesion ogi, come ieri quando che el resto de l'Italia andava ben. E sicome semo sovradimensionai gavemo anche 650 apartamenti sfiti de l' Ater che xe de ristruturar. E la atuale clase dirigente sa benisimo che bisogna crear posti de lavor per far aumentar la popolazion, no basta i 160000 emigrati de sto ano, e per Trieste no pol eser che solo el porto, come una volta, el volano de sta cità. Tuto el resto xe ciacole o se volè aria fritta.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36472
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » domenica 21 dicembre 2014, 18:13

Piereto ha scritto:Eh la bona volontà, manca sempre la volontà da parte del fisco de ridurse le entrate de le tasse per atuar el porto franco,
me par un pensiero miope ( e no me sorprendi..) perchè se xe vero che calassi le entrate subito, i le riciapassi tassando dopo i cittadini deventai più ricchi... insoma, anche l'Austria no gaveva fato el portofranco per filantropia o perchè i triestini ghe pareva bei e cocoli, ma perchè i saveva che dopo i soldi ghe saria tornai ancora più. E no rivo a capir perchè che adesso no i ghe rivi..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4136
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Ciancele » martedì 23 dicembre 2014, 17:40

A questo riguardo xe stadi scriti za tanti post. E mi go dito anca la mia. A mi me par che el problema sia pintosto la posizion de Trieste. Confin, fora de man. Pol darse che nel 1985 l’Austria gabi ‘vudo interese al porto. L’ocasion xe del tuto sfumada? Ma forsi solo porto no bastava, senza quele famose infrastruture, che saria ferovia, strade. L’Austria no ga mar, ma ga un fiume, più largo de un patoc: el Danubio. Da Roterdam (o Amsterdam) la roba vien zo col batel, e del Mar Nero la vien su col batel. El fiume costa de meno dela rotaia, e se xe roba che va mal, ‘lora goma o ‘rioplan. I camion imbunisi (creano code) autostrade e anca le strade de campagna. Dopo l’85 la Jugoslavia xe sparida xe sparida e gavemo Slovenia, Croazia e Serbia. La Slovenia ga Capodistria, la Croazia Fiume e forsi anca Pola e più in soto Ragusa e Spalato. La Serbia forsi se rangia e la ga el Danubio. L’Italia ga al nord Venezia e de Venezia el treno che va a Udine e Vilaco. Ga Capodistria el racordo per Lubiana? No so. Domando. De Lubiana via Marburgo (Maribor) se riva a Viena e Budapest. Che i ga anca el Danubio. Cosa ga Trieste? Pepi s’ciavo, dirè voi! So che xe bon, anzi ‘sai bon. Ma basta? Suffice?
Tante cità, che nel Medioevo e dopo iera grandi, col tempo le xe diventade paeseti. Chi che no ga gnente de ofrir devi tentar coi turisti. Ma i turisti devi ‘ver bori. E par ‘ver bori bisogna gaver anca lavor. La costa sud del Mediteraneo ofri alberghi a quatro stele de lusso par i stesi soldi che costa in Italia un albergheto. De inverno se svola nei paesi cabibi (o caraibi?). Do setimane per ‘ssai meno de domila euro. Tuto compreso. A Rodi de inverno me par 5 o 600 euro. E no se bati zima (la temperatura è accettabile). Una baba me contava de l’Egito. In febraio! No servi pianzer el morto. Bisogna farse qualche pensierin. Ma bisogna moverse.
Come che go za dito, mi son lontan e no go alba de come che xe in verità. E parchè che xe cusì. Ma forsi le mie prime righe spiega qualcosa.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » mercoledì 24 dicembre 2014, 17:39

Ghe venio in aiuto a Ciancele. Trieste ga e gaveva colegamenti feroviari ( perchè el porto de Trieste xe nato con la ferovia) rete che necesita de eser riamodernada. Esisti uun interporto che ga una ventina de ani a Cervignan, e esendo più orientale rispeto l'ase nord sud italian, el ciapa meno trafici, ma el servi el porto de Trieste. Per adeso el lavora al 40% de le sue posibilità. Co la ferovia ariva in Austria e fino a Villach xe i binari de 100 ani fa, e za quela volta iera una linea de 3 ° categoria per ragi de curvatura e armamento dei binari, perchè la soportava el solo trafico che veniva dal regno de italia. Trieste gaveva altre lineee feroviarie che pasava tute per Lubiana e po un so weiter per Viena o per Salisburgo. Queste linee adeso servi esclusivamente el porto de Capodistria che el xe colegà per farovia con Divacia. El porto de Fiume ga un colegamento feroviario con Zagabria ,ma anche questo el xe vecio e necesita de retifiche e de radopio. , e adeso fiume gaverà anche ela la sua banchina per i container. Vinimo a l'Italia che no vol, o no sa , o no pol, spender per valorizar Trieste. Bastasi solo calar de bruto le tase ne la zona franca portuale e eliminar tute le legi che strozza l'uso moderno del porto (saltar la Sovrintendenza ai beni artistici, i ricorsi al Tar, etc). E no parlo solo de quel vecio, ma anche del novo.
Adeso anche ogi el Picolo ga scrito che la sdemanializazion del porto vecio xe un regalo de nadal per Trieste. Per mi xe una altro bidon. Perchè che la gestion dei 60 ettari che costituisi el porto vecio sia gestidi dall'autority come che xe ancora per poco, o che li gestisi el comun vendendoli ai privati, no cambierà niente. Sti 60 ettari xe tasadi come el resto del paese italia. Xe pezo de prima perchè restando portuali qualche convenienza ghe iera per i investitori. Te voio ricordar che sto ano i se gà da de far per valorizar el porto vecio, e i ga ciamà anche de novo Maersk, e la compania cinese de trasporti maritimi e anche quei de Taiwan per invoiarli a investir. Ma tuti ga dito de no. Mersk ga gestì per un periodo el molo settimo e un giorno qualchidun ghe ga meso una bomba in un ascensor per cui i gà taià la corda. Per quanto riguarda el modo de proceder, co te decidi de far una roba, prima te fa i piani e le mosse per quela attività nova, e solo dopo te tai el vecio. No te sdemanializi disendo che se troverà i 60 ettari da qualche altra parte. Prima te trovi un altro ramo su cui sentarte e no te tai el ramo su cui te son sentà adeso.
El minimo che se pol dir xe che gavemo a che far co dei diletanti.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36472
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » mercoledì 24 dicembre 2014, 18:05

Scusa, Piereto, ciarissime un per de robe:
El porto de Trieste xe nato col porto franco nel setecento,c he le ferovie iera in mente Dei. Co i le ga fate, oviamente le ga servido el porto. Le prime linee passava oviamente per la atual Slovenia alora Carniola e xe quele che dopo el 1918 col spezzettamento del entroterra e con tariffe doganali no più agevolade ma anzi semai aumentade ga ridotto i traffici.
Ma el colegamento verso Vienna per ferrovia xe la Pontebbana, e quela no xe i binari de 100 anni fa, che i li ga anzi cavai, ma la nova Pontebbana che passa per un sacco del gallerie in val Canale.. perchè i la dopri cussì poco xe per mi un mistero, ma volendo se podessi...
Lubiana xe oviamente colegada con Capodistria anche per ferrovia, ovio che la Slovenia coleghi la sua capital col suo unico porto, e anche con parecchi treni con Sesana. Subito oltre confin. Ma no con Opcina, che se podessi benissimo rivalutar e ciamar Trieste Nord...
mi distinguessi porto vecioe porto novo, perchè presempio, salvo imagino la Torre del Lloyd al Porto novo no xe roba vincolada dela Sovraintendenza come le porto vecio.
Fame capir una roba, te disi che i gaveva ciamado la Maersk per el Porto Vecio? ma la Maersk xe la più grande ditta mondial de trasporti maritimi e che mi sapio la usa containers? che in Porto vecio no passa e in porto Novo, molo VII, inveze sì.
contime anche la stroia dela bomba in ascensor, che no savevo. Quando? e se ga savesto de dove che vegniva la bomba? no digo i resposnabili ma almeno el ambito? e perchè cui prodest?
adesso i ga sdemanializzado la parte interna dle porto vecio, perchè el frontemar e le banchine no i pol sdemanializzar, e i parla apunto de spostar la zona franca o vizin del porto novo, che ga el colegamento stradal cola superstrada , o anche, oin parte i disi al autporto de fernetti per goder dei vantaggi doganali dele zone franche che no ga necessariamente de esser sul mar.
dipendi de come chei gestirà, se sarà un ben o un mal, certo che adesso in porto vecio xe catapece e nissun osa meterghe man. Mi volessi che i dopri i bori per rivalutar el porto novo, finir la piattaforma logistica, e sopratuto organizzar i trasporti de e per el porto. Novo, oviamente. Se vanzerà, ben vegni qualcossa al vecio. El ramo su cui i xe sentai adesso, porto vecio, xe un ramo secco a dir poco...No te lo tai, erchè el cascherà de solo, fra poco. I soli contenti xe in arte i ambientalisti, i disi che in quel area abbandonada se ga insediato assai specie de bestie selvadighe perchè no li disturba nissun...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » mercoledì 24 dicembre 2014, 20:14

Te rispondo. Subito dopo Coccau in Austria e fino a Villach el percorso ferroviario xe con raggi de curvature e pendenze de 100 ani fa. Xe come se fosi un colo de imbuto per la velocità. La pontebbana de noi xe stada una grande opera feroviaria. La xe poco doprada per do ragioni. La prima xe che nisun obliga i camion a salir sul treno per andar in altre parti d'Italia come che dovesi far i camion anche al confin de sant'andrea a Gorizia. Cusì no ocoresi terze corsie nove (no gavesimo aumenti de pedagio e tanto inquinamento de meno , e se podesi andar a Venezia senza le colone giornaliere in autostrada. Ma i soci de le autostrade gà più voce in capitolo dei ferovieri. Secondo xe che le merci italiane va sai per el Brenero perchè le va in Germania, mentre nell'est europa sai de meno e comunque la rete ferroviaria dell'est europa la xe ferma a prima de la seconda guera mondial. El porto de Trieste, grazie a Dio, riva ancora a far partir i treni dal porto e no come che voleva qualchidun de formar i convogli a Cervigan. Te sa che ancora un per de ani e el Brenero sia autostradale che feroviario venierà serado perchè el xe al limite sia per capacità sia perchè i marteriali xe ormai vetusti. Se parla de un novo traforo ferroviario più longo de quel del gottardo Chissà cosa che fara i notav? Eco che alora cervignan e la Pontebana assorbirà tuto el trafico per almeno diese ani.
Maersk xe un vettore de container e gà container de proprietà, e navi per trasportarli. Agli inizi maersk ga avudo in gestion el molo VII, ma ghe iera ancora la coperativa portuale e i xe rivadi ai feri curti. ( i diseva che i lavorava poco). Per el fato de la bomba no ricordo ben quando ma se podesi leger sul Picolo de l'epoca. Fato sta che Maersk se ga ciapado su e xe andado via. Son sempre de l'avviso che come prima se se prepara per un viagio e po se parti, cusì prima se parla coi gestori del autoporto de Ferneti e se vedi se i xe d'acordo de diventar retroporto zona franca, e po se sdemanializa el vecio. Voio veder come che i farà a otener el benestar dela Sovrintendenza per trasformar i magazini in ufici e apartamenti. Za per l'ex Lloyd triestino- Italia marittima le intenzioni de Taiwan de far de Trieste el centro per l'europa de la loro atività, xe andado a farse benedir causa i continui diktat de la Sovrintendenza e le lungaggini italiche. Ancora un poco e i mola tuto.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » mercoledì 24 dicembre 2014, 20:36

Penso fazi piaser saver in cosa che consisti i vantagi de la zona franca italiana portuale triestina.

Carico import
Le operazioni di sbarco e trasbordo possono iniziare immediatamente all’arrivo della nave in banchina, senza alcuna ingerenza della dogana. Cio’, indipendentemente dalla natura, dall’origine o dalla destinazione del carico.
Tale principio verrà mantenuto anche a seguito dell’introduzione dei controlli di sicurezza prevista in tutta la Comunità Europea dal 1° gennaio 2011.
Le merci sbarcate nel Porto di Trieste sono considerate merci “in transito” e sono esentate dal pagamento dei diritti doganali e dell’Iva sin tanto che rimangono all’interno del Porto Franco.

Carico export
Le merci in esportazione sono considerate come “uscite dallo stato” (e dalla Comunità Europea) all’atto del loro ingresso in Porto Franco.
Una volta entrate in Porto Franco, le merci possono essere imbarcate senza autorizzazioni specifiche (Vanno comunque ed ovviamente sdoganate prima dell’imbarco).
Iva, dazi e diritti
Per merci importate nella Comunità Europea, il pagamento di Iva e dazi puo’ essere posticipato sino a 6 mesi, con l’applicazione di un tasso di interesse molto limitato e pari al 50% dell’Euribor a 6 mesi.

Diritti Marittimi
Nel Porto Franco di Trieste i diritti marittimi sono calcolati sulla base di una tariffa molto agevolata, pari a circa 1/3 di quella prevista per gli altri Porti italiani.

Magazzinaggio
Le merci terze possono sostare nei magazzini dei concessionari per un tempo indeterminato e senza obbligo di costituzione di garanzie fideiussorie.
Negli altri porti doganali, invece, vige il regime di temporanea custodia che obbliga alla presentazione della dichiarazione doganale entro 45 giorni dall’arrivo delle merci via mare.

Equiparazione di tutte le Bandiere
Tutte le navi che attraccano nel porto Franco sono equiparate a quelle di bandiera Italiana e beneficiano automaticamente del pagamento ridotto dei diritti marittimi



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36472
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da babatriestina » mercoledì 24 dicembre 2014, 21:33

te ne ricordi esattamente quali che xe le zone Punti franchi a Trieste?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio futuro

Messaggio da Piereto » giovedì 25 dicembre 2014, 12:15

Il Porto franco si compone di 5 Punti Franchi:
Punto Franco Vecchio, Punto Franco Nuovo, Punto Franco Scalo Legnami, Punto Franco Oli Minerali e Punto Franco Industriale.



Rispondi

Torna a “Trieste, el futuro”