PIL, su e zo

Cosa volemo per la cità  dei nostri fioi?
Proposte e discusioni su quel che i sta fazendo e quel che volesimo sia fato
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

PIL, su e zo

Messaggio da Piereto »

Savemo che el PIL xe un numero indice che tien conto de come che fluttua la massa de le robe che vien prodotte in un paese, e quindi de come che fluttua la ricchezza , e cioè de quanti e come vien fati i investimenti, de come che se movi quindi i mercati produttivi e finanziari nazionali. Se el segno xe positivo vol dir che l'economia va ben, cioè che le masse de denaro le se movi, le produci lavor e le aumenta de quantità grazie ai investimenti (da cui po nasi le speculazioni, cioè interessi a do zeri). Se parla de lordo quindi vol dir che accanto al netto che saria i guadagni, ghe xe anche la tara e cioè quel che no rendi e cioè tute le spese che servi per mantenir in pie uno Stato. Tuti ogi se sai preocupadi che el PIL no cresi in Italia, sai in Germania perchè la esporta tantissimo cioè la trova compradori, e pocheto in tuto el resto de l'Europa, e i ghe da la colpa all'euro.
Ora, cosa centra Trieste ? Mi credo che Trieste sia un ottimo indicator de PIL locale che el xe stazionario o in calo da decenni. Cioè semo i primi almeno in questo in Europa. :roll: No voio dir che l'Europa farà la nostra fine, ma l'europa xe un continente in cui se gà raggiunto un bon livel de benessere, ricco de infrastrutture e in cui la gente no vol la luna, col calo logico e naturale de le nascite. La popolazion aumenta in prospettiva de risorse, anche de magnadora, per poder espanderse. Voio dir che le risorse planetarie costituisi el limite de svilupo,e anche i spazi abitativi xe un limite. No semo imenotteri senza personalità che vivi in migliaia in un formicaio. Ma chi maneggia i capitali non ambisi a la stazionarietà, ma zerca zone vergini e popoli vergini che se presta a meterse in corsa, zone dove che se posi specular, cioè far soldi fregando el prosimo.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: PIL, su e zo

Messaggio da babatriestina »

Co me occupavo de economia matematica, gavevo letto qualcossa su sto PIL. E ancora me domando in pratica come che i lo calcola cussì ben, in una economia che no sia quela pianificada dei sovietici dei piani quinquennali dove che tuto in teoria iera soto controllo. Me ricordo una battuda de un testo de economia che diseva che se due babe in un condominio inveze che netarse de sole el quartier le andassi a farse le pulizie una in casa de l'altra, fazendo quindi in pratica el stesso lavor, vegnissi fora un lavor de contabilizzar e el PIL aumentassi :-D .
Per questo son un poco perplessa a misurar tuto in base del PIL, che fa assai comodo ala produzion industrial. Ghe xe altri indicatori de benessere de una società.. per no parlar de adesso che legio che i vol calcolar nel PIL ( induttivamente, imagino!) el lavoro nero, el attività ilegali.. :o :shock: cussì el cressi e tuti xe contenti...
ma semo sicuri che sia solo el homo oeconomicus che vadi considerado?
se posso suggerir un economista che me ga assai piasso e che un tantin fora de ste tendenze, xe Amartya Sen. Ga scritto anche libri divulgativi abbastanza comprensibili anche ai non addetti ai lavori.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7783
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: PIL, su e zo

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

E' famoso il discorso sul PIL di Robert Kennedy fatto il 18 marzo 1968, in epoca in cui, in Italia, la quasi totalità di noi non sapeva nemmeno cosa fosse.
Robert Kennedy ha scritto:Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni.

Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow-Jones, nè i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo.

Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.

Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.

Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o l'onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi.

Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.

Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: PIL, su e zo

Messaggio da Piereto »

Bravo spmc a ridordar quanto dito da Robert Kennedy, che forsi i lo ga copado anche per questo ?.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: PIL, su e zo

Messaggio da Piereto »

A proposito de le do babe che se inveze de far le massaie le andava a far le badanti le ne gavesi aiutà col PIL, alora xe vero che per far andar su el pil se devi contegiar tute le ricevute e scontrini non emessi, e quindi i afari de le luciole e delle mafie ( droga, estorsioni, e profughi) e ne faria senz'altro emerger tra i paesi co segno più. Mi me par che la storia de l'altro secolo de Trieste ne insegna de come che i triestini se gabi adatà ai continui rivolgimenti : da una cità prevalente de operai portuali e industriali,a una de impiegati statali e coleti bianchi. Da una cità proietada verso est a una raccolta su se stesa , senza sbochi, e tacada insiema a la furlania. Eco me par che i singoli paesi europei no se rendi ben conto che le singole economie no xe più trainanti in un contesto mondiale. Stemo tuti tacadi a quela tedesca , ma se anca ela no trova più aquirenti e la incontra la concorenza de produzioni de qualità elevata cinese o coreana, alora forsi le Banche se acorzerà che bisogna far qualcosa che no sia el solito spenna clienti. I arabi se vol con tuti i bori chei gà i se fa un bocon de noi. Idem per i Cinesi e se i Rusi volesi i podesi sfrutar molto de più la Siberia.No parlemo po dei americani che col gas novo che i se ritrova i vol molar tuto. Me par che i stia tuti pronti a spetar che l'europa croli soto el crac finanaziario e soto la spinta dell'invasion esterna. E l'elite italica fa la sua parte de sprecona volendo viver sora le posibilità. Go leto sti giorni de come tuti i eserciti europei sia mesi sai mal in quanto a bilancio e eficenza de mezzi.(tuti destina solo qualcosa de più dell1% del loro PIL).


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: PIL, su e zo

Messaggio da Piereto »

Mi xe tanti ani che compro ogni giorni do giornai, un de sinistra e un de destra, e go la pazienza de legerli. Me son fato oramai una idea de come che se vedi la realtà, e diria che la destrra xe più coi pie per tera de una sinistra ideologica. Uno dei limiti della nostra democrazia xe de no rivar a sceglier la classe politica in base alle capacità dei aspiranti. Per esempio ai lavori pubblici dovesi andar un ingegner che gà fato lavori in una impresa e non un avocato.All'economia no dovesi andar un profesor de università, ma un imprenditor. A diriger el porto dovesi andar un spedizionier e a far el sindaco uno psichiatra. :lol: Credo che podemo eser tuti dacordo che el pil de trieste se gà modifica nei ani . Speto de veder le vostre impresioni su dove che va sta cità.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: PIL, su e zo

Messaggio da babatriestina »

ormai destra e sinistra sì, xe do etichette, ma vedo che gente de estrema destra e sinistra critica le destre e sinistre perchè i le trova troppo vizine al altra estremità...
per la classe politica e le scelte dei dirigenti, sì de sempre anche mi, sula base ancora del letture dei dialoghi de Platone dove che se diseva che se se rivolgi a un esperto.. meno che in politica!, disevo che ghe vol un esperto nei singoli campi. I me replicava che i esperti ocorri a livello subito inferior, per applicar in modo giusto le direttive, ma che al vertice ghe vol una vision politica. Forsi col famoso criterio sessantottesco "tutto è politica". No i me ga convinto. Ma se pensemo che gavemo avuto ai vertici del porto a Trieste un medico de anatomia patologica... ve ricordè? Fusaroli...
un articolo a caso.. http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... re-1.21342

per el PIL, oggi qualchedun ricordava che anche el PIL cinese xe altissimo e che la Cina sta superando i USA, ma co se parla inveze de poter de acquisto dei cittadini cinesi.. casca l'asino!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: PIL, su e zo

Messaggio da Piereto »

Per continuar a eser propositivo, me par che in una situazion de calo in tuti i setori no se dovesi butar via bori in ricerche.... fasulle. I media se diverti a parlarte de innovazione, che sona tanto de slogan svodo. Novi metodi de produzione no vol dir altro che calar el numero de adeti, xe sta sempre cusì in tuto el pasato, O te son el primo a lanciar un prodoto novo, cioè te son el batistrada de una moda, o si no te devi seguir la corente dei altri, agravadi da una tara de tase e cartaze e timbri da otenir anche mandolando. Inutile po far piani de svilupo quando manca la materia prima che xe l'interesse de qualchidun avenir a Trieste, no solo a star de casa. Inutile far piani regolatori quando semo in calo demografico. Gavemo un tessuto urbano che va inveze valorizà, no spostando tute le attività economiche e artigianali in periferia che xe la moda de la nostra epoca , perchè altrimenti no te vien più in centro. Se tuti trova comodo andar su e zo dal centro ala periferia per una qualsiasi monada, o da un rion in un altro, no te pol no far postegi rionali e quindi anche in centro. Agevolazioni comunali a chi ristrutura dovesi eser la parola d'ordine. Inutile aver negozi svodi col la parola afittasi. Quindi xe inutile far piani del trafico in mancanza de postegi, i flusi xe sempre quei dovudi all'orografia citadina . Spostarse da una strada ad un altra no cambia. Fa solo confusion in chi che dopra machina e motorin. Far ammuina che par eser la parola d'ordine, no fa creser el PIL.


Torna a “Trieste, el futuro”