Segnai stradai

Logo indove meter i ricordi e le memorie
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7515
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Segnai stradai

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Frugando tra le vecie foto go trovado questa: mia mama e due amici sule rive di fronte ala pescheria

Immagine

La xe del 46 o 47 e me ga fato tenereza veder mia mama con dei sandali bassi e i calzini (i se la pasava bastanza mal in quei anni). La borsa nera de mio papà che fazeva la foto la go ereditada mi un per de anni dopo. Ma la roba che me ga incuriosido de più xe sta el segnal de divieto che xe drio de lori. All'epoca no iera un model standard de segnai; per lo più li fazeva el Touring Club e solo nel 59, col novo codice dela strada gavemo vu dei segnai standard. Me ga colpido el pal, che adeso xe grigio e quela volta iera una serpentina bianca e blu (me li ricordo ancora).

E el cartel cosa vieta? Vieta el transito ai autocari, ai careti sburtai a man e a quei tirai de bestie. Ogi no, sti divieti, propio sule rive no i esisti più.

Immagine


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3501
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Segnai stradai

Messaggio da Elisa »

Altri tempi, altra moda. Anca mi ho usà calzini bianchi con scarpe basse marron e...paletò! Fotografia sempre presente che ancora e sempre causa tenerezza! Sen su la porta de la barca (NAVE) per partir per el Nuovo Mondo (giugno 1950). L' è vera, l' era quei tempi che no se la pasava masa ben, quando la mamma...al spender per vestir la doveva preferir spender per l' imprescindibile magnar. Ma la nota che risalta senza dubbio OGGI è che lì a quei tempi non esisteva certo il biasimato eccesso di obesità attuale! :shock: ;--D


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37225
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Segnai stradai

Messaggio da babatriestina »

fin al avvento delle fibre sintetiche, le calze de donna iera de seda e costava care ( "Un paio di calze di s eta di Vienna", una commedia) e se le se smagliava,cosa facile, se le mandava a rimagliar. Me ricordo de picia mama che fazeva rimagliar anche quele de nailon. iera un negozio in via Muratti se ciamava Vulcano. No so perché nol me iera simpatico, forsi gaverò ficado el naso e e l me gaverà dito qualche scortesia.
E papà contava ch e in gioventù un regalo de un per de calze de seda a una donna iera un regalo fra el osé per el tipo de indumento e el costoso, insoma regalarghe calze de seda a una donna voleva dir spetarse qualcossa in cambio o ringrazia appunto per qualcossa..
se benedisso l a moda dele braghe per donna xe perché no se riscia de gaver le calze smagliade


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3501
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Segnai stradai

Messaggio da Elisa »

Ancora un pochetìn de OT:
Baba scrive:
se benedisso l a moda dele braghe per donna xe perché no se riscia de gaver le calze smagliade
La moda de le braghe per la donna la va ben per sconder via diverse condizión, fóra dale calze! :shock: :cheezy_298:
Ecco che noi le chiamavamo "calze velate"...quando, mi sembra, che non conoscevamo ancora il "nailon"!
Sfoggiate la notte di natale (roba da ragazzine, 1949-50) per andare a messa di mezzanotte....o mamma mia che immaginabile tortura quel freddo ai piedi ghiacciati!


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37225
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Segnai stradai

Messaggio da babatriestina »

anche noi le chiamavamo calze velate ma erano già di nailon. Ricordo una mia compagna di scuola che mi prendeva in giro: a 12 anni mettevamo il primo tacco ( 2 centimetri) e le prime calze, ma anche calzini corti, che reputavamo più eleganti dei calzettoni e così lei mi aveva dedicato il verso "calze velate o calzettini- van sempre bene coi tacchettini" E c'erano le "superdonne" come le chiamavamo che ci dicevano " se non porti le calze velate non puoi uscire con noi"


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Mio nono me contava che ...”