Mio nono

Logo indove meter i ricordi e le memorie
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » venerdì 11 gennaio 2008, 14:30

Go visto solo deso sto topic.

x Lugara: vedo che la pasion pei cavai la xe proprio de famiglia. :wink:
babatriestina ha scritto:con 40 de febre, nudo, i ghe ga fato far tre piani de scale per rivar ala docia freda e disinfezion..
No ocori risalir ala prima guera per episodi del genere. Xe un poco OT, ma co iero militar son sta mal (focolaio de bronco), gavevo 40,4° de febre e vomitavo tuto el giorno. Bon, i me ga fato andar tuto el giorno a esercitazion al poligono (el tenente m**a no credeva che stesi mal), poi la sera go dovudo disfar el leto, consegnar materasi e coverte, far el zaino e poi... i me ga portado in barela in ospedal... dove i pensava che rivasi morto, perché i gaveva capido che gavevo 44° de febre! :shock:


[i]Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera[/i]
[S. Quasimodo]

Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » venerdì 11 gennaio 2008, 16:08

Prima no funzionava e adeso xe vignu fora el mesagio 50 volte (o poco meno)!!! :lol: :lol: :lol:


[i]Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera[/i]
[S. Quasimodo]

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia » venerdì 11 gennaio 2008, 16:12

cussì capiremo meio quel che te xe capitado! :lol: :lol: :lol: :lol:


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » venerdì 11 gennaio 2008, 22:11

Messo a posto :wink:


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7320
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 23 giugno 2009, 20:14

No me ricordo se iera una version de latin o un brano de un'antologia de quando che iero al liceo che contava questa storia edificante, che riporto con le parole mie.
Un faraone volle mettere, al posto dei cavalli, a tirare il suo cocchio i re vinti. Un giorno vide che uno di questi re guardava la ruota del suo cocchio e gli chiese cosa stesse guardando. "Guardo la ruota del tuo cocchio. Come andiamo avanti, la parte che sta in altro finisce nella polvere e quella che sta nella polvere torna in alto. Così è la nostra vita". Il faraone capì l'antifona, tolse i re e rimise i cavalli.
Bastanza vicina ala storia de sto faraon xe quela documentada in ste due foto. Nela prima, del '15 mio nono xe de guardia, a Graz credo, ai prigionieri rusi. Nela seconda, del '18 credo, el xe lui a eser prigioniero a Ascoli Piceno. Eh sì xe proprio vero che la roda gira.

Immagine

Immagine

Se volè cercar mio nono nele due foto ... no xe facile perché in quatro anni el se ga smagrì un poco.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7320
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 24 giugno 2009, 6:55

Ah sì, dimenticavo che mio nono xe quel che nel mio avatar me sta dando de magnar a mi (che saria el mus :-D )



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia » mercoledì 24 giugno 2009, 8:55

Alora pol esser el primo a sinistra de quei che xe cuciai in centro? :lol:


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » mercoledì 24 giugno 2009, 11:32

Podessi esser el secondo a destra, in piedi, nela prima foto e el primo a sinistra, in piedi nela seconda.


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7320
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 24 giugno 2009, 15:18

Quando scrivo, cerco de pesar un poco le parole; no go scrito che el iera pele e osi, ma che el se iera smagrì un poco. Nela prima foto xe el quarto da destra, nela seconda xe quel più in baso de tuti.

Questo xe l'altro mio nono. No lo go mai conosù, ma, secondo mio papà, lui rivava a far centro con qualsiasi roba che se ghe dasi in man per tirar, fusi una piera, una fionda, un vecio s'ciopo a piera focaia che i tegniva sconto in sofita per no pagar el porto d'armi. E infati i lo gaveva fato tirator scelto (cechin, in parole povere) e quei pomoli che ghe pica sula divisa, secondo mio papà, iera el segno distintivo (Serlilian xe pregada de confermar o smentir sta roba, perché mi no me ne intendo).

Immagine

Quel che doveva eser, per lui, un segno de distinzion, un colpo de fortuna insoma, xe sta invece origine de grane per lui. Perché i lo ga meso in un avamposto, solo soleto, a tirarghe ai rusi che cucava fora. Lui però no se la sentiva de tirar, cusì, a sangue fredo, e alora el ga meso un per de mudande bianche sul sc'iopo e el ga disertà. I lo ga meso in camo de concentramento a Vladivostok e el xe tornà a Isola, credo fasendo el giro del mondo (no son sicuro) nel '20. Quando che el ga disertà, i gendarmi xe andai de mia nona per portarla ela e mio papà pena nato, in campo de concentramento; mia nona se xe mesa a pianzer, mio papà, pena nato, anche, e i li ga lasai a Isola.

Sicome el retro dela foto xe bel de veder e ghe xe un disegno de una nave, meto anche el retro, cusì femo contenta Serlilian :wink: e, se ghe interesa, ghe mando sia el davanti che el dedrio dela foto (recto e verso xe el termine preciso in lingua italiana) più in grande e senza scrite.

Immagine



Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » mercoledì 24 giugno 2009, 18:30

Confermo. Quel cordon indica i tiratori scelti. No xe dito che i dovessi esser cechini, solo che i saveva sparar ben.

Belissimo el retro dela foto. Eh, Pola iera el porto militar de l'Austria.


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » mercoledì 24 giugno 2009, 18:32

Per le copie, no ocori che te bazili, grazie.
Xe assai bele, ma no salvo copie, preferisso le cartoline vere. :-)


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Rawa Ruska
ixolan
ixolan
Messaggi: 292
Iscritto il: giovedì 11 dicembre 2008, 18:55

Messaggio da Rawa Ruska » mercoledì 29 luglio 2009, 12:37

Spada e caval podesi far de lui tante robe. El caval me par de tiro, podesi esser un artigliere. Un ingrandimento delle spalle e de la testa?

Rawa Ruska



Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2661
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 18:54
Località: London, UK

Messaggio da macondo » mercoledì 29 luglio 2009, 18:59

sono piccolo ma crescero ha scritto:I lo ga meso in camo de concentramento a Vladivostok e el xe tornà a Isola, credo fasendo el giro del mondo (no son sicuro) nel '20.
Ecco una storia de che credo se sa ben poco. Considerando che anca el nono de rofizal xe stado rimpatriado nela stessa maniera, penso che saria bel aprofondir el argomento. Magari rawa ruska ne pol aiutar...
De quel che so, nel 1919 una comision del governo italian xe andada in Russia per aiutar el rimpatrio dei prigionieri de guera ex-AU che iera nati dale nostre parti. Cussi che li ga ingrumadi tuti a Vladivostok de dove finalmente i xe stadi rimpatriadi per nave nel 1920. El viagio de ritorno iera durado diverse setimane...De piú no so...



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7320
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 29 luglio 2009, 20:57

macondo ha scritto: xe stado rimpatriado nela stessa maniera, penso che saria bel aprofondir el argomento. Magari rawa ruska ne pol aiutar...
De quel che so, nel 1919 una comision del governo italian xe andada in Russia per aiutar el rimpatrio dei prigionieri de guera ex-AU che iera nati dale nostre parti. Cussi che li ga ingrumadi tuti a Vladivostok de dove finalmente i xe stadi rimpatriadi per nave nel 1920. El viagio de ritorno iera durado diverse setimane...De piú no so...
In efeti, so che mio nono xe pasà per Genova e el 1920 poderia eser una bona data per el ritorno, visto che mio papà, che iera del 15, iera sai picio quando el xe tornà, ma no tanto picio de no ricordarse l'episodio. Dela sua prigionia in Rusia el ga portà, secondo mio papà, una canzon, che doveva eser dei prigionieri, che storpiava el ruso e che iera anche nel repertorio del coro dela SAT (cusì femo contenta Elisa):

Oila Maruska, muska moia
cin ciun ciun ciun cian
naki beki naki beki
cin ciun cin ciun cian

Se la xe ricordada mio papà, dopo che el ga sentì quela del coro dela SAT.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36464
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 29 luglio 2009, 21:16

sono piccolo ma crescero ha scritto:. Dela sua prigionia in Rusia el ga portà, secondo mio papà, una canzon, che doveva eser dei prigionieri, che storpiava el ruso e che iera anche nel repertorio del coro dela SAT (cusì femo contenta Elisa):

Oila Maruska, muska moia
cin ciun ciun ciun cian
naki beki naki beki
cin ciun cin ciun cian

.
stessa canzon me contava mia mama, ma ela la la riferiva ai cori dei Cosacchi del Don, che la gaveva sentido in Friul co i iera qua : i stessi cosacchi bianchi, antibolscevichi, che ga combattudo nela seconda guerra a fianco dei fascisti e che po xe stai consegnai a fin guerra credo ai Russi e i ga fatto una gran brutta fin- ma par che no i se gaveva comportado ben gnanca lori- l'armata dei fiumi perduti de Sgorlon e le Illazioni su una sciabola de Magris fa riferimento a lori.

Mia mama fazeva con mi de picia i cosacchi del Don cominciando solennemente con un
Brahmaputra
e mi rispondevo solennemente
Cibùm
po ela continuava
Himalaya
e mi
Cibum
e po la cominciava lentamente el
Cin ciun cin ciùn cià.
po la aumentava el ritmo

Cinciùn cinciuncià

Cinciùn cinciuncià

Cinciùn cinciuncià

e po la tacava velocemente el

Oila Maricka miska moja

( el suo sonava cussì..)
Cinciùn cinciuncià


Mi credevo che fussi una sua fantasia...

per invece i prigionieri dei russi, a parte un fradel de mia nona, che xe stado prigionier dei russi ma no me par che el sia passado per Vladivostok. devo approfondir qualcossa che go trovado nele memorie de un diplomatico italian che ala fin dela guerra iera a Pechin al riguardo.

El passaggio per Vladivostok comunque xe stado fatto anche per altri prigionieri,se no sbaglio anche Masaryk o comunque un dei leader dela futura Cecoslovacchia: al momento dela rivoluzion russa no i ga podudo tornar per el confin russo e i xe tornai de l'altra parte,e ze che i ghe iera i xe passai per l'America, fazendoghe un poco de reclam ale loro nazioni ( oppresse, come che i diseva lori..)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36464
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 30 luglio 2009, 12:55

Allora, mi trovo queste storie nel libro de memorie de Daniele Varè : il diplomatico sorridente, Mondadori, 1941 che ai tempi della prima guerra iera all'ambasciata italiana a Pechino.
Verso la fin della guerra xe arrivai dei ex soldai austroungarici de origine triestina o dalmata, e el fa riferimento a un libro del epoca Gaetano Bazzani Soldati italiani nella Russia in fiamme 1915 -1920.
Fra diserzioni per passar coi russi e catture da parte de Brussilof, par che certi, come italiani de nazionalità, sia stati ciolti dei Russi come connazionali del Italia alleata e comunque messi in un campo de concentramento vizin Kiev. Ala rivoluzion russa, e soprattutto al armistizio, per paura de esser consegnai indrio, i xe stai spedidi con la transiberiana; el conta che i ufficiai, austriaci, xe stai fatti fora e che sti cosiddetti "irredenti" xe arivai in Cina nel gennaio, immagino 1918:
domenica 20 gennaio
E' arrivato un nuovo scaglione di irredenti. eran tutti mezzi ubriachi, per la cretineria della nostra colonia di Tientsin, che distribuì loro delle bottiglie di cognac. In mezzo c'erano tre ufficiali russi, che avevano colto l'occasione per scappare, intrufolandosi fra i nostri.
lunedì 28 gennaio
fasci di telegrammi in arrivo e in partenza con oggetto gl'irredenti, i quali arrivano in gruppi di 180 al giorno.
[..]
giovedì 14 febbraio
E' arrivato il maggiore Manera della Commissione italiana in Russia [.] ventidue giorni in un vagone di quarta classe.
Io ne ho messi 16 a lavorare in giardino, tra questi c'è un giudice del Tribunale di Zara. Abbiamo fatto venire 70 strumenti musicali da Shanghai, ed i musicanti irredenti se li passano l'uno all'altro, sicchè suonano continuamente durante tutte le 24 ore della giornata. [..] Pare che ci sia anche il coro, quasi al completo, dell'Opera di Trieste..

Par che alcuni de questi ga partecipado alla guerra controrivoluzionaria de Siberia contro i bolscevichi al primo dopoguerra, almeno cussì la conta Varè.

altre informazioni su questa pagina
http://www.grandeguerra.ccm.it/scheda_a ... to_id=1253
con al principio una foto de Piazza Stazion
da cui riporto un passo più contemporaneo sulla situazion della prigionia:
LA PRIGIONIA

Una grande quantità di prigionieri giuliani, trentini e di altre nazionalità dell’impero fu, dopo le prime sfortunate campagne militari in Galizia, internata nei campi di prigionia russi. Molti militari appartenevano al reggimento n° 97. Marina Rossi ha ricostruito con attenzione, avvalendosi di fonti soggettive e degli archivi ex sovietici, un quadro generale della prigionia in Russia degli italiani del Litorale (Rossi, 1997).
Brevemente, ricorderemo che i prigionieri erano smistati in diversi punti di transito e di raccolta, talvolta dopo marce estenuanti. Dopodiché venivano divisi per nazionalità, poiché la politica russa mirava a incidere sul sentimento nazionale dei prigionieri di origine slava o provenienti dalle minoranze dell’Impero e ad incrinare, con l’aiuto della propaganda, l’unità multinazionale rappresentata dalla corona degli Asburgo. Dopo la concentrazione a Kiev per ulteriori e più approfonditi controlli aveva luogo la dispersione nei campi o accantonamenti situati nei vari distretti dell’enorme paese.
Il regime di prigionia appare eterogeneo e sembra ricalcare le contraddizioni della realtà russa nella burocrazia, nella vita sociale, nella diversità territoriale. Nei ricordi di certuni esso non appare particolarmente severo, agevolato com’è dal blando lavoro presso i civili, dagli ampi spazi e dalla relativa libertà di movimento. Non mancano resoconti in cui il regime di vita interno ai campi appare drammaticamente difficile, segnato dalle vessazioni, dalla fame, dall’individualismo.
L’impiego in attività lavorative per i soldati semplici era pressoché obbligatorio, nel mantenimento delle infrastrutture o presso le sterminate proprietà agricole e le industrie statali o private. Scarsità d’igiene, malattie infettive, ferite di guerra, deperimento provocarono diversi decessi.


[..]
L DIFFICILE RIENTRO

La sconfitta degli eserciti “bianchi” e dell’interventismo dell’Intesa portò tra 1919 e 1920 al disimpegno e al successivo reimbarco del corpo di spedizione. I soldati giuliani vennero rimpatriati via mare. Alcune storie individuali di coloro che seguirono altri percorsi per il rientro nella Venezia Giulia hanno talvolta del mirabolante: di fatto i protagonisti compirono un vero “giro del mondo”.


VELO D'OBLIO SUI COMBATTENTI DELL'IMPERATORE

Le salme dei caduti in combattimento rimasero disperse nei tanti cimiteri di guerra della Galizia e della Bucovina. Si può facilmente presumere che molte di questi siano stati trascurati o lasciati in abbandono, le tracce in gran parte rimosse.
Nel primo dopoguerra, quando il ricordo era più vivo, la distanza, la trasformazione statuale dell’Europa orientale dopo il conflitto, le difficoltà di comunicazione e burocratiche, l’impossibilità economica per le famiglie non abbienti di affrontare un viaggio così lungo, la ritrosia del regime nel riconoscere il servizio dei giuliani nell’esercito austro-ungarico non consentirono pellegrinaggi privati e associativi sui campi di battaglia e presso i cimiteri.
Una generale rimozione, a fronte della risonanza data in patria al sacrificio dei combattenti del Regno, toccò le vicissitudini dei giuliani (e dei trentini) in Feldgrau, ove non si trattasse di sbrigative e facili ripetizioni del mito dei pomigadori tutta fede italiana. La ricostruzione delle vicende di questo “esercito perduto” trovò soltanto nel 1933 una prima delineazione. Soldati italiani nella Russia in fiamme1914-1920, di Gaetano Bazzani (Trento, 1933), era in realtà un volume attento soprattutto alle traversie dei militari trentini, per di più pesantemente sbilanciato dai riferimenti dell’epoca: il sentimento irredentistico dei prigionieri, il desiderio del rimpatrio in Italia, la partecipazione alla lotta antibolscevica.


OGGI

Una tale ottica è rimasta dominante, attraverso l’opera di tardi epigoni, sino a quando, nel generale mutamento che negli anni Settanta e Ottanta anche a livello locale ha interessato gli studi sulla grande guerra, le opere di Medeot, Ranchi, Rossi ed altri non hanno cominciato a illuminare un più complesso universo di vita militare, bellica e di prigionia dei fanti giuliani sul fronte orientale.
Recentemente, anche il quadro di un’assodata debole capacità bellica dei soldati del Litorale è stato ridimensionato, alla luce di documentazioni provenienti dall’archivio militare austriaco: alla base della leggenda del reggimento “demoghéla” vi sarebbe un errore di valutazione dei comandi austriaci, che avrebbero scambiato da lontano, per rassomiglianza delle mostrine, il reparto giuliano con uno ceco in fase di sbandamento (Querci della Rovere, 1990).
Sta di fatto che, a fronte, l’ingente messe della diaristica, della scrittura popolare, delle memorie emerse negli ultimi decenni chiarisce in maniera ancor più recisa la rapida disaffezione, passati i momenti euforia della partenza per il fronte, verso una guerra per la quale non si trovavano giustificazioni solide o persuasive. Ordini incomprensibili, marce interminabili in territori desolati, azioni senza costrutto, avanzate e ritirate apparentemente prive di obiettivi, giustizia militare inflessibile, perdite sempre più gravi tolsero ben presto ogni entusiasmo.


UN RETROVIA POCO FAVOREVOLE

Nella componente di nazionalità italiana mancavano forti elementi di identità dinastica e fedeltà all’Impero: le lotte nazionali nel Litorale in qualche modo avevano lasciato il segno, se non altro nella mancanza di un convinto riconoscimento dell’essenza unificante della dinastia. Una minoranza cosciente irrobustiva questi sentimenti con una politicizzata vocazione irredentista. Nei giovani di leva di provenienza cittadina facevano talvolta capolino idee pacifiste, antimilitariste ed internazionaliste, nei coscritti più anziani la rassegnazione poco combattiva dei padri di famiglia. In generale, il milieu sociale, soprattutto nel capoluogo giuliano, non era favorevole allo spirito militare.
La guerra fece maturare con molta rapidità questi stati d’animo e queste convinzioni. L’arguzia triestina li seppe condire di ironia e disincanto.


L'ASSENZA DI UNA TRADIZIONE MILITARE

Nel complesso, i soldati giuliani non espressero specifiche o chiare virtù militari, come accadde per i militari dei migliori, tradizionali e più combattivi reggimenti tedeschi, ungheresi e slavi della duplice monarchia. Mancava, se così si può dire, una vera e propria tradizione militare asburgica, imperiale, dinastica. Scarsa era la presenza di una nobiltà di servizio dedita all’avviamento alle armi dei propri membri. In generale, già l’impiego nelle guerre risorgimentali di reparti formati dagli italiani d’Austria era stato poco efficace. La reputazione di essere unità scarsamente battagliere era radicata presso i reparti di altra nazionalità.
Tantopiù, le motivazioni profonde per affrontare la guerra in corso erano flebili. Le fonti dirette ci rimandano l’idea che i combattenti giuliani fecero il loro dovere, né più né meno: senza entusiasmi, la maggior parte senza spiccate attitudini militari, senza desideri di emulazione. Né eroi, né pavidi. Uomini.

[Angelo Visintin]




"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » giovedì 30 luglio 2009, 13:03

A costo de esser ripetitivo, per el rientro dalla Russia xe molto bel el libro "La borsa di cuoio".


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3417
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Messaggio da Elisa » venerdì 31 luglio 2009, 1:48

sono piccolo ma crescero ha scritto: Dela sua prigionia in Rusia el ga portà, secondo mio papà, una canzon, che doveva eser dei prigionieri, che storpiava el ruso e che iera anche nel repertorio del coro dela SAT (cusì femo contenta Elisa):

Oila Maruska, muska moia
cin ciun ciun ciun cian
naki beki naki beki
cin ciun cin ciun cian

Se la xe ricordada mio papà, dopo che el ga sentì quela del coro dela SAT.

Le circostanze di mio papà trentino, soldato austroungarico: poco propenso a raccontare aneddoti e men che meno per parlare di patria, fece ritorno diretto dal fronte in treno ma mai menzionò il percorso, forse perchè mai glielo avevamo chiesto!
Però sì conosceva e gustava quella canzone dal repertorio della SAT
Oilà Maruska, catalogata dalla SAT come “parodia alpina” e familiare anche qui da noi.


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Rawa Ruska
ixolan
ixolan
Messaggi: 292
Iscritto il: giovedì 11 dicembre 2008, 18:55

Messaggio da Rawa Ruska » giovedì 6 agosto 2009, 12:51

La storia del "ritorno" se come quela de sior intento. Solo un primo grupo se rivà ndar via durante la guera, po' se viniù iazo nei porti e dopo, la rivoluzion. Cusì che tanti de quei che gaveva pensà ben de pasar con i i italiani i li ga mandai a combater contro le Guardie Rosse de la rivoluzion e i li ga mandai casa sai dopo de la guera. Un bidon, come. De quei che se rivai in Italia inveze no i se fidava miga... e cusì anche se i voleva andar al fronte no i li cioleva. So de un dei nostri che, una volta in Italia se finì in buso perchè in una osterioa de Torino dopo che nol trovava lavor e nisun lo iutava el se ga meso a parlar ben de l'Austria. Tanti ga aderì in campo, pensando de andar a star meio. Ma tanti anche no, no i se la sentiva de tradir. Altri gaveva paura per le famiglie... Se storie dificili, momenti che no se che se posi ogi giudicar, solo leger le storie e zercar de imparar che m**a che se l'omo. Consiglio i libri de Marina Rossi su de ste storie e anche i diari de prigionia publicai.
Ciao! Rawa Ruska

PS: savè cosa che se Rawa Ruska??



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » giovedì 6 agosto 2009, 20:41

Rawa Ruska ha scritto:PS: savè cosa che se Rawa Ruska??
No xe una cità in Galizia ?


Mal no far, paura no gaver.

Rispondi

Torna a “Mio nono me contava che ...”