I Santi triestini fra storia e leggenda

dela Tergeste medieval fin ala proclamazion del portofranco nel Settecento
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

I Santi triestini fra storia e leggenda

Messaggio da babatriestina » giovedì 6 dicembre 2007, 15:25

No xe facile riassumer la storia dei santi triestini, ma visto che ogni tanto i salta fora, meo far un poco de riassunto, meto qua, anche se oviamente el cristianesimo xe arivado un poco prima del medioevo, in epoca romana, ma i riconoscimenti uficiai xe soprattutto medievali, dopo xe ancora dediche, fin al epoca moderna.
ben bon, par che el cristianesimo sia arivado a Trieste de Aquileia: el vescovo che lo ga promosso dovessi esser s Ermacora, tradizionalmente considerado discepolo de san Marco evangelista, che ga mandado un per de missionari qua: Giacinto, detto san Primo e un diacono Marco o Mario. La tradizion ghe attribuissi el martirio nel 139, sotto Antonio Pio imperator e che le loro reliquie podessi esser a Verona, portade nel 755.
Precisemo che la parola martire in origine vol dir , del grego, testimonio, che i loghi de sepoltura dei martiri gaveva importanza e iera logo de riunion e de venerazion ( molte dele più antiche cese xe dedicade a un martire e contien la tomba o reliquie) e che gaver tanti martiri e tante reliquie iera considerado un merito per una città, un poco come , fazendo una paragon laico, adesso gaver una squadra de balon in serie A.
Molte dele storie de sti martiri xe stade scritte ben dopo dela loro morte e i pol ben gaverghe ricamado sora.
Sempre in quela persecuzion, xe tradizion che sia morto un san Lazzarosacerdote,decapitado el 13 aprile 142 , e el suo corpo sepolto de una matrona Eutropia.
nella stessa persecuzion xe attribuida la morte de san Giasone e Celiano ( celiano= san Cilino?)
Ve li metto come che i xe stai affrescai nela cesa de Montuzza a metà Ottocento
s Ermacora
Immagine
san Primo e san Mario
Immagine
san Lazzaro
Immagine
Le foto xo xe granchè, ma almeno co legemo sti nomi podemo capir la tradizion che li ga fatti conosser.
Me fermo qua, per adesso, po ariveremo ai martiri dela persecuzion de Dioclezian e ai tre martiri più famosi e storicamente più sicuri: san Giusto, san Servolo e san Sergio.
Comenti e zonte ala nostra nova Emigrata, che par che se occupa de ste robe più che mi,
Mi go cominciado a butarla... :-D



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » giovedì 6 dicembre 2007, 21:59

che i loghi de sepoltura dei martiri gaveva importanza e iera logo de riunion e de venerazion
... te ga propio ragion... e infati xe questo el motivo per cui uno dei modi "preferiti" de copar i martiri iera quel de brusarli o de butarli in mar... come San Giusto... in questo modo no ghe iera el ris'cio de lasarghe ai cristiani el corpo de poder venerar...ma San Giusto li ga fregai e xe tornà su... miracolo!



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » giovedì 6 dicembre 2007, 22:09

Un’altra fonte de primaria importanza pel studio dei
culti locali xe el Breviario dell’Archivio Diplomatico.
xe un codice membranaceo datato 1316-1348.
de questo picolo codice savemo che la città venera con un ufficio particolare, oltre a San Giusto il 2 novembre ed a San Servolo il 24 maggio, anche Eufemia e Tecla vergini e martiri sotto Valeriano e Galieno il 17 novembre, S.Apollinare suddiacono vitima dele persecuzioni durante el regno di Antonino Caracalla il 5 dicembre, San Lazzaro diacono martire sub Antonino il 12 aprile, ed i Santi Zenone e Giustina che xe morti martiri sotto el regno di Diocleziano e Massimiano il 13 luglio.
in questo Breviario non ghe xe, i Santi Primo prete e Marco diacono con ottantadue compagni, tra cui un Giasone ed un Celiano decollati il 10 maggio durante el regno de Adriano e San Sergio della coppia Sergio e Bacco decapitato in Oriente il 7 ottobre sotto Massimino Daia.
Questi insoma xe i nostri santi. e anche nei primi statuti dela cità se disi che la cità xe proteta de questi santi.
Xe interesante veder quai che poderia eser veramente santi triestini e quai inveze no...per molti se trata de "culti importati" da verona, ravena, e aquileia...



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » giovedì 6 dicembre 2007, 22:10

ben bon, xe tante le robe che se pol dir sui nostri santi.. son contenta che ghe sia sto topic e devo ringraziar la Baba che lo ga verto...magari vegnerà fora robe interesanti...



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 dicembre 2007, 1:05

emigrata ha scritto:Un’altra fonte de primaria importanza pel studio dei
culti locali xe el Breviario dell’Archivio Diplomatico.
xe un codice membranaceo datato 1316-1348.

Xe interesante veder quai che poderia eser veramente santi triestini e quai inveze no...per molti se trata de "culti importati" da verona, ravena, e aquileia...
ma sto codice, che lo scopro per la prima volta, el xe solo che là o esisti copie disponibili e consultabili liberamente?
seconda domanda: ma prima de sti anni del trecento no ghe xe altri racconti dela morte dei martiri , "passioni" come che i ghe disi?
la seconda tua afermazion xe per mi el più interessante, ma contemo prima un poco dela leggenda.. per i santi Sergio ( e Bacco, che qua xe venerado piutosto nele osterie :wink: ) mi son restata de stucco in Siria, a Maaloula, co i ne ga mostrado l'icona dei loro santi protettori.. e iera lori!! :-D co ghe rivemo, metto la foto! xe là che me xe vegnude tante idee...

per le persecuzioni, dopo gaver letto de recente un per de libri sui cristiani e pagani nel impero romano, devo dir che me ga sfatado un poco el modo come che i me contava, o che capivo mi, de sti cristiani sempre sconti e perseguitai, in realtà se go capido ben, el culto cristian in principio i se ga domandado (epoca de Tiberio) se el iera compatibile o meno col impero, po i ga deciso più no che sì, ma de solito i li lassava bastanza in pase, e anche se saveva liberamente chi che iera cristian. Po vegniva una rogna, una pestilenza, un terremoto, una carestia, e alora se ghe dava la colpa ai cristiani e i fazeva una persecuzion, un poco come i pogrom dei ebrei in europa soprattuto oriental! e cussì vegniva ste persecuzioni, soprattutto no ghe andava che i cristiani no voleva tributarghe onori divini al imperator, quindi no iera boni sudditi. Go forsi semplificado un poco...



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 dicembre 2007, 9:53

sempre per sti primi santi, ecove un per de ingenue cartoline anni 50, distribuide de l'associazion maestri cattolici, con le immagini de fantasia dei santi che gavemo citado sora:
san Giasone e Celiano
Immagine
san Primo e san Marco o Mario diacono
Immagine
san Lazzaro
Immagine
imagino che sapi tuti, ma ricordo che la palma in man xe el simbolo del martirio
( le foto xe una soto de l'altra, che Rofizal no me rugni che ghe slargo la pagina se le meto affiancade :wink: :-D :-D :-D :-D )



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » venerdì 7 dicembre 2007, 12:32

ma sto codice, che lo scopro per la prima volta, el xe solo che là o esisti copie disponibili e consultabili liberamente?
seconda domanda: ma prima de sti anni del trecento no ghe xe altri racconti dela morte dei martiri , "passioni" come che i ghe disi?
purtropo el codice non solo no xe edito ma xe anche bastanza dificile consultarlo. el xe sta a lungo al'archivio diplomatico e deso el devi eser in civica. te pol domandar del cod. R.P.MS 1-22.
Certamente che ghe esisti testi più antiche dela passio...in ispecie parlo de San giusto...ghe xe un pasionario a Verona del 800-830 che la contien, po' un a Viena dela fine del IX secolo e un breviario a Cividal del IX-X in cui xe adiritura duwe volte la Passio... probabilmente perchè el codice cussì come el xe non l'iera in origine ma xe un "Puzzle" de più codici. Questi xe i documenti più antichi per la passio de san giusto... e infati molti studiosi disi che el testo dela pasio xe sta inventà de sana pianta nel 800 o comunque nei ani dela rinascenza carolingia. Tutavia xe molti motivi per creder che nel 800 xe sta copiadi dei testi più antichi, finanche coevi del martirio...
se ve interesa chiarimenti che poderia eser longheti...son a disposizion.
e se me sisè come che se fa a meter le foto... ve mando un poche de foto dei manoscriti.



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » venerdì 7 dicembre 2007, 13:23

la seconda tua afermazion xe per mi el più interessante
te se riferisi al fato che i nostri santi sia per vero triestini... bene alora: xe molto importante capir che la passio de san giusto ne disi specificatamente che el santo xe triestin e che el corpo xe sta rinvenudo sula spiagia al'ora del tramonto. queste coordinate de tempo e luogo del rinvenimento del corpo xe sai sai importanti e xe un dei motivi per cui se ritien che el raconto della passio sia autentico...cioè original del 303 o giù di lì. Quindi San Giusto saria triestin. a suporto de questa teoria xe anche el fato che non xe descrito come vescovo o come persona imortante: se cusì fusi se poderia pensar a un 'invenzion dela cesa locale che ghaveria inventà el martirio de una persona importante...no iera de tuti gaver un vescovo in cità nel 303. inveze no: lui xe un omo normal e ache Sebastiano, che xe quel che trova el corpo e lo sepelisi, xe uno normal.Questo gioga a favor dell'attendibilità del raconto.

l'altro santo su cui xe bele diatribe xe servolo. Dovè saver che in un libro molto importante del V secolo che se ciama Martirologio Geronimiano non compari NESSUN santo istrian nè mai xe nominada l'Istria. Questo ga fato pensar che nel V secolo i teritori no iera cristianizzati... ma per fortuna xe sta fati dei ritrovamenti epigrafici che ga smentì. Bon.
Servolo xe presente nel Martirologio Gerolimiano, accostato a Zoilo alla data del 24 maggio, e per questo xe sta a lungo dito che nianca lui xe triestin (per estension Istrian!).
Però xe un però.... in un altro testo xe scrito che sto Zoilo xè cittadin de Lystris in Licaonia, e in sto secondo testo nol xe acostado a Servolo che no vien più nominado....ma se i fusi stadi copadi insieme e i fusi tuti e due de Lystris i saria insieme anche la? o no?.
Alora forsi el martirologio geronimiano ga fato un eror e ga scrito LYSTRIS invece che HYstria. e forsi servolo xe davero istrian.
No se pol dir con certeza. anche sula sua pasio saria tanto de dir...ma no so se son noiosa!



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » venerdì 7 dicembre 2007, 13:24

me par evidente che go fato casin col QUOTE :lol:



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » venerdì 7 dicembre 2007, 13:28

una picola precisazion....el fata che i testi più antichi che ne ariva riguardo ai nostri santi sia del 800 circa xe dovudo a due robe: la prima xe che la rinascenza carolingia ariva anche da noi,... anche se molto limitatamente un certo influso sui scriti la ga avudo. l'altro motivo xe come conseguenza del Concilio Regionale di Mantova del 827 che riordinò la giurisdizione delle diocesi di Aquileia e Grado. Nel riordino dela diocesi xe ciaro che le cese più picole gaveva interese a darse lustro... e el lustro pasava atraverso el fato de gaver santi importanti e bele reliquie....



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 dicembre 2007, 13:45

emigrata ha scritto:me par evidente che go fato casin col QUOTE :lol:
no problem, i moderatori fa anca i correttori de bozze . Magari, prova col anteprima, che mi fazzo sempre co meto imagini o co quoto robe più complesse.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 dicembre 2007, 13:53

emigrata ha scritto: No se pol dir con certeza. anche sula sua pasio saria tanto de dir...ma no so se son noiosa!
mi trovo che xe interessantissimo, solo andemo pian, con ordine magari cronologico dei santi, che no tuti ghe xe famigliar sta roba. Per come meter le foto, xe una sezion che spiega qua



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 dicembre 2007, 17:56

mi continuo a contarvele come che i le conta in version "ingenua":
S Apollinare:
Infierendo la persecuzione ordinata da Antonino Pio, molti fedeli erano usciti dalla città rifugiandosi nell'aperta cmpagna o nelle grotte del nostro altopiano. li aveva accompagnati il venerando sacerdote Martino assistito da Apollinare che era suddiacono. Morto a causa della tarda età e delle fatiche il pio ministro del Signore, ne continuò la missione apostolica il fedele Apollinare. arrestato, poi, per ordine del prefetto Lucinio e non volendo rinnegare la propria fede, fu variamente ed inutilmente torurato ed infine fu decapitato
morto el 6 dicembre del 151 ( ahi ahi, che el se vedi fregar el primo posto del più famoso san Nicolò!). A san Giusto i ga trovado un'urna attribuida a sepoltura ( immagino però senza reliquie) de sant'Apollinare e che xe nella cappella dei Borboni e anche un'absidina in fondo a destra xe dita de s Apollinare.
A S Apollinare iera dedicado una cesa de un convento dei cappuccini de quei fora porta Cavana, più o meno dove adesso xe piazza Hortis, e che xe stado demolito ale riforme de Giuseppe II. o xe tornai i Cappuccini a metà ottocento, e i ghe ga fato la cesa de Montuzza i la ga de novo dedicada a sto s Apollinare, con una gran pala dedicada al santo sul altar maggior.
Ma... sto s Apollinare xe esistido sul serio? perchè xe facile una confusion con un altro più famoso s Apollinare , primo vescovo de Ravenna, no molto lontan, quel che i ghe ga dedicado appunto a Ravenna le do cese de s Apollinare nuovo e s Apollinare in classe, ben note a chi che ama i mosaici ravennati.



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » venerdì 7 dicembre 2007, 20:45

cara Baba te ca colto nel segno...pareria che apolinare xe priprio quel de Ravena.... e sicome che xe sera e son stanchetta...ve posto un testo ( perdoneme...in italian!) su questo santo.... cussì fazo poca fadiga e ve forniso qualche spunto....

Sant’Apollinare suddiacono, subì il martirio durante il regno di Antonino Caracalla ( 211-217 ) .
Secondo la sua Passio , il prefetto Lucinio, mandato da Roma a Tergeste, lo avrebbe condannato prima alla pena del fuoco e poi a quella della decapitazione.
Il culto di questo Santo a Trieste è attestato dal Breviario Tergestino dell’Archivio Diplomatico , per il giorno 5 dicembre , e nel manoscritto 12.D.5/3 dello stesso archivio datato al sec XVIII, in quanto si tratta della copia che ne da Aldrago de Piccardi, tratta da un manoscritto che a lungo si è creduto perduto del presbitero de Cunigliano, ma di recente ritrovato in un blocchetto di appunti a mano del Kandler . Vi è poi il Breviario dell’Archivio Capitolare, del XV secolo .
Il testo della sua Passio si ritrova anche nel Manoscritto L.22 della Biblioteca Ambrosiana. .
Questo manoscritto, benché non antichissimo, riveste particolare importanza per lo studio delle Passio dei nostri martiri perché le fonti dalle quali attinse il padre servita Andrea Argenteno che lo compilò sembrano essere perdute.
Tuttavia S. Apollinare non è ricordato nei documenti agiografici antichi (martirologi, sacramentari) a quella data.
E’ probabile infatti che si tratti di un culto importato: il Lanzoni lo identifica con S. Apollinare di Ravenna facendo presente che “le due rive dell’Adriatico si scambiarono reliquie dei loro Santi e come la riva occidentale trasformò quelli della sponda orientale in Santi propri, così la riva orientale quelli occidentali”.
Secondo Kandler , una carta del 1288 nomina la contrada di S.Apollinare in contiguità al fossato del Comune verso la città, qui sarebbe sorta una chiesa , nei pressi dell’attuale colle di S.Vito, dove si trovavano terre di proprietà dell’importante famiglia Ranfo.
Questa chiesa fu poi del Monastero di Benedettini detto S.Nicolò d'Oltra, al confine della Diocesi di Trieste .
Dall’absidiola di San Nicolò in cattedrale proviene un sarcofago in calcare d’Aurisina con la scritta s(anctus) Apolinar(is) a caratteri goticheggianti, rinvenuto durante la verificazione delle reliquie del 26 aprile 1624 .
L’iscrizione potrebbe essere stata apposta sul sarcofago attorno al duecento.
L’arca conteneva la testa e parte delle ossa oltre che alcuni brandelli di stoffa.
Sappiamo dal Buttignoni che queste reliquie furono collocate sotto l’altare di San Nicolò nel 1629 dal vescovo Scarlicchio che nell’inumare le reliquie accompagnò ad esse una pergamena che dava memoria della ricognizione del 1624.
Dalla pergamena apprendiamo che il rinvenimento ha messo in luce le reliquie di due soggetti: dallo studio delle ossa Corrain ha potuto riconoscere i resti di un individuo di sesso maschile di età avanzata e quelle di un altro appena adulto di sesso femminile.
Sono state rinvenuti anche due frammenti di cotto forse di epoca romana con inciso sempre in caratteri goticheggianti lo stesso nome con la qualifica di m(artyr) .
Si tratterebbe di due frammenti di tegoloni di epoca romana e di impasto molto buono, appartenuti forse ad una tomba “a cappuccina” ma non c’è dubbio che le iscrizioni risalgano al XIV secolo



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » venerdì 7 dicembre 2007, 20:51

ecco l'iscrizion che xe sul sarcofago de apolinare
Allegati
iscr apollinare su sarcofago.jpg



emigrata
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 4 dicembre 2007, 13:14

Messaggio da emigrata » venerdì 7 dicembre 2007, 21:04

ed eco la passio de servolo nel breviario dela civica RP ms 1-22.
Allegati
R.P ms 1-22 servuli.JPG



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 dicembre 2007, 22:09

Versioni ufficiali dela diocesi le trovè qua
in particolar ghe xe i comenti sula maggior o minor attendibilità dei personaggi.
un altro sito che ghe ne parla xe questo



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » venerdì 7 dicembre 2007, 22:14

babatriestina ha scritto:e i ghe ga fato la cesa de Montuzza i la ga de novo dedicada a sto s Apollinare,
sta settimana i ga fato la Messa a Montuzza per celebrarlo.

Per Emigrata:
non aver paura de annoiarne: anche chi non ga modo de zontar niente, leggi più che volentieri :wink: Indue giorni l'argomento xe stado visto 90 volte...



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36725
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 dicembre 2007, 22:20

AdlerTS ha scritto:
babatriestina ha scritto:e i ghe ga fato la cesa de Montuzza i la ga de novo dedicada a sto s Apollinare,
sta settimana i ga fato la Messa a Montuzza per celebrarlo.
.
difatti, la festa cascassi el 5 o el 6 de dicembre, a seconda dele fonti che legio (per i santi, la data xe el giorno dela morte). Però no savemo se el xe esistido per bon... :-D
del sito uficial dela Diocesi:
Dopo l’ultima ricognizione del 1986, non potendosi con certezza individuare i resti del martire triestino, si decise di non inserirlo con una memoria propria nel calendario diocesano.
Nel dubbio, la diocesi li festeggia uficialmente tuti insieme (che xe xe e chi no xe no xe) el 7 giugno.



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » venerdì 7 dicembre 2007, 22:29

emigrata ha scritto:
che i loghi de sepoltura dei martiri gaveva importanza e iera logo de riunion e de venerazion
... te ga propio ragion... e infati xe questo el motivo per cui uno dei modi "preferiti" de copar i martiri iera quel de brusarli o de butarli in mar... come San Giusto... in questo modo no ghe iera el ris'cio de lasarghe ai cristiani el corpo de poder venerar...ma San Giusto li ga fregai e xe tornà su... miracolo!
De San Giusto parlavimo qua



Rispondi

Torna a “De 'l medio evo a 'l porto franco”