Gli Statuti medievali del Comune di Trieste

dela Tergeste medieval fin ala proclamazion del portofranco nel Settecento
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38339
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Gli Statuti medievali del Comune di Trieste

Messaggio da babatriestina »

nel relativo al periodo successivo c'è il link agli Statuti della città di Trieste come sono stati stampati nel 1727, ma si tratta di una ristampa di quelli del 1550. Si trattava della sesta versione, quella ricomprata dall'imperatore Ferdinando da Venezia, dove si trovava il codice, preso nel 1505 come bottino di guerra, e pertanto chiamata Codice Ferdinandino. L'originale era in latino e venne tradotto in italiano nel 1625 per la prima volta

Però gli Statuti comunali, un elenco -raccolta di codici, norme, leggi, una specie mix fra codice civile, penale, con norme aggiunte, risalgono a ben prima, al momento in cui il Comune acquistò i propri diritti dai Vescovi -conti, quindi alla fine del Duecento.
Si sa che nei primi decenni del Trecento essi vennero raccolti e riordinati e la prima edizione ordinata e trascritta risale al 1350 ad opera di Giovanni Foscari veneziano, ma sembra che ci fossero edizioni del 1313, 1318-19, 1328.. sulla base di studi di Kandler
Una copia del 1318 si trova a Trieste all'Archivio di Stato ed era esposta alla
Idem quella del 1350
idem quella del 1365 di cui ho messo anche una immagine, modesta, della miniatura iniziale
Immagine

Con modifiche, rimasero in vigore fino al 1812, e penso che facessero parte di tutte le franchigie che i vari sovrani del Cinque e Seicento confermavano in occasione delle visite in città, per cui i cittadini li ringraziavano ed innalzavano colonne onorarie.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “De 'l medio evo a 'l porto franco”