Pagina 2 di 2

Re: El teritorio de Trieste tra el XIV secolo e el XVIII sec

Inviato: venerdì 12 dicembre 2014, 13:25
da babatriestina
questa xe la Trieste del Seicento e la go trovada riprodotta al Museo del Mare
Se vedi molto ben le saline, la città chiusa nei muri, el Castel
Immagine

Re:

Inviato: giovedì 21 febbraio 2019, 22:13
da luco813
AdlerTS ha scritto:
venerdì 23 febbraio 2007, 21:56
Go trovado el tempo de far sto disegneto che riassumi de novo el discorso delle mura, nonché del Forte Amarina e el Castel de S. Vito.

In realtà xe un po' forzado perché mostra elementi de epoche diverse, però credo funzioni.
14 secolo e viene raffigurata Strada del Friuli? Mi puzza la cosa.... Forse si tratta di una carta del 18 o 17 secolo? Si può sapere la fonte?
Se la chiamavano Strada Nova per il Friuli dovrebbe sostituire Salita di Contovello....

Re: Re:

Inviato: venerdì 22 febbraio 2019, 7:23
da babatriestina
luco813 ha scritto:
giovedì 21 febbraio 2019, 22:13


14 secolo e viene raffigurata Strada del Friuli? Mi puzza la cosa.... Forse si tratta di una carta del 18 o 17 secolo? Si può sapere la fonte?
Se la chiamavano Strada Nova per il Friuli dovrebbe sostituire Salita di Contovello....
è scritto chiaro che è di De Franceschi da Jacopo Cavalli. sono entrambi autori della seconda metà dell'ottocento che hanno scritto storie di trieste o meglio Cavalli è uno storico e de Franceschi ha fatto disegni per testi di rievocazioni storiche come il meglio noto libro di Caprin sulla Trieste del Trecento. Nel trecento la cartografia era cosa diversa

Re: El teritorio de Trieste tra el XIV secolo e el XVIII secolo

Inviato: domenica 31 marzo 2019, 3:41
da luco813
E come si spiega (strada del Friuli). Ok l'autore.... ma i secoli.. la cartina dovrebbe essere 18 secolo 17 al limite

Re: El teritorio de Trieste tra el XIV secolo e el XVIII secolo

Inviato: domenica 5 maggio 2019, 20:03
da babatriestina
A Caprarola, nella grande rinascimentale Villa Farnese, vi sono saloni affrescati e logge. una comprende pure carte geografiche, simo alla fine del Cinquecento: la sala la chiamano del Mappamondo, ci sono affreschi dedicati a tutte le parti del mondo- meno ovviamente l'oceania - c'è una dedicata all'Italia e c'è pure il nostro territorio:

Immagine

Immagine



osservo che : siamo messi in Istria, c'è la Crovatia, non la Slovenia o Carniola , ma una misteriosa Corbavia e Lussino risulta come Ossero