Attila a Muggia

storie e tradizioni: credibili, incredibili, metropolitane de Trieste e dintorni
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Rispondi
Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lunedì 31 marzo 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Attila a Muggia

Messaggio da Zigolo » giovedì 6 novembre 2008, 20:49

Gaveva de vignir Atila a brusar Muia. I preti – che iera furbi – i ga ciamà la gente e i ghe ga dito: «Bisogna farghe assai feste, altrimenti el ne magna tuti».

Alora, quando che se ga presentà Atila a caval, con tuti i sui guerieri, davanti a la porta de la cità, i muiesani i ghe xe andai incontro con le bandiere, fassendoghe assai feste, portandoghe crostoli, corneti e bussolai.

Atila, vedendo tuta quela gente, el xe restà! E po el ga pensà: «Dove che mi vado tuti i scampa via e qua inveze i me fa tante feste: xe meo che scampo mi!» E cussì el xe andà via.


Fonte: Borgolauro (nuove pagine muggesane) n. 2-3 (1975-76)



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » giovedì 6 novembre 2008, 21:46

Lugara inveze scriveva che:
Lugara ha scritto:"Leggende d’Attila
Quando Aquileia stava per essere abbattuta dalle orde degli Unni, gli uccellini scapparono verso paesi lontani passando sull’Istria. E quando Attila, secondo la leggenda, invase l’Istria, fuggirono gli uccelli anche dai boschi e dai campi istriani. Ecco perché oggi in Istria gli uccelli, tranne i passeri, sono così rari.


Mal no far, paura no gaver.

Capuzi garbi

Re: Attila a Muggia

Messaggio da Capuzi garbi » sabato 15 novembre 2008, 8:04

Zigolo ha scritto:Gaveva de vignir Atila a brusar Muia. I preti – che iera furbi – i ga ciamà la gente e i ghe ga dito: «Bisogna farghe assai feste, altrimenti el ne magna tuti».

Alora, quando che se ga presentà Atila a caval, con tuti i sui guerieri, davanti a la porta de la cità, i muiesani i ghe xe andai incontro con le bandiere, fassendoghe assai feste, portandoghe crostoli, corneti e bussolai.

Atila, vedendo tuta quela gente, el xe restà! E po el ga pensà: «Dove che mi vado tuti i scampa via e qua inveze i me fa tante feste: xe meo che scampo mi!» E cussì el xe andà via.


Fonte: Borgolauro (nuove pagine muggesane) n. 2-3 (1975-76)
Ma sta storia xe piu` o meno vera o la xe solo un..."legenda"?

E per cominciar, Attila jera veramente pasa` dele parti nostre? So che Aquileja no xe tanto lontana, ma istesso....



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 15 novembre 2008, 8:40

che mi sapio. secondo i libri de storia de Trieste, Attila no xe passado qua, e la leggenda forsi vol spiegar perchè el ga lassado perder ( più probabilmente, nol gaveva interessi in un paesetto simile..). Ma el mito de Attila e dei Unni xe sempre forte, e anche adesso el regno de Attila xe considerado uno delle cause principali della caduta del impero roman de occidente (Peter Heather : la caduta dell'impero romano- The fall of the Roman Empire 2005)
La prima vera invasion e occupazion a Trieste me risulta quela dei Longobardi nel 568.
Anche se i recenti studi de storia medieval tendi a no considerar tanto ste invasioni come fratture , ma i sugerissi una sorta de continuità o per lo meno una interazion fra le popolazioni e istituzioni, magari dopo una presa e un saccheggio iniziali.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lunedì 31 marzo 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Messaggio da Zigolo » sabato 15 novembre 2008, 10:17

E inveze Atila xe propio passà, per Muja :shock:

Informeve che sopranome che gaveva quel sindaco che dopo el xe vignudo a far el sindaco un poco più in qua :twisted:



Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » sabato 15 novembre 2008, 22:02

Me par che Legambiente ghe ga dà el premio Attila. O me sbaglio?


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lunedì 31 marzo 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Messaggio da Zigolo » sabato 15 novembre 2008, 22:11

serlilian ha scritto:Me par che Legambiente ghe ga dà el premio Attila. O me sbaglio?
No, Legambiente ga dado a Muggia la bandiera nera co xe passada la Goletta Verde. No me ricordo l'ano, ma no iera più sindaco el nostro Atila, iera el suo sucessor, incredibilmente sai pezo de lui (ma, come si dice, al peggio non c'è mai limite).

El premio Attila iera un'istituzion (no so se xe ancora) del WWF.

Quel che se gà cucà el nostro (meritatamente) iera un puro sopranome, come che se usa a Muja. :twisted:



muiesan
naufrago
naufrago
Messaggi: 54
Iscritto il: martedì 24 ottobre 2006, 1:11
Località: Muia

Messaggio da muiesan » domenica 20 dicembre 2009, 15:49

Mi no go mai savù che Robi, a Muia, i lo ciamava Atila.

Pitosto, mio nono, e anche qualche altro vecio istrian, a quei de Muia i li ciamava Atila.
Perchè, i diseva, che quando Atila xe rivà a Muia el ga trovà done assai bele, alora el ga fato mazzar tuti i omini e dopo, el ga avudo fioi con tute quele done. Cussì i muisani xe tuti discendenti de Atila.
No credo che in giro i ghe volessi assai ben ai miesani.



Giulia Furlan
naufrago
naufrago
Messaggi: 33
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 14:15

Re: Attila a Muggia

Messaggio da Giulia Furlan » mercoledì 30 gennaio 2019, 15:01

Sempre stra interessanti queste storie



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1926
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Attila a Muggia

Messaggio da Piereto » sabato 2 febbraio 2019, 9:07

Si xe vero, sa a Trieste gira una frase nei riguardi de chi che ne sta dirimpeto nel vallone : semo omini o muiesani? Ricordo de tempi lontani, roba de cortel al tempo del confine con la Serenissima Repubblica.



Rispondi

Torna a “Legende dela cità”