Leggende sulla Bora

storie e tradizioni: credibili, incredibili, metropolitane de Trieste e dintorni
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Rispondi
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36490
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Leggende sulla Bora

Messaggio da babatriestina » domenica 6 luglio 2008, 15:13

immagino che ghe ne sarà tante, Rutteri disi che questa xe del XVII secolo, che la Bora xe una vecia striga, che vivi in una caverna del Carso, con una gran piera sul ingresso, con un fio più simpatico che se ciama Borin
Ovviamente i refoli de bora vegniva interpretai come lamenti de anime dannade, suicidi al Boschetto o i lamenti dei condannai impicai sulla forca che iera sul colle de Montuzza, soto el Castel.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Leggende sulla Bora

Messaggio da AdlerTS » martedì 8 luglio 2008, 22:05

babatriestina ha scritto:immagino che ghe ne sarà tante
Mi savevo che el Vento (o Eolo) gaveva una fia, Bora che un giorno allontanandose da casa, in una grotta, la conossi l'umano Tergesteo e la se innamora a prima vista, per tre, cinque, sette giorni d’amore tempestoso.

Quando Vento se accorzi de la scomparsa de Bora, el va a zercarla e la trova nella grotta, dova la trova che la se missia con Tergesteo: el papà se scadena contro de lui, alzandolo de tera e smacandolo contro le paredi della grotta, fino a coparlo.

Bora pianzeva e da ogni lagrima che cascava per terra nasseva una piera.

Odino, mosso a compassion, quindi ghe ordina al Vento de lassar Bora nel posto del loro amor: la Natura ghe concedi a Bora de regnar sul posto della sua disperazion.
El Cielo, ghe consenti inveze de riviver ogni anno i suoi tre, cinque, sette giorni de amor. La Terra, dal sangue de Tergesteo, fa nasser el Sommaco.
El Mar coverzi inveze el corpo de Tergesteo de conchiglie, stelle marine e de alghe.

Oggi Bora suffia ”chiara” fra le braccia del suo Tergesteo e “scura” nell’attesa de incontrarlo.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7327
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 9 luglio 2008, 7:50

Me par una roba recente con un misiotto de divinità greghe, latine e tedesche.

Mi savevo che Borea iera un dio dei greghi che personificava el vento del nord.



Avatar utente
nonna ivana
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 5343
Iscritto il: lunedì 18 febbraio 2008, 22:55
Località: prov Bologna
Contatta:

Messaggio da nonna ivana » mercoledì 9 luglio 2008, 12:51

Ciao tutti,

non so se ha a che fare con la vostra bora

Ricordo che nel mio dialetto si diceva "bura" quel tipo di vento che veniva da Verona, come dicono qui, era foriero di maltempo e freddo.
Per me, piccola, aveva un che di sinistrro e misterioso, era quel vento che sentivi di notte, che violento scossava le piante vicine a casa, o faceva sbattacchiare porte e finestre, o sibiliva fra le fessure degli scuri!
Con quel nome ci si riferiva proprio a qualcosa di eccezionale...che per noi piccolini era carico di una magia spaventevole!


ivana

la curiosità è il colore della mente

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36490
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 9 luglio 2008, 13:56

nonna ivana ha scritto: Ricordo che nel mio dialetto si diceva "bura" quel tipo di vento che veniva da Verona, come dicono qui, era foriero di maltempo e freddo.
Per me, piccola, aveva un che di sinistrro e misterioso, era quel vento che sentivi di notte, che violento scossava le piante vicine a casa, o faceva sbattacchiare porte e finestre, o sibiliva fra le fessure degli scuri!
Con quel nome ci si riferiva proprio a qualcosa di eccezionale...che per noi piccolini era carico di una magia spaventevole!
hai descritto la bora, salvo che non porta maltempo.
Ma la "buriana".. siamo là!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3417
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Messaggio da Elisa » mercoledì 9 luglio 2008, 17:32

sono piccolo ma crescero ha scritto:
Mi savevo che Borea iera un dio dei greghi che personificava el vento del nord.
Qui da noi si tiene come credenza che quando si impara una parola nuova è molto probabile che se la possa ascolta all`improvviso per la seconda volta nel medesimo giorno.
Oh! ecco qua che mentre mi dispogo a postare una storia su L`Emigrazione italiana in America apprendo per seconda volta quel nome Borea.


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
nonna ivana
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 5343
Iscritto il: lunedì 18 febbraio 2008, 22:55
Località: prov Bologna
Contatta:

Messaggio da nonna ivana » venerdì 11 luglio 2008, 17:28

Ah, ecco, anche burièna è nel nostro dialetto!!!

Sta ad indicare, penso, una "tempesta", un rivolgersi caotico esterno di vento e precipitazioni, e in senso lato anche un agire convulso e incontrollato!
A volte uno può essere preso dalla buriana, e ne fa di tutti i colori!

Mica sono sicura però!!!!

Poi mi pare di avere captato strulghèr, che qui indica studiare qualche mossa, o qualche soluzione o via di scampo...insomma fare dei piani nascosti!
Se qualcuno è pensieroso e non comunica, gli si rivolge:
"cus'a strolghèt"
"A cosa stai pensando? Che stai meditando?"


ivana

la curiosità è il colore della mente

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36490
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 11 luglio 2008, 19:58

nonna ivana ha scritto:Poi mi pare di avere captato strulghèr, che qui indica studiare qualche mossa, o qualche soluzione o via di scampo...insomma fare dei piani nascosti!
Se qualcuno è pensieroso e non comunica, gli si rivolge:
"cus'a strolghèt"
"A cosa stai pensando? Che stai meditando?"
da noi, stroligàr, immagino c'entri l'astrologo = stròligo


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
nonna ivana
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 5343
Iscritto il: lunedì 18 febbraio 2008, 22:55
Località: prov Bologna
Contatta:

Messaggio da nonna ivana » venerdì 11 luglio 2008, 20:15

astrologo, sì, quello che studia cose misteriose!!!!
Magari lo si diceva anche in senso ironico, verso coloro che studiavano cose ...astruse, lontane.


ivana

la curiosità è il colore della mente

Giulia Furlan
naufrago
naufrago
Messaggi: 33
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 14:15

Re: Leggende sulla Bora

Messaggio da Giulia Furlan » mercoledì 30 gennaio 2019, 14:59

Sempre stra interessanti queste storie



Rispondi

Torna a “Legende dela cità”