James "Giacomo" Joyce

Personaggi famosi, notabili ed importanti de Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2664
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 18:54
Località: London, UK

James "Giacomo" Joyce

Messaggio da macondo »

Un libretin rilegado a tela e publicado nel 1968 per Faber & Faber (Londra).
Se trata de un manoscrito che James Joyce gaveva scrito prima dela guera e che el ghe gaveva lassado al fradel Stanislavo. Una quindicina de pagine sul testo original con la version stampada del manoscrito.
Xe abastanza curioso che questo xe l'unico esempio de la prosa de Joyce ambientada a Trieste, dove el personagio principal xe lo stesso James Joyce. El critico che ga compilado el libretin comenta che in sto scrito Joyce xe stado chiaramente influenzado de la letura de Senilitá de Italo Svevo!!!

Immagine


Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: mar 3 mar 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Una curiosità su la filastroca "Bati, bati le manine&am

Messaggio da LELA »

Bonasera a tuti, gò visto che in mezo ale "canzoni triestine" ghe xe anca qualche filastroca e, volevo contarve stà curiosità che forsi nò tuti sà.

La prima version dela filastroca "Bati, bati le manine" xe stà quà:

"Clap clap till Poldy comes home
cakes in his pocket for Leo alone."

e la xe stada scrita nel 1905, savè de chi? Da un - in alora - squasi sconosudo scritor irlandese "James Joyce" che, par bisogno, el jera rivado a Trieste par insegnar la sua lingua ala "Berlitz-cul" (come che la ciamava lù) de "P.za Ponterosso" e che proprio a Trieste el gà scuminziado a scriver l'"Ulisse" zircondado da vocabolari, fra i quai nò mancava de zerto quel triestin de "Ernesto Kosowitz"
E, proprio l'"Ulisse" el deventerà la "sinfonia dodecafonica" e iripetibile dela narativa Mondial.

Spero de gaverve contado qualcosa che nò proprio tuti saveva.
Ciau, con simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!
unapsicanalisi
naufrago
naufrago
Messaggi: 17
Iscritto il: dom 13 dic 2009, 11:24

Re: Una curiosità su la filastroca "Bati, bati le manin

Messaggio da unapsicanalisi »

Joyce no gaveria mai scrito l'Ulisse che per antonomasia xe sinonimo de una sintassi senza stress, se nol gavessi imparà el triestin che passava per Svevo che, a sua volta, gaveva fato psicanalisi con Edoardo Weiss.

L'influenza dell'Ebraismo e della Psicanalisi a Trieste xe ancora tuta de saggiar.

Micol


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7759
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Una curiosità su la filastroca "Bati, bati le manin

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

unapsicanalisi ha scritto:Joyce no gaveria mai scrito l'Ulisse che per antonomasia xe sinonimo de una sintassi senza stress, se nol gavessi imparà el triestin che passava per Svevo che, a sua volta, gaveva fato psicanalisi con Edoardo Weiss.
Scusa, veramente da profano o, per dirla con Manzoni, da "vile meccanico", cosa vol dir "sintassi senza stess" che, da come che te scrivi, me pareria de capir che xe favorida dal triestin e no dale "lingue uficiali"?

Grazie


unapsicanalisi
naufrago
naufrago
Messaggi: 17
Iscritto il: dom 13 dic 2009, 11:24

Re: Una curiosità su la filastroca "Bati, bati le manin

Messaggio da unapsicanalisi »

per stress intendo gli accenti ed in senso lato tutti i segni di interpunzione:
' , . ... : ? ! ) ( " ecc ecc

Una frase che abbia una sintassi senza stress è la frase joyciana che scorre senza punteggiatura.

Dico essere il triestino anch'esso senza stress e dunque ispiratore di Joyce, per via della l molle.
La inconfondibile elle del triestino è equiparabile, con la sua mollezza, all'assenza di stress ovvero, secondo la mia teoria, all'assenza di interpunzione in Joyce, dunque una sintassi estremamente aperta agli incisi immaginari.

Una sintassi non segnata da interpunzione offre la possibilità di inserire un immaginario infinito, un'erranza di senso che non incolla le parole ad un significato ultimo e definitivo.

Ricapitolando:
la elle molle (scivolosa) del triestino
la sintassi aperta di Joyce
l'abduzione dell'infinito delle immagini ovvero l'abduzione del terzo escluso
l'esperienza di Basaglia: il "mattio" non è da penalizzare
unaPsicanalisi: lo stress non è sostanziale ma è un effetto dell'articolazione sintattica tra parole e immagini.

Micol


Torna a “Chi jera quel che .... ?”