Obama e la carta di credito

argomenti de attualità  ( ciacole de salotin: Signora mia, la ga sentido che?)
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7570
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Obama e la carta di credito

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Sta facendo notizia in questi giorni il fatto che il presidente degli Stati Uniti Obama si è visto rifiutare la carta di credito e, per fortuna, sua moglie ne aveva una che ha funzionato.

http://www.corriere.it/esteri/14_ottobr ... 8e37.shtml

Per me, però, che vedo il mondo da questo rione di periferia che è l'Italia, la notizia è un'altra: il presidente degli Stati Uniti paga il conto al ristorante.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10953
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da Nona Picia »

una rarità.....


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37617
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da babatriestina »

roba del altro mondo...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37617
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da babatriestina »

oltre che sembra naturale pagare con la carta di credito.Da noi c'è un'ostilità generalizzata: da una parte dicono che le banche ci marciano sui costi ( negozio Ah no, per una spesa cussì piccola no carta de credito e gnanca bancomat, no me convien!) poi temono tutti la tracciabilità delle proprie spese... una mentalità poco oltre i soldi nel materasso...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
VetRitter
distinto
distinto
Messaggi: 1165
Iscritto il: mar 13 ott 2009, 16:25
Località: Piacenza (provincia)

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da VetRitter »

uso spesso una carta prepagata, per autostrada e (pochi) acquisti on line, ma preferisco sempre pagare in contanti, ho la sensazione di avere più controllo sulle mie spese.


Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37617
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da babatriestina »

a me al contrario i contanti vanno via come acqua e non ho il controllo di come li ho spesi, e poichè nessuno mi paga in contanti ( non sono nè un commerciante nè una vecchietta che va alla posta a ritirare la pensione), devo comunque prenderli col bancomat, tanto vale pagarli con la carta di credito che me li addebita dopo, non mi costa nulla e mi consente un controllo capillare delle spese ogni mese nell'estratto conto.
Interessante ad esempio controllare mese per mese quanto mi costa la spesa al supermercato e quanto.. le scatolette per i gatti.
Ovvio, non ho nulla a che fare con le cosiddette carte di debito, finanziamenti, pagamenti rateali..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4313
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da Ciancele »

Nona Picia ha scritto: una rarità.....
Te son sicura che no sia un film fato aposta?
Bongiorno, bongiorno. Go visto el webcam de San Giusto che mostra parfina i monti. Raramente el tempo xe cusì ciaro. Qua el solo monte xe un monte de piova.
OT. Scusè.
Bisogna distinguer tra carta di credito e carta EC. Co’ la carta di credito se paga ala fine del mese co’ la banca manda l’estrato conto con tuti i pagamenti. Qua no i la vol nisun, o squasi nisun, parchè ai negozi ghe costa dal 3 al 5 parcento. Quei che la aceta, specie de gente foresta, gavarà probabilmente alzà i prezi.
La carta EC inveze se usa ‘sai. Anca tropo. I va crompar un pacheto de ciche (sigarette) anca ala stazione de rifornimento e i paga i 5 o 6 euro con ‘sta carta. I soldi vien adebitai squasi subito e qualche volta la carta no vien acetada dela machineta. Specialmente xe el conto xe in roso. Co’ la carta de credito paga inveze la banca e la banca paga sempre. Se la ga pegola e el mato no ga bori (soldi) xe ‘fari sui.
Pochi soldi li pago in contanti, ma albergo, ristorante ecc squasi sempre con la carta EC. Ma ghe xe anca negozi che i disi che no i vol carte ma solo soldi in contanti.


Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37617
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da babatriestina »

Quele che parlavo mi xe carte de credito. Che apunto la banca paga ( no so quando) ma vien addebitade, una volta ala fin del mese dopo, de un pochi de anni a metà del mese dopo. Riva a casa el estratto conto con tute le spese, no ghe xe interessi, i le accetta in tuto el mondo, go pagado con quele in Francia, Inghilterra, Bosnia, Albania, Croazia, senza bazzilar cola valuta locale No credo che i magni sul cambio. E a seconda del conto corrente che se ga, i te addebita un tot per la carta o i te la dà gratis, e cambia el massimal. Se firma su un foglieto e i commessi attenti controla la firma, la magior parte no.. qualchedun per sicurezza vol anche o le tre cifre de sicurezza o ancora un codeice che mi no me ricordo, no me porto drio e per quel certe spese cola machinetta ( presempio el biglietto del Louvre) no lo fazzo più. La dopro anche per i acquisti su internet, Amazon presempio.

Quel che te conti dele carte EC me corrispondessi al Bancomat, la spesa vien adebitada subuto e bisogna inserir un codice a 5 cifre, i negozianti po preferissi, anche se una volta anche quel i rugnava. Però de solito el ga una spesa limitada. Xe la stessa carta adesso che se dopra per ritirar contante nele machinette. Al estero no so come che funzioni, ma me par che per cior soldi el magni parecchio de commission, o almeno una volta iera cussì.
Sempre meio che girar con un portamonete ( in viaggio) pien de banconote, che iera facile che i te rubava... e alora zo monete in cintura, impicai soto i vestiti...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4313
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da Ciancele »

babatriestina ha scritto: Quele che parlavo mi xe carte de credito. Che apunto la banca paga ( no so quando) ma vien addebitade, una volta ala fin del mese dopo, de un pochi de anni a metà del mese dopo. Riva a casa el estratto conto con tute le spese, no ghe xe interessi, i le accetta in tuto el mondo, go pagado con quele in Francia, Inghilterra, Bosnia, Albania, Croazia, senza bazzilar cola valuta locale No credo che i magni sul cambio. E a seconda del conto corrente che se ga, i te addebita un tot per la carta o i te la dà gratis, e cambia el massimal. Se firma su un foglieto e i commessi attenti controla la firma, la magior parte no.. qualchedun per sicurezza vol anche o le tre cifre de sicurezza o ancora un codeice che mi no me ricordo, no me porto drio e per quel certe spese cola machinetta ( presempio el biglietto del Louvre) no lo fazzo più. La dopro anche per i acquisti su internet, Amazon presempio.

Quel che te conti dele carte EC me corrispondessi al Bancomat, la spesa vien adebitada subuto e bisogna inserir un codice a 5 cifre, i negozianti po preferissi, anche se una volta anche quel i rugnava. Però de solito el ga una spesa limitada. Xe la stessa carta adesso che se dopra per ritirar contante nele machinette. Al estero no so come che funzioni, ma me par che per cior soldi el magni parecchio de commission, o almeno una volta iera cussì.
Sempre meio che girar con un portamonete ( in viaggio) pien de banconote, che iera facile che i te rubava... e alora zo monete in cintura, impicai soto i vestiti...
Mi parlavo dele carte de credito. I negozi devi pagar qua el 5 parzento de interesi. Xe come prima che se scontava le cambiali. Prendere o lasciare. Certi negozi i le aceta solo dei foresti (giaponesi, cinesi, russi, americani ecc.). E là te pol cambiar i prezi come che tevol e che te sta drento.
I picoli negozieti no ga la machineta per le carte EC e alora i vol solo contanti. Ma in boni ristoranti te trovi anca quel (e no xe pochi) co' la machineta - adiritura portatile - e te paghi con la carta. Prima, come che te contavi ti, bisognava 'ver el scartozo batù (pieno) de biechi (banconote) e iera pericolo che i te li lumi (rúbino).
Per cior soldi a l'estero al bancomat, costa sempre una comision che va fina al 7,5 parzento. A l'interno xe i grupi de banche convenzionade. Se ti, dele banche A, te ciol soldi ale banche B, i te domanda anca una comision.


Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37617
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da babatriestina »

Mi qua in Italia vedo emetter solo un tipo de carte de credito. O forsi xe un secondo tipo con interessi de pagar che ignoro I me ga proposto una una volta e ghe go risposto picche.
Coma mia go fato anche spese in Germania, in negozi soprattutto. In Francia go visto mio cugin pahgar el ristorante za più de diese anni fa. E in Svizzera i me comentava Vouz payez cash? come se fussi un strazon che le banche no ghe concedi una carta de credito o una sbianchizatrice de soldi sporchi.
Al de là dela comission al estero col bancomat, xe de ricordar anche che anche qua se te ciol contanti de una banca che no xe la tua, i te magna qualcossa. basta saver e evitar...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4313
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da Ciancele »

No me spiego ben. Mi no pago interesi per la carta de credito. La costa 40 euro a l'ano. Xe el negozio che ciapa el 3 o 5 parzento de meno. E alora i negozianti pensa: me convien o no me convien?


Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37617
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Obama e la carta di credito

Messaggio da babatriestina »

Ciancele ha scritto:No me spiego ben. Mi no pago interesi per la carta de credito. La costa 40 euro a l'ano. Xe el negozio che ciapa el 3 o 5 parzento de meno. E alora i negozianti pensa: me convien o no me convien?
gnanca mi no pago interessi e a mi no la me costa gnanca un centesimo de euro ( tuto compreso ne costo del conto corente ;--D )
El negozio ciapa qualcossa in meno, ma ga la sicurezza che el vien pagado, nol ga pacchi de bori in negozio se i lo rapina.. e nol pol sconder ale tasse quel che i lo ga pagado. :twisted: Insoma un poco come: "la vol senza fattura in contanti o con la fattura ma un poco più caro?"
per i interessi , legi qua http://it.wikipedia.org/wiki/Carta_di_credito
quela che go e che a mi me convien xe questa:
Carta di credito "a saldo": rappresenta la più comune carta di credito in Italia, generalmente offerta come servizio aggiuntivo all'apertura di un conto corrente. Consente di dilazionare il pagamento della merce acquistata di un breve periodo (generalmente per un massimo 45 giorni) senza oneri finanziari aggiuntivi per l'acquirente. In sostanza la carta di credito con rimborso a saldo dà la possibilità di pagare tutte le spese effettuate nell'arco di un mese solare, in un'unica soluzione, il mese successivo.
ma disevo che esisti anche queste
Carta di credito rateale o rotativo (revolving): rappresenta lo strumento di pagamento emesso da una banca, o istituto finanziario, che consente di rateizzare il pagamento della merce acquistata. La rateazione comporta un costo aggiuntivo per l'acquirente dovuto alla corresponsione degli interessi sul finanziamento, finché quest'ultimo si mantiene entro un tetto massimo, detto fido. Quando, invece, il saldo del conto corrente in negativo supera l'importo del fido, il cliente deve pagare anche una commissione di massimo scoperto. Il rimborso del debito avviene in maniera rateale, di solito con la previsione di una rata minima, senza una durata predefinita della rateazione[3]. Gli oneri di gestione rappresentano un valore molto elevato stante l'elevata frammentazione degli utenti
e i disi che i interessi de pagar sula rateazion xe TAEG annuo in media del 20-25% che a mi me par roba de strozzini.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Atualità non triestine”