Inquinamento

argomenti de attualità  ( ciacole de salotin: Signora mia, la ga sentido che?)
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Rispondi
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Inquinamento

Messaggio da Piereto » mercoledì 7 agosto 2019, 15:30

fumi .jpg
fumi .jpg (19.84 KiB) Visto 739 volte

I ne conta tante storie, e lasè che mi ve conto la mia.
Go visto un nuvolon de fumo nero, e me son dito anche questo inquina. Ghe xe piu de diecimila navi ogni giorno che se movi per i mari e le va a nafta butando fora un bel particolato. Se a questo somemo i particolati dei motori terrestri a combustion interna e del riscaldamento casalingo se capisi po che nelle belle giornate senza vento specialmente al tramonto se vedi all'orizonte una bela strica grigio rossastra alta un do centimetri (dozento metri de smog cioè particolato). Esisti anche un altro particolato scarigado dai diecimila aerei che gira ogni giorno per el mondo a diecimila metri e che po le correnti a gettto movi dapertuto. Mi no ghe credo all'anidride carbonica come a la causa del riscaldamento, ma molto de più ai particolati che impedisi alle celle de aria calda de raffredarse, per cui el calor del sol aumenta ancora de più la temperatura (effetto serra). Esisti però una altra categoria de inquinanti atmosferici e cioè le polveri emesse dai vulcani. Se 4 vulcani va avanti per un do mesi a scarigar milioni de tonellate de fumi, el sol no riva più a filtrar al suolo e alora andemo incontro al raffredamento e alla glaciazion. Quindi podemo andar incontro a do diversi tipi de eventi. gavemo imparado tuti a scola che la massa verde produci de giorno ossigeno e de note anidride carbonica. El carbon come l'aqua xe alla base della vita. A la picia gretina svedese paladina ecologista, no i ghe ga dito che 7000 anni fa proprio dalle sue parti xe sta un periodo meraviglioso dito optimum climaticum per cui no creseva i abeti in riva al mar come ogi, e fin alla penisola de Kola creseva latifolie. Se fazeva el vin a Bergen. Sto caldo no iera de origine umana e po ga comincià a far fredo e i popoli baltici se ga mosso e i xe caladi in mediteraneo e verso el mar caspio verso l'India. Tuto sto discorso per dir che el clima su la tera no xe costante e nol xe univoco. ma variabile. Le carte ga cambià tante volte ed esisti ancora ogi dele piccole zone che no ga cambià. Una verita che la gretina no ameti xe che i problemi de l'inquinamneto xe dovudi tuti al grande numero de omeni che popola el pianeta. La gretina 7000 ani fa la podeva ciaparse su e andar in barca verso sud, tanto l'europa iera forsi abitada da una quarantina de milioni de abitanti. Ogi che semo in 7,5 miliardi parlar de migrazioni xe irrealistico. Credè che se vien un patatrac riveremo a salvarse in 7,5 miliardi? Prima se salva chi che gà le man in pasta, cioè i soliti capitalisti e chi che ghe va drio, racomandadi e lecchini, po .....si salvi chi può. Certamente se salva chi che mena meio le man. El bel xe no podemo cambiar de balin come che volesi la gretina, perchè per tornar indrio bisogna calar de numero. Xe question de curve de incremento con diverse velocita. Provè solo a pensar se i raccolti de cibo comincia a andar mal. Forsi gavemo un per de setimane de riserve e po? Ultimo tra i mali che certamente ne colpirà xe el spostamento de la polarità de la terra. Finora nissun ghe gaveva fato caso. Savè che la terra al centro ga una massa viscosa de fero che causa el campo magnetico e che la se movi anche ela.Cioè el polo nord magnetico no xe fisso e finora el se spostava de qualche metro all'anno. ma in sti ultimi anni el sta puntando al ritmo de 50 chilometri verso la siberia. Savemo che la polarità ga cambiado nel corso de la storia terrestre perchè el ferro contenudo nelle lave solidificandose el se ga orientà. Ogni 3 o 4 centomila anni l'ago de la bussola no punta più a nord, ma el va a sud. La massa del ferro se sposta e strasina le zolle dei continenti e quindi terremoti a non finire, faglie che se verzi o se sera e vulcani in attività. No son catastrofista ma i nostri nipoti ne vedranno delle belle. Viva l'A e po bon.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36488
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Inquinamento

Messaggio da babatriestina » sabato 10 agosto 2019, 8:06

no so l a gretina, ( no xe po bel ciamarla cussì) ma che el inquinamento sia opera umana e che le attività umane interferissi sui cambiamenti climatici mi lo go sentido in conferenze de scienziati, prof universitari, biologi..e i me sta convinzendo.
Che semo troppi? mmhhh.. i ne la conta de co iero mula, ve ricordè el famoso Club de roma ( che no so ben chi che iera le persone ) e el famoso " i limiti dello sviluppo? i ne contava che no dovemo far fioi che semo tropo, el tuto sostegnudo con le teorie de Malthus ( no provade) che diseva che noi aumentemo in progression geometrica ( esponenzial me par che nol diseva) e le magnar in prograssion aritmetica. Propio poco tempo fa in un lirbos de divulgazion sotrico-scientifica diseva che malthus se la ga dite e se le ga fate..
risultato: noi paesi del nord del mondo no femo fioi ( ma a nord più che in Italia) per cui no xe chi sostituirà i nostri veci e anche oi che comincemo a esserlo, i altri inveze continua a farli, xe finide le carestie ( ve ricordé? le raccolte per la fame in India, le carestie africane..) pitosto i xe tanti che i se combati, xe diminuida la mortalità infantil. Xe un mal? no me par...
cossa podemo far? no so, per le aria sì xe el fumo dele navi coem che te disi, ma pensa a i legni e e l gasolio che consumavimo una volta per dir per le riscaldamento. Semai , ier i n Inghilterra, ma anche in Austria, Germania, Francia xe batù de pale eoliche. E noi? no, noi compremo gas de Putin..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7326
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Inquinamento

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 10 agosto 2019, 13:29

Scusa Piereto se te ripondo tardi, ma el tuo intervento meritava, da parte mia, un poca de riflession e de calma nel risponder.

Intanto comincemo con "la picia gretina svedese": spero che te gabi doprà el termine "gretina" come diminutivo vezzeggiativo, perché mi lo intendo in sto senso. Te confeso che sta muleta la me fa tenereza e penso che un poco la gabi ragion e la sia utile, no fusi altro che come provocazion per smover le nostre coscienze. Me piasi e convinzi un poco meno quei che ghe va drio.

Me spiego meio: adeso xe de moda dir "basta co la plastica". E cosa i me proponi? No doprar più stoviglie usa e getta de plastica, dopremo quele fate de legno (la go sentida qualche giorno a su rai3, la rete cultural)! Ma scherzemo? La plastica xe un belisimo material, leger, resistente. No xe la plastica che inquina el mondo, xe el modo in cui noi la dopremo. Pironi, cuciari e cortei de plastica xe legeri, costa poco e ... te li pol lavar e i torna come novi, te li pol doprar ancora. Ala fine, se proprio noi te servi più, te li brusi, e se te li brusi ben, i fa anche poco danno. L'equivalente fato in legno (o in carta cerada come me par che i sta fazendo adeso le canuce) o in plastica "ecologica" fata. me par col mais, no se lo pol doprar de novo e le sotrai teren a alctre colture ed usi. Idem co le borse; ma inquina de più una bona borsa de nylon doprada fin che se pol e dopo impinida co le scovaze e brusada (ben) o quele infami borse "ecologiche" che no le te resta intiere gnanche fin che te rivi a casa con la spesa.

Quindi el mal no xe la plastica, me el concetto de "usa e getta" che xe difuso dapertutto. Le prime calcolatrici tascabili (ma val anche per i telecomandi e tuto el resto), le iera serade con quatro vidine; te molavi le vide, te verzevi, te netavi i contati e tuto tornava come novo. I ultimi telecomandi, le ultime calcolatrici che go comprà le xe tute sigilade, se te vol verzerle te devi segarle e dopo, in pratica, no te le seri più, e questo xe vero per tuto. Nei tablet e nei telefonini no te pol cambiar gnanche le baterie (e se te pol cambiarle i te le fa pagar più de un aparechio novo).

Mi go una machina de 11 anni. Tra poco, te vederà, i me dirà che no poso doprarla più, perché la inquina, la xe solo euro 4, ecc. ecc. Ma nisun me domanderà quanti litri che consumo in un anno (meno de 300) e nisun me conterà quanti litri de petrolio ocori per far un'auto nova (squaiar el fero, far girar le cadene de montagio, far girar i camion che le porta in giro, ecc).

Xe vero, quando parti una nave de quele de crociera in piaza Unità se senti la spuza. E i disi che quando tra l'11 e 12 setembre 201 i ga fermà el trafico aereo in America i ga notado una diminuzion de l'inquinamento. Quindi saria mei moverse in teno, se se pol. Qule che po me lasa perplesso xe l'oposizion a migliorar el trasporto ferroviario. In definitiva la bicicleta e el treno xe, de un punto de vista energetico, i meio mezi de trasporto terestre che l'omo gabi savù inventar.

Un'altra ciolta pei fondei xe el riscaldamento col pellet, che i te lo pasa come ecologico. Credo che l'inquinamento da polveri sotili dei pellet te se lo sogni con tuti i altri riscaldamenti, e po tornemo ale stoviglie de legno usa e getta: Per far pellet o le stoviglie de legno dovemo disboscar.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » domenica 11 agosto 2019, 9:42

Mi stago in gretta e quindi son un gretin. Se cambiè consonante no me offendo.
Ma la gretina no la me fa tenereza , la xe ingenua e la sa de eser manipolada. Dito questo, che xe dei conceti dificili de confutar. Vivemo in un contenitor, in un ambiente chiuso. Ne riva qualche meteora, calor e energia dal sol, ma la materia non biologica xe una quantità finita. Anche ela la se trasforma, tanto xe vero anche deso che scrivo se forma nel sottosuolo novo petrolio. La massa biologica anche ela la se trasforma , o se volè la degrada tuto quel che ghe permeti de viver. Da strutture semplici se passa a roba complessa per po tornar de novo all'origine. Darwin e Malthus ga zercà de dar spiegazion e i numeri ghe entra, eccome. Mi credo ai limiti del sviluppo umano se se vol che l'umanita vivi qualche istante de più. Forsi inveze xe destin che pasemo come una meteora ne la storia del nostro pianeta. Ricordo sesanta ani fa, co ierimo 3 miliardi, che i miei vicini de casa d'inverno brusava carbon e legni e noi a casa gaveimo el bruciator che andava a nafta, Se lo carigava co le taniche. Nafta densa e nera , no gasolio. Gavemo inquinà? No, gavemo trasformà, ma ierimo tre miliardi e podeimo farlo. Ogi con 7.5 miliardi xe dificile reperir le proteine e l'aqua, tanto xe vero che i studia de farne magnar insetti e l'aqua in molte parte xe quela riciclada dai scarichi fognari o dai futuri desalinizzatori. Semo partidi in pochi e semo diventadi tanti. Volendo eser sintetici l'aumento de omeni nasi da una esigenza militare. L'esercito vincente iera quel che eliminava fisicamente l'esercito aversario, e se se combateva per el possesso delle materie prime. Roma xe andada avanti per mille anni a far guerre eliminando cioè copando i aversari de turno, far bottino, utilizar i prigionieri come schiavi, e se i iera in troppi coparli anche lori. El sviluppo demografico europeo nasi nel 1700 spinti dalla necessità de aver un esercito numeroso. La Prussia gaveva un soldà ogni 22 omeni. El Piemonte gaveva un soldà ogni 25 omeni. La Prussia ga fatto la Germania e el Piemonte ga fatto l'Italia. Questo tipo de sviluppo xe originado da la iinnata tendenza ad accumular la roba. Per secoli la civiltà contadina xe andada avanti a lavorar la terra e raccoglier i frutti , a far provviste, e d'iverno a costruir le robe , anche de casa che podeva servir per l'anno novo. Quindi d'inverno cuciari bicieri ,mastele de legno, tessuti o lavoro coatto sotto el paron , e tanta fadiga in primavera e estate sui campi. Esisteva anche alora i accumulatori , che po xe i stesi de ogi. Accantonar potere, ricchezza, esser sempre un gradin sora dei altri, mantener la gente nell'ignoranza. Oggi semo tutti vittime del consumismo, cioè dello spreco. Le robe funziona cusì perchè ai accumulatori seriali ghe va ben cusì.
Scherzosamente anche noi che scrivemo sul forum semo dei accumulatori, ma boni , perchè accumulemo conoscenza.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36488
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Inquinamento

Messaggio da babatriestina » domenica 11 agosto 2019, 11:54

]Me par che Malthus gabi scrito el suo libro quasi un secolo prima de Darwin... eco un altro articolo contemporaneo che li cita
http://www.scienzaevita-siena.it/it/articoli.php?id=810
Esiste un'ideologia di cui non si parla perché si è travestita da "realtà oggettiva", si tratta del malthusianesimo. Ed è alla base del pensiero neoliberista e globalista.
Il malthusianesimo ha come centro della sua azione la riduzione della popolazione povera mediante il divieto di assistenza sociale e i salari ridotti alla sussistenza, il tutto giustificato dall'assunto che la causa della povertà sia l'eccessiva popolazione (dato smentito storicamente).
mi go letto libri de storia, più che de sociologia, e go leto anche che, sarà combinazion, ma aumento dela popolazion e crescita economica xe stai anche quasi sempre correladi...
gavemo el caso del India: dopo le carestie adesso no l a ga più problemi alimentari, se no, ma xe un aspetto ben diferente, dela diversa concentrazion dela ricchezza. Problema che se sta presentando un poco dappertutto.
Accumular: nassi de un'esigenza, incertezza sul futuro e alora un se premunissi, come con le assicurazioni. Come che za nela Bibia iera i 7 anni dele vache grasse e i 7 anni del vacche magre, e chi che ga preparado granai e salvado gran xe sopravissudo ben nel 7 anni dele vache magre.
Sempr elegendo libri de storia, le carestie: fin a un certo punto ( e de noi a nche nela prima guera mondia) un anno de cativi racolti, de maltempo, de malatie ( la famosta carestia in Irlanda del Otocento) . trasporti scarsi, informazion ridotta... e la gente moriva de fame.. e i iera in pochi... adesso se de una parte cressi de meno de magnar , de un'altra crssi de più. I novi tipi de risi in Asia ga una resa che se se la sognava, ma xe stado sempre cussì del inizio del agricoltura, selezionando le varietà. I ghe fa bataglia ai OGM, ma per mi xe paura del sconosciut come mia mama che gaveva paura co dopravo in cusina l'atomica ( o la tomica). No moriremo de fame. Moriremo comunque, prima o dopo, forsi de malatie dovude al inquinamento...
però ve ricordè un diese venti annifa cossa ch ei ne ga tontonado el buco di ozono? ben par che el se ga stropado, che no se ghe ne parla più..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » domenica 11 agosto 2019, 12:38

El buso dell'ozono va e vien, come tuto sul nostro mondo, xe tuto un ciclo, anzi vivemo in un ciclo.
Le idee nasi semplici e po se se diverti a complcarle, a infarcirle, a migliorarle o a distruggerle. Se forma subito do partiti, quel del pro e quel del contro. Tutti tira l'aqua al proprio mulin perchè se vivi e se magna co le idee. Ma le idee prima o poi le torna.
Te ga citado i OGM , e l'omo da sempre ga zercado de aumentar la produttivita de le piante per scansar le ricorrenti carestie, no per aumentar de numero. Me sa che l'umanità cresi subito dopo che la xe stada mal, e la cala co la sta ben perchè aumentando de numero se comincia a star mal. L'accumulo in se nol xe malvagio, el diventa pericoloso per l'umanità quando che nol ga limiti cioè el xe fine a se stesso. Se esisti i limiti, devi esister anche un limite all'ingordigia. Credo che se lasemo strasinar verso l'autodistruzion e aumentar de numero xe la via più diretta per farlo. Tornar a produr quel che servi e no produr solo per far soldi, xe dificile de far entra in testa a chi che prospera col spreco.
Le idee ga bisogno de un clima temperato e no de sto caldo african.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » mercoledì 14 agosto 2019, 10:29

In sto momento la nostro società xe quela del spreco. Una "elite" ( go messo le virgolete perchè per mi xe un branco de ....., zonteghe quel che volè. Forsi la parola più benevola xe incoscienti), una elite che vol guadagnar sempre e rastrela i soldi anche automatizando le produzioni e no finanzia le opere utili perche per lori le xe antieconomiche. Questo vol dir licenziamenti de personale, che non avendo soldi no comprerà più. Insoma i se da la zappa sui pie senza acorzerse. Gavemo cusì un aumento de la popolazion e una diminuizion dei posti de lavor e merce che no se compra perchè no xe soldi.
Ricordo co iero picio che andavo a cior in lateria el late ne le botiglie de vetro col tappo de stagnola. Iera vuoti a rendere e eliminando el vetro i ga visto che se podeva risparmiar, cioè guadagnar de più licenziando el personal e metendo el late nei cartoni o na la plastica. Niente più lavar i vetri e sterilizar. Ricordo che ciolevo anche i biscotti che iera contenudi in dei vasi de latta de diese chili. Se comprava a etti biscotti sciolti in scartozo. E cusì se semo incarigadi de scatole de carton serigrafade con colori che no se stingi, in confezione anti umidità de plastica e fogli de alluminio, e cusì gavemo aumentado le scovaze. Me ricordo anche co andavo a cior l'oio, che se lo cioleva sfuso. Iera in botega dei bei cilindri de vetro e una pompa a man fazeva vinir su el oio in te cilindro de vetro. Si te te portavi de casa la botiglia. Anche questo xe sparì. Senpre per gudagnar taiando el personale e ne la corsa alla miniaturizzazion, se ve ricordè, le radioline portatile OM FM le andava transistor, e te trovavi anche dei kit per montarle, bastava un saldador. Oggi ghe xe i integrati, ma se no te ga un schema dei tochi che xe dentro, no te poderà mai sostituirlo se el se brusa o rompi. E se nol xe più in produzion te butti via tutta la tua aparecchiatura. La nostra civiltà cori el riscio de tornar de novo ne le caverne, perchè gavemo perso i manuai e i schemi de funzionamento de le robe. Za ogi trovar certi transistor e diodi no i li fa più. La gente che sa come far xe sempre de meno , e no se insegna come che se fa, perchè la conoscienza de le robe xe pericolosa per la elite. E questo riguarda un poco tuta la cultura in generale.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4137
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Inquinamento

Messaggio da Ciancele » giovedì 15 agosto 2019, 19:25

No poso che darghe ragion a Piereto. Se forma sempre do partiti: un per una roba e l’altro contro. Xe anca normale. Se tuti xe de un’idea, con chi se se sbarufa? Ma go l’impresion che mi e Piereto legemo tropo le metamorfosi e l’era de oro. Che no esisti più, e de tanto tempo. Chi che pol, tira ogi l’aqua al suo molin. E più molini ch’el ga più aqua el tira. Se Greta ga una cresita demografica del 10 perzento, sarà, par dir un lumaro, circa 50 persone. El diese perzento dela Cina xe 150 milioni: Germania e Italia insieme. Ani fa in Cina i ga meso la tesera sui fioi: un fio a l’ano. Qualchedun crompava fioi ala borsa nera. La soluzion xe la pirola a 70 ani. I voleva cominciar de mi e par quel go votà contro. Una volta a 70 ani se iera veci, ogi xe una zaia de gente de 90 ani che buliga ‘ncora. Presenti inclusi. De una parte se inventa medicine che slonga la vita e de l’altra se vol che i veci i vadi presto a sburtar radicio. Aut aut, tertium non datur. Una volta iera un mucio de lori che se guadagnava la vita fazendo cassette, lana de legno, per imballi. Ogi, coi container, i xe tuti disocupai. O i se ga meso a far scatole de carton e polistirene espanso. De quando che esisti el nailon e el CPV, se ga tre plastiche che no xe biodegradabili. Go leto che nei ultimi ani gavemo 7 miliardi de tonelate de plastica. Se metemo anca l’amianto, semo boni fina ala fine del mondo per far composta. Do ani fa i ga ciapà una balena per un museo. In tel stomigo i ga trovà sacheti de plastica. Probabilmente la balena, veramente iera un balenoto, usava i sacheti per meter drento quel che la digeriva. Un wiz OT: Che diferenza pasa tra el bidé e la balena? Nisuna. Tuti do i fa le balenete. Xe inutile farse ilusioni. Mi scovo davanti la mia porta, ma quante porte vien scovade? I manda le scole a netar el patoc. I trova do sacheti de plastica, qualche zavata, un coperton frugà e forsi una vecia bici. Savè quanti milioni di chilometri quadrati che ga la terà? Contentemose che no sia pezo. Sperar che sia meio xe iluderse. No digo come che mori chi che vivi sperando.
Un pensierin me vien e no so fina a quanto che el sia m... El peso dela tera. Va ben che nula si distruge, ma quel che si crea (alberi, case, bapori, gente) che una volta no esisteva, fa aumentar el peso dela tera o no? Se sì, pol darse che la tera se sbali e la pichi de una parte? Ghe podemo dar la colpa del tempo e dei teremoti o vulcani? Un pensiero de far nele lunghe serate invernali.
Par risparmiar legno i ga fato i paneli truciolari. I li fa praticamente coi rameti. Ma par farli i ga spuza de formaldeide che piziga. Mi iero in do fabriche. Mio fradel iera in tun laboratorio chimico e ghe tocava bever late. El se ga licenzià. Ogi in cusina regna la plastica. Prima i gaveva resine ureiche per rivestir i panei, più tardi i ga ciolto la melamina parchè l’urea impestava el magnar. Pal legno i ga trovà che el PVA xe meio. Se pol lavar con aqua. El PVA vien usado per bordar i panei e anca inte la goma americana. In cusina se cusina e el vapor distaca el rivestimento dei panei. E po xe anca question de prezo. Un armeron de plastica costa poco, un de legno un patrimonio. So che de legno dura de più, ma de plastica dura anca de più i mii soldi.
Le pale eoliche xe bone. Purtropo bisogna sufiar par ciò che le camini e mi no go più fià. Un ga vu l’idea de farle andar a corente. I ghe ga domandà andove che xe el guadagno. La corente che te ciapi te la spendi par farle ‘ndar. E lu ga dito: Sì, gavè ragion, ma xe più naturale. Farle andar a vento bisogna gaver vento. Anca qua no’l xe dapertuto. I ga pensà anca de usar el cambio dela marea, ma a Barcola con 60/80 centimetri no funziona. In tel nord se ga una diferenza de almeno diese metri e là funziona meio. Nel mar de l’est, che no xe tanto fondo, funziona meno ben.
Pagar meio la gente no xe un problema. Problema xe pagar prezi più alti. Chi paga volentieri prezi più alti?
Par finir conto una, ano 1969. Parlavo con un che vendeva vin nero e ghe disevo che quel ch’el vendi sarà bon par copar zimisi, ma no par bever. El me rispondi: Ciancèlle (el iera cabibo), basta che sia nero. Magari sangue di bue, ma nero. Non occorre che abbia gusto di vino. I spagnoi ga un vin nero che se ciama sangue de toro. Far quele robe contro vento solo se se bagna. No se cambia gnente.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » sabato 17 agosto 2019, 19:22

"In sto momento la nostro società xe quela del spreco. Una "elite" ( go messo le virgolete perchè per mi xe un branco de ....., zonteghe quel che volè. Forsi la parola più benevola xe incoscienti), una elite che vol guadagnar sempre e rastrela i soldi anche automatizando le produzioni e no finanzia le opere utili perchè per lori le xe antieconomiche. Questo vol dir licenziamenti de personale, che non avendo soldi no comprerà più. Insoma i se da la zappa sui pie senza acorzerse. Gavemo cusì un aumento de la popolazion e una diminuizion dei posti de lavor e merce che no se compra perchè no xe soldi."
Quindi per ricavar guadagni con due cifre percentuali sta elite delocalizza, cioè i se sposta in altri paesi dove che le leggi xe molto indrio, e alora i pol inquinar con vece tecnologie produttive e cusì aumenta l'inquinamento. Anche noi semo complici perchè un prodotto nazionale costa de più de un fato altrove , e nisun lo ciol più. Nel fratempo comprando all'estero el nostro paese se impoverisi perchè esporta de meno , ma el Stato vol eser assistenziale e farse carigo de tuti i disocupadi col risultato de dover aumentar le tasse. Nel fratempo se ga fatto accordi internazionali de libero scambio dove però semo sempre perdenti, e questo affossa ancora de più le economie nazionali. E alora la risposta no pol che eser de tornar ai dazi e ai acordi preferenziali fati da un paese nei confronti de un altro cusì se salva molti posti de lavor nazionali e se evita de impoverirse. Con la globaizzazion inveze sparisi i stati nazionali le economie e i sistemi democratici per non parlar del retaggio culturale, e le elite ne sburta in questa direzion che a lore ghe fa comodo. Perchè la globalizzazion vol dir no più regole imposte dai stati, e magari se confida allora nell'ONU, ma savemo che xe una istituzion che non funziona e no ga nisuna forza coercitiva. Stemo rivando rapidamente a un punto che se ciama recesion. Qualcosa doverà cambiar.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36488
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Inquinamento

Messaggio da babatriestina » sabato 17 agosto 2019, 19:47

tornemo ai dazi, ma allora perderemo più che guadaganr. perchè se noi metemo dazi, meti dazi anche i altri. E noi in Italia no semo autosuffcienti.
Per dir, prova a far controlar i serbatoi de benzina e farghe pagar multa a quei che la fa oltreconfin, come che i controlava una volta. Ma per amor de patria, compremo tuti benzina italiana. Mi fazo cussì, no tanto per amore de patria ma perchè dopro cussì poca che no merita far gnanca la strada. po dopremo de novo el terital per i vestiti. cafè no. Provemo a farlo de fighi: Feigencafè ghe diseva i nostri veci.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » domenica 18 agosto 2019, 13:03

Qualcosa cambierà. Sta settimana prosima i banchieri mondiali i se incontra e i deciderà come cambiar l'economia.
Co la globalizzazion i ga fato tanti acordi sotobanco per mantener fermi i prezi de certe robe o per spartirse le materie prime, che no xe altro che la stesa roba che meter dazi. Da sempre i ga deciso che governo ghe fazeva più comodo finanziar o far cascar specialmente in africa terra de materie prime. L'importante iera allora come ogi esser presenti e preveder eventuali contromosse, opur dir sempre de si. Ogni tanto xe una riunion, sa tuti i G de sto mondo, i gruppi de lavoro tipo bildergerg i incontri sul lago de como, etc.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » domenica 18 agosto 2019, 13:06

Ecco xe la che se decidi i tipi de inquinamento e le politiche produttive



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36488
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Inquinamento

Messaggio da babatriestina » domenica 18 agosto 2019, 13:39

Mi a sti poteri forto oculti ghe credo come ai protocolli dei savi de Sion


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » lunedì 19 agosto 2019, 9:43

Per mi inveze i poteri forti xe sempre esistidi e xe lori che i ga fato la storia del genere umano. Lota fra de lori, lota contro la massa del popolo, lotte che i ga sempre vinto e i continua a plasmar el mondo.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Inquinamento

Messaggio da Piereto » mercoledì 2 ottobre 2019, 9:44

Xe de moda parlar de inquinamento, e tanti ghe marcia su. Marcia la mularia, marcia chi che ghe guadagna dal cambiamneto industrial. Le fonti rinovabili, un afar per chi ghe meti le man de sora (sopratuto incentivi governativi che noi paghemo za nela boletta de la luce alla voce oneri) Ma po' dati alla mano , no xe la UE che inquina, che xe un posto in cui xe facile far presa su la gente e dirghe che xe de cambiar.Provar a dirghe a India e Cina o ai USA xe come parlar col muro.
La vita del mondo vegetale e animale crea delle scorie che el pianeta poi rieequilibria e a cui el se adata. Le scorie prodote da 7,5 miliardi de omini xe una bela batosta che porta alla morte de molte speci animali e vegetali. Xe un cambiamento sai repentino , e el saria molto contenuto se fusimo i do mialiardi de zento anni fa.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36488
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Inquinamento

Messaggio da babatriestina » mercoledì 2 ottobre 2019, 10:01

inquinamento se parla ormai de mezo secolo. Adesso xe el emergenza del cambiamento climatico. Che i poli se staghi squaiando diria che nox e dubi. e anche che semo in otobre con l'acqua de mar a oltre 21 gradi.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Atualità non triestine”