Trieste francese

De 'l porto franco a la prima guera mondial
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Dal libro "La Costiera triestina - storia e misteri di una strada", riporto che anche l'istituto giuridico delle Comunelle, tuttora in vigor, risali al periodo napoleonico, quando vien messi a disposizion della popolazion terreni incolti appartenudi alla Cesa e frutto de privilegi delle classi patrizie. Non xe stade eliminade ne dalla restaurazion austriaca ne dal successivo arrivo italian.


MisterKappa
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 107
Iscritto il: gio 12 gen 2006, 22:17
Località: Roma

Messaggio da MisterKappa »

sempremi ha scritto:Stago zercando el libro de Quarantoti (Le Monnier '54) "Trieste e l'Istria nell'età napoleonica" ma no xè afari...
Qualchedun lo gà...???
Sì lo gò, ma te devo dir che saria sai poco utile per le tue ricerche. Nonostante el titolo, a Trieste xe dedicade solo poche pagine, el resto xe tutto per la situazion politica dell'Istria. A parte le solite notizie che xe riportade anche nei post precedenti, l'unica novità (per mi) xe stade quele quatro righe su Piazza Lipsia che go za meso in "Toponomastica".
Comunque un libro interesante.
Se propio te interesa, el xe in vendita su ebay a 20 euri (secondo mi tropo caro).


Salute e bori, e altro no ocori
sempremi
naufrago
naufrago
Messaggi: 13
Iscritto il: lun 2 gen 2006, 19:42

Messaggio da sempremi »

Grazie MisterK!
Vol dir che ghe darò un kuk de sbriss in Biblioteca.

Aprofito: qualchedun gà "Trieste dal minuetto alla marsigliese" de Ucci Cvetnich, ed. LINT 1974?

Carissimi saluti a tuti!


MisterKappa
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 107
Iscritto il: gio 12 gen 2006, 22:17
Località: Roma

Messaggio da MisterKappa »

Propio adeso go visto sul catalogo che un'altra copia del Quarantoti sarà in asta al Centro del Collezionismo (Via Piccolomini) domenica mattina. Base d'asta 10 euri


Salute e bori, e altro no ocori
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

za bastanza tempo fa el bon Mario me gaveva mandado un articolo a proposito dell'occupazion francese, ma rivo 'pena ogi scriver coss' che jera scrito:

Napoleone passa el Tagliamento el 16.03.1797 sfondando la difesa austriaca attestada a Gradisca e stabilindo el quartier generale a Gorizia.
A Trieste tutte le boteghe vien serade e tantissimi scampa verso Fiume e Segna. Le benedettine de S. Cipriano scampa a Capodistria. Una fuggi fuggi de profughi verso l'istria.
I francesi arriva el 23.03 comandadi da Murat che prima roba pensa ben de cior dalla cassa civica tutti i 21.000 fiorini che trova. La bandiera tricolore (come tutte quelle occupanti :wink: ) sventola su municipio, castel de S. Giusto e sulla Locanda Grande. La città se trova a pagar un tributo alla guerra de 3.000.000 de lire torinesi.
La rivincita sali dalla Croazia, con i croati dell'esercito austriaco che vien su da Fiume e Tarnova. Comandai da Jessich de Gianeseck da Segna e Giuseppe Francesco Bonomo i punta a Trieste in circa 300 de lori, ai quali se zonta per strada diversi contadini che rivoleva la propria terra, come ad esempio quei de Ricmanje.
I francesi se ritira dopo una sconfitta a Cattinara e xe costretti alla fuga verso la bisiacheria.
Questi cerca de rientrar al 13 in virtù del trattato de Judenburg, ma la popolazion non ghe sta e se solleva, senza risultato. El 17 l'esercito de oltr'alpe rientra in città. Napoleone arriva el 29 aprile in sella ad un lipizzan.


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Mi me risultassi che quei de S Giuseppe Ricmanje ne 1797 se la ga ciapada coi francesi perchè i ghe gaveva profanado la lampada miracolosa (devo far un post su sta storia) dela loro cesa.
Il tricolor francese portado qua xe quel che ga pian pianin inescado in tute le popolazioni, anche avverse a Napoleon, la rinascita dela propria nazionalità, anche in Germania. Per no parlar dei Slavi del Sud: a Lubiana ghe xe una piazza dedicada alla Rivoluzion francese con una targa de bronzo con una scritta che no go ben capido tuto, ma el senso xe che i xe molto fieri ( e grati) che Lubiana dal 1809 al 1813 xe stada fatta capital dele Province illiriche, riunindo insieme la Carniola, Gorizia, l'Istria e fin a Dubrovnik ( ex Repubblica de Ragusa)
Arivè a tradur ben?
Immagine


Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2664
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 18:54
Località: London, UK

Messaggio da macondo »

Lonely Wolf ga postado sul forum de Trieste a riguardo dei libri publicadi dall' Istituto Giuliano di Storia:

http://www.trieste.forumer.it/about1081 ... highlight=

De particolar interese, el seguente libro:

http://www.istitutogiuliano.it/pubblica ... rancia.htm


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Ogni tanto non fa mal sfogliar de novo "Trieste nascosta":

a Longera (Lonjer) xe ancora un deposito idrico sotterraneo costruido dai francesi per potenziar l'acquedotto de Maria Teresa. El deposito doveva raccoglier le acque del Kluc per esser convogliade nell'acquedotto de Guardiella. Zercando tra le case se dovessi ancora trovar la costruzion.


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

A proposito della resa dei francesi nell'ottobre del 1813, risulta che questi, circa 800, jera asseragliadi a S. Giusto e se devi arrender alle forze austriache che riva via terra da Fiume (comandade dal Conte Nugent) e quele inglesi rivade via mar, comandade da el Controammiraglio Freemantle. I combattimenti de qualche giorno gaveva portadi seri danni alla città. Gli inglesi conquista S. Vito e ga quindi una posizion dominante sul castel. El comandante francese Rabbié chiederà la resa con l'onore delle armi e questa ghe sarà accordada. I francesi domanda de poder ritirarse con do cannoni, ma non ghe vien accordado. Domanda anche de magnar, che ghe vegnerà concesso a pagamento. I uficiai poderà tignir la spada e ghe vegnerà dadi i mezzi per portar i loro bagagli (che no i fazi fadiga :-D ).
Da notar che vien anche chiesto che nissun triestin possi esser indagado per l'attaccamento al Governo francese, ma questa clausola resta in sospeso perché la controparte non riteneva de gaver competenza su questo tipo de decisioni.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

sempremi ha scritto: Stago zercando el libro de Quarantoti (Le Monnier '54) "Trieste e l'Istria nell'età napoleonica" ma no xè afari...
Qualchedun lo gà...???
lo go trovado oggi alla solita biblioteca del Carli, lo go ciolto in prestito, el ga ancora molte pagine no taiade ( se vedi che nol ga avudo molti lettori) lo legio e po te conto, preparite se te ga domande specifiche. No lo go ancora cominicado perchè stago leggendo un altro, molto interessante.. vedi sez libri


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Eco qua, comincio a riferir: ghe xe un'introduzion con un poco de bibliografia sule sue fonti e sui orientamenti politici dei autori ( Mainati, Kandler, Tamaro, Cusin, fra i altri..) e effettivamente el parla molto de l'Istria, ma no per questo el trascura Trieste.
Ben: Prima occupazion francese:
marzo 1797, Napoleon marcia verso la nostra zona e l'arciduca Carlo ( comandante austriaco dela zona) invita i cittadini a formar un corpo de volontari per la difesa e nel frattempo se ritira el 20 marzo verso Fiume; sempre el 20 marzo el governator conte Brigido scampa anca lu cole autorità a Lubiana, lassando la città al Magistrato politico-economico cioè al Municipio.
Dopo questo fuggi fuggi delle autorità, anche bona parte dei cittadini, presi da "tremariola", scampa via ( Mainati); al 23 marzo Napoleone manda un proclama "Une terreur injuste précède l'armée française.. rassurez vos concitoyens...." e i Triestini ghe manda una deputazion 2 patrizi e 2 negozianti, le due anime della città.
La sera del 23 marzo entra Murat e .. svoda la cassa civica dei 21000 franchi ( no fiorini!)
E dopo arriva el general Dugua se sistema ala Locanda Grande, fa metter lel tricolor sul Castel, el Muncipio e la Locanda Grande.
El 26 marzo vien piantado el albero della libertà ( de solito iera un tiglio) , obbligo de giuramento de fedeltà alla Repubblica francese una e indivisibile e con editto trilingue: francese, italian e tedesco imponi la coccarda nazional francese, domanda tutte le armi e bloca i magazzini. ( par che Napoleon al Direttorio gavessi scritto che savendo che a Trieste iera bori el li voleva ingrumar.. e cussì sarà)
26 marzo Napoleon sempre da fora domanda un contributo de 3 milioni de lire tornesi, metà in contanti e metà in merce. Per le istituzioni, che domandava Sempremi, Napoleon conferma el Magistrato civico, perchè el ghe tiri su le tasse, conferma la libertà de religion.
Ma i Triestini no iera molto soddisfatti e no se fazeva veder in teatro. El Colonnello Bréchet iera Comandante della città, castello e porto. Ma nel frattempo fine marzo-primi aprile, molti dei scampai xe rientradi: i francesi ga concesso libertà de commercio con tutte le nazioni non in guerra con la Francia, ga lassado i magistrati civici al loro posto, senza modificar le norme ausrtriache. Al 10 aprile el gen Dugua lassa la città e va a Klagenfurt e vien sostituido del gen Bernadotte ( quel che sposerà Désirée e deventerà re de Svezia- più tardi). Al 7 aprile Napoleon e l'Austria gaveva firmado el armistizio a Judenburg..
Ma al 14 aprile 300 croati e un drappello de usseri a cavallo cal comando del cap Jesich croato e capitan Bonomo triestin ga fato un'incursion verso Trieste, appoggiai dei contadini de Ricmanje, per i fatti dela cesa: i militari francesi gaveva copado bestie e profanado le cesa ( no so cossa dele due li ga fato imbestiar de più) , i contadini ga copado i 12 soldai colpevoli e i Francesi ghe ga dado fogo ala cesa.
El scontro xe stado alla Chiusa de Cattinara e i Francesi, nonostante i rinforzi de città, xe scampai via fin Monfalcon. Grande festa in città per la liberazion, al 17 april par che i Francesi voleva tornar ( NB e tuto questo durante un armistizio!!) e alla sera rientrava i Francesi e i Austriaci se ritirava. El comandante francese gen Friant ga messo in Corso un cannon pronto a sparar se succedeva pupoli. E finalmente al 29-30 aprile xe arrivado Napoleon in persona, ospite al Palazzo Brigido, e i magistrati ghe se ga presentado domandando un sconto sulla contribuzion, senza risultati. el Magistrato ghe ga anca regalado un lipizzan.
Al 9 maggio, per accontentar i mercanti, Bernadotte lassava libero el commercio con tutti, tranne i inglesi e i veneziani .
Fra el 23 e el 24 maggio i Francesi, per effetto dei preliminari de Leoben,( che porterà alla pace de Campoformido) se ritirava e le truppe austriache e el governator Brigido rientrava fra tripudio, luminarie, feste!
Meno contenti, i primi massoni triestini.
Nessuna repression contro eventuali fiancheggiatori dei Francesi, nessuna epurazion, tanto chel 1800 el direttor de polizia Pittoni poderà scriver, come complimento, che " gli indigeni triestini generalmente pensano bene, sono sudditi fedeli, addetti alla buona causa ed odiano la democrazia". Xe ovviamente un complimento!! :-D :-D :-D
Ale prossime puntate le altre occupazioni.


sempremi
naufrago
naufrago
Messaggi: 13
Iscritto il: lun 2 gen 2006, 19:42

Messaggio da sempremi »

Babatriestina, te ringrazio infinitamente per le informazioni che te riporti...
Purtropo gò un bruto periodo de casin, :( :( :( e non rivo a dedicarme personalmente a le ricerche che volessi far. Pertanto el tuo lavor me xè graditissimo. Atendo con impazienza le prosime puntate, co te gaverà voia e tempo de scriver...

Grazie veramente!!!!! :-D :-D :-D


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Ben, secondo periodo:
nel frattempo la città se riprendi, coi traffici, arriva Mesdmes le zie de Luigi XVi, passa Nelson... e nel 1805 guerra de novo e Napoleon vinzerà in dicembre a Austerlitz. Ma prima de Austerlitz in Italia ghe iera l'armata de Masséna, l'arciduca Carlo ( sempre quel) col aria che tirava dela parti del nord, se preparava Austerlitz, dopo un contenimento de Masséna a Caldiero in ottobre, corri a nord in aiuto, sguarnindo Trieste: 17- 18 novembre 1805 le truppe austriache e el governator Lovacs lassa la città: al 19 novembre entra i francesi con general Solignac, el qual , in nome de Masséna, domanda de novo bori: stavolta 6 milioni de franchi oro e argento e 20 ooo razioni per i militari. Proteste a Masséna e intanto sto Solignac ciol bori per se stesso ( che più tardi, su segnalazion de Eugenio de Beauharnais, ghe vegnerà confiscadi de Napoleon) , al 22 novembre va via Solignac e arriva le truppe del general Séras, al comando de un comandante Borghese,c he dopo xe vegnudo un Sassernò. al 2 dicembre Masséna crea una specie de governo provvisorio Magistrature publique, politique et économique, con membri cittadini: notar la presenza de 5 negozianti: Giorgio Pillepich, Ciriaco Catraro, Giovanni Plastarà, Antonio Vicco e Aron Vivante. Insomma, i novi botegheri e no i nobili triestini. Masséna arriverà al 4 dicembre 1805. El xe stado due giorni, el ga esonerado Sassernò, e contento de gaver becado i bori el ga confermado el porto franco, salvo che per i inglesi. Nei stessi giorni i occupava l'Istria domandando bori anca là. Al 9 dicembre xe arrivada la notizia de Austerlitz e al 13 dell'armistizio: col trattato de Presburgo l'Austria rinunciava a Veneto e Istria, che andava a passar nel novo Regno d'Italia, mentre conservava el diritto su Trieste.. ma nel frattempo Masséna restava a Lubiana, lassando Trieste occupada, e.. domandando de novo bori! 4 milioni e Séras ga bloccado dei cittadini come ostaggio in attesa del pagamento. Proteste dei triestini, con Eugenio de Beauharnais, col general Boudet, col general Marmont. Fra el 6 e 7 febbraio 1806 iera a Trieste sia austriaci che francesi, finalmente dopo ultime discussioni i francesi xe andai via al 4 marzo e un'ora dopo rientrava ufficialmente i austriaci. Grande sollievo della popolazion ma el conte Lovacs se ga ben segnado chi che gaveva collaborado coi Francesi, in particolar Vivante e Plastarà..
al 7 de marzo, Emanuele Baraux e Ignazio Gadolla ( quel del palazzo, immagino) ga scritto una petizion a Francesco ( ormai I imperator d'Austria e no più Sacro roman imperator) lamentandose dei bori ciolti dei francese e domandando sostegno economico- ghe arriverà un prestito de 3 milioni de fiorini. Nel 1805, conseguenza del ambiente francese, iera ricomparsa una loggia massonica a Trieste, che se metterà in contatto con una de Capodistria.
Nel 1806 xe stado istituido un Cabinet Noir, per el controllo della posta privata ( intercettazioni..) no se sa mai che i francesi gavessi lassado pericoli rivoluzionari.. Lovacz nel 1808 per copntrollar meo la città ga zontado de sua iniziativa . al Consiglio dei patrizi, 49 novi membri, molti stranieri e metà tedeschi: proteste dei Triestini ( sezion nobile) per l'interferenza e de Domenico Rossetti.
El porto riprendi, ma xe un poco penalizzado che l'Austria, alleata de Napoleon, almeno formalmente aderiva al blocco continental contro l'Inghilterra.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Un per de cartine storiche, giusto per gaver un'idea dela situazion in zona:
questa xe la prima, se vedi la prima Repubblica Cisalpina, e el territorio de Trieste, con Venezia e el Veneto cedudi al Austria. Trieste xe messa semplicemente in Carniola; per chi che no se ricorda: Agram xe Zagabria
Immagine

po xe un'altra, semo dopo, Trieste xe ancora austriaca ma la risulta circondada del regno d'Italia, stato satellite del impero napoleonico. Notar che mentre nela prima xe ancora el Sacro Romano Impero, nela seconda xe za Impero Austriaco
Immagine
La terza xe inveze la Province Illiriche:
Immagine
cossa che voleva farghene Napoleon no so ben, ma le par una specie de stato-cuscinetto per tegnir soto controllo el Austria e taiarla fora del mar Adriatico. Xe de notar anche l'inclusion in ste province dela Carinzia occidental. Inveze Marburg e Cilli ( Maribor e Celje) iera Carinzia- Stiria


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

terza occupazion: qua la storia se fa più longa...
el solito arciduca Carlo che gavemo visto alla difesa precedente de Trieste, nel 1809 , cola V coalizion , xe andado a combatter in Baviera e dele nostre parti xe vegnudo el arciduca Giovanni, che ga cominciado a avanzar, dopo una vittoria a Sacile, contro Eugenio de Beauharnais, ma nel frattempo Napoleon batteva el arciduca Carlo e occupava Vienna (maggio 1809), e anche el arciduca Giovanni ga dovudo ritirarse e al 17 maggio 1809 entrava i Francesi a Trieste col commissario de guerra Sacchetti e el capitano Dousse.: pranzo alla Locanda Grande coi funzionari austriaci ancora presenti, po arriva el general Schilt che al 25 maggio dichiara formalmente Trieste soto dominio francese: consegne armi, coccarde.. etc..
L'amministrazione vien dada al Commissario ordinatore in capo Joubert che domanderà.. tanto per cambiar... 50 milioni de franchi!!!! ( su richesta esplicita de Napoleon)!!! proteste, lamentele, richieste de riduzion ( diventerà 12 milioni e mezzo, e a rate..), ostaggi, confische dei beni inglesi in porto. Al 6 luglio un gruppo de Cacciatori triestin volontari filoaustriaci, con supporto de paesani, cala de Basovizza per liberar la città, con el supporto de una fregata inglese nel golfo, ma senza risultati se non una cinquantina fra morti e ferito. Ma el stesso giorno se combatteva la battaglia de Wagram, in seguito alla qual vegniva imposta a Trieste una nova taglia de 2.440.000 franchi!!!! ( anche qua, mercanteggiamenti, dilazioni,..) e non solo, ma i 3 milioni de franchi del prestito de Francesco I xe stai cedui de sto ultimo ala Francia, che.. ghe li ga domandai indrio!!!!
15 agosto, gendi festeggiamenti per el compleanno de Napoleon, festa in teatro.. chissà quanto sentida...
14 ottobre 1809 pace di Vienna l'Austria cedi alla Francia tutti i territori adriatici, Trieste compresa, salvo diritto ai sudditi cedudi, de libera emigrazion entro 6 anni ( un predecessor dei "optanti" ).
Fazendo bon viso a cattivo zogo, xe stado fatto dei Triestini un proclama che celebrava la pase come "avvenimento da averne grandissima consolazione e speranza d'avvenire".
Sempre in ottobre Napoleon nomina Emilio Luciano Arnault Intendente della provincia di Trieste
le Province Illiriche ( o brevemente Illiria) vien creade con decreto de Napoleon el stesso 14 ottobre 1809, affidandole in principio al solito Vicerè Eugenio, che in principio conserverà i impiegati governativi austriaci.
Grandi festeggiamenti per la pase e le nove province illiriche al 12 e 13 novembre con gran messa a San Giusto
Al 16 novembre le Province illiriche vien dade col titolo de Governatore Generale al maresciallo Marmont duca de Ragusa: le province illiriche iera divise in 10 intendenze, ogniduna sotto un Intendente, a loro volta divise in distretti Capital, Lubiana. con l'occasion dela morte del Vescovo de Capodistria in quel periodo, no vien nominado un novo e al ritorno dell'Austrai se riunirà le diocesi de Trieste e Capodistria fin ala division de anni fa.
Ecco qua el passo sulla soppression dei ordini che citava Adler:
Marmont sopprimi in tutta l'Illiria le confraternite, meno el sacramento e el Suffragio, ma in Istria le iera za stade soppresse nel Regno Italico. In Istrai iera restade le congregazioni dei organi mendicanti ( forsi perchè le soppressioni de Giuseppe II no podeva riguardar l'Istria, allora veneziana?)
con decreto 4 luglio 1810 Marmont dividi tutte le scole pubbliche in scole primarie e licei , imponi in ogni comun una scola elementar, in ogni cittadina un ginnasio e in ogni capoluogo de provincia un liceo: a Trieste sarà un liceo, un ginnasio e 4 elementari, tutte in lingua italiana.
Meno apprezzada invece, xe stada la coscrizion obbligatoria , in particolar per un reggimento detto dell'Illiria che finirà mal nela campagna de Russia.
( me vien in mente una canzon de Endrigo, su un dele nostre parti " Vado via con Napoleon")
Favorevoli all'occupazion francese, come sempre i massoni ( creazion de una nova loggia) e certi commercianti, de origine straniera.
Nel 1810 nassi el gabinetto di Minerva, con Rossetti che nel periodo creava l'Aquedotto.
El 24 novembre 1810 vien soppresso el portofranco de Trieste, sostituido da un deposito reale, ma sempre con esclusion dele merci inglesi,a causa del blocco continental. Solo el commercio del coton ga dado una certa prosperitàa l porto, per la proibizion de farlo passar per el Danubio. Po i ga creado un deposito fittizio per merci .
I ga fatto anche una specie de contrabbando de merci sotto bandiera fittizia de "Gerbi isola oscura vicino alle spiagge dell'Africa", che immagino sia la Djerba turistica dela tunisia.
Marmont, che iera a Trieste in inverno, al 24 febbraio 1811 vien ciamado de Napoleon alla guerra de Spagna e al suo posto vien el general Delzons., sostituido un mese dopo dal conte Bertrand, futuro compagno de Napoleon a S Elena.
La fin .. ala prossima puntata..


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

fra una descrizion e un'altra, ancora una cartina dell'europa napoleonica nel 1812
Immagine


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

le province Illiriche iera: Carinzia, Carniola, Istria, Croazia civile , Dalmazia e Ragusa e una Croazia militar. Trieste ier messa nell'Istria: ogni provincia dipendeva de un Intendente e nei comuni maggiori iera un maire, nei minori un sindaco. ghe iera un Consiglio Municipal ma con poche prerogativa. per el commercio iera tre camere di commercio: Trieste, Fiume e Ragusa. Vescovi, capitoli, seminari e parrocchie no iera toccadi ( l'Impero iera meno magnapreti dela repubblica) Dal 1812 xe passade in vigor le leggi francesi. Intendente dela provincia d'Istria iera Emilio Luciano Arnault, che ga completado la passdeggiata del Boschetto
Spariva el Consiglio dei patrizi, e nel novo consiglio municipal iera i novi mercanti, stranieri e ebrei. El Lazzaretto Vecchio xe stado trasformado in arsenal navale, e po i ga concesso agevolazioni daziarie al porto, per cui se palrava de farghe una statua a Napoleon. Bertrand ga anche averto la cosiddetta Strada d'Italia da Opcina a Santa Croce.
Nel 1812 xe stada fondada una loggia massonica de rito scozzese con venerabile Venceslao Panzera, distinta de l'altra filofrancese.
Nel 1813 Bertrand xe stado trasferido e sostituido da Junot, duca d'Abrantès, che purtroppo ga cominciado a dar segni de squilibrio mentale. El ga sostituido el Arnault col Calafati come Intendente della provncia e xe sto Calafati che ga riorganizzado el teatro nuovo, restaurado S Antonio Vecio, e fatta piazza Luetzen futura piazza Lipsia. La sede del Intendenza iera palazzo Biserini, ossia l'attual Biblioteca Civica.
Deventado matto Junot, nel luglio 1813 xe arrivado come intendente Fouché, ex convenzional, regicida, ministro della polizia de Napoleon.
Intanto nel ottobre 1813 Napoleone vegniva sconfitto a Lipsia.
Ma già in settembre 1813 i Francesi, vedendo la brutta aria, se ritirava al Castel, al comando del colonnello Rabié, nei stessi giorni Fouché scampava (per tornar de privato anni dopo). al 10 settembre un pochi de militari del Nugent arrivava in Piazza della Borsa, con morti e feriti fra Piazza della Borsa e Piazza Grande. Qulache giorno dopo el resto delle truppe de Nugent arivava dal Carso. Fra de lori, el triestin capitano Giuseppe Lazarich, ex console austriaco a Trieste nel 1811-1813. Sto Lazarich xe andado in Istria a far sollevar la popolazion contro i francesi, con successo.
Nel frattempo i inglesi bloccava el porto e al 13 ottobre a l baron d'Aspern cominciava l'ingresso a Trieste città. e a attaccar el Castel, al 22 i conquistava el castel de san Vito ( el castel de Sanza). Al 8 novembre i Francesi se ga arreso, anche con l'intervento de un arciduca Mssimiliano d'Austria che propio no so chi che iera, perchè no podeva esser ancora el "nostro".
I Austriaci ga rimesso el sistema amministrativo vecio solo dopo un anno.
E durante i Cento giorni de Napoleon? la sola roba che ga riguardado Trieste xe stado che Gerolamo Bonaparte, fradel de Napoleon, che stava a trieste, xe scampado de Trieste per andar del fradel..

e con questo credo de gavevrve riferido abbastanza del libretto sui Francesi a trieste.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Go trovado anche questa:
http://digilander.libero.it/arupin/trieste1797.html
Immagine
medaia francese che celebra la presa de Trieste


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Una conseguenza de questo ,disemolo pur, piuttosto breve periodo francese xe stada nele scole dele province Illiriche: i francesi gaveva averto scole superiori nela lingua locale, el che vol dir che sula costa i ga averto dei Licei in lingua italiana, a Trieste prontamente serai de l'Austria ala Restaurazion e apena nel 1863 xe stado averto el primo ginnasio italian, ma nela Carniola, attual Slovenia, i ga averto dele scole in sloven, anche quele serade ala restaurazion e riaverte solo molti anni dopo: ma ga avudo l'occasion de frequentar una de ste scole slovene.. Preseren! e xe stado uno dei motivi che lo ga incoraggiado a dedicarse ala letteratura e soprattutto ala poesia in sloven ( go letto sta roba nela sua casa a Kranj)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
de Jenner
naufrago
naufrago
Messaggi: 9
Iscritto il: gio 21 feb 2008, 19:32

Messaggio da de Jenner »

Son novo de questo forum però posso dirve che sai el me piasi e me piasi i argomenti che trata . Posso consigliarve de andar a guardar el libro de Giovanni Quarantotti - Trieste e l'istria nell'età napoleonica. (Firenze, Felice Le Monnier 1954) dove che i ve la conta tuta. :-D


Torna a “De 'l 1719 a 'l 1914”