Ruggero Timeus

De 'l porto franco a la prima guera mondial
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

Timeus non cita Vivante, ma è chiaro che pensa a lui quando scrive " alcuni scrittori interessati hanno creato sulla prosperità economica di Trieste la leggenda che essa sia dovuta interamnte al fatto che la città appartiene all'Austria, e non solo, ma anche alle cure che la Monarchia avrebbe avute per favorire il suo commercio e il progresso economico del suo emporio."
Cita invece un saggio di Mario Alberti su La fortuna economica di Trieste e i suoi fattori, che non ho avuto l'occasione di leggere finora.
Se sula base dell'Alberti o autonomamente Timeus ricorda che: Quando il Lloyd austriaco sorse, il Governo non lo aiutò ma lo osservò con diffidenza temendo scopi politici sotto. Che mentre Amburgo era collegata con l'Austria via ferrovia già dal 1851, la ferrovia austriaca arrivò nel 1857 solo fino a Lubiana dive le merci venivano trasportate su carri a cavalli da e per Trieste; la seconda ferrovia arrivò appena nel 1906 e con costi di noli alti. Il porto ( ora vecchio) venne costruito appena nel 1883 e risultò subito insufficiente e con fondali troppo bassi.
Il seguente ragionamento di Timeus sull'avvenire economico del porto di Trieste se passasse all'Italia, sono tutti determinati da una premessa che il tempo smentirà: la sopravvivenza dell'Impero. E ne deduce che Trieste sarebbe comunque il porto favorito dall'Austria pe ri propri traffici mediterranei, a meno che l'Austria non si decida a fare una guerra commerciale imponendo dazi e noli elevati: riporto " le tariffe ferroviarie: per Trieste passa quasi la metà del traffico austroitaliano, 203 milioni su 407: boicottando il commercio triestini l'Austria boicotterebbe la propria esportazione in Italia [..] . I dazi Dazi appositi per Trieste, fino a che ci sarebbero dei trattati di commercio fra i due stati non potrebbero esistere. [..]" e poi c'è merce che Trieste esporta e che non riguarda l'Austria " coloniali 96 milioni- gomme e resine 10 milioni frutta meridionali 45 milioni- cautchouc 5.6 milioni cotone 111 milioni". E suggerisce che invece Trieste potrebbe sottrarsi alla concorrenza mercantile austriaca e boema.
aggiunge dati sui traffici dell'epoca italian e conclude con questa frase che viene spesso citata " Sul confine di tre popoli, trieste città italiana potrà essere un emporio donde partiranno merci, uomini, idee dell'Italia: un centro dove si irradierà la nuova morale dle mondo; la porta per la quale non entreranno nemici ma dalla quale l'italia partirà per le future conquiste."

Conquiste? ricordiamo il momento: mezza Europa seguiva il Malato d'Europa l'impero ottomano e ciascuno se ne ritagliava un pezzetto... chi prima chi dopo, da Algeria e Tunisia a Libia a Bosnia.... per parlare dei pezzi più grossi e i nuovi stati che sorgevano nella penisola balcanica...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4445
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da Ciancele »

Quando che se disi qualcosa, dipendi sempre de quando che se disi. Quel mi che go dito un mese fa, ogi pol no valer più. E ala domanda cosa saria se ..... se sa che no se pol risponder. Specialmente cosa saria meio: Trieste austriaca, Trieste italiana o Teritorio libero.
Trieste porto de un grande impero austriaco no xe la stesa roba de Trieste porto de una picola Austria.
Trieste austriaca no saria malvagio, anca austriaca de un’Austria picia. El porto de Trieste podaria servir anca l’Ungheria, la Cecoslovacchia, la Slovenia e parte della Croazia. I costi via Trieste saria tanto boni per trasporti dal Medio Oriente, Sudafrica, India. Australia bisognaria vedar. Venezia saria anca interesante, ma la ga circa 150 chilometri de più. Per le lignie americane e Africa ocidentale xe più meio Genova o Marsilia. In qualche caso Trieste pol far ben concorenza a Amburgo. No steme dir che forsi no xe vero, parchè parlo par esperiensa personale.
Trieste italiana no xe tanto bon, parchè Trieste a l’Italia no servi tano e l’Austria no gavaria più un porto proprio ma un ciolto a nolo. Se devo pagar, la pensa, vardo andove che poso pagar de meno. Par esempio, forsi Capodistria. Esendo picia, la importa anca de meno e Capodistria ghe basta. I altri paesi i xe indipendenti e i se rangia par conto suo. Una parte dela roba che vigniva del Medio Oriente no vien più col bapor ma coi camion. El coletame xe diventà groupage. Roba che 70 o 80 ani fa no esisteva. I tempi xe cambiai.
Trieste Teritorio Libero. De sicuro meo che con l’Italia, che ga tanti altri porti. Forsi anca no pezo che con l’Austria, parchè par far programi no ocoreria domandarghe a nisun el permeso. Nè a Roma nè a Viena. Ma xe come risponder ala domanda cosa saria stado se .....
Rugero Timeus no’l xe sta dela butacarte e par quel no ga podesto saver el futuro. I sui pensieri iera quei de quela volta cole conosense de quela volta.
I mii pensieri xe tuti visti del punta de vista de star meio, che saria solo comerciale. No go parlà de politica. Se vardemo anca del punto de vista politico, ogni stato fa i afari sui, che forsi no xe quei de Trieste e dei triestini.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

se la metemo de questo punto,coi oci de adesso, mi diria che Trieste porto europeo de una Europa unida saria più facile de tuto. e cussì la finimo con Austria Germania, Italia, Slovenia (Jugo no xe più, Impero gnanca..) Ungheria, Croazia, Tlt ( che xe solo nela teoria de qualchedun) e altro: ogni stato xe un confin, una dogana, un controllo, un muro, una rissa coi vicini. ma de sti tempi par che meter su muri sia deventado de moda... e se alontanemo de 113 anni fa, co Timeus scriveva.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

Ciancele ha scritto: Trieste austriaca no saria malvagio, anca austriaca de un’Austria picia. El porto de Trieste podaria servir anca l’Ungheria, la Cecoslovacchia, la Slovenia e parte della Croazia.
te dimentichi che del 1914 in qua i ga svilupado Capodistria e Fiume.. più vizin del hinterland che te disi Per la Croazia za Timeus diseva Spalato.. e no xe più Cecoslovacchia... rep Ceca e Slovacchia


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4445
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da Ciancele »

babatriestina ha scritto: ..... Te dimentichi che del 1914 in qua i ga svilupado Capodistria e Fiume.. più vizin del hinterland che te disi. Per la Croazia za Timeus diseva Spalato.. e no xe più Cecoslovacchia... rep Ceca e Slovacchia.
Svilupà Capodistria? No sta farme rider. Mi go visto Capodistria prima dela guera. Per svilupo mi go sempre inteso qualche cosa de altro.
Mi son sta a Capodistria dopo la guera. Verso la fine del secolo, La diferenza iera enorme. Me go perso. Quel xe svilupo.
Tuti i altri paesi se ga rangià par conto suo.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

Ciancele ha scritto:
babatriestina ha scritto: ..... Te dimentichi che del 1914 in qua i ga svilupado Capodistria e Fiume.. più vizin del hinterland che te disi. Per la Croazia za Timeus diseva Spalato.. e no xe più Cecoslovacchia... rep Ceca e Slovacchia.
Svilupà Capodistria? No sta farme rider. Mi go visto Capodistria prima dela guera. Per svilupo mi go sempre inteso qualche cosa de altro.
Mi son sta a Capodistria dopo la guera. Verso la fine del secolo, La diferenza iera enorme. Me go perso. Quel xe svilupo.
Tuti i altri paesi se ga rangià par conto suo.
stavo parlando del svilupo del porto de Capodistria de adesso , unico porto de una picia Republica , come che lo vedo adesso co vado in gita oltreconfin. Se per ti no la xe svilupada... visto che te parlavi per un futuro e no de prima dela guera...
se te pensi che stavo disendo che el Italia gavessi svilupado Capodistria ai tempi del fascismo e che stago fazendo apologia del regime, caro Ciancele, no te ga capido gnente de quel che penso e de quel che go scrito e de quel che voio dir..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7782
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

No ste far barufa!

Penso che la discussion nasi de un equivoco: BT scrivi che dal 14 a ogi Capodistria se ga svilupà. E xe vero, ma el vero svilupo, come che la disi in un post succesivo e come che Ciancele sugerisi, se lo ga vu solo dopo la seconda guera e sopratuto de quando che i ga fato el porto container. E Capodistria xe el solo porto dela Slovenia e no so se el riva a atirar trafico anche de altri paesi, come l'Austria.

Per el trafico co la Baviera el discorso xe diverso perché xe la Germania che vol che i dopri Amburgo piutosto che i porti del Adriatico. Le boteghe, i zoghi de sotobanco i xe dapertutto.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

ovio che disemo el stesso, e se goi ciolto el 14 come data de partenza, xe perché se parla de un libro che xe stado scrito nel 1914. perché quel xe el argomento, no come che sarà o podessi eser el porto de Trieste adesso o doman. Gavemo topic a iosa a riguardo de altre parti in forum.
caveme un curiosità, comunque: adesso, el Austria atual, Republik of Oesterreich, se ga de far trafici maritimi, oltre che per el Danubio, dove la ga i trafici de merci principalmente? in che porto, digo?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da Piereto »

Go leto de qualche parte un per de ani fa che xe proprio Capodistria el scalo dell'Austria, riportato anche da la rai regionale. Xe una question anche de tarife e de costo de la vita. In Slovenia le paghe xe un terzo de meno che in Italia e la regola in tante aziende xe lavor fato a turni. Gavemo altri post per parlar de commercio che al tempo de timeus iera certamente ben diverso.


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4445
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da Ciancele »

Son Picolo Ma Creserò, un baseto in fronte. Te podaria eser squasi mio fio, se mi gavesi incomincià prima a far sporchezi. Anche se pare e fio no se capisi mai, ti te me ga capì. Mi volevo veramente dir solo la diferenza secondo quel che penso mi. No volevo far condoto (baruffa) o ofender qualchedun nei sui sentimenti patriotici. Difati go dito che no parlo de politica.
Tantisimi ani fa me par de gaver leto sul giornal che l’Austria gaveva interese al molo 5. O al molo 8. O a qualche altro molo. Po mola de qua mola de là i ga molà tuto e, se xe vero quel che me ga dito un mio amico che lavorava nele spedizioni, i xe ‘ndai a Capodistria. E Trst neč. (E Trieste niente.)
Se capisi che ogni stato ga interese a darghe de lavorar ai sui. Mi go dito solo che Trieste pol far concorenza. Se un disi che xe bon, ma che no ghe interesa e che’l vol pintosto pagar de più, xe un’altra roba. Mi go fato concorenza a Amburgo con spedizioni via Trieste de Haifa (7 giorni fina a qua) e de Bombay (16 giorni fina a qua). A prezi che Amburgo se insognava. Mi go solo dito che Trieste pol far concorenza.
Baba Triestina, te me perdoni?


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

no xe gnente de perdonar, e no xe sentimenti patriotici. Xe solo che dati e informazioni. E po se parlemo de porti e de concorenze, bisogna pensar a come che la merce riva ai porti. Ai tempi de Timeus in un modo, nel 2017 ( per poco ancora) in un altro. In porto riva navi container. E del porto la merce per andar nel entroterra se pol mover per gomma, per ferrovia e per aereo. Coi costi e i tempi de ciascun mezo...
Timeus zento ani fa se lamentava che i porti del Nord fazeva tarife preferenziali, dumping i ghe diseva e disi ancora. E adesso xe i cinesi..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4445
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da Ciancele »

Mi credo che el scopo dei container iera un preciso che saria quel de risparmiar costi de imbalagio. Una volta le spedizioni via mare le iera fate in case de legno, che qualche volta pesava più de quel che iera drento. In Germania i xe vignudi de l'America verso el 1957. De chi? Naturalmente de Parisi. Pian pian i ga comincià a sopiantar i imbalagi de legno e paia de legno e la merce vigniva imbalada in cartoni. Po xe vignù el polietilene e po el polistirolo: polistirene espanso. Tra le dite che sera te pol meter quele che fazeva casete e paia de legno. Scatoloni di carton in container. Quela volta, fina al 1960, chi che fazeva un vagon de diese tonelate se bateva una man sula spala. Ogi i te ridi. Credo la ferovia vagoni de 15 tonelate i li ga solo in museo. Ogi se parti de 20 tonelate. I treni, che una volta gaveva 40 vagoni pici, ogi no esisti. I ga almeno zento vagoni. Tuto xe cambià. Anca i porti ga dovesto adeguarse ai tempi. Tempora mutantur ..... Te dovaria veder i porti de Amsterdan e Roterdan. Amburgo pol sconderse. E Trieste?


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

come sempre se alontanemo de Timeus. el container no xe solo che i costi de imbalagio. el toco xe za pronto per eser scarigado e messo diretamente sul treno. O camion. E ciau ciau scarigadori, sesolote e tuta quela fauna che se vedi nele vece foto. A Trieste i parla ancora de rinfuse.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

Il capitolo successivo di Timeus che è il conclusivo, anche se ci sono appendici, è un capitolo complesso che tocca diversi aspetti ed è in contrasto con tanti scritti di altri autori irredentisti o meno.. la città borghese.
Timeus come anche all'inizio del libro non mostra alcun interesse per la millenaria storia di Trieste: niente glorie romane imperiali da vantare : la liquida come "una stazione fra Aquileia e Pola"; niente interesse per il comune "un distretto ribelle della signoria veneziana"; " in venti secoli non potè formarsi nè una tradizione, nè un'arte, nè una storia, nè un'aristocrazia". Insomma duemila anni di quasi nulla.. e poi dall'ottocento, dopo il ciclone napoleonico, secondo Timeus nasce la città della borghesia italiana. Perchè il mondo austriaco era aristocratico e quello slavo legato alla terra. E a questo punto però inserisce la borghesia non come classe economica ma come gruppo nazionale italiano e la presenta in una versione direi rivoluzionaria: La borghesia italiana, dopo aver negato la religione, la morale, lo Stato, la cultura, in generale, per poter distruggere quelle del vecchio regime, sente il bisogno di costruire; sente il bisogno di farsi una fede, una politica, una morale, un impero, un Dio. Vuole rifabbricarsi i templi e rinnovare la antiche glorie" e ne deduce che per farlo occorre inserirsi nella Nazione, che per lui è quella italiana : " vogliamo anche noi vivere e sentire quello che sentono e vivono gli altri italiani, contribuire al rinnovamento politico e morale della Patria comune, chinarci davanti alle nuove tavole dei valori, obbedire alle nuove leggi combattere le nuove guerre" si sente un'eco delle avanguardie europee, del futurismo, del cubismo, di Picasso...
e a questo punto conclude una serie di sogni: " la nostra redenzione, noi la vogliamo [..]con l'Italia noi saremo i veri uomini, gli uomini completi che daranno il loro lavoro e la loro intelligenza nell'opera comune per la grandezza della patria [..]i nostri figli marceranno su deserti.. pianteranno sul suolo straniero la nostra civiltà..

e l'Italia deve volere noi. Noi siamo la città borghese. Siamo la città commerciale. Solo in questo lembo di terra sassosa e tormentata dalla bufera, il Mediterraneo s'addentra tanto verso l'Europa centrale; solo d a noi l'Oriente e l'Occidente , il Mezzogiorno e il Settentrione possono senza viaggi lontani e difficili scambiare le merci e forse le civiltà. Tutto l'Italia può acquistare altrove, ma la chiave della sua espansione verso i Balcani e il levante può averla solo a Trieste.
E alla fine si esalta:
Noi gettiamo in faccia a tutti il nostro sogno d'un impero. Vogliam conquistare: che c'importa delle giustizie nazionali o delle convenienze internazionali o nazionali.[..] l'Italia sia illuminatrice e dominatrice di popoli, se no , la inghiotta il mare. Anche noi siamo italiani e non vogliamo altri destini che i destini dell'Italia".


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

Mi è arrivato come regalo di natale un libro uscito d a poco, su Trieste di Marina Silvestri "lassù nella Trieste asburgica". L'ho sfogliato e vedo che si parla dei regnicoli riportando molto di quel che dice Timeus. Senza citarlo e usando altre fonti...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da Piereto »

Dopo più de cento anni da questi scritti se un commento se pol far oggi che semo a posteriori , xe : una grande illusione. ( Xe anche el titolo de un vecio film ambientato proprio durante la prima grande guerra mondiale) . Creder che con la fine de una epoca , de una amministrazion e de una cultura, el mondo saria cambiado in meio , e che luminosi orizzonti se saria verti per Trieste.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

iera el epoca che tanti sperava no solo per Trieste, nel modernismo, nela rivoluzion ( e la russa del 17 xe stada per bon una rivoluzion) e in un mondo novo miglior. ognidun a modo suo... illusi? precursori? utopisti? avanguardie? mati pericolosi? chi sa dir adesso...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da Piereto »

Certo quela volta el mondo iera davvero in espansion , tecnologica industriale e anche demografica, e podeva valer tute le regole economico capitaliste. Oggi credo semo convinti che sta espansion no la pol durar anche perchè el mondo diventa stretto, e anzi che se dovemo assestar su un livello stazionario , e logicamente gavemo tuto el mondo de la finanza che no vol sentir ragioni e vol continuar su la vecia strada. Per farlo el vol una deregulation generale eliminando i poteri nazionali, e lasar in pie organizzazioni mondiali prive de potere e perciò manipolabili e concentrarse su le sue creature multinazionali. Forsi anche oggi vivemo in una illusion che se possi cambiar sistema. El pessimista disi che se cambia sempre in pezo.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

mi al contrario no posso che sperar che sia organizzazioni mondiali o quanto meno sovranazionali che possi controlar i egoismi e le riffe -oltre che le carenze e disorganizzazioni- a livello nazional. I stati nazion tropo acentuadi ga dado pessima prova in entrambe le guere mondiali. Sulla decrescita felice go anche le mie riserve, sopratuto perchè la xe sugerida dei siori, e che i poveri.. se rangi!

Tornando a Timeus. perchè lasassi perder el ultimo capitolo ligato al e sue critiche ai socialisti e a Pitoni in questioni dle epoca, la domanda original de cenerentola ( che po in foruim la xe sparida de ani) iera Perchè dedicarghe una scola o una via? e me par che rientra in quela campagna- de destra e de sinistra, con oposti obietivi- de farse publicità o afermar el propio poter cambiando nomi ale strade. Come se no ghe fossi de meio de far. Credo però che co i ghe ga intitolado busto, scola e via no i gabi pensado ai sui scritti, ma solo al fato che le xe andado volontario in guera per l'Italia ( come che diseva zerti: se go de andar in guera e farme mazar almeno lo fazo per quel che credo) e che el xe morto de conseguenza. e se i lo ciapava e i lo riconosseva, lo copava istesso. E visto che el iera del a parte che ga vinto... che po nonostante tuto xe quela che vivemo dentro adesso...
saria de far un longo discorso sula storiografia italiana, sopratutto come che xe stade le riflessioni dopo la second a guera e disemolo pur la guera civil che xe stada ( no parlemo del casoto dele nostre partic he xe stade e più strane aleanze per combater i propri nemici) e la rifondazion de una moral nazionale evitando e l nazionalismo, a un certo punto i ga butado via el bambin col acqua sporca col revisionismo e po xe vegnudo un a ltro antirevisonismo (penso a De Felice) e ancora adesso i se combatti. El ataco a Timeus no xe forsi tanto un ataco a lui persona o al scritor, ma a altri che xe politicamente ativi adesso. Perchè se no, perchè tirar fora propio adesso o pochi anni fa? perchè no subito dopo la guera?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ruggero Timeus

Messaggio da babatriestina »

Uscendo dal libro . er completezza, ecco come lo presenta, immagino lo storico Fabio Todero, al museo del Risorgimento : alpinista, alpino, medaglia d'argento alla memoria e intitolazione di un rifugio sul Canin che credo sia quello sul versante sud sloveno.

Immagine

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “De 'l 1719 a 'l 1914”