Ormai è finita !

soprattutto in relazion a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
Coce
citadin
citadin
Messaggi: 689
Iscritto il: dom 5 feb 2006, 11:24
Località: Australia

Post Subject

Messaggio da Coce »

Me iera scampa' sto tuo post e lo go pena leto. Te devo congratular per i tui valori sul sogeto che te voio dir i combacia completamente con i mii.
Pero' penso che le nostre idee le xe completamente idealiste, con questo no voio scoragiar nissun de condividerle, ma essendo realista mi so che xe stade diverse ocasioni nela mia esistenza che go trova' dificolta' a implementarle perche anche mi son imperfeto e quando me trovo in questioni con altre persone instantemente guardo ai loro difeti che purtropo nei mii oci i pol esser diferente nazionalita', raza , color e perfin
region e anche aparenza fisica. Purtropo anche mi son pecator e naturalmente resto deluso con mi stesso. Ciao Coce :-)


La vita
Piu' che la pendi
Piu' la rendi
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Curiosando tra Regi Decreti trovo che "cessano dall'essere considerati in stato di guerra i territori della Venezia Giulia e le isole che ne dipendono amministrativamente" appena col R.D. 24 febbraio 1921 n. 210 !
El 90esimo allora ga ancora de 'rivar :wink:


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
1382-1918
citadin
citadin
Messaggi: 829
Iscritto il: ven 18 apr 2008, 6:24
Località: Trieste

Messaggio da 1382-1918 »

Certo, ma non "appena". Prima non si poteva farlo.

Tieni presente che il confine orientale dell'Italia era stato definito appena nel novembre del 1920 col Trattato di Rapallo tra Regno d'Italia e Regno dei Serbi, Croati e Sloveni (che costituì anche il Libero Stato di Fiume).

Per cui solo dopo la ratifica di tale Trattato, si potè procedere al lievo dello stato di guerra (febbraio 1921, quindi 3 mesi dopo) ed all'annessione al Regno d'Italia il 20 marzo 1921.

Il territorio di Fiume invece è oggetto del Trattato di Roma del gennaio 1924, a seguito del quale il territorio dello Stato viene spartito tra Italia e Regno S.C.S., con la città di Fiume assegnata all'Italia ed a questa annessa il 16 marzo 1924.


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

1382-1918 ha scritto:Certo, ma non "appena". Prima non si poteva farlo.
El mio "appena" stava a significar che probabilmente el 90% de eventuali intervistadi risponderia che l'annession xe stada nel '18 :-)


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
1382-1918
citadin
citadin
Messaggi: 829
Iscritto il: ven 18 apr 2008, 6:24
Località: Trieste

Messaggio da 1382-1918 »

AdlerTS ha scritto:
1382-1918 ha scritto:Certo, ma non "appena". Prima non si poteva farlo.
El mio "appena" stava a significar che probabilmente el 90% de eventuali intervistadi risponderia che l'annession xe stada nel '18 :-)
Beh, certo, la gran parte delle persone xe convinta de questo, penso anche più del 90%. Stesso discorso anche per el '54.
Go visto anche un recentissimo programma annuale dell'associazion CAI XXX Ottobre, dove che in seconda pagina i spiega che l'Associazion se ciama cusì, perchè xe el giorno in cui Trieste xe stada "annessa" all'Italia.
No i pensa che no xe perchè un Stato occupa un territorio, che el xe suo in automatico, ghe vol far i Trattati internazionali.
"De facto" DEVI diventar "de jure", altrimenti no val niente, e questo lo sa anche el Stato che spera che el territorio che amministra provvisioriamente ghe vegni assegnado in sovranità in base a Trattati internazionali.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

1382-1918 ha scritto: Go visto anche un recentissimo programma annuale dell'associazion CAI XXX Ottobre, dove che in seconda pagina i spiega che l'Associazion se ciama cusì, perchè xe el giorno in cui Trieste xe stada "annessa" all'Italia.
spero propio che no sia cussì, perchè che mi sappio el XXX ottobre dela Trenta dovessi riferirse al 30 ottobre 1918 che xe stada l'insurrezion triestina al momento che l'Austria Ungheria se stava disfando de tutte le parti e l'Italia qua no iera gnanca ancora arivada.
Difatti alla pagnia
http://www.caixxxottobre.it/Storia/storia.htm
se trova:
Perché "Trenta ottobre"? Perché quel giorno la città ebbe la certezza che il momento era giunto ed insorse spontaneamente per accelerare l'arrivo delle truppe italiane. I padri fondatori vollero registrare solennemente quella data.

te vedi come che xe l'importanza dei trattati formali? alora podessimo dir che nel 1382 , no essendoghe un riconoscimento de un trattato internazional ed essendoghe solo la carta del accettazion dela dedizion, ma no la carta dela domanda de dedizion... :wink: :-D :-D :-D
o anche el ritorno del Austria a Trieste nel 1813 dopo Lipsia no gaveva valor legale fin che no ga finido el Congresso de Vienna :-D :wink: :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
1382-1918
citadin
citadin
Messaggi: 829
Iscritto il: ven 18 apr 2008, 6:24
Località: Trieste

Messaggio da 1382-1918 »

Certo, i se riferisi al 30 ottobre 1918, ma credime che go visto sul libricin del programma, proprio quel che go scritto più su, credo sul programma del 2006. Go avudo anche un battibecco là in sede, e solo un per de lori me ga dado ragion, ma l'error iera evidente.

Per el 1382, ovviamente iera un'altra epoca, no se pol far el stesso discorso, inveze per el 1813, dovesi studiarme meio i trattati de quel periodo, perchè i xe tantissimi, no ghe xe solo el Congresso de Vienna, ma me vignisi de dir che sì, prima del Congresso de Vienna no iera pienamente ufficializzado il ritorno dell'Austria.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

1382-1918 ha scritto: Per el 1382, ovviamente iera un'altra epoca, no se pol far el stesso discorso, .
però l'anno prima 24 agosto 1381 ghe xe stada una ufficial pace di Torino ( che metteva fin alla guerra de Chioggia) e che riguardava propio in qualcossa anche Trieste:
Kandler riassumi cussì: La Città di Trieste viene in sua libertà per rinuncia del principe veneto, come del Patriarcato di Aquileia. ( 22 pagine in latin scritto picio. no arivo a trovar el passo latin esatto..) -ratificada a Venezia el 3 ottobre 1381..zerto che iera ancora feudalesimo ..

in sintesi: no sempre quel che xe de facto xe contemporaneamente de jure..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

caixxxottobre ha scritto: Difatti alla pagnia
http://www.caixxxottobre.it/Storia/storia.htm
se trova:
Perché "Trenta ottobre"? Perché quel giorno la città ebbe la certezza che il momento era giunto ed insorse spontaneamente per accelerare l'arrivo delle truppe italiane.
Che lla sollevazione ghe sia stada, nissun metti in dubbio. Che fussi tuti come mati a sventolar una sola bandiera non xe una affermazion corretta: a seconda dei gusti se spetava truppe de nazionalità diverse. :wink:


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

AdlerTS ha scritto: Che lla sollevazione ghe sia stada, nissun metti in dubbio. Che fussi tuti come mati a sventolar una sola bandiera non xe una affermazion corretta: a seconda dei gusti se spetava truppe de nazionalità diverse. :wink:
la tua affermazion me sembra più descrittiva dela fin dela seconda guerra. Comunque la sollevazion del XXX ottobre del 1918, a cui ga partecipado mio papà, e de cui go sentido parlar de prima man, iera indubbiamente filoitaliana.
Che po più de un no fussi stado filoitalian, mai messo in dubbio, i ghe iera za de parecchio.. no per gnente verso la fin del impero asburgico qua le nazionalità se patuffava che iera un piazer... e xe ben noto che ghe iera quei che voleva che Trieste fazessi parte del novo regno dei Serbi, Croati e Sloveni.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Rawa Ruska
ixolan
ixolan
Messaggi: 292
Iscritto il: gio 11 dic 2008, 18:55

Messaggio da Rawa Ruska »

Se poso dir la mia go sempre pensà che i fosi su le rive non tanto per saludar l'Italia che riva, quanto per far festa che se finì la guera e che con l'Italia gavesi dovù rivar el pan e tuto quel che mancava de ani. Po se rivada anche la liberazion al 50% (riferida al cambio lira - corona) e tante altre robe.
Pagliacci? so che tanti se ga scaldà, ma se no iera quel un segno del destin... Comunque no iera un "povero soldà" ma un sotto uficial pilota che gaveva anche ordine de sorvolar e NO de amarar! Ma chi ben comincia....
Queste sè però opinioni e squasi nostalgie che non podesimo neanche gaver, esendo mi nato 32 ani dopo el ribalton. Ma in casa qualcosa se senti e po se legi e se scolta e se impara e sopratuto ghe ga volù leger tra le righe e anche de soto, perchè ste storie nostre iera ben che sparide...
Ciao a tuti.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Rawa Ruska ha scritto:Se poso dir la mia go sempre pensà che i fosi su le rive non tanto per saludar l'Italia che riva, quanto per far festa che se finì la guera e che con l'Italia gavesi dovù rivar el pan e tuto quel che mancava de ani. [..]. Ma in casa qualcosa se senti e po se legi e se scolta e se impara .
sula festa per la fin dela guerra e dela fame no go dubbi, ma come che te disi ti in casa se scolta, e almeno per casa mia, nona me ga sempre contado che la iera ogni giorno sule rive col mazzo de fiori per darghelo ai soldai italiani, e la se lamentava che i giorni passava e el mazzo , che no la comprava sicuro un novo ogni giorno! risciava de appassir. Me par de gaverla riconossuda in una dele foto che i gaveva messo nela mostra l'anno scorso.. ognidun ga sentido i ricordi e i comenti dela propria famiglia.
( mi son nata un per de anni prima de ti..)
Te ga dati sul 30 ottobre? che xe el ultimo punto che se discuteva, per via del nome dela sezion del CAI. A mi me dà come el impression che quei giorni tute le nazioni AU se sollevava, ga fato anche i nostri, voleria dir un poco come nel 68 che che tutti voleva far la propia occupazion..
e soprattutto, al comento de Adler: ghe xe stado qualchedun che al 30 ottobre 1918 qua a Trieste ga fatto una sollevazion anti impero ma no filoitaliana? mi no me consta...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

babatriestina ha scritto:al comento de Adler: ghe xe stado qualchedun che al 30 ottobre 1918 qua a Trieste ga fatto una sollevazion anti impero ma no filoitaliana? mi no me consta...
Non go dito proprio questo: go dito che ghe jera sollevazion con diverse bandiere, bianche rosse e verdi, ma anche bianche rosse e blu, un tuti contro tuti anarcoide che ga fato solo del mal alla città. Botte al s'ciavo, botte al lecapiatini, botte al 'talian, botte a quel sotto de casa che te stava sulle togne e che adesso tanto non xe più le guardie a portarme in Coroneo :? :'-(


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

AdlerTS ha scritto:
babatriestina ha scritto:al comento de Adler: ghe xe stado qualchedun che al 30 ottobre 1918 qua a Trieste ga fatto una sollevazion anti impero ma no filoitaliana? mi no me consta...
Non go dito proprio questo: go dito che ghe jera sollevazion con diverse bandiere, bianche rosse e verdi, ma anche bianche rosse e blu, un tuti contro tuti anarcoide che ga fato solo del mal alla città. Botte al s'ciavo, botte al lecapiatini, botte al 'talian, botte a quel sotto de casa che te stava sulle togne e che adesso tanto non xe più le guardie a portarme in Coroneo :? :'-(
pian e ben, che sta gente se gabi pestado nel ultimo periodo austroungarico xe verissimo, ma iera prima dela guerra: durante la guerra no ga podudo far sollevamenti nissun, tranne ovviamente i filogovernativi co i ga brusado el Piccolo, danneggiado el caffè san Marco, distrutto la statua de Verdi etc... al ingreso del Italia in guerra, cola polizia che serava un ocio.
Al 30 ottobre ti no te ieri e gnanca mi, ma la sollevazion xe stada ben precisa e filoitaliana, tanto xe vero che i ga mandado a ciamar la flotta italiana a Venezia. ( con una nave al comando de un ufficial serbo)
Che no iera più la polizia de un stato che se ga disfado xe vero, che i ga averto el Coroneo pensando de trovar detenudi politici e inveze i ga molado detegnui comuni, xe vero, e soprattutto più che pestarse come che te disi ti la roba principal che i fazeva iera assaltar i depositi per sperar de trovar de magnar. Almeno cussì xe le descrizioni. Po go la testimonianza ocular de mio papà, che, abbandonada l'uniforma austroungarica, se gaveva iscritto nela Guardia nazional e girava appunto in città con una pistola per tegnir el ordine. Ma tanto mismas no iera, visto che nona podeva ogni mattina tranquillamente andar in riva col suo mazzo de fiori, come che xe provado anche dele foto de quel giorno. E anche papà no ga avudo alcuna occasion de sparar..
iera solo un dubbio, e iera al comando de Marina, a Villa Necker, visto che el beato Carlo, el giorno 30 ottobre, e prima de firmar el armistizio, gaveva dado el ordine de consegnar la flotta al novo futuro stato dei Sloveni -Croati-Serbi e per questo la Marina podeva aver messo fora la bandiera biancorossoblu. Ma da questo a una sollevazion popolar filofuturajugo ghe ne vol... anche perchè le simpatie popolari dei biancorossoblù iera divise fra un Stato dei Sloveni-Croati Serbi-del-Impero come possibile stato asburgico confederale nela speranza del Beato Carlo e un Stato de Serbi-Croati Sloveni, quei dela Dichiarazion de Corfù, che inveze iera aleado dela Serbia e iera antiasburgico, quel de Trumbic, per capirse, e xe quel che ala fin ga prevalso.
e el tutto me par che gavemo za discusso e contado in forum...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Ho trovato sul NY Times del 15.01.1920 un articolo che scrive, più o meno: "Il giorno 11 sono arrivati a Trieste 1000 bambini viennesi tra i 4 ed i 9 anni, vittime delle condizioni post belliche in Austria, arrivati oggi per essere assegnati a famiglie triestine per la possibile adozione. Una grande folla alla stazione ha dato loro il benvenuto. Molti di questi bambini erano emaciati e denutriti. Sono stati trasferiti ai magazzini del porto dove sono stati nutriti e sistemati a carico dei Socialisti (la traduzion dell'ultima frase non me convinci, quindi riporto l'originale: they were fed under arrangements in charge of the Socialists).
Non ho mai sentito questa storia: qualcuno l'ha già sentita ? Qualcuno ha mai conosciuto uno di questi 1000 ? I più giovani potrebbero essere ancora vivi !


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

AdlerTS ha scritto:Curiosando tra Regi Decreti trovo che "cessano dall'essere considerati in stato di guerra i territori della Venezia Giulia e le isole che ne dipendono amministrativamente" appena col R.D. 24 febbraio 1921 n. 210 !
El 90esimo allora ga ancora de 'rivar :wink:
più che legio el sito de provenienza e più me rendo conto de no gaver alle spalle la tradizion giuridica italiana. Perchè xe un sito de diritto italian, de quei che spacca el cavel in quattro.
El medesimo sito, che riporta sto RD 210 del 24 febbraio 1921, poco più sora riporta
L. 26 settembre 1920 n. 1322. Conversione del R.D. 6 ottobre 1919 n. 1804 di esecuzione del Trattato di Saint-Germain, annessione dei territori attribuiti e estensione nei territori annessi al Regno dei decreti sulla cittadinanza
che riporta a sua volta la
R.D. 10 novembre 1920 n. 1649, concernente l'emanazione degli atti pubblici in nome di S.M. il Re nei territori annessi con la legge 26 settembre 1920, n. 1322 (Leggi e Decreti, 1920, pp. 4491-4492).

la quale legge 26 settembre

L. 26 settembre 1920 n. 1322, concernente l'approvazione del Trattato di pace concluso fra l'Italia e l'Austria a San Germano il 10 settembre 1919 e l'annessione al Regno dei Territori attribuiti all'Italia

Art. 3. I territori attribuiti all'Italia con questo Trattato e con gli atti successivi fanno parte integrante del Regno d'Italia.

Intanto, prima ghe xe stado un
D. Lgt. 17 novembre 1918 n. 1698, che istituisce una Giunta esecutiva del Comitato interministeriale per il passaggio dallo stato di guerra allo stato di pace
giunta abolida el
R.D.L. 7 agosto 1920 n. 1093, che sopprime la Giunta esecutiva del Comitato interministeriale per il passaggio dallo stato di guerra allo stato di pace, istituita col decreto Luogotenenziale 17 novembre 1918, n. 1698

Art. 1. A far tempo dal giorno successivo a quello della pubblicazione del presente decreto è soppressa la Giunta esecutiva del Comitato interministeriale, preveduta dall'art. 4 del decreto Luogotenenziale 17 novembre 1918, n. 1698, per il passaggio dallo stato di guerra allo stato di pace.


Ve fa confusion sta roba? gavè dubbi su quando xe finida la prima guerra mondial?

ben, podè legger quel che scriveva el presidente del Consiglio Orlando allora ( sempre el medesimo sito)
Il passaggio dallo stato di guerra allo stato di pace

A seguito di una Nota Verbale dell'Ambasciata britannica a Roma del 26 novembre 1918, che chiedeva quali misure il Governo italiano intendesse adottare per definire il momento in cui la guerra sarebbe stata considerata cessata agli effetti giuridici, il Ministro degli Esteri, Sonnino, interpellava il Presidente del Consiglio, Orlando, ed il Ministro di Grazia e Giustizia, Sacchi. L'8 dicembre di quell'anno Orlando così si esprimeva:

«La questione può considerarsi sotto l'aspetto del diritto internazionale e del diritto pubblico interno. Nel primo senso, mentre è chiaro che la guerra non può finire che con la pace, il dubbio può sorgere se quest'ultima condizione sia raggiunta coi preliminari di pace o con la convenzione definitiva. La questione essendo di diritto internazionale, sono io che ne debbo rimettere alla competenza di codesto Ministero, che potrà consultare i precedenti in proposito. Certo, dal punto di vista dell'utilità parrebbe preferibile attenersi ad una data più prossima, dato che la cessazione dello stato anomalo, che è connesso con la guerra, costituisce un vantaggio per l'universale. Dal punto di vista interno, la questione si pone così: dato il documento internazionale, che si ritiene faccia cessare lo stato di guerra, nei riflessi interni questo effetto seguirà puramente e semplicemente le conclusioni dell'atto, o occorrerà un altro atto di diritto pubblico interno che lo dichiari? In altri termini, l'effetto giuridico comincerà dalla data dell'atto di pace, o dalla data della pubblicazione di esso? Io sono nettamente per questa seconda soluzione, e ciò per il principio generale che tutti gli atti di diritto internazionale non si ritiene che abbiano effetto nell'interno di un paese, se non quando essi sono proclamati in virtù di diritto pubblico interno». (Orlando a Sonnino, Roma, 8 dicembre 1918, ASE, P 1919-30, 1191)




:roll: :roll: :roll: :roll:

me fermo qua, ma se continuo prima o dopo me convinzerò, come quei giapponesi che sta ancora combattendo la seconda guerra mondial perchè nissun ghe ga dito uficialmente che la xe finida, che noi no savemo, ma per qualche cavillo legal semo ancora durante prima guerra mondial 8) 8) 8)
Ma semo sicuri che "legalmente almeno" la iera cominciada??


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Ve segnalo un articolo de Il Giornale

Nei trattati di Versailles i vincitori stabilirono la cifra da rimborsare in 132 miliardi di marchi, ma nel 1952 la Germania ne aveva versati appena uno e mezzo: per la crisi del dopoguerra prima, per l’avvento di Hitler al potere dopo, e infine per la seconda guerra mondiale. I tedeschi, fieri e ostinati anche come debitori, proprio nel 1952 si impegnarono a saldare tutto dopo l’unificazione delle due Germanie.[...] entro il 3 ottobre 2010 verseranno gli ultimi 56 milioni di euro residui, in parte anche all’Italia. Commossi, ringraziamo e rendiamo omaggio al rigore a uno Stato così scrupoloso.


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38338
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

AdlerTS ha scritto:
Nei trattati di Versailles i vincitori stabilirono la cifra da rimborsare in 132 miliardi di marchi, ma nel 1952 la Germania ne aveva versati appena uno e mezzo: per la crisi del dopoguerra prima, per l’avvento di Hitler al potere dopo, e infine per la seconda guerra mondiale. I tedeschi, fieri e ostinati anche come debitori, proprio nel 1952 si impegnarono a saldare tutto dopo l’unificazione delle due Germanie.[...] entro il 3 ottobre 2010 verseranno gli ultimi 56 milioni di euro residui, in parte anche all’Italia. Commossi, ringraziamo e rendiamo omaggio al rigore a uno Stato così scrupoloso.
Podemo far diversi comenti:
1 savemo de tuti i libri de storia, perfin scolastici :wink: , che sti enormi rimborsi, domandai soprattutto dela Francia, ga contribuido in Germania al vegnir suso del nazismo
2 che nel 1952, e no savevo, i se ga impegnado a saldar dopo l'unificazion dele due Germanie podeva parer che i disessi "pagheremo alle calende greghe" visto che i Aleati fazeva de tuto per tegnir le do Germanie separade - e me piasessi saver dele due Germanie del '52, quala xe che ga fato sta dichiarazion, le Est, la Ovest o tute do?
3 xe anche una conferma che la Germania attual xe uno dei centri economici più forti del attual Unione Europea
4 i ga calcolado i interessi? el inflazion? me piaseria leger sto piano de rimborso..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
ernesto93
ixolan
ixolan
Messaggi: 186
Iscritto il: mer 2 dic 2009, 19:08

i muleti austriaci...

Messaggio da ernesto93 »

mi so che i li gaveva mandai anche a Gradisca... dove che una xe restada là e la se ga sposà. Se tanto me da tanto, probabile che i ghe ne mandassi un pochi in ogni paese. Solo no so chi organizzava la faccenda... de le due, podeva esser i socialisti come che disi Adler o i preti... no vedo altri.


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re:

Messaggio da AdlerTS »

babatriestina ha scritto:più che legio el sito de provenienza e più me rendo conto de no gaver alle spalle la tradizion giuridica italiana.
A proposito de giuridica, per gli interessati all'argomento segnalo il link alla VI Sezione “provvisoria” del Consiglio di Stato (1919-1923)

http://www.giustizia-amministrativa.it/ ... el_CDS.htm


Mal no far, paura no gaver.

Torna a “La prima guera mondial”