Richiesta di aiuto.

soprattutto in relazion a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

Carissimi, seguo il forum saltuariamente da lungo tempo ritrovando con gran piacere lingua ed espressioni familiari. Mi sono deciso a scrivere, purtroppo non nel consueto dialetto, non essendone completamente padrone, in quanto mio nonno materno, era stato trasferito nel 1934 a Venezia, città dove sono nato.
Avrei una richiesta particolare: vorrei un aiuto per cercare di risalire al reggimento di appartenenza del nonno, nato a Trieste, classe 1891.
Venne mobilitato a primi di agosto 1914, (si era sposato qualche giorno prima della partenza per il fronte) per cui pensavo al K.u.k. I.R. Nr. 97, ma era solamente una mia supposizione: ho notato ora il distintivo a spilla sul berretto che potrebbe essere quello di un Landvehr Infanterieregiment; non ne sono certo e non conosco i fregi del K.k Schützenrregiment Nr.5 e del K.u.k. F.J.B. Nr.20, altre unità probabili.
La cosa per me strana è che fu aggregato all'ospedale militare Kaiserin Elisabeth di Rudolfswert (ora Novo Mesto), in Carniola.
Strana perchè non venne tenuta in conto la sua specializzazione: era un giovane ingegnere navale in forza dal 1912 al dipartimento guerra dei cantieri C.N.T. dei Cosulich, riprendendo l'attività al San Rocco dal 1919, fino al 1933, anno in cui fu trasferito alla direzione tecnica del CNOMV ( Cantieri Navali e Officine Meccaniche di Venezia)
Ho una buona documentazione fotografica a Rudolfswert, a partire dal dicembre 1914, dove noto la divisa con le mostrine da obergefreiter (uso il grado corrispondente dell'esercito tedesco, credo sia più appropriato il termine austroungarico"korporal" o caporal maggiore) fino all'agosto 1916, poi un vuoto temporale fino al 1918, dove lo ritrovo nuovamente a Rudolfswert, con le tre stellette da zugsführer.
Il nonno mi raccontava di esser stato anche in Galizia, presumo in quell'intervallo di tempo, ma i miei ricordi sono piuttosto sbiaditi (morì nel 1966) e sinceramente, all'epoca non ne ero molto interessato.
Il fatto singolare è che portò con sé la giovane moglie, mia nonna, che si stabilì a Rudolfswert, dove nel 1916, all'ospedale militare, nacque mia madre, tutt'ora vivente (ed in buona salute).

Presumo che altri vostri cari della città, del litorale o delle vecchie provincie abbiano seguito la stessa trafila, e non sia impossibile reperirne le tracce.
Se di comune interesse, posso postare qualche foto ed altri documenti dell'epoca.
Vi ringrazio anticipatamente, sperando di ricevere qualche notizia.
Non ho ancora trovato il modo di postare l'immagine alla quale mi riferisco. Ora mi devo assentare e riproverò questa sera.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38404
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da babatriestina »

Qua ci vuole Rawa Ruska...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2819
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da mandi_ »

Caro Danilo

Per quel che mi riguarda non sapevo nulla di mio nonno fino a pochissimi anni fa. Poi è cominciata la mia curiosità e io, donna, con nessuna esperienza di conoscenze militari, ho voluto con determinazione comprendere la storia del nonno e del periodo storico in cui egli è vissuto.

Ti posso descrivere come ho fatto: mi sono recata all'Archivio Storico di Trento, perchè mio nonno era trentino.Lì con nome e cognome e data di nascita mi sono fatta rilasciare il foglio matricolare. Sono stata fortunatissima, tra l'altro. Oltre al semplice foglio matricolare ho trovato (sempre lì) tutta la documentazione Au, compreso il Reggimento, la Compagnia, documenti derivanti da innsbruck, Linz,ecc. C'era anche la richiesta del contributo Au dato alla famiglia, con tre figli inviati in guerra. Il tutto in duplice copia scritto cioè in tedesco e italiano. Molto interessante.
Con questo non ti voglio illudere: penso che il mio caso sia più unico che raro.

Ma avendo visto per una ricerca personale migliaia di fogli matricolari, ti consiglierei prima di tutto di andare a richiedere in Archivio di Stato di Trieste. Ho notato che da noi (Trentino) non sono presenti in Archivio certe annate(Innsbruck e Vienna non hanno fatto ancora il passaggio di molti incartamenti) ma se tuo nonno è del 1891 di sicuro lo troverai.

Ti scrivo questo perchè tu non citi un foglio matricolare (magari l'hai già consultato). Su ogni FM consultato c'è scritto il n° de Reggimento e spesso la compagnia.

Questa per me è la cosa più semplice: tutti i FM che ho visto contengono l'informazione sul Reggimento. Attento alle omonimie.

Ti scrivo questo perchè prima di fare 1000 ipotesi, tieni conto che:

- Una persona abile alla leva veniva inserito in un Reggimento e Battaglione, ma spesso li cambiava, in base alle esigenze dell'esercito (se in una battaglia c'erano stati tantissimi morti, si poteva essere dislocati a rinforzo di altri battaglioni o reggimenti). Ho visto moltissimi casi del genere, su Feldpost.

- A volte una persona veniva ferita o si ammalava, veniva mandata in convalescenza in un ospedale vicino ma anche in uno vicino a casa, poi riprendeva il servizio, se ristabilito. Quindi poteva essere assegnato a Corpi diversi.

- Se tuo nonno aveva un'istruzione superiore (ingegnere hai scritto) poteva aspirare a diventare Ufficiale.

Per quanto riguarda le divise potresti trovare foto con gradi diversi, in base a quel che ti ho scritto.

Volendo, potrei cercare foto con divise con gradi come quelli da te citati.

Tu scrivi che tuo nonno era un ingegnere navale, ma fu assegnato a un ospedale militare : nulla di strano. Ho visto casi dove montanari erano assegnati alle navi, e viceversa. Ehm, non sono nella testa di chi decideva...
Tra l'altro se tuo nonno era del 1891 doveva aver già effettuato la Leva obbligatoria dei 3( a volte 5 anni) e nel 1914 capitò a fagiolo nella leva obbligatoria della guerra mondiale del 1914. Il mio prozio del 1891 stava finendo la Leva dei tre anni e partì per la Galizia direttamente, senza poter rivedere la famiglia.

AVREMMO SICURAMENTE DESIDERIO DI VEDERE LE FOTO DI CUI SEI IN POSSESSO, se ti va.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

Cara Mandi,
ti ringrazio della sollecita risposta e dei tuoi provvidi consigli. Ti rispondo in ritardo e mi scuso, perchè tra ieri e oggi mi si sono accumulati alcuni problemi.
Non avrei proprio pensato alla via che mi hai indicato e spero, seguendola, di avere la stessa fortuna che hai avuto tu. Non è da molto che mi sono posto questo interrogativo, solamente quando ho iniziato a digitalizzare le vecchie foto di famiglia.
Le ricerche effettuate fin'ora riguardavano un altro aspetto della vita del nonno, lo definirei quasi un
giallo o un mistero familiare. Te ne accenno solamente una parte e per sommi capi perchè la vicenda è molto più complessa di come te la presento:
Mia nonna Olga morì nel 1919, dopo un ricovero in ospedale, quando mia madre aveva appena tre anni: la causa della morte e rimasta un mistero e nessuno in famiglia ne volle più parlare e tutt'ora non se ne sa nulla.
Se non vi fosse stata questa reticenza, avrei potuto pensare, visto il periodo, all'epidemia di spagnola, ma in tale caso perchè nasconderlo?
Mio nonno si risposò nel 1927 e l'argomento divenne un tabù da non poter affrontare.
E' da notare che Olga, che era rimasta orfana in giovane età, era l'amica del cuore della sorella del nonno ed era da lei stata portata in famiglia, e successivamente adottata (o affidata) da mio bisnonno.
Presumo che il matrimonio, celebrato il 31 luglio 1914, sia stato uno scandalo per l'epoca, ma nemmeno l'amica (la zia di mia madre) ne volle più parlare, nemmeno a me.
Sono stati rintracciati gli atti di nascita e di matrimonio presso le rispettive parrocchie, lo stato di famiglia, riportante la data del decesso, ma non sono riuscito a rintracciare l'estratto di morte, che dovrebbe menzionarne le cause: sono reperibili solamente a partire dal 1925.
Credo che l'estratto potrebbe chiarire alcuni interrogativi.
Mia moglie ha contattato in merito telefonicamente l'Ospedale Maggiore, per rintracciare il referto,
ma senza risultato e sarebbe opportuno, per avere qualche speranza, che mi recassi personalmente.

Ti vorrei far vedere, se ti interessa, la documentazione di cui ti ho parlato, inviandola privatamente :
è stata rintracciata dai miei cugini di Trieste, da parte del padre di Olga, che si sono occupati attivamente della vicenda, senza venirne, però, a capo. Non vorrei la prendessero male.
Sto cercando di postare qualche foto, ma vedo che il massimo accettabile è 200 kb. Proverò in seguito a ridurre il formato .


danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

Intanto questa. Estate 1918 , Rudolfswert. parenti e paesani.
Feldwebel non è corretto: leggi " zugsführer " o sergente maggiore.
Mio nonno tiene per mano mia madre; mia nonna è la penultima.
Rinuncio: in desktop vedo l'immagine ridotta a 152 kb, intera e con discreta definizione.
In "Anteprima" è tagliata a metà. Invio comunque.


danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

Risolto il problema, abbiate pazienza.
Allegati
1918 Rudolfswert famiglia e paesani.jpg
1918 Rudolfswert famiglia e paesani.jpg (66.86 KiB) Visto 3290 volte


danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

ancora questa: non vorrei sbagliare la procedura, ma mi pare che sia possibile postare solamente una sola immagine per volta. Qualche altra prossimamente.
Allegati
1912  01  03.jpg
1912 01 03.jpg (101.7 KiB) Visto 3289 volte


Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2819
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da mandi_ »

Caro Danilo

complimenti a te per la tua determinazione nella ricerca della storia della tua famiglia.Mi sono commossa profondamente nel leggere la postcard di tua nonna, si intuisce un legame forte, raro di questi tempi.Vedremo cosa si riesce a ricavare dalle informazioni in tuo possesso.

Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

Cara Mandi, il merito dell'inizio delle ricerche, come ho già detto, è tutto dei miei cugini triestini, ma mi hanno contagiato.
Se ti è piaciuta la postkarte ne ho delle altre simili, che confermano quanto hai rilevato, ma non vorrei fossero OT per questo thread.
Se lo ritieni, ne posso postare qualcun'altra. Intanto queste e poi devo scappare.
1915 febbraio.jpg
1915 febbraio.jpg (84.14 KiB) Visto 3275 volte

Mi confermate che è postabile (che brutto termine) solamente una foto alla volta, oppure più allegati per un max di 200 kb ?


danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

La seconda:
Allegati
Ospedale militare.jpg
Ospedale militare.jpg (86.92 KiB) Visto 3275 volte


danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

La terza e vi saluto. Il nonno è il terzo seduto a terra, a sinistra
1916 august.jpg
1916 august.jpg (90.49 KiB) Visto 3274 volte


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38404
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da babatriestina »

foto bellissime!
per le foto, si possono caricare anche più allegati in uno stesso post, sono le dimensioni della singola foto che vanno limitate, per questioni di spazio del sito, a 200 Kb ( basta aumentare un filino la compressione delle foto JPG, di solito basta l'80%, e il lato più lungo 800 pixel). Caldamente suggerita la scelta però di non più di tre foto per post, in modo da non allungare troppo i caricamenti della pagina.
vedi anche https://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?id ... rimenti_it


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4451
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da Ciancele »

Caro Danilo43, te scrivo in dialeto parchè par talian so scriver solo col vocabolario (el Doria, naturalmente ;--D ). Son contento anca mi che ti sii uno dei nostri, anca parchè te porti argomenti che xe ‘sai interesanti. Mi inveze conto sempre quele.
Per la tua domanda poco o gnente poso dir, parchè anca mi go comincià a interesarme de ‘ste robe co’ iera tuti morti. Ma forsi anca la più picola notizia pol ‘iutar: tuto fa brodo, se usa dir. Par mi Zugführer no xe un grado ma un titolo. Podaria eser capo plotone e no xe escluso che sia almeno un Feldwebel. Zugführer iera anche tenenti e capitani.
Ma za che semo a parlar dela prima guera, mio papà (1893), triestin, iera in Marina a Pola. Mia nona de Pola, la mama de mia mama, gaveva un nome no austriaco e no talian, pintosto croato. La xe stada internada in Austria, in un paeseto vizin Wiener Neustadt, coi fioi più pici (1904, 1907, 1909, 1913). I altri fioi (1897 e 1899) i iera anca lori in Galizia. Me par de ‘ver capì che i tui no iera internai. Scusa la domanda: el cognome sonava più austriaco o più non austriaco? Parchè i mii xe stadi internai e altri no?


Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2819
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da mandi_ »

Per Ciancele: no xe tropo tardi, i documenti i resta...pur imboscadi ben.
Forse te usi in modo improprio il termine"internati". Pol esser due definizion: profughi e internati.

Profughi furono quelli che furono allontanati forzatamente dal paese dove abitavano, perchè lì c'era fronte di guerra. Mia nonna de parte materna fu profuga, con la sua famiglia..Tornarono a casa nel 1919, co la casa bombardada...
Internati furono quelli che gaveva simpatie per italiani, o sospetadi de "simpatie". Questi finirono a Katzenau(Landa dei gatti). Volendo potrei raccontarvi parecchio di Katzenau. Ci furono altri Campi per "Sospettati" e condanne al sequestro dei beni.

Stessa cosa da parte italiana, per quel che riguarda gli internati, sospettati de nostalgie AU. Adesso se va en Sardegna per el bel mar, alora...iera n'altro paio de maneghe.
Ho trovà file de nomi sia internati sia profughi su veci giornal de l'epoca, de Trieste e zone intorno.Anche in Archivio.
Trieste fu evacuata in parte, a Wagna soprattutto. A Pola el governo militare austriaco decise di far sgomberare ed evacuare le zone circostanti al porto militare a Wagna, Neustadt...La tua famiglia Ciancele penso sia stata profuga. Rimaneva in paese o città di solito chi aveva un ruolo importante, come capocomune, stradino, utile a servizi di guerra en zità ecc.


Scusate l'OT, derivato anche dalla prima foto inserita da Danilo. E' molto simile a quelle scattate ai profughi, quando un figlio o marito andava in licenza a visitare la famiglia profuga.
Ma Danilo scrive che la moglie viveva a con lui a Rudolfswert, che dovrebbe corrispondere a questa città:

http://de.wikipedia.org/wiki/Novo_mesto

Mi risulta nuova la possibilità di avere con sè la moglie, in periodo di guerra, ma evidentemente era così.
Singolare il francobollo della Lega Nazionale...


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2819
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da mandi_ »

Impressione mia tratta dalla foto del 1918 (no son un'esperta, mi son basata su descrizioni trovate su libri. Correggetemi...Poi c' erano altre cose, ad esempio credo che mio nonno abbia avuto una piuma o dei fiori sul berretto.Ma qui me baso su quel che vedo.
1918 Rudolfswert famiglia e paesani - -.jpg
1918 Rudolfswert famiglia e paesani - -.jpg (66.41 KiB) Visto 3240 volte


Il berretto

Il berretto da campo (Feldkappe) mi sembra di quelli a calotta ancora alta, in panno
Feldgrau. (Il colore Feldgrau o grigio - campo, che permetteva maggior mimetismo, fu adottato dal settembre 1915, prima era blu / turchino)
All'esterno la calotta era avvolta da delle falde ripiegate, allacciate anteriormente da due bottoncini dorati o argentati,che chiudevano il risvolto. Le falde potevano essere sbottonate e tirate verso il basso per servire come paraorecchie. All'estremitá superiore della calotta, nella parte anteriore, era presente un foro, coperto dalla rosetta che portava le iniziali dell'Imperatore FJI- Franz Josef Imperator. La visiera era in cuoio nero o cartone pressato rigido tinto di nero.

Il colletto

Esistevano due tipi di colletto principali: quello "dritto in piedi" e quello rovesciato. Il colletto della foto è di tipo rovesciato, cioè risvoltato all'esterno e chiuso con gancetti metallici . Su ogni risvolto c'era un rettangolo di panno colorato del colore del Reggimento di appartenenza. Le tre stellette mi sembrano proprio quelle da Zugsführer (sergente) . Poi vedo una striscia sottile di circa 1 cm, che dovrebbe anche essere una mostrina (Aufschlage).

La giacca, i pantaloni

La giacca mostra l'abbottonatura coperta, chiusa da sei bottoni. I taschini pettorali erano coperti da patte a tre punte, come quelle sui fianchi.I pantaloni al ginocchio furono obbligatori dal 1916. Anche le spalline erano chiuse da bottoni.

La persona vicina al nostro mi sembra un lavoratore militarizzato e le figure femminili certamente non erano profughe, perchè i profughi erano vestiti poveramente. Vedo invece delle belle ragazze con vestiti molto gradevoli...Molto dolce la figura della vecchia signora che sorregge la bimba piccolina.Forte e affettuosa la mano del soldato che stringe la manina della figlioletta. Molto graziosa la moglie, la ragazza ricciolina che morirà purtroppo tra breve tempo.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

babatriestina ha scritto:foto bellissime!
per le foto, si possono caricare anche più allegati in uno stesso post, sono le dimensioni della singola foto che vanno limitate, per questioni di spazio del sito, a 200 Kb ( basta aumentare un filino la compressione delle foto JPG, di solito basta l'80%, e il lato più lungo 800 pixel). Caldamente suggerita la scelta però di non più di tre foto per post, in modo da non allungare troppo i caricamenti della pagina.
vedi anche https://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?id ... rimenti_it
Ti ringrazio, babatriestina, soprattutto per l'accoglienza che mi avete concesso. Per caricare gli allegati, più o meno, ci sono arrivato.
Non sono un forumista abituale e sto imparando : è la seconda volta che perdo un post già completato durante l'inserimento di foto perché, non so per quale motivo, " la sessione è scaduta", esco dalla pagina e porconando mi tocca ricominciare da capo. Ora se devo allegare qualche cosa lavoro in office, per poi incollare il testo. che in ogni caso viene salvato. Saluto tutti


danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

Ciancele ha scritto:Caro Danilo43, te scrivo in dialeto parchè par talian so scriver solo col vocabolario (el Doria, naturalmente ;--D ). Son contento anca mi che ti sii uno dei nostri, anca parchè te porti argomenti che xe ‘sai interesanti. Mi inveze conto sempre quele.
Per la tua domanda poco o gnente poso dir, parchè anca mi go comincià a interesarme de ‘ste robe co’ iera tuti morti. Ma forsi anca la più picola notizia pol ‘iutar: tuto fa brodo, se usa dir. Par mi Zugführer no xe un grado ma un titolo. Podaria eser capo plotone e no xe escluso che sia almeno un Feldwebel. Zugführer iera anche tenenti e capitani.
Ma za che semo a parlar dela prima guera, mio papà (1893), triestin, iera in Marina a Pola. Mia nona de Pola, la mama de mia mama, gaveva un nome no austriaco e no talian, pintosto croato. La xe stada internada in Austria, in un paeseto vizin Wiener Neustadt, coi fioi più pici (1904, 1907, 1909, 1913). I altri fioi (1897 e 1899) i iera anca lori in Galizia. Me par de ‘ver capì che i tui no iera internai. Scusa la domanda: el cognome sonava più austriaco o più non austriaco? Parchè i mii xe stadi internai e altri no?
Caro Ciancele, no son un esperto de gradi militari terestri AU, ma go trovado questo in http://it.wikipedia.org/wiki/Imperial_r ... o-ungarico e no credo che el sia sbalià. Gaverò ocasion in seguito de postar anche su la Marina de Pola. Se podessi interesarve, se trata del caciatorpediniere Wildfang, che pochi in Italia sa che go trovado el relito, filmà e mandado a Viena, al Heeres Museum che i ne gaveva jutà dandome i documenti per le ricerche.
Recentemente gavemo avudo insieme col mio colega che se ocupemo de ste robe ( che forsi no ghe interesa a nisun) un incontro con i pronipoti del Comandante, el Fregattenkapitan Albert Felix Machnitsch, morto con tuto l'equipagio co l'esplosion de la nave nel giuno del '17 .
L'incontro xe stado sai comovente e i ne ga regalado bele foto de l'epoca.
Gavessi anca de contarve de un ritrovamento che riguarda la Deutsche U-Flottille-Pola, ma se trata de robe longhe e no so se i me darà el spazio necesario per publicarlo. Semai che a qualchedun ghe interesi podessi mejo mandarlo per mail.

Ciau a tuti.


danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 388
Iscritto il: mar 4 giu 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da danilo43 »

"La persona vicina al nostro mi sembra un lavoratore militarizzato e le figure femminili certamente non erano profughe, perchè i profughi erano vestiti poveramente. Vedo invece delle belle ragazze con vestiti molto gradevoli...Molto dolce la figura della vecchia signora che sorregge la bimba piccolina.Forte e affettuosa la mano del soldato che stringe la manina della figlioletta. Molto graziosa la moglie, la ragazza ricciolina che morirà purtroppo tra breve tempo."

Sensibile e perspicace Mandi !
Come avevo precisato precedentemente il militare è mio nonno, la bambina per mano, mia madre, la ragazza ricciolina mia nonna con famigliari in visita temporanea a Rudolfswert. Le due figure vestite in modo più dimesso sono dei paesani, concordo per la tua ipotesi di lavoratore militarizzato.

Della vicenda che ho iniziato ad illustrare mi sorprendono alcune cose:
-In primis il trattamento, direi privilegiato, riservato al nonno, rispetto a quello subìto dalla maggioranza dei militari austriaci di etnia e sentimenti italiani, che venivano comandati negli angoli più lontani dell'impero, Carpazi, Galizia e fronte russo, come ben sa Mandi, con scarse possibilità di ritorno; sopratutto considerando che il nonno e la sorella erano dichiaratamente filo-italiani. Singolare, ma comune a molti, in età matura la sua nostalgia della parentesi asburgica .
-La tolleranza del bollo della Lega Nazionale, accanto a quello ufficiale di Stato e regolamente timbrato e non ultima la facilità di spostamenti di civili da Trieste alla Carniola in pieno periodo di guerra.
-Fotografie che posterò in seguito, non volendo però abusare della vostra pazienza, rappresentano la vita in quella località con un clima sereno, scampagnate e gite in barca sul fiume Krka, ben lontane dagli orrori delle prime linee. Sono immagini di un mondo ancora apparentemente felice, poco prima del “ribalton”.

“Mi risulta nuova la possibilità di avere con sè la moglie, in periodo di guerra, ma evidentemente era così”.

Mandi, il nonno, ritenendo il suo servizio permanente in loco, aveva solamente affittato una casetta per aver vicino la giovane moglie, sposata qualche giorno prima della sua partenza per il fronte, salvo poi essere, come il tuo, destinato in Galizia.
In merito al tuo accenno di frasi in codice, allego un'altra Postkarte piuttosto ironica, sempre del '12,
probabilmente inviata in una busta, in quanto priva di francobolli. La foto rappresenta la sorella del nonno (ovviamente mia zia) assieme a mia nonna.
Probabilmente gli inserti stenografici nel testo faranno parte di qualche arguzia tra fratelli, che ritroverò, in seguito, ma in chiaro in altre Postkarten di guerra, nel'15.
Se qualcuno fosse in grado di interpretare la stenografia e di mettermi al corrente, ne sarei molto curioso.
1912  25. 09.jpg
1912 25. 09.jpg (40.98 KiB) Visto 3224 volte
1912  25  09 retro.jpg
1912 25 09 retro.jpg (41.84 KiB) Visto 3224 volte


Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2819
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da mandi_ »

Danilo , te realizzi i me sogni. Me piase tantissimo le lettere e le foto ...Te sei molto generoso a mostrarne...
No vorrei ciacolar sempre mi de ste robe, ma go trovà sul giornale "Il Trentino" del 25 giugno 1906 tuta na pagina che parla de l'ipotesi de far en francobollo da parte della Lega Nazionale. Ricordo che la Lega era presente da voi e da noi. La pagina xe longa e cito:

"Al telegrafo da Trieste.

La Direzione centrale della Lega Nazionale ha deliberato la sollecita emissione di un francobollo nazionale. Per il disegno dello stesso si aprirà un concorso fra gli artisti delle nostre province sopra norme stabilite dal circolo Artistico di Trieste"

Se iera scritto su un giornal...non era vietato il francobollo, ma chi lo comprava sapeva di finanziare un'idea, secondo mi.

Meravigliosa la foto delle due donne. Lo sguardo è fiero e non abbassato, come saria sta consono a due donne del tempo.Non so quale sia la tua nonna, ma quella seduta la vedo più timida. Ma ne ho conosciute di donne così...Son afascinada dalla foggia dei cappelli! Le babe xe serie, ma nello scritto ghe ritrovo el morbin triestin!


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
VetRitter
distinto
distinto
Messaggi: 1165
Iscritto il: mar 13 ott 2009, 16:25
Località: Piacenza (provincia)

Re: Richiesta di aiuto.

Messaggio da VetRitter »

danilo43 ha scritto:se ocupemo de ste robe ( che forsi no ghe interesa a nisun)
interesa interesa, no preocuparte, interesa molto..
grazie


Torna a “La prima guera mondial”