CORSO DE TALIAN

El SOLO e UNICO logo indove che se pol ciacolar de tuto cuel che pasa per la testa :-) ... a proprio ris'cio e pericolo ;-D
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » domenica 6 settembre 2015, 20:37

Un grasie anca a Nini Naridola. Mi me go meso a ‘ndar avanti col mio vocabolario tedesco/talian/tedesco. Par quela zerco prima de tuto de saver esatamente de che roba se trata e po la traduzion giusta. Inveze dela taverneta tanti fa camara par dormir par ospiti, con bagno e docia, opur uficio. Pochi fa la taverna. Saloncino ga un mio amico, a spese dela cusina. Come anca mia fia. Cusina picia, ma veramente picia, e sogiorno grando, fina a 40 metri quadrati.
OT: Grasie anca par la notizia dela partida.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » domenica 6 settembre 2015, 20:43

sono piccolo ma crescero ha scritto: Doposcuola va benissimo; te ghe pol dar nomi anche diversi e più buriocratici (attività pomeridiane integrative di sostegno e recupero), ma doposcuola va benissimo.

E sì, tante scole organizza doposcuola e, se no xe le scole, xe altre strutture (parrocchie, ricreatori, onlus, ecc...) che ne organizza, qualchedun gratis e qualchedun a pagamento. Sicome semo italiani e no tedeschi, un li organizza per el lunedì e el giovedì, un altro per el martedì e el venerdì, qualchedun anche per ogni giorno.

El problema xe, certe volte, convinzer i fioi a andarghge. Quasi tuti i xe pronti a giurarghe ai genitori che i studia meio soli a casa... (dove che nisun li controlla).
Go paura de no eserme spiegà ben. No se trata de atività pomeridiane integrative di sostegno e recupero. Se trata de una specie de logo dove che i muli inveze de 'ndar a casa dove che i xe soli e nisun ghe dà de magnar, i va a magnar e i li tendi fina a che vien un genitor. Sempre e solo a pagamento. Par via del magnar. I compiti i li fa e no i li fa. Insoma nisun sta atento che i li fazi, i ga solo la posibilità de farli. L'altro doposcuola xe le ripetizioni, senza magnar. Ma no intendevo questo.



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2751
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da mandi_ » domenica 6 settembre 2015, 22:06

Caro Ciancele, credo che in italiano la parola "doposcuola" sia difficile da definire. Secondo me ci son differenze nell'organizzazione della scuola nelle varie regioni. In Trentino nella scuola elementare impera il tempo pieno, che vuol dire scuola dalle 8 alle 16, con mensa a pagamento e un'ora di ricreazion dopo la mensa. Sabato a casa. Da qualche anno ci son anche i pomeriggi opzionali, cioè per 2 giorni chi può porta a casa i figli a mezzogiorno. I bambini che restano vanno in mensa e poi fanno lavoretti o disegnano ecc, non ci sono insomma lezioni molto impegnative.
Il doposcuola non esiste più si può dire, come definizione, da noi. De sicuro tuti i magna a scuola con i maestri se i frequenta nel pomeriggio.
Stesso discorso per le scuole medie, però lì la scuola c'è a volte anche il sabato. Quanto i ragazzi hanno lezione nel pomeriggio c'è la mensa.
Chi ha grossi problemi scolastici va dopo le 16 in centri organizzati dalla Parrocchia, dove qualche insegnante in pensione insegna a fare i compiti, o va in centri sociali onlus dove ci son dei volontari che aiutano per i compiti, ma spesso più che altro si gioca. Se devo esser sincera chi va in Parrocchia o nei centri sono soprattutto bambini e ragazzi extracomunitari. Credo si paghi 10 - 15 euro all'anno.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da sono piccolo ma crescero » lunedì 7 settembre 2015, 7:13

Da noi ghe xe poche scuole a tempo pieno (scuola mattina e pomeriggio).

In compenso ghe xe i ricreatori comunali che ghe somiglia bastanza a quel che te disi ti, ma no so se se magna dentro e che orari che i gabi). Credo che i ricreatori comunali sia una istituzion che vien ancora da l'Austria. I xe verti estate e inverno. St'estate ghe go regalà una vecia bicicleta de mio fio; i le zercava.

Se te ga de tradur un romanzo o un racconto e te scrivi "il doposcuola" per mi va benissimo. Se te ga de far una traduzion più tecnica, dopo la parola doposcuola meteria in una nota (NDT: nota del traduttore) la spiegazion de cose che xe sto SCHULHORT.

Sui vocabolari de tedesco che go vedo che HORT vol dir riparo, rifugio e KINDERHORT asilo infantile. No me par che in italian esisti un termine che ciapi dentro el conceto de scuola e de protezione (anche i asili ormai se ciama scuola per l'infanzia e no i xe più, per lege :D, un posto de ricovero per i bambini).

Resto dell'idea che doposcuola, tratado rigorosamente come sostantivo e scrito tuto tacà, poderia eser una bona traduzion (anche se i mii vocabolari dà per doposcuola traduzioni diverse; due su tre tradusi Kinderhort, che dal tedesco in italian, però, i tradusi come asilo infantile, che no esisti più come te go dito e che no xe un doposcuola).

Forsi, per evidenziar che xe un edificio separà dala scola te poderia scriver un "centro doposcuola", ma no te lo consiglio. Mi resteria su doposcuola.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2751
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da mandi_ » lunedì 7 settembre 2015, 8:11

Concordo anca mi per la parola "doposcuola". Sentivo da una mia amica emiliana che lei si occupa come volontaria non pagata del doposcuola : cioè i bambini finita la scuola a mezzogiorno vengono presi in affidamento da persone, mangiando quel che si son portati da casa.
Da noi questo non esiste proprio. Per noi il doposcuola parte dalle 16 in poi in altre strutture di solito, no nella scuola. No so ben nelle scuole paritarie.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » lunedì 7 settembre 2015, 10:35

Un bongiorno e un grasie a tuti quei che me ga scrito.
Forsi li fazo longhi (sono troppo prolisso), ma penso che sia ben spiegar come che funziona qua par poder capir.
Se a casa xe sempre qualchedun che tendi i fioi (mama, papà, noni) no xe problemi.
Se a casa no xe nisun, parchè tuti do i lavora, xe caligo (sorgono difficoltà). Par questo gavemo
KINDERKRIPPE = asilo nido per fioluzi da 0 a 3 ani.
KINDERGARTEN = asilo per fioi da 3 a 6 ani
SCHULHORT = doposcuola fina a 14 ani.
Tuto a pagamento, soto la direzion del comun in senso general.
I porta i fioluzi tra 3 e 6 mesi e là i li neta e i ghe dà de magnar. Fina a 3 ani i ga bisogno de panuze (pannolini igienici). Krippe vol dir veramente mangiatoia, come quela del presepio.
Da 3 a 6 ani i li porta a l’asilo. Chi sta solo meza giornada e va casa a magnar, chi sta tuto el giorno, fina ale 5, e el ciapa anca de magnar. Garten vol dir giardin. Prima iera el giardino d’infanzia.
Schulhort go spiegà. No ga gnente a che far con ripetizioni. I muleti podaria ‘ndar in cafè a giogar carte. Ma sicome che i xe ‘ncora tropo pici i va in ‘sto hort. Hort vol dir rifugio, in senso lato.
A scola i ga un cameron e tuti va là, indiferente de che clase. I magna, i zoga, insoma i speta de poder ‘ndar a casa. Qualchedun fa anca i compiti.
Oltra questo gavemo istituzioni private, cosidete KINDERTAGESPFLEGE = centro di custodia diurno. Un masimo de 6/7 fioi par persona, a pagamento, par fioi fina a 6 ani. Co’ i va a scola xe el hort. Naturalmente anca fioi de scola pol rangiarse in privato, ma, se esisti ‘sti posti, i xe veramente privati e no poso dir gnente de lori.
Con riferimento a quel che ga scrito Son Piccolo Ma Crescerò ve conto che quei che fa traduzioni devi qualche volta tradur roba che no esisti. Paese che vai usanze che trovi. In ‘sto caso i scrivi el termine in tedesco (o in talian) e in parentesi i scrivi la traduzion. Se la traduzion no esisti, una specie de spiegazion. Specialmente nel campo giuridico ogni paese ga sue istituzioni. In Germania, solo par esempio, nel divorzio chi che ga più pension deve ceder quote ciapade (acquisite) nel periodo del matrimonio a chi che ga meno. De solito xe el marì che lavora e la moglie che no la lavora o la lavoro poco. Par questo el marì che devi ceder quote parchè ela a causa dela famiglia no la ga podesto lavorar in pien come el marì. Qualche volta, co’ el mato xe spusafadighe, xe la baba che devi ceder quote. In Italia ‘sta roba no esisti e ‘lora se dà una spiegazion.
Par finir, par SCHULHORT scrivarò: centro di custodia diurno Schulhort o anca solo doposcuola. Parchè xe dopo la scola. E le altre isituzioni ga un nome diverso.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » mercoledì 21 ottobre 2015, 18:08

Putei mii, go de novo una. Go leto “IL PIÙ PROSSIMO” e devo dir che no me ga ciapà i brividi. Vol dir che se pol dir? A scola i me contava che prossimo xe un superlativo e che più prosimo de prosimo no esisti. Ma vedo che se usa anca come agetivo normal. Par esempio: Grignan xe più prosimo a Miramar che Barcola. Insoma più vizin. Xe vero?



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36554
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da babatriestina » mercoledì 21 ottobre 2015, 19:35

il più prossimo me sona mal... ma adesso i disi de tuto.. za prossimo no xe vizin, dovessi esser el più vizin o assai vizin


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » mercoledì 21 ottobre 2015, 20:02

babatriestina ha scritto: Il più prossimo me sona mal... ma adesso i disi de tuto.. za prossimo no xe vizin, dovessi esser el più vizin o assai vizin
Grazie per la pronta risposta. Me par de 'ver leto in internet e no giuro che sia giusto. Go pensà che forsi in sesanta e più ani ga cambiado la lingua. Anca mia restaria su vizin. Forsi xe meio che resto. Grazie ancora.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 22 ottobre 2015, 6:21

In latin proximus xe el superlativo de un aggettivo de cui esisti anche el comparativo proprior e i xe "alterazioni" dell'avverbio prope. Però el scritor latino Minucio Felice, visudo tra el II el el III secolo d.C.(che no doveva eser un scalzacan qualunque: se lo trova sula Treccani e anche su wikipedia), dopra l'avverbio proximius che in italian, letteralmente, saria più prossimamente.

Quindi, me sona mal, come anche più meraviglioso, no lo dopreria, ma el ga dei precedenti ilustri.

El me ricorda un poco l'espression inglese next neighbour, anche se no xe la stesa roba.

Lo poderia doprar in tono scherzoso per sotolinear che de quei che se prossimi a mi, un a destra e un a sinistra, un me xe più vizin. "Go due done vizin, la moglie e la morosa, ma la più prosima me xe..." Oops, me son tradido :oops: :oops: :-D (NOTA PER MIA MOGLIE, se mai la dovesi leger sto post; No go altre morose!)


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » giovedì 22 ottobre 2015, 19:38

Grasie anca a SPMC per la sua risposta. Una volta go sentido dir più speciale e speciallissimo [sì, con do ele!] e più integerimo. No xe dito che tuto sia giusto solo parchè che xe scrito. Credevo che forsi la lingua ga cambiado un poco. Come par esempio it is me. O la “H” in who o where che no se senti più. Setanta ani fa i me ga squasi mazà parché che no go fato sentir la “H”. Un el me ga fato adiritura i oci de cativo. Xe triste veder che gente no sa scriver gnanca inte la propia lingua. Anca qua no tuti ga capì quando che se scrivi DASS (con due esse = che e introduce una proposizione secondaria) e quando DAS (con una esse sola = articolo o pronome neutro). Basta salute. Bona serata a tuti. Vado a spelarme un do pistaci. I disi che tre pistaci fa inteligente anca un mus. :clapping_213:



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » mercoledì 18 novembre 2015, 22:26

Fioi mii, bona sera a tuti. Go magnà tuto un scartozo de pistaci, ma senza risultato. Son più m... eno inteligente de prima. Ma forsi son un toro (o manzo, fazè voi), parchè rumino. Par el ticket, che saria el pagamento de una quota su prestazioni mediche, gavemo za discuso più prima, go trovà anca copagamento.
El mio vocabolarieto de tedesco-talian ga za squasi 300 pagine, che saria 283 finide più una trentina de pagine de vocaboli no ancora ben trovai. Ogni tanto ciogo un diese vocaboli e zerco de trovar una bela traduzion par talian.

1. Empfangspapierrolle xe el rodolo de carta in arivo del fax. In internet i disi rotolo di carta termica. Solo che la carta termica credo che no esisti più. Se pol dir “rotolo di carta in arrivo” o “per ricevimento?

2. Hemdsärmelig = in maniche di camicia. Ma el significato no xe casual, che saria ala bona, ma contadinesco. No negron, ma no finoto. In inglese i disi anca tough = duro, tempi duri. Se pol dir “in maniche di camicia”?

3. Fleckenecht = letteralmente macchia genuina. Par talian go visto antimacchia. Vol dir che no fa macia o che neta la macia? Mi credo che voli dir che no fa macia.

4. Hitzeableitung = dissipazione del calore o dissipazione termica. Ma anca dispersione del calore. Probabilmente xe nei computer qualcosa che disperdi el calor. Mi so che xe un che sa.

5. Aus der Hüfte schießen = sparare dall’anca, cioè sparare dal fianco = to shoot from the lips. Jon Vaine (John Wayne) iera quel che sparava cusì. Mi gavevo un testo dove che el mato ga sbarà sensa mirar. El ga ciapà listeso. Se pol dir: sparare dal fianco? Mi no ciapo gnanca mirando. Coi fioi iera pici, al parco dei divertimenti bisognava che spari par ciaparghe almeno un fior. Con quei soldi che go speso par ciapar un fior gavaria podesto crompar almeno do mazi. Ciancele cechino. :36_11_6: :36_11_7:
Bambini miei, erudite il pupo e rispondete. Un grazie in anticipo a tutti. Anche a chi non risponderà. Son largo de maniga. ;--D



Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Nini Naridola » giovedì 19 novembre 2015, 0:02

Ciancele, me fido de ti e de tute le parolaze che te ga scrito!
El rodolo de carta sensibile noi lo usavimo a bordo per la ricezion dele carte metereologiche in tempo reale con el "MUFAX" apparecchiatura su radiofrequenza.
Xe coreto dir "sparare dal fianco".
I "dissipatori termici (o di calore)" xe, nei componenti elettronici, quei dispositivi de alluminio (?) ad alettoni che se meti intorno a un componente che tendi a surriscaldarse.
Anche "maniche di camicia" xe corretto: quando un se trova in difficoltà (un giogador de carte per es.) perché el se stà giogando tuto, anche la giacca el se trova in manighe de camisa. El passo sucesivo: restar in mudande!
Su la macia no so aiutarte; però, per mi che no so el tedesco, e per lori, cussì precisini, se i la definisi "macia genuina" ... vol dir che xe proprio una bela macia ... quasi come ti, caro Ciancele!



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 19 novembre 2015, 5:47

Ciancele ha scritto: 1. Empfangspapierrolle xe el rodolo de carta in arivo del fax. In internet i disi rotolo di carta termica. Solo che la carta termica credo che no esisti più. Se pol dir “rotolo di carta in arrivo” o “per ricevimento?
Mi go visto anche telescriventi col rodolo de carta non termica, quindi el "termica" xe un de più. No meteria el "in arrivo" o "per ricevimento" tacà al "rotolo di carta". Mi diria "rotolo di carta per la stampante" o "rotolo di carta per stampare i messaggi in arrivo".
Ciancele ha scritto: 2. Hemdsärmelig = in maniche di camicia. Ma el significato no xe casual, che saria ala bona, ma contadinesco. No negron, ma no finoto. In inglese i disi anca tough = duro, tempi duri. Se pol dir “in maniche di camicia”?
MI per "duro" o "contadinesco" no diria mai "in maniche di camicia". Per mi "in maniche di camicia" vol dir in maniche di camicia, senza giacca; quindi se mi te ricevo "in maniche di camicia" vol dir che te go ricevù in maniche di camicia (e no me son meso la giaca). I mii vocabolari de tedesco dà per Hemdsärmelig disinvolto informale e come sinonimo "salopp".
Ciancele ha scritto: 3. Fleckenecht = letteralmente macchia genuina. Par talian go visto antimacchia. Vol dir che no fa macia o che neta la macia? Mi credo che voli dir che no fa macia.
Antimacchia vol dir che no se macia: "tovaglia in tessuto antimacchia" xe una tovaia, pratica ma no bellissima, fata de un tessuto che se anche te ghe svodi una botiglia de vin rosso sora , te la lavi co l'acqua e la macia no resta (per l'oio ghe volerà un poco de savon); no ocori meter in varechina. I le vendi, a Trieste, in una baracheta ale fiere, no le xe belisime ma sai pratiche. No le dopreria mai in un ristorante dove "non si può entrare in maniche di camicia ed è obbligatoria la giacca e la cravatta".
Ciancele ha scritto: 4. Hitzeableitung = dissipazione del calore o dissipazione termica. Ma anca dispersione del calore. Probabilmente xe nei computer qualcosa che disperdi el calor. Mi so che xe un che sa.
Ga risposto Nini. Zonto che la dissipazione pol eser "passiva" se xe quel che disi Nini, dele alette de alluminio, o "attiva" o "forzata" se te ghe zonti un motorin con una ventola che porta via l'aria calda.
Ciancele ha scritto: 5. Aus der Hüfte schießen = sparare dall’anca, cioè sparare dal fianco = to shoot from the lips. Jon Vaine (John Wayne) iera quel che sparava cusì. Mi gavevo un testo dove che el mato ga sbarà sensa mirar. El ga ciapà listeso. Se pol dir: sparare dal fianco? Mi no ciapo gnanca mirando. Coi fioi iera pici, al parco dei divertimenti bisognava che spari par ciaparghe almeno un fior. Con quei soldi che go speso par ciapar un fior gavaria podesto crompar almeno do mazi. Ciancele cechino. :36_11_6: :36_11_7:
Bambini miei, erudite il pupo e rispondete. Un grazie in anticipo a tutti. Anche a chi non risponderà. Son largo de maniga. ;--D
Son pacifista, no go mai sparà in vita mia... La sola pistola che gavevo, de picio, iera la pistola a schizeto. :-D. Me par de ver sentì, nei film, tradur "sparare senza estrarre" (la pistola dalla fondina). Ma no so se sia la stesa roba.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36554
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da babatriestina » giovedì 19 novembre 2015, 9:08

gavè risposto tuti e mi gavevo provado a pensar ma no trovavo termini precisi.
Una sola roba sul antimacchia, xe tanti tessuti antimacchia, qualchedun xe un poco quasi come platica e per bon la roba che macia passa sora, ma SonoPiccolo forsi no ga provado zerte tovaie antimacchia che go trovado mi in Svizzera, le costa più dele normali, xe un tessuto bellissimo e morbido, le mace.. un poco le passa oltre un poco le resta, però se lava facile, svelto, va via tute le mace e se suga anche ssai presto. e volendo no ocori gnanca stirar..
se inveze xe roba che no lassa mace alora antimacchian no xe el termine corretto,c he xe passivo nel senso de "no se lasa maciar"


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » giovedì 19 novembre 2015, 10:06

Bongiorno Baba Triestina, Nini Naridola e Son Piccolo Ma Crescerò (in ordine alfabetico), bongiorno e grassie. Rispondo punto per punto.

1. Empfangspapierrolle. Rodoli de carta in partenza no xe, solo quei in arivo. Penso che la proposta de SPMC sia quela bona: Rotolo di carta per la stampante.

2. Hemdsärmelig. Mi go leto in tedesco i comenti. Centra sì le braghe e le mudande, ma no nel mio caso. In triestin se podaria dir: ala povareta. Tough saria qua no duro nel senso de no tenero, ma duro nel senso de caligo. Cioè più in senso figurato. Go paura che dovarò zercar avanti.

3. Fleckenecht. No go trovà in nisun logo. Farbecht = colore genuino, vol dir che el color no va via. Ma mi no credo che i gabi volesto dir che la macia no va via. Almeno spero de no. Ciogarò antimacchia col beneficio dell’ulteriore conferma.

4. Hitzeableitung. Ciogarò dissipatore termico e/o dissipatore di calore come suggerito da Nini Naridola e Son Piccolo Ma Crescerò.

5. Aus der Hüfte schießen. Se vedi che SPMC no ga l’istruzion de armi da fuoco che go ‘vudo mi. ;--D De Balila gavevo el moscheto, de avanguardista el modelo 91. Co ‘ la baioneta el iera più grando de mi. A scola per squasi meza ora gavevo una scaciacani, po la go dada indrio al mio compagno de banco.
OT. Scusè. Penso che ciogarò la soluzion, e conferma, de Nini Naridola. El mato ga ciolto la pistola, ma dela fondina de un altro mato, e ghe ga sbarà sensa mirar. Nei dueli se vedi che el susperstite speta e po tira fora la pistola e sbara sensa mirar. Dal fianco.
Mi gavaria adeso un altro vocabolo: fremdeln e nel vocabolario xe timideza (dei lattanti) verso estranei. Se podaria dir (leteralmente) estraneizzare. Ma xe un poco più de timidezza parchè i fioi pici i piansi e i urla. Squasi paura degli estranei. Xe un termine par talian?

Me ne vo e me ne vado. Dove? In giardin a scovar foie. Lavoreti de fiducia.
(Più) bona giornada a voi tuti.



Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Nini Naridola » giovedì 19 novembre 2015, 11:18

Xe passà tropo tempo da l'epoca che iero lattante e no me ricordo più le sfumature della "timidezza". Se pol dir: riservatezza, impaccio, imbarazzo?



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » giovedì 19 novembre 2015, 13:39

Caro Nini Naridola, mi fazo www.google.it e dopo la parola par gnoco. Finora xe sempre vignù qualcosa. Co’ fremdelnd no. Gnente. Cioè i te disi. Traduci questa pagina. In francese i disi peur = paura. In inglese go trovà scare e afraid = paura e shy = timidezza. Anca to be skittish, ma certe ritraduzioni par talian no va ben. Ti te ga scrito riservatezza impaccio imbarazzo. I putelini i ga paura, timore, riservatezza dei adulti. Dai 8 ai 12 mesi i xe tropo pici per zogar coi coetanei. Co’ i putelini pol star in pie, i se scondi drio le cotole dela mama (o braghe del pare). E se te li sforzi i se meti a pianser. Xe un poco come certi cani. Se te li vol carezar i se tira indrio. E se te li sforzi i te dà un morsigon. El problema xe che se te vol usar el sostantivo, te pol dir el ga paura dei adulti foresti. Ma col verbo? Magari se pol dir che el putelin mostra paura? riservatezza? verso persone non famigliari. Qualche volta anca i noni, che vedi i putelini magari solo una volta ogni tanto. Ad esempio la mia granda. La gaveva poco più de do ani e la ne dava malvolentieri la man. Po gavemo fato tre setimane de vacanza in un apartamento, con tute le porte ‘verte. De quela volta in qua tuto ben. Con la sorela, tre ani de meno, no gavemo ‘vù ‘sti problemi parchè la granda iera sempre presente co’ la picia.
Come che go za dito, qualsiasi informazion pol ‘iutar. No esisti risposte stupide. Forsi col vocabolario spando. Tanto nol vegnarà mai stampà. Ma mi son un poco perfezionista par quel che riguarda le lingue.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1988
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Piereto » giovedì 19 novembre 2015, 14:10

Mi te sugeriso "timore" che no xe la stesa roba che paura. Timore saria come dir un quarto de paura, cioè no xe in pericolo la vita de nisun.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4154
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: CORSO DE TALIAN

Messaggio da Ciancele » giovedì 19 novembre 2015, 17:37

A scola i me contava che xe una diferenza tra timore e paura. Una dele do parole xe la sbigola davanti a robe concrete. Xe el timore? L’altra parola xe davanti a una roba che no se conosi o no esisti. Paura dele strighe. Go fato http://www.Google.it e dopo paura. Xe vignude anche foto de putelini che piansi col steso museto che i fa quando gente estranea li vol carezar. E dopo vien paura panico terrore orrore. Sicome che no xe una roba che me invento, speravo che qualchedun conosi l’espresion par talian. Par gnoco xe una parola dela vita quotidiana.
Go provà in spagnol e go trovà miedo a los extraños. In inglese infantile estrangement e po estrangement par talian straniamento, estraniamento, estraneità.
Piereto ga dito timidezza. E go trovado paura dell’estraneo, “timidezza” (proprio tra virgolete) nei confronti dell’estraneo.
Saria bel se i mii consulenti de spagnol e inglese disesi la sua. Ma penso che paura dell’estraneo sia bel. Se xe vero bisognaria trovar una forma verbale. Chi me ‘iuta? Se podesi, mi metaria: paurare. Magari come neologismo: paurare dell’estraneo. Forsi ciapo el premio Nobel. :signs10:



Rispondi

Torna a “El salotin”