GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

El SOLO e UNICO logo indove che se pol ciacolar de tuto cuel che pasa per la testa :-) ... a proprio ris'cio e pericolo ;-D
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4501
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Ciancele »

Mi no poso dismentigar el 10 giugno (bombardamento) e el 17 setembre 1944 (partenza da casa al servizio del lavoro), el 25 aprile (chiamata alle armi) e el 12 giugno 1945 (Tito xe 'ndà in ...aza). No iero putel, gavevo za 17 e 18 ani.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38651
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da babatriestina »

ma al 25 aprile del 45 poco te son rivado a far?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4501
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Ciancele »

babatriestina ha scritto: ven 11 giu 2021, 9:31 Ma al 25 aprile del 45 poco te son rivado a far?
Xe un rimprovero?


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2407
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Piereto »

Me ricordo che mio papà me contava dei risultati del bombardamento del giugno del 44 , co una casa andada zo a do passi da la sua che xe rimasta danegiada. Presto ciapar i stramazi , rodolarli e meterli su la bici e andar a casa de amici a dormir in atesa che i giorni dopo i te trovi una altra sistemazion.


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4501
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Ciancele »

babatriestina ha scritto: ven 11 giu 2021, 9:31 Ma al 25 aprile del 45 poco te son rivado a far?
Xe logico che no go fato gnente. I gnochi i se preparava par scampar. Ma mi no podevo saver. Gavevo ciapà la cartolina e gavevo solo diciasete ani. Me sentivo tropo putel par la guera e me secava tirar i crachi i ultimi giorni.
Parò i mii paroni gnochi i xe stai onesti. Mi lavoravo al giornal e el diretor ghe ga dà soldi al capo contabile, la paga del mese de aprile. No me ricordo quando in magio, el capo contabile xe vignù a casa mia e me ga portà i soldi. Onesto anca lu, parchè el gavesi podesto tignirseli. Un triestin austriaco, Herr Saliger, una cara persona. Anca sensa la question dei soldi. Su fio iera con mi ala Tot.


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4501
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Ciancele »

El 10 giugno mi iero a l’Oberdan a far i esami de amision al setima superiore. No gavemo vu dani.
El 17 de febraio 1945 xe cascada una bomba sula casa visavi la nostra. Le piere xe cascade sula nostra casa, ma le ga rovinado solo la caseta del portinaio, che iera fora, e i copi del quartiere vizin al nostro. De noi se ga roto solo el vetro de l’abain. Papà ga ciolto el vetro de un quadro e lo ga meso su l’abain, che no ne piovi drento. Dopo la prima piova el xe ‘ndà sui copi, ma ierimo sul suto. Gavemo vu fortuna.


Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3635
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Elisa »

Ecco sto benedetto 11 giugno che, a proposito, nemmeno io posso dimenticare. Siamo "sbarcati dalla nave" nel Nuovo Mondo!


"Todo lo bueno me ha sido dado"
Avatar utente
Nona Picia
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 10974
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Nona Picia »

Mi del'11 giugno me ricordo solo che con tuti i i fioi dela casa ierimo in giardin soto el nostro nespolo a magnar pasta e fasoi che gaveva fato una signora del condominio quando se ga sentì el rombo dei aerei e i ne ga fato corer tuti in cantina


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2407
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: GIORNI CHE NON SI POSSONO DIMENTICARE

Messaggio da Piereto »

Xe tanti i giorni che no se pol dimenticar e avenudi in tanti posti diversi de sta nostra europa Noi generazioni del secondo dopoguera semo fortunadi perchè semo cresudi ne la pase. Considerazioni che me xe vignude legendo qual che xe sta scrito circa leopoli Lvov Lemberg. Quanti posti simili in europa per misioti de etnie co lingue diverse religioni diverse, angherie subide . Ferite che el tempo dovesi aver fato pasar e inveze no. Povera gente che ga dovesto spostarse e che no ga podesto tornar indrio. le generazioni passa ma xe anche chi de la nova generazion che volesi tornar. No pasa giorno che posi naser pupoli. i profughi al confin polaco, Polachi che xe stadi sempre mal visti perchè iera i signori vincenti nei confronti dei russi dei lituani. E se no iera per i polachi gaveimo ancora i turchi in austria e in friul. Russi bianchi che gaveva combatu con Nievski e vinto svedesi e i tedeschi . Rusi e gnochi che no podeva digerir de eser stadi baturdi anche dai polachi Cechi che se ga separado dai slovacchi. Slovacchi che no pol veder i ungheresi. Pressburg Bratislava Posonj. Ungheresi che volesi tornar in voivodina in man dei serbi. Serbi che vol el Kosovo, Macedoni greghi che no pol pensar che esisti una macedonia che no sia grega, Ogni zona de sta nostra europa xe una polveriera. No se salva nisun. Ogni nazion ga tra le sue fondamenta dei sopprusi fati a altri anche in epoche no tanto lontane. E xe chi che sta nel suo bel uficeto al caldo a Bruxelles che credi ne la unità europea, e el se dimentiga che i valloni no pol veder i fiamminghi. Mancava , ciliegiona su la torta, anche el problema de una religion medioorientale che vol insediarse da secoli in europa . Pax vobiscum.


Torna a “El salotin”