Parole che cambia significato

El SOLO e UNICO logo indove che se pol ciacolar de tuto cuel che pasa per la testa :-) ... a proprio ris'cio e pericolo ;-D
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
Blues Briso
naufrago
naufrago
Messaggi: 41
Iscritto il: sab 8 gen 2022, 19:31

Re: Parole che cambia significato

Messaggio da Blues Briso »

No so se postar qua, o verzer un novo argomento, ma legendo sto topic cocolo e divertente, me xe vignù in amente la storia stramba del italianissimo ciao.
(Se son OT spostè pur el post)

Ciao originariamente, sta per Sclavo, ovvero quel che ogi, se disi Slavo, che (perlomeno) i Veneziani ciamava Sc'iavo. Adesso, no go ancora ben capi' perché (nel senso con che modalità), slavo se vignù a diventar sinonimo de servo e non solo per i Veneziani, visto che perfin in inglese se disi slave; ad ogni modo, per farla curta, i Veneziani ga comincià a saludàr con tono reverenziale, disendo "Sc'iavo vostro!", intendendo "Servo vostro!"
Con l'andar del tempo perdendo man man un toco, xe diventà "Sc'iavo...", po' "Sc'iao...", po' ancora "C'iao!"
Tira para e mola, ala fine xe diventà un modo de saludàr molto informale, tanto che se se lo usa con chi no se ga tanta confidenza, pol risultar sfaciado; come dir... meno rispetoso de un "Bongiorno".


Vosi e lingue sconossude me bati sule orece nude. El posto xe 'l steso, ma mi no 'l me par, adeso. Tuta sta gente de ndo' la riva, ché no la va via? O inveze xe i mii che me schiva? E pur ara, che mi son casa mia!
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4519
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Parole che cambia significato

Messaggio da Ciancele »

Qua tuti disi ciao o ciau. Adiritura svelto svelto ciao ciao. Ai mii tempi (1946?) go sentì dir de un inglese ciaffenau. Ghe go domandà cosa che vol dir e lu ga risposto: Chao for now. Poco tempo fa go sentì dir al telefono de una baba inglese ciaffenau. Se vedi che se disi cusì ancora. Come saluto de chiusura se usa tanto Tschüss (pronuncià ciss). È confidenziale, che saria che no se pol dir Tschüss al paroco. Arrivederla o bacio le mani no disi più nisun.


Avatar utente
Blues Briso
naufrago
naufrago
Messaggi: 41
Iscritto il: sab 8 gen 2022, 19:31

Re: Parole che cambia significato

Messaggio da Blues Briso »

Ciaffenau xe formidabile 😀


Vosi e lingue sconossude me bati sule orece nude. El posto xe 'l steso, ma mi no 'l me par, adeso. Tuta sta gente de ndo' la riva, ché no la va via? O inveze xe i mii che me schiva? E pur ara, che mi son casa mia!
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38806
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Parole che cambia significato

Messaggio da babatriestina »

Blues Briso ha scritto: ven 14 gen 2022, 18:06 Adesso, no go ancora ben capi' perché (nel senso con che modalità), slavo se vignù a diventar sinonimo de servo e non solo per i Veneziani, visto che perfin in inglese se disi slave
in latin el " schiavo" iera "servus". Nota ben el medesimo " servus" da servo suo in uso confidenzial in tedesco .( più o meno come el ciao) A mia mama, una siora più vecia, ghe diseva " Servus, Kindl!" ( Ciau, putela!)

ma nel Medioevo no se fazeva più schiavi i cristiani, ma ... i pagani ancora sì. E prima che i Slavi se convertissi al cristianesimo con Cirillo e Metodio, i vegniva catturai in guerra e fatti schiavi.Se vedi che a Venezia el mercato dei schiavi prosperava.
Anche el a Dio o Addio se deventado 'dio "dio, bel!" no xe una bestemmia ma un saludo confidenzial


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
Blues Briso
naufrago
naufrago
Messaggi: 41
Iscritto il: sab 8 gen 2022, 19:31

Re: Parole che cambia significato

Messaggio da Blues Briso »

babatriestina ha scritto: ven 14 gen 2022, 20:55
nel Medioevo no se fazeva più schiavi i cristiani, ma ... i pagani ancora sì. E prima che i Slavi se convertissi al cristianesimo con Cirillo e Metodio, i vegniva catturai in guerra e fatti schiavi.
Pensavo fossi più ligado ala servitù della gleba, non pensavo ad una schiavitù vera e propria...
Anche el a Dio o Addio se deventado 'dio "dio, bel!" no xe una bestemmia ma un saludo confidenzial
Sì sì, questo po' xe proprio triestinissimo, mai sentido fora cità...


Vosi e lingue sconossude me bati sule orece nude. El posto xe 'l steso, ma mi no 'l me par, adeso. Tuta sta gente de ndo' la riva, ché no la va via? O inveze xe i mii che me schiva? E pur ara, che mi son casa mia!

Torna a “El salotin”