Confini d'Europa

argomenti de attualità  ( ciacole de salotin: Signora mia, la ga sentido che?)
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 39616
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Confini d'Europa

Messaggio da babatriestina »

appunto, se rivemo a star insime forsi dividemo, se no ognidun per sè e noi semo poveri de materie prime, no riveremno a esportar... ma doveremo pagar le importazioni... i ne caverà i risparmi, i ne caverà le pensioni... qualche ricon coi bori fora se rangerà... e i altri cice!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
notabile
notabile
Messaggi: 4575
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Confini d'Europa

Messaggio da Ciancele »

Mio cugin, l’ultimo che me xe restà, me ga domandà de dirghe come che xe la Germania. No credo che lu, clase genaio 1930, voli vignir in Germania. Ma no se sa mai. El iera sempre un poco ciapà. El se ga laureà a 75 ani. In sienze politiche. Forsi el vol vignir a far l’ambasiador o almeno el console generale.
Cicio, ghe go dito (no’l xe cicio, noi lo ciamemo Cicio), se te son furbo te vien in Germania. La gnocheria xe el paese dei balochi, la cucagna, te magni e sbevazi sensa pagar, te ga tanti bori che no te sa cosa far de lori e te va par tuto el mondo a spenderli e a spanderli. E anca ti te spandi spendendo. Un paese batù de babe, tute tochi. Sul tipo mola una che me oriento. O te te ciol una camera con comodo de parona. Sicome che lavorar fa mal de schiena, no se lavora. Se fa lavorar. Eco quel che distingui i gnochi: i fa lavorar e lori i spendi i soldi che ghe dà i ialtri. Adeso te sa parchè mi, astuto, son vignù in Germania za de giovine.
Come nel Pinochio de Colodi, anca in questo paese dei balochi xe el risvelio. Come Pinochio me go sveià, vecio, baloner, che zota col baston, batù de debiti, che vien ciolto pal cul de tuti.
Chi che conta che la Germania se la pasa a spale dei altri no xe mai sta veramente in Germania. Gnanca la Germania no ga (più) materie prime. Le miniere de fero e carbon xe serade. Se importa parfina eletricità. Qua se fa sacrifici ogni giorno, par una ragion o pa’ l’altra, ma tuti domanda, tuti i vol, tuti i pretendi. Dopo 70 e pasa ani i se sveia e i domanda dani de guera. Tanto la Germania no sa cosa far dei bori. Bisognaria vardar chi che ga un debito publico più grando del nostro e domandarghe parchè el ga ‘sto debito. Parchè par gaver voti i ga dà anca le mudande, spendendo (e spandendo) soldi che no i ga. I soldi dei altri. Dopo di me il diluvio. E el diluvio xe rivà. Adeso i vol l’ombrela gnoca, ma la xe tropo picia par salvar tuto el mondo.


Ciancele
notabile
notabile
Messaggi: 4575
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Confini d'Europa

Messaggio da Ciancele »

Mi no rivo a capir parchè qualchedun la ga con l’Europa unita. No me par che qualchedun xe sta sforzà a vignir a far parte. Iera una sielta personale. Se qualchedun no xe contento, conto che un talian, che sicuro tanti conosi, morto purtropo squasi vinti ani fa, ne ga avisà de cosa che podaria suceder se se fa una sielta che dopo se se pentisi. Parlo de Renato Carosone nel suo “se il mellone è uscito bianco”. Quela volta no esisteva ‘ncora el divorzio. Ogi sì e l’Inghiltera ga divorzià. Tuti pol divorziar. ‘fari sui de lori. E dopo tanti i cantarà se il mellone ….
So che un scambio di post o polemica no xe permesi. Par quel prego i signori aministratori, se i credi che el mio post sia una risposta o una polemica, de stricarlo. No morirò par quel.


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
cavalier del forum
cavalier del forum
Messaggi: 8178
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Confini d'Europa

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Ciancele ha scritto: dom 5 apr 2020, 10:01 Qua se fa sacrifici ogni giorno, par una ragion o pa’ l’altra, ma tuti domanda, tuti i vol, tuti i pretendi. Dopo 70 e pasa ani i se sveia e i domanda dani de guera. Tanto la Germania no sa cosa far dei bori. Bisognaria vardar chi che ga un debito publico più grando del nostro e domandarghe parchè el ga ‘sto debito. Parchè par gaver voti i ga dà anca le mudande, spendendo (e spandendo) soldi che no i ga. I soldi dei altri. Dopo di me il diluvio. E el diluvio xe rivà. Adeso i vol l’ombrela gnoca, ma la xe tropo picia par salvar tuto el mondo.
Caro Ciancele, la roba più importante xe evitar i stereotipi.

Son d'acordo, de come che la vedo mi, che, nei anni 80 sopratuto, in Italia semo visudi fazendo finta de eser più siori de quel che ierimo: la paga ne aumentava ogni tre mesi, i soldi che ne rivava li investivimo in bot, debito pubblico, e con quei soldi el stato finanziava i nostri aumenti: un serpente che se magna la coda e richeza fasulla che esisteva solo sula carta e debito publico che creseva. Se adeso el stato no ga soldi xe perché el devi pagar i interesi de quei debiti.

Però vardemo anche in quela che deso xe casa tua.

Anche se no centra tanto col discorso, ma giusto per far ciaro sui stereotipi, son el primo a riconoser che no xe vero che nela seconda guera mondial i tedeschi iera tuti criminai asasini: go conosudo un soldà dela Wehrmacht che ala fine dela guera xe restado in Italia e no go mai visto un omo più bon de lui. Magari te lo gaverà conosudo perché el gaveva lavorado pei inglesi col GMA. E no'l sarà stado el solo.

Se vignimo a tempi più recenti, no xe vero, però, gnanche, che i tedeschi xe sparagnini e lavoradori e i altri magna sule sue spale. L'unificazion dela Germania, se me ricordo ben, col cambio uno a uno, ga costado a tuta l'Europa e particolarmente al Italia che, all'epoca, ga dovù andar fora del SME. El salvatagio dela Grecia in tempi più recenti xe sta fato anche per salvar le banche tedesche che se iera impignide de titoli greghi, e anche là un poco gavemo pagado anche noi, anche se le nostre banche no ghe ne gaveva de titoli greghi.

De quel che legio, in sti giorni, per darghe una man a chi che no riva a pagar l'afito, in Germania i ga fato una lege e le prime a profitarse xe stade le grose cadene de distribuzion che l'afito podeva agarlo istesso. I trapoleri no i xe solo in Italia.

Alora zerchemo de capir sempre,sia quando toca de una parte che quando toca de l'altra, che semo tuti in una stessa barca.

E ricordemose che se de sta bruta storia vegneremo fora, saremo tuti, ma propio tuti, più poveri (forsi la Cina no).

Te cito, a ti ma anche ai altri, un brano de John Donne, un scritor inglese visudo a caval del 1600, che forsi te conosi:
https://en.wikiquote.org/wiki/John_Donne ha scritto:No man is an island, entire of itself; every man is a piece of the continent, a part of the main; if a clod be washed away by the sea, Europe is the less, as well as if a promontory were, as well as if a manor of thy friends or of thine own were; any man's death diminishes me, because I am involved in mankind; and therefore never send to know for whom the bell tolls; it tolls for thee.
A ti no la te servi, ma meto anche la traduzion tirada zo da wikiquote
https://it.wikiquote.org/wiki/John_Donne ha scritto: Nessun uomo è un'isola, completo in se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte del tutto. Se anche solo una zolla venisse lavata via dal mare, l'Europa ne sarebbe diminuita, come se le mancasse un promontorio, come se venisse a mancare una dimora di amici tuoi, o la tua stessa casa. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te.[
El brano xe cusì famoso che Hemingway ne ga tirà fora el titolo de un suo romanzo ("Per chi suona la campana") e Thomas Merton per un altro libro (Nessun uomo è un'isola").

Pensemo tuti, ma propio tuti, con serenita, per quel che la situazion che stemo vivendo ne lasa, a quel che ga scrito John Donne. (Chisà se el saria stado favorevole ala Brexit?)


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Piereto
Distinto
Distinto
Messaggi: 2581
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Confini d'Europa

Messaggio da Piereto »

Me domando anche mi perché xe tanti che xe scontenti della UE. La risposta xe una sola, perché no xe uno Stato. Cioè tutti i abitanti dei 22 paesi no ga le stesse leggi ma solo un sistema bancario a dirigenza unica. L Italia xe entrada dentro perché a capo del governo iera un ex bancario e no attraverso un referendum. Gavemo perso molte de le nostre sovranità. Uno stato xe unito se in tute le sue parti val le stesse leggi. Chi che gaveva el miglior sistema organizativo cioè fiscale sanitario e normativo legale ga funzionado meio e ga attratto investitori che ga dado le ali a sti tre paesi : Germania Olanda Lussemburgo. L Italia col suo sistema amministrativo la ga fato scampar i investitori e falir tante imprese. Quelle bone po' le xe stade comprade da altre europee, per eser o sfrutade o serade. L Italia no ga cambiado sistema perché quel che gavemo riva a darghe de maniar a sesanta milioni de italiani. Chi che ga zercado de snellir eliminando tante leggi e burocrazia, el xe finido agli arresti. Se fussimo in un stato unito una calamità sblocca bori che po' nisun torna indrio. I Furlani no ghe ga miga torna' i bori indrio per el terremoto. Adeso col coronavirus i ne vol far tornar indrio i bori che i ne darà se i ne li darà..
Quanto a John Dunne el iera de base un cattolico che po' xe diventado anglican e nol voleva che i protestanti stacassi l'Inghilterra da l'europa cattolica romana. Ai sui tempi i re ciapava i bori per finanziar le guere da banchieri italiani o tedeschi e el re d'Inghilterra ga comincia' a eser finanziado inveze dai sui sudditi proprietari terrieri comercianti danarosi per cui el parlamento ga ciapado sempre più poteri. Forsi Dunne saria restado in Europa ma el parlamento ga fato la brexit za quela volta.


Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 39616
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Confini d'Europa

Messaggio da babatriestina »

Mah... molti xe scontenti dela EU perché xe sta facile per i politici scarigarghe tute le colpe de quel che no andava ben nel Stato. Po xe tante tappe nel a costruzion, Ga cominciado nei anni 50.. e l'Italia ch evegniva fora de una guera persa- e mal persa e con una guera civil interna nela parte dela del a guera- gaveva tuto el interesse a unirse con i altri per evitarghene una nova. Ga cominciado cola ceca, po el euratom che nissin se ricorda, po i primi trattati. Po periodo de stallo. ve ricordè, voi che sè più veci, la lira arremengo, le restrizioni? no iera vietai i viagi al estero, ma no se podeva proatr i bori per pagarseli... go ancora e l passaporto che i me ga notado quel poco che go portado per un corso de inglese a Londra.. ve sparagno altri ricordo... po la libertà de girar senza finanzieri che ve ribalta la valigia, ... sì, i ga fato una ìunion monetaria ( ma che bel, vero, far continuamente le cambio de monede viagiando, e quel che restava a casa se butava via..) senz armonizar i sitemi fiscali. Mi go sempre perado che i coregessi le storture e che el UE selezionassi i metodi economici migliori per estenderlia tuti...
No conosso John Donne - confesso la mia ignoranza- ma go studiado parecchio la storia de l'Europa e de l'Inghilterra al epoca. nel 1600...la riforma anglicana iera de quasi tre quarti de secolo e ghe ga servido a Enrico VIII no solo per sposar Anna Bolena, ma anche per incamerar tutti i possessi ecclesiastici-. la dissoluzion dei monasteri- e rimeter a posto le finanze de un stato che spendeva e spandeva. i banchieri italiani nel 1600 iera un ricordo de secoli prima, co nel Tre quattroicento i ga fato prestiti a re d'Inghilterra Plantageneti che no ghe li ga mai ripagadi fazendoli falir ( i Bardi, I Peruzzi..) i re de Inghilterra xe restai assolutisti fin che no i ghe ga taiado al testa a Carlo I a metà Seicento, po Parlamento che al momento bon Cromwell- che xe stado portado al poter del Parlamento- lo ga serado e ga comandado in forma ditatorial. Quel famoso discorso che tanti un per de anni fa copiava su internet " in nome di Dio andatevene" inegiando senza saver ala ditatura. Cosa che me par che anche adesso staghi fazendo tanti.. po cascado Cromwell , sempre nel Seicento, xe tornado el assolutismo real con Carlo II e Giacomo II, che s e ga barcamenado fra protestanti e catolici, adesso se disessi toleranza ma alora poca toleranza iera..
Cacciado Giacomo II xe vegnudi su un per de altri Stuart più decisamente protestanti e po i Hannover. E col Setecento i ghe ga fregado el comando dei mari ala Francia e i se ga costruido un impero marittimo, che i credi de gaver ancora , forsi.
Ah nel Cinquecento l'Europa no iera più catolica romana de un bel poco, la Riforma protestante ga cominciado in Germania...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
Distinto
Distinto
Messaggi: 2581
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Confini d'Europa

Messaggio da Piereto »

Al inizio tanti Italiani ga spera' sai ne la UE, pensando che le sue leggi moderne gavesi eliminando quelle machiaveliche italiche. Cusi no xe sta', anzi la UE ga incomincia' a legiferar su stupidezi apparenti che alla fine xe andadi contro le nostre esportazioni soprattutto alimentari. Po' i xe andadi contro el nostro deficit facendo finta de no saver che l'80% de deficit iera in man italiane e fisiologico al mantenimento della pase sociale. No parlemo po' de la volontà
de far fora le piccole banche come quelle cooperative obbligandolo a aumentar el capital fazendole serar. Quel che dà fastidio xe che i ga adotado pesi e misure diverse. Disendo che non se pol far aiuti de stato quando i francesi inveze lo ga fato più volte, per no parlar de DBank che doveva za falir da almeno un sie ani fa causa tutti i titoli tossici subprime che i gaveva compra' sul mercato american e tignuda in pie serando tuti i oci.
El Dunne iera cattolico de familia e quindi l'Europa doveva aver Spagna Portogallo Francia meza Germania, e staterei italiani per cui la isola britannica doveva restar in Europa e no cascar in man dei protestanti o pezo restar equidistante.


Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 39616
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Confini d'Europa

Messaggio da babatriestina »

Ai tempi de Dunne, che iera catolico ma se ga fato protestante, anche perchè a un zerto punto ai catolici in Inghlterra i ghe ga cavado i diritti civili, iera catolica la Spagna el Italia geografica che iera in bona parte spagnola, el Portogallo, meza Germania. la Francia vegniva fora de una enorme guerra de religion che i se ga scanado fra catolici e ugonotti e Enrico IV gaveva fato el editto de Nantes che lassava i protestanti liberi. No esisteva "Europa " al epoca. Catolica iera la Polonia-Lituania, molto meno i stati baltici , no la Moscovia, i domini asburgici usciva de una lotta dela riforma e controriforma, la guerra dei trent'anni che comincia come guerra de religion comincia a Praga, po se estendi per tuta la Germania e iera protestanti i Svedesi che ga dilagado sul Continente... e per el resto iera el Turco.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
Distinto
Distinto
Messaggi: 2581
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Confini d'Europa

Messaggio da Piereto »

El Dunne disi nel suo discorso che l'Europa devi restar unità perché no se pol perder né un promontorio né una isola, e la guera dei 30 anni iera alle porte.


Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 39616
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Confini d'Europa

Messaggio da babatriestina »

sa che mi la go capita diferente: ogni omo fa parte de un tutto, come un tochetin de tera fa parte de un continente. Anche perchè continua La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità.
Mi no vedo alcun riferimento a Brexit unità d'Europa o unità dei cristiani che iera futsch de oltre 100 anni.
No so gnanca se ghe iera al epoca un'idea de Europa in quel senso politico che te disi ti. Credo che la iera metternichianamente una definizion geografica. e El cristianesimo cattolico iera e xe per definizion cattolico, ossia universale: xe ara ti propio i anni che padre Ricci , el gesuita, andava in Cina dei Ming


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
cavalier del forum
cavalier del forum
Messaggi: 8178
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Confini d'Europa

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Anche mi come Babatriestina, e penso anche Hemingway e Merton.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Ciancele
notabile
notabile
Messaggi: 4575
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Confini d'Europa

Messaggio da Ciancele »

Me presento. Son Ciancele. Anzi dott. g.c. Ciancele. Go la laurea g.c. (Google causa) in fobologia, la scienza delle paure. Go vu ocasion de visitar Putin e go trovà che no’l xe malà de cancro o de Parkinson. A qualchedun ghe trema el cul, a lu ghe trema la man. Go sentì dir che par no spander i ghe meti la trapeta intun stagnaco. Ma, come che gavemo visto, el spandi listeso. El mato no’l ga altre robe, el xe solo ciapà de microfobia, la paura dele robe picole. El ga paura che l’Ucraina ghe fazi guera e che conquisti la Rusia. Anca altri paesi in Europa i vivi spasimai. Francia e Spagna, conquistade de Andora, de far la federazion andorese. L’Italia trema sentendo la parola San Marino. Ve imaginè el povaro cabibo abituado a dir: Songo tagliane, che dovarà dir songo sanmarineso? Pensando ala guera, me xe vignù inamente la barzeleta de quel che in uficio ga fato barufa col capo e tornà a casa per sfogarse ghe dà un s’ciafon ala baba. La baba rabiada ghe dà un s’ciafon al mulo e el mulo, rabià, ghe dà una piada al can. Putin xe rabià cola Nato e con l’union europea. El can de turno xe stada l’Ucraina, che me par che no la sia né nela Nato né ne l’union. L’Ucraina xe circa 30 volte più picia e la ga un raporto abitanti de circa 1 a 4, insoma una potenza militar al confronto.


Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 39616
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Confini d'Europa

Messaggio da babatriestina »

Ve conterò con calma, ma adesso iero propio ai confini d'Europa. A Cipro. Divisa in due, la Cipro grega xe entrada in EU, se dopra el eruo, i parla inglese come linguia franca (i xe stati per squasi un secolo colonia inglese), ma semo passai in zona turca (meza Nicosia e Famagosta e dintorni). Nicosia, ultima (i disi lori) cità divisa in due de un muro... te passi coi controlli de frontiera, a pie, e xe stai oltre meza ora al confin col pullmin, quasi come al Checkpoint Charlie. I ne conta storie de divisioni come de noi zona A e zona B, xe una parte de Famagosta abandonada dei greghi-ciprioti , a ghost town che apena del 2020 i lassa entrar qualchedun a veder- a pie.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Atualità non triestine”