Modi de dir triestini

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Ciancele
notabile
notabile
Messaggi: 4631
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Ciancele »

sono piccolo ma crescero ha scritto: sab 5 nov 2022, 9:17 Intanto ho messo "lingua de scrova". Lo ho messo vicino al significato di Puttana, mi sembrava più diretto. Ho scritto "persona maldicente". Se non va bene ... fatemi un fischio.

Quanto al zucar i pie, espressione che era in uso anche a casa mia, penso che potrebbe derivare dal fatto che, soprattutto in una notte dal sonno agitato, i piedi si possono scoprire ed il fantasma se li trova a portata di mano. .....
Anca a casa mia se zucava i pie. Lingua de scrova no conoso. Se no sbalio o me confondo o me insogno, me par de gaver sentì "lingua de vaca". Ma no me ricordo in che senso.


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
cavalier del forum
cavalier del forum
Messaggi: 8290
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Gnanche a casa mia se doprava "lingua de scrova". Per questo go domandà conferma se va ben.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Pola
naufrago
naufrago
Messaggi: 4
Iscritto il: gio 10 nov 2022, 11:00
Località: Francia

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Pola »

Anche i miei lo dicevano. Probabilmente a causa dei piedi scoperti di notte, ma anche perchè quando qualcuno muore è sottinteso che esce con i piedi per primi, essendo all'orizzontale...


Pola
naufrago
naufrago
Messaggi: 4
Iscritto il: gio 10 nov 2022, 11:00
Località: Francia

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Pola »

sono piccolo ma crescero ha scritto: mar 18 ott 2022, 7:07 Bugia o busìa: so benissimo che se una bala, una frottola; so anche che xe i trucioli de legno. Ma mi la go sentida doprar per le candele e me iero fato l'idea che fussi "le lacrime dele candele", quela colatura che sa fa sul fianco dela candela che brusa. E invece trovo che, in italian, xe o la candela o un portacandele classico, quel col piatin e el manigo a ocel.

E per voi?
In francese la "bougie" è la candela, soprattutto quella che si mette nel piattino con l'occhiello, appunto. Ed è anche un dolcetto, come le fritole.


Penso che l'imprecazione sia anche legata a questo episodio : l'opera" Maria Stuarda" é una tragedia lirica italiana composta nel 1834 da Gaetano Donizetti su libretto di Giuseppe Bardari rappresentata in prima assoluta al Teatro alla Scala di Milano il 30 dicembre 1835. Le due interpreti si dicevano di tutto. Donizetti, ormai stufo dei litigi, replicò: "Io non proteggo nessuna di voi due, ma due puttane erano quelle (Elisabetta e Maria) e due puttane siete voi due", ponendo fine alle liti tra le due.


Pola
naufrago
naufrago
Messaggi: 4
Iscritto il: gio 10 nov 2022, 11:00
Località: Francia

Re:

Messaggio da Pola »

babatriestina ha scritto: sab 11 mar 2006, 7:13
Tirabaralla ha scritto:Ehm...però... "La viene giuù che non ti dico"...potrebbe benissimo essere una frase detta qui a Firenze...è proprio italiano...o, se vogliamo, un francesismo ;)
mai sentito qualcosa di simile in francese : il pleut à verses e mi sembra anche un Il pleut à cordes .
Quando piove molto forte in francese si dice "il tombe (da tomber : cascare) des cordes", letteralmente "cascano corde"


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
cavalier del forum
cavalier del forum
Messaggi: 8290
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Re:

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Pola ha scritto: gio 10 nov 2022, 17:37
babatriestina ha scritto: sab 11 mar 2006, 7:13
Tirabaralla ha scritto:Ehm...però... "La viene giuù che non ti dico"...potrebbe benissimo essere una frase detta qui a Firenze...è proprio italiano...o, se vogliamo, un francesismo ;)
mai sentito qualcosa di simile in francese : il pleut à verses e mi sembra anche un Il pleut à cordes .
Quando piove molto forte in francese si dice "il tombe (da tomber : cascare) des cordes", letteralmente "cascano corde"
Benvenuta Pola!

Da noi si usa l'espressione, tipicamente triestina credo, "vien zo strangolini" dove "vien zo" sta per vengono giù e "strangolini" sono dei pali di ferro lunghi e stretti usati come leve: insomma da voi piovono corde e da noi pali di ferro! E quest'anno, con la siccità, è piovuto molto poco, ma quando è piovuto ... son venuti giù strangolini, o corde se preferisci!


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Pola
naufrago
naufrago
Messaggi: 4
Iscritto il: gio 10 nov 2022, 11:00
Località: Francia

Re: Re:

Messaggio da Pola »

sono piccolo ma crescero ha scritto: gio 10 nov 2022, 17:48
Pola ha scritto: gio 10 nov 2022, 17:37
babatriestina ha scritto: sab 11 mar 2006, 7:13 mai sentito qualcosa di simile in francese : il pleut à verses e mi sembra anche un Il pleut à cordes .
Quando piove molto forte in francese si dice "il tombe (da tomber : cascare) des cordes", letteralmente "cascano corde"
Benvenuta Pola!

Da noi si usa l'espressione, tipicamente triestina credo, "vien zo strangolini" dove "vien zo" sta per vengono giù e "strangolini" sono dei pali di ferro lunghi e stretti usati come leve: insomma da voi piovono corde e da noi pali di ferro! E quest'anno, con la siccità, è piovuto molto poco, ma quando è piovuto ... son venuti giù strangolini, o corde se preferisci!

Grazie per il benvenuto e la spiegazione !!


Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 39965
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da babatriestina »

Grazie per la precisazione, mi ricordavo qualcosa del termine e delle corde!
pensiamo agli inglesi che poi dicono che " it rains cats and dogs" ( piovono gatti e cani)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
Distinto
Distinto
Messaggi: 2647
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Piereto »

Me par che i croati disi pada hisa ( esse co la pipa) che volesi dir che casca case, co piovi strangolini.


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
cavalier del forum
cavalier del forum
Messaggi: 8290
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Ho cercato qualcosa sull'origine del modo di dire "piovi strangolini". Il Doria lo vede come diminutivo di STRANGA, spranga, sbarra in italiano. Il termine STRANGA non compare nel vocabolario, ma se qualcuno di voi lo conosce, lo aggiungiamo.

Sul "piovi strangolini", Carpinteri https://ricerca.gelocal.it/ilpiccolo/ar ... _RUBR.html lo fa derivare dal tedesco «Es regnet in Schnuren», piove a cordoni e quindi saremmo di nuovo vicini al francese. Sul mio vocabolario di tedesco, però, non trovo questo modo di dire, ma se cerco "dirotto", trovo che "piove a dirotto" si traduce "es regnet in Strömen", piove a fiumi, e personalmente mi sembra più facile associare strangolin a Strömen che a Schnuren.

Ma non sono un linguista.

[EDIT] Su un altro vocabolario ho trovato "es regnet Bindfäden" piove a cordicelle; torniamo al francese ma non a strangolini [/EDIT]


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Ciancele
notabile
notabile
Messaggi: 4631
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Ciancele »

Co' piovi qua se verzi la diga, la caterrata del cielo. Se svoda secchi o sbrufadori. Ma gnente pol concorer con: Xe vignù zo un negon. :clapping_213:


Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 39965
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da babatriestina »

No lo trovo, ma mama me diseva de picia Tasi ti, che ti xe el ultima roda del caro ( preciso che la diseva ti xe e roda e no rioda)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
Distinto
Distinto
Messaggi: 2647
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Piereto »

Roda o rioda xe tute e do nel nostro dialeto.


Ciancele
notabile
notabile
Messaggi: 4631
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Ciancele »

babatriestina ha scritto: mar 22 nov 2022, 7:12 No lo trovo, ma mama me diseva de picia Tasi ti, che ti xe el ultima roda del caro ( preciso che la diseva ti xe e roda e no rioda)
Eser l'ultima roda del caro xe come eser fio dela portinaia. Cioè non contare assolutamente nulla. Quando si veniva ignorati, si usava dire: Parchè mi no, cosa son mi, el fio dela portinaia


Torna a “El nostro dialeto”