Veci negozi e vece vetrine

a Trieste, dele grandi industrie el negozietto soto casa: de una volta e de oggi
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
angiolina

Messaggio da angiolina »

mi sembrava di aver già postato la risposta ma si vede che non era così.
Il ventaglio è bellissimo, ma quello piccolo alla Vedova allegra fa molta tenerezza.

P.S. Forte invidia per i vostri archivi storici- famigliari :wink:


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Diseme se questo spargher non xe bel :P

Immagine


Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37510
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

in vendita?


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Magari ... lo go trovado come publicità de un restauro ben fatto, el xe a Boston :?


Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10949
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia »

El xe bellissimo!


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
serenutis
naufrago
naufrago
Messaggi: 68
Iscritto il: gio 27 set 2007, 15:28
Località: Verona

Messaggio da serenutis »

me ricordo in casa de mia nona a san giacomo iera un spargher simile e mi e mio fradel guardavimo sempre afascinadi...

'ssai bel, complimenti!


"I get up. I walk. I fall down. Meanwhile, I keep dancing." - Rabbi Hillel
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37510
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

nela casa dove che son nata el iera ancora co iero picia, ma i ghe gaveva messo suso un fornel a gas, per cui no lo go mai visto in funzion de mi. me ricordo però che el gaveva un spazio de soto, serado con una portela de legno, che ogni volta che la smovevo vegniva fora un cocolo sorzeto.. po i ga butado zo tuto, per far spazio e eliminar eventuali nidi de sorzi o pezo de bacoli, xe restada la napa fin ala fin.. adesso no xe più gnente, che i ga fato tuto ufici novi:
Immagine
dele piastrelle decorade a papaveri liberty me go salvado un per e le go montade in terazza :-D
Oviamente no ghe iera capa aspirante, la napa comunicava con un camin e se verzeva o se serava un covercio de metallo con un cordon de soto. de solito i lo tegniva semiserado che no suffi bora in casa.
un in funzion lo gavevo visto a casa de una mia amica co iero picia.
ma un simile al mio lo go visto in una casa che ospita uffici e i me ga lassado fotografarlo, credo che le gavevo postade su triestemia:
Immagine
questo xe quasi preciso del mio, me ricordo el giro de otton che se lucidava, po iera un de zinco che se scartavetrava, a destra soto xe el apertura dove che de noi vegniva i sorzeti..
altri particolari dele portele e dele maniglie

Immagine
Immagine
dimenticavo, sul bordo dela napa se usava meter un pizzo, deto el tornacamin e a casa mia, per dir che una roba iera inusuale, i comentava : Scriveremo sula napa


ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

babatriestina ha scritto:nela casa dove che son nata el iera ancora co iero picia, ma i ghe gaveva messo suso un fornel a gas[...]
anca mi go un ricordo simile de un cuartier indove che stavo de muleto :-) ... ma no go fotografie :-(

pero` le foto che te ga meso ti le me zuca fora i ricordi e credo che 'l iera proprio fato cusi` :-)


dcobau
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 92
Iscritto il: mar 3 gen 2006, 3:34

Messaggio da dcobau »

Ma quel che baba ga meso non xe un spargher, xe un fogoler.

El spargher che me ricordo mi gaveva anche un recipiente in parte per l'acqua che, de inverno co iera sempre legno che brusava, l'acqua iera sempre calda. Me ricordo un giorno che mia zia ga bruza paja tuti i cerci de sora iera diventadi rossi.

saluti

Dave


Capuzi garbi

Messaggio da Capuzi garbi »

Imagino che queste fotografie riproponi i tipici quartieri dele case popolari del Icam de Ponziana: Cusina, 1 o al masimo due camere de leto e cesso. Bagni, acqua calda...me cossa scherzemo? :lol: :lol: :lol:

In queste due imagini, che xe fra le poche che go dela mia famiglia de quel periodo, se vedi ancora una porzion de quel che jera el vecio sparghert fato in muradura, che po' jera stado parzialmente demoli` co i mii gaveva compra` la "modernissima" cusina economica. Sora del toco che resta del sparghert se vedi ben el bolitor a gas, e sora de tuto trionfa la vecia napa col tornacamin.

Immagine

Per i "nostalgici", sula cusina moderna, vizin ala cogometa del cafe`, spica ciaramente la caldaja del'acqua. Le fotografie fate per mandarle a mio papa` che jera za in Australia, le doveva eser stade fate in estate*, perche`'l tubo dela stufa jera stado tirado via: Oviamente de inverno se lo inseriva de novo e el finiva su nel'interno dela napa.

Aredamento piu` scarno de cussi`xe dificile de imaginarse, ma tuti nel rion viveva piu` o meno in sta maniera. Televisioni, frigoriferi, machine de lavar, automobili... si si, sognemose!

Gavevimo un bona radio pero`: Le trasmisioni a moderazioni de frequenza jera ancora nel futuro. La gaveva diverse bande de onde corte e l'ocio magico per sintonizarse sule stazioni: Su sto ricevitor, diversi ani prima, gavevo senti` per la prima volta Beniamino Gigli che cantava "Che gelida manina".


*Jera stado la festa de mio fradel che gaveva fato 21 ani, 20 giugno 1958. La Triestina zogava in serie A per l'ultima volta.


Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10949
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia »

A casa mia, in via dele Quercie a Roian, ghe iera un bel "sparherd-spargher"
grande in muratura con tre o 4 busi coverti de cerci che de inverno spesso i iera rossi rossi e vizin una specie de caldaietta retangolare con un covercio de metal dove che mia mama meteva l'acqua a scaldar, nela caldaieta, no nel covercio....Specifico perchè se no sum culex me tira le orece! De sora iera una grande cappa come quela dela foto e nel cassetin dela zenere, mia mama ne fazeva meter a netar el cuciar dopo che la ne gaveva conzà a noi 3 fioi e a tuti i fioi dela casa, l'oio de bacalà (schifosissimo! :( )De inverno stavimo sempre in cusina perchè iera l'unico ambiente caldo dela casa e la fazevimo tuto, bagno in mastela compreso.


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10949
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia »

Vizionto questo ancora , vizin al sparghe iera una piera grande tacada nel muro, no go mai capì a cossa che la serviva, ma noi là ghe metevimo prima le galene, dopo la radio de una volta e dopo ancora una picia radio che gaveva anche la modulaxion de frequenza (UKW), che scoltavimo in continuazion.


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex »

Nona Picia ha scritto: vizin al spargher iera una piera grande tacada nel muro, no go mai capì a cossa che la serviva.
Anche a casa mia, sia a San Luigi che in Rion del Re, ghe iera sta piera. Qua in Rozzol la gavemo fata tirar via 43 ani e mezo fa co se gavemo sposà.
Quela piera serviva per bater la carne. De solito sora la tavola de cusina ghe iera una lastra de marmo de Carrara e no se podeva bater gnente la de sora perchè la se gavessi roto e nele case meno riche la tola de cusina iera de legno dolze: logicamente gnanche là andava ben bater.

Sta piera iera ben piantada nel muro e la iera fata come un mezo cilindro cola parte de sora (la sezion del cilindro) piata e la parte de soto tonda e un poco gropolosa (no lissa).

ciao
sum culex


Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37510
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

sum culex ha scritto:
Quela piera serviva per bater la carne. De solito sora la tavola de cusina ghe iera una lastra de marmo de Carrara e no se podeva bater gnente la de sora perchè la se gavessi roto e nele case meno riche la tola de cusina iera de legno dolze: logicamente gnanche là andava ben bater.
a casa mia difatti no i bateva la carne sul tavolo de cusina, che iera de piera, ma iera una tavoletta de legno duro che le bateva tegnindo sui zenoci ( go ancora sta tavoletta salvada in un canton dela cusina)


Capuzi garbi

Messaggio da Capuzi garbi »

Aaaaaaaaaah, la piera baticarne! In sta fotografia del steso periodo, ala sinistra del tavolo (oserve` che la lastra xe fata de marmo) se vedi sta piera che in sta ocasion la gaveva de sora un porta zenere.

Immagine

Se vedi ciaramente anche el tubo del fumo del spargher che'l finissi soto la napa, el tubeto de goma che portava el gas dal rubineto al bolitor, e pareria che una puntina de disegno sia cascada zo del tornacamin.

Una volta sul angolo dela napa tingnivomo impicada una lampada a petrolio per co se perdeva luce durante i temporai, ma un giorno dopo un un colpo de fulmine, ghe jera stado un scopio de ton ghe gaveva fato tremar tuta la casa (e le jera 'ssai solide) con la consequenza che la jera cascada per tera rompendo la parte de vetro in mile tochi.


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

un libro in merito che doveria esser cocolo:

Vecchie fabbriche, vecchie macchine, vecchie industrie. Una Trieste del passato ritrovata nei suoi gadget e nelle sue pubblicità. Una straordinaria raccolta d'immagini restituita al grande pubblico.

http://www.edizioniparnaso.it/AuthorBooks.asp?itemID=29


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
DJANGO
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 79
Iscritto il: dom 13 mag 2007, 9:59

Messaggio da DJANGO »

Il negozio di scarpe del mio trisnonno in via Riborgo circa dov'è adesso la questura (ho cancellato i nomi dalle insegne )
Allegati
Copia di Digitalizzato a 16-03-2008 12.53.jpg


Avatar utente
DJANGO
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 79
Iscritto il: dom 13 mag 2007, 9:59

Messaggio da DJANGO »

l'interno di un altro negozio, sempre ante I guerra e i dipendenti del calzaturificio
Allegati
Copia di Digitalizzato a 16-03-2008 12.53 (2).jpg
Digitalizzato a 16-03-2008 12.53 (3).jpg


Avatar utente
DJANGO
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 79
Iscritto il: dom 13 mag 2007, 9:59

Messaggio da DJANGO »

dal mezzanino di questo negozio mio nonno (101 anni quest'anno) mi racconta di aver visto i funerali dell'arciduca Francesco Ferdinando
Allegati
Digitalizzato a 16-03-2008 12.53 (4).jpg


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

DJANGO ha scritto:dal mezzanino di questo negozio mio nonno (101 anni quest'anno) mi racconta di aver visto i funerali dell'arciduca Francesco Ferdinando
Bellissime le foto, la prima ricorda quel negozio dietro la questura, tuttora esistente. Ti invio poi tantissimo per avere ancora vicino un nonno di quell'età e con quei ricordi :-)


Mal no far, paura no gaver.

Torna a “Industrie e comerci”