Le più bele canzoni de tuti i tempi

dele canzoni triestine ai spettacoli de musica leggera che se tegniva e se tien a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Un secolo de musica

Messaggio da rofizal » domenica 18 novembre 2007, 10:23

Uno o do anni fa gavevo meso insieme, con un poco de pazienza, una "colonna sonora" de questo secolo. Divise per anno, iera (e li go ancora su CD) tuti quei che me sembrava i meio tochi, i più rapresentativi o i più ascoltabili. Rari quei italiani, ma solo per vari miei motivi personali.
Adeso no go tempo de cominciar, ma spero za in giornata de presentarve, con qualche picolo comento, se rivo, o perlomeno qualche picola notizia, questa "scaletta". Poi se volerè poderè cercarve i brani e costruirvela per voi. sempre che ve piasi. :wink:



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Un secolo de musica

Messaggio da AdlerTS » domenica 18 novembre 2007, 11:35

rofizal ha scritto: una "colonna sonora" de questo secolo.
De questo secolo o del 900 ?



nanaia
ixolan
ixolan
Messaggi: 468
Iscritto il: domenica 6 agosto 2006, 7:39
Località: trieste

un secolo de musica

Messaggio da nanaia » domenica 18 novembre 2007, 15:43

splendida idea Rofizal: eventualmente podessi anche i altri forumisti suggerir qualche integrazion?



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » domenica 18 novembre 2007, 19:16

Del '900, de questo saria ben poca cosa. :wink:
Integrazioni? Sì, certo, ma senza far tropa confusion, za sarà una roba bastanza complesa. :wink:

Comincemo....

1905
Haydn Quartet : Grandfather's Clock
El primo fonografo xe atribuido a Thomas Edison e risali al 1877. Questo dela foto (trata da Wikipedia) risali al 1899:
Immagine
Inizialmente vien prodoti solo "cilindri fonografici" (prodoti dal 1888 al 1915, roba ormai de veri colezionisti). Nel 1889 vien costruido el primo disco da grammofono, del diametro de 5 pollici, prima distribuido come zogatolo, e solo nel 1894 nasi la prima vera casa discografica, la Berliner Gramophone.
Bon no ve stago ad annoiar con la storia del disco, ma queste notizie iera necessarie per capir a quando pol risalir i primi documenti registradi (voce o musica). Tralasando le registrazioni vocali, tipo discorsi, e quele quasi inascoltabili, merita almeno ricordar (e se se riva a trovarla, ascoltar) questa Grandfather's Clock interpretada dal Haydn Quartet.
El Haydn Quartet iera un quarteto molto popolar in quei anni. El iera stado formado nel 1896. El brano lo conosè credo tuti, visto che iera la sigla dela trasmision "Musica per voi" de Radio Capodistria. La canzon iera stada scrita da Henry Clay Work nel 1876.
Queste le parole dela version incisa (con un poco de rumor de fondo, ma ascoltabile):

My grandfather's clock
Was too large for the shelf,
So it stood ninety years on the floor;
It was taller by half
Than the old man himself,
Though it weighed not a pennyweight more.
It was bought on the morn
Of the day that he was born,
And was always his treasure and pride;
But it stopped short
Never to go again,
When the old man died.

CHORUS:
Ninety years without slumbering,
Tick, tock, tick, tock,
His life seconds numbering,
Tick, tock, tick, tock,
It stopped short
Never to go again,
When the old man died.

It rang an alarm
In the dead of the night,
An alarm that for years had been dumb;
And we knew that his spirit
Was pluming for flight,
That his hour of departure had come.
Still the clock kept the time,
With a soft and muffled chime,
As we silently stood by his side.
But it stopped short
Never to go again,
When the old man died.
CHORUS


Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/Haydn_Quartet
http://en.wikipedia.org/wiki/My_Grandfather's_Clock
(el secondo url credo che no vien col link automatico per via de l'apice, ma se fe copia e incolla dovesi funzionar)



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » domenica 18 novembre 2007, 19:38

1914
American Quartet : It's a Long, Long Way to Tipperary
Qua dovemo saltar diretamente al 1914. Come podè imaginar no xe facile trovar breni de l'epoca, e sopratuto ascoltabili.
El 1914 xe in piena prima guera mondial e "It's a Long Way to Tipperary" xe una famosa canzon proprio del periodo de guera. I dixi che i soldai la cantava marciando e infati sembra sia diventada popolar quando, el 13 agosto 1914, i Connaught Rangers i la ga cantada marciando atraverso Boulogne. La xe stada scrita da Jack Judge e Harry Williams nel 1912. La registrazion xe discreta e rendi l'atmosfera.
L'American Quartet iera un complesso vocale che xe stado in attività tra el 1899 e el 1925.

Queste le parole de questa version:

Up to mighty London
Came an Irishman one day
As the streets are paved with gold
Sure, everyone was gay
Singing songs of Piccadilly,
Strand and Leicester Square
Till Paddy got excited
And he shouted to them there...

CHORUS:
It's a long way to Tipperary,
It's a long way to go.
It's a long way to Tipperary
To the sweetest girl I know!
Goodbye Piccadilly,
Farewell Leicester Square!
It's a long, long way to Tipperary,
But my heart's right there.

Paddy wrote a letter
To his Irish Molly-O,
Saying, "Should you not receive it
Write and let me know!"
"If I make mistakes in spelling,
Molly dear," said he,
"Remember, it's the pen that's bad,
Don't lay the blame on me!

CHORUS:
It's a long way to Tipperary...

No son rivado a trovar in rete una version de lori, ma se volè farve un'idea (tanto credo che la canzon la conosè anche questa molto ben) pol andar ben anche questa version de Arthur Fields:
http://nfo.net/realaudio/tipperar.ram


Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/It%27s_a_L ... _Tipperary
http://en.wikipedia.org/wiki/American_Q ... nsemble%29
http://nfo.net/usa/ww1.html



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » domenica 18 novembre 2007, 20:03

1916

Enrico Caruso : O sole mio
Altro salto, quasta volta de solo due anni, per trovar el grande tenore italiano, nato a Napoli nel 1873 e morto nel 1921.
Immagine

Famosissimo in tutto il mondo, pur se datada, xe deliziosa questa sua interpretazion del classsico brano partenopeo. Anche su Wikipedia se pol leger:
"La più grande interpretazione di questa canzone rimane probabilmente quella di Enrico Caruso"
"O sole mio" xe stada scrita nel 1898 da Eduardo Di Capua (musica) e Giovanni Capurro (testi).
Queste le parole (dal sito indicado nei link):

Che bella cosa na jurnata 'e sole,
n'aria serena doppo na tempesta!
Pe' ll'aria fresca pare gia' na festa...
Che bella cosa na jurnata 'e sole.

Ma n'atu sole
cchiu' bello, oi ne'.
'o sole mio
sta 'nfronte a te!
‘o sole, ‘o sole mio
sta 'nfronte a te!
sta 'nfronte a te!

Lùcene 'e llastre d'a fenesta toia;
'na lavannara canta e se ne vanta
e pe' tramente torce, spanne e canta
lùcene 'e llastre d'a fenesta toia.

Ma n'atu sole
cchiu' bello, oi ne'.
'o sole mio
sta 'nfronte a te!
‘o sole, ‘o sole mio
sta 'nfronte a te!
sta 'nfronte a te!

Quanno fa notte e 'o sole
se ne scenne,
me vene quase 'na malincunia;
sotto 'a fenesta toia restarria
quanno fa notte e 'o sole
se ne scenne.

Ma n'atu sole
cchiu' bello, oi ne'.
'o sole mio
sta 'nfronte a te!
‘o sole, ‘o sole mio
sta 'nfronte a te!
sta 'nfronte a te!


Links:
http://it.wikipedia.org/wiki/Enrico_Caruso
http://it.wikipedia.org/wiki/O_sole_mio
http://www.hitparadeitalia.it/schede/s/sole_mio.htm
http://www.abmusica.com/viaggio.htm#Track%208


---

Enrico Caruso : Santa Lucia
Altra spendida canzon e altretanto splendida interpretazion de Caruso.
Santa Lucia xe una canzon napoletana tradizionale, trascrita da Teodoro Cottrau (1827–1879), tradota in italian e publicada da lui stesso nel 1849. Xe stada la prima canzon napoletana a eser tradota nela lingua italica.

Queste le parole, trate dal secondo sito indicado nei link (verzendo la pagina se ascolta pure una version dela canzon delo steso Caruso):

Sul mare luccica
L'astro d'argento
Placida è l'onda
Prospero il vento;
Venite all'agile
Barchetta mia;
Santa Lucia! Santa Lucia!

Con questo zeffiro
Così soave,
Oh, come è bello
Star sulla nave.
Su passeggeri,
Venite via;
Santa Lucia! Santa Lucia!

In' fra le tende
Bandir la cena,
In una sera
Così serena.

Chi non dimanda,
Chi non desia;
Santa Lucia! Santa Lucia!

Mare sì placido,
vento sì caro,
Scordar fa i triboli
Al marinaio.
E va gridando
Con allegria:
Santa Lucia! Santa Lucia!

O dolce Napoli,
O suol beato,
Ove sorridere
Volle il creato,
Tu sei l'impero
Dell'armonia,
Santa Lucia! Santa Lucia!

Or che tardate?
Bella è la sera;
Spira un'auretta
Fresca e leggiera;
Venite all'agile
Barchetta mia;
Santa Lucia! Santa Lucia!


Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/Santa_Lucia
http://www.italiamerica.org/SantaLucia.htm



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36554
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 18 novembre 2007, 20:08

esisti una bellisisma edizion de Santa Lucia cantada de Enzo De Muro Lomanto, noto anche, se no me sbaglio, per esser stado el marì dela Toti Dal Monte ( la cui fia Marina Dolfin xe stada una grande interprete de prosa)



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » domenica 18 novembre 2007, 20:24

1920
Paul Whiteman Orchestra : Whispering

Purtropo, sempre a causa dela dificile reperibilità dele registrazioni, me toca saltar al 1920, e xe anche l'unico brano de questo anno.
Se trata dela famosa "Whispering", nela version dela altretanto famosa Paul Whiteman Orchestra.


Forsi el nome "Whispering" a molti de voi no dirà niente, ma se scoltè la canzon (http://www.redhotjazz.com/Songs/Whiteman/whispering.ram in questa version) non podè non riconoserla. Whispering, parole de Malvin Schonberger e musica de John Schonberger, xe un Fox Trot scrito proprio in quell'anno.
La Paul Whiteman Orchestra iera una jazz band che comprendeva nomi famosissimi, come Bix Beiderbecke, Frankie Trumbauer, Joe Venuti, Eddie Lang, Steve Brown, Mike Pingitore, Gussie Mueller, Wilbur Hall, Jack Teagarden e Bunny Berigan. E scusate se è poco! :-D


Links:
http://www.redhotjazz.com/pwo.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Paul_Whiteman

Video:
http://www.youtube.com/watch?v=XmaY2tJX ... re=related
Allegati
t_whitemanband1921b_144.jpg



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » domenica 18 novembre 2007, 21:05

1922

Paul Whiteman Orchestra : Three O'Clock in the Morning
Ancora la Paul Whiteman Orchestra, questa volta ale prese con un famoso Walzer. "Three O'Clock in the Morning" xe stado scrito nel 1919 da Dorothy Terriss (parole, pseud. per Dolly Morse, 1890-1953) e da Julian Robledo (musica, 1887-1940). Anche se figura l'autore dele parole, el brano xe stado publicado all'epoca solo sonado. Comunque queste dovesi eser el testo nel caso de version cantada:

It's three o'clock in the morning,
We've danced the whole night thru,
And daylight soon will be dawning,
Just one more waits with you,
That melody so entrancing,
Seems to be made for us two,
I could just keep right on dancing
forever dear with you.

There goes the three o'clock chime,
chiming rhyming
My heart keeps beating in time,
Sounds like an old sweet love tune,
Say that there soon will be a honeymoon.

It's three o'clock in the morning,
We've danced the whole night thru,
And daylight soon will be dawning,
Just one more waltz with you,
That melody so entrancing,
Seems to be made for us two,
I could just keep right on dancing
forever dear with you.


Links:
http://www.pdmusic.org/1900s/21toitm.txt

---

Benson Orchestra of Chicago : Toot Toot Tootsie! (Goo-Bye!)
Ormai siamo nei pazzi anni '20 :-D e tutti sembrano impazzire per questa "Toot Toot Tootsie!" (autori Gus Kahn, Ernie Erdman e Dan Russo), di cui esistono diverse versioni, tra le quali ricordiamo quella famosa di Al Jolson (vedi anche i video qui sotto). La versione della Benson Orchestra of Chicago è strumentale.

Video:
http://www.youtube.com/watch?v=JAlc8zL164Q (1920)
http://www.youtube.com/watch?v=FTSgoDAT ... re=related (1927)

Spartito:
http://www.hoosierhotshots.com/toottoottootsie.html

Parole:
http://lyricsplayground.com/alpha/songs ... obye.shtml

Links:
http://www.redhotjazz.com/benson.html



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10917
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia » lunedì 19 novembre 2007, 8:10

Bel sto topic! Grazie rofizal! :-)


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » lunedì 19 novembre 2007, 10:47

Anzituto un link dove podé ascoltar i tochi de cui parlemo (se posibile li meto nele stese versioni, ma purtropo non sempre xe posibile) :
qua xe el link

Riassumo quei za citadi (per facilitar la lettura):

1905
Haydn Quartet : Grandfather's Clock
1914
American Quartet : It's a Long, Long Way to Tipperary
1916
Enrico Caruso : O sole mio
Enrico Caruso : Santa Lucia
1920
Paul Whiteman Orchestra : Whispering
1922
Paul Whiteman Orchestra : Three O'Clock in the Morning
Benson Orchestra of Chicago : Toot Toot Tootsie! (Goo-Bye!)

Qualche altra curiosità su de lori trata dal libro "The Oxford Companion to Popular Music" de Peter Gammond e da altre fonti (lavoro de chebe! :wink: ):

Henry Clay Work, autore di Grandfather's Clock
Nato a Middletown, Conn. (USA) nel 1832 e morto nel 1884.
Se trata de un prolifico compositore dei tempi dela guera civile americana. Autodidatta, xe noto anche per el suo impegno come abolizionista, unionista e proibizionista. Suo padre, Alanson Work, gaveva fondado una organizazion che aiutava gli schiavi a scampar.

Enrico Caruso
Xe stado el più grande, o perlomeno un dei più grandi e famosi cantati lirici italiani. Famoso in tutto el mondo, come Pavarotti. Se ghe ne parla forsi troppo poco in Italia, anche se voio ricordar una famosa (e bellissima) canzon de Lucio Dalla a lui dedicada. El ga avudo la sfortuna de viver in un periodo in cui l'industria del disco la iera ancora agli inizi e quindi la qualità delle registrazioni xe quela che xe. De modeste origini (suo padre iera operaio e anche lui per un periodo ga lavorado come tale), la sua fortuna comincia con l'incontro con Amalia Gatto. Ma la sua carriera musicale xe lunga, canta prima nele cese, poi nele birrerie, nei caffè, nei bagni pubblici, prima de rivar finalmente al teatro. Otien successo in Italia, in Egitto, in Francia, in Russia, in Argentina, alla Scala con Toscanini, al San Carlo, al Covent Garden de Londra, al Metropolitan de New York, a Montecarlo, in Ungheria, in Austria, in Germania, in Irlanda, in Messico, in Canada, a Cuba. A New York vien considerado el più grande tenore de tuti i tempi. Nel 1906 xe a San Francisco durante el terremoto. Xe grande interprete anche dele canzoni napoletane come, oltre a quelle citade qua, "Torna a Surriento", "J' te vurria vasà", "Core 'ngrato", "Comme facette mammeta" e "A vucchella", scritta da Gabriele d'Annunzio. Moriva a soli 48 anni, el 2 agosto 1921, per peritonite settica, con setticemia.
Su de lui ghe esisti diversi siti che ghe ne conta la storia, ve ne meto qualchedun:
http://www.museocaruso.it/ Sito del Museo Caruso
http://cronologia.leonardo.it/biogra2/caruso.htm
http://www.teatrotrianon.it/it/mediatec ... rafia1.asp (7 pagine)
http://asmvpiedimonte.altervista.org/Caruso-Enrico.html
http://www.ristorantemuseocaruso.com/biocenter.htm

Whispering
Tra i autori de Whispering va citado anche Vincent Rose, nato a Palermo nel 1880 e morto a New York nel 1944, compositor e diretor d'orchestra. Gaveva studiado musica in Italia e se gaveva trasferido nel 1897, quindi a 17 anni, nei USA. Autor anche de "Avalon", Pretty baby" e "Blueberry Hill".

Paul Whiteman
Naseva a Denver nel 1890 e el xe morto nel 1967. Diretor d'orchestra, compositor, arangiator e violinista. "Whispering" xe stado el suo primo successo discografico (sul retro "Japanese Sandman"), che nel 1920 gaveva vendudo due milioni de copie in un anno! :shock: "Three O'Clock in the Morning", due o tre anni dopo (qualchedun la data 1923 inveze che 1922), ragiungeva i tre milioni e mezzo de copie!! :shock: I dixi che molto merito del successo xe dovudo all'arrangiamento del pianista Ferde Grofé. El appari nei film "The King of Jazz" (1930), Thanks a Million (1935), Strike Up the Band (1940), Lady, Let's Dance (1944), Atlantic City (1944), Rhapsody in Blue (1945), The Fabulous Dorseys (1947). El ga anche scrito almeno tre libri: "Jazz" (1926), "How to Be a Bandleader" (1941) e "Records for the Millions" (1948).

Toot Toot Tootsie, Goodbye
Xe stado un grande successo anche de Al Jolson (vero nome Asa Yoelson, nato a Srednik, in Russia, nel 1886, trasferido nei USA nel 1893 e morto a San Francisco nel 1950). El brano, come molti altri dell'epoca, xe molto ligado ala musica jazz.
Dei tre autori de questo famoso brano, Ernie Erdman iera nato a Pittsburgh nel 1879 (morto nel 1946), pianista, el sonava con la Original Dixieland Jazz Band. Gus Kahn iera nato a Coblenz nel 1886, trasferido nei USA nel 1891 e morto a Beverly Hills nel 1941. Sarà anche l'autor de "Yes Sir! That's My Baby", oltre a numerosi altri sucesi.



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » lunedì 19 novembre 2007, 12:01

E adeso rivemo finalmente al... CHARLESTON!!
In realtà el ballo no xe stà un invenzion dei anni '20. De origine africana, i dixi che iera originalmente una danza Ashanti, dele isole del Capo Verde ne l'Africa Ocidentale, quindi poi balada dai schiavi dei stati del sud dei USA. Fato sta che la prima version "moderna" dovesi eser stada quela presentada durante uno stage ad Harlem nel 1913.
Xe discutibile se za "Toot Toot Tootsie!" se posi considerar un Charleston, certa xe inveze la sua parentela con l'ambiente jazz e che el suo nome vien da una citadina americana, apunto Charleston, nel South Carolina, che gaveva nele vicinanze una picola isola abitada da afro-americani i quali sembra i lo balasi dal 1903.

1924
Arthur Gibbs & His Gang : Charleston
Primo o non primo brano Charleston che sia, xe comunque stado el primo successo con quel nome. El ne riporta con l'imaginazion a quei tempi, sembra de eser là, dove tuti, vistidi a la moda, i bala come forsenadi in feste spumeggianti. La guera iera finida da 6 anni, ala crisi del '29 mancava ancora 5 anni. Se pol paragonar un poco al periodo rock'n'roll del secondo dopo guerra. Dopo i periodi duri e tristi del periodo bellico, la gente ga voia de scadenarse e divertirse, de dimenticar quel che xe stado, le distruzioni o le persone care perse per sempre. Niente de meio che lanciarse in balli dove dar tuto se stessi, e no pensar al pasato, ma al futuro che se spera più bel e felice posibile.
I autori xe James P. Johnson (1894-1955), un pianista jazz afro-americano, e Cecil Mack (1883-1944, vero nome Richard C. McPherson), che ga scrito le parole, anche se el brano vien raramente cantado.
De Arthur Gibbs & His Gang no se trova molto. Sembra el gabi avudo solo due successi, ma a lui se devi questa prima incision del famoso brano.

Queste le parole del CHORUS che son rivado a trovar (se pol scoltar un toco dela version cantada qua: http://www.carlinamerica.com/titles/sf/CHARLESTON.rm) :

Charleston! Charleston!
Made in Carolina.
Some dance, some prance,
I'll say.
There's nothing finer than the Charleston,
Charleston.
Lord, how you can shuffle.
Ev'ry step you do leads to something new,
Man, I'm telling you it's a lapazoo.
Buck dance wing dance
Will be a back number,
But the Charleston,
The new Charleston,
That dance is surely a comer.
Sometime you'll dance it one time,
The dance called the Charleston,
Made in South Caroline.


Links:
http://www.streetswing.com/histmain/z3chrlst.htm
http://en.wikipedia.org/wiki/Charleston_(dance)
http://www.vintageperiods.com/charleston.php
http://en.wikipedia.org/wiki/James_P._Johnson
http://en.wikipedia.org/wiki/Cecil_Mack
http://www.jass.com/cmack.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Charleston_(song)
http://www.carlinamerica.com/titles/tit ... terms=1961
http://www.dismuke.org/how/prev12-05.html
Allegati
Josephine Baker bala el Charleston ale Folies Bergère de Parigi nel 1926 (foto trata da Wikipedia).
Josephine Baker bala el Charleston ale Folies Bergère de Parigi nel 1926 (foto trata da Wikipedia).



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » martedì 20 novembre 2007, 14:18

Bon, continuemo... :-D

Semo rivadi al 1925, e i brani aumenta, visto che ghe xe magior reperibilità e i tochi xe più ascoltabili.

1925
- Gene Austin : Yes Sir! That's My Baby
- Isham Jones & His Orchestra : I'll See You in My Dreams
- Ben Bernie and His Orchestra : Sweet Georgia Brown
- Ben Selvin & His Orchestra : Manhattan
- Marion Harris : Tea For Two
- Ted Lewis & His Band : O! Katharina

Diria che li conosé quasi tuti, anche se el nome inglese pol render talcolta dificile l'identificazion. Ma vedemoli un per uno.


Gene Austin : Yes Sir! That's My Baby
Forsi el più famoso charleston de tuti i tempi :-D

Immagine

Eco le parole de questa version:

Who's that coming down the street?
Who's that looking so petite?
Who's that coming down to meet me here?
Who's that you know who I mean,
Sweetest "who" you've ever seen,
I could tell her miles away from here.

Yes, Sir, That's my Baby, No, Sir, Don't mean "Maybe"
Yes, Sir, That's my Baby now.
Yes ma'am, we've decided, No ma'am, we won't hide it,
Yes, ma'am, you're invited now.
By the way, By the way,
When we reach the preacher I'll say,
Yes Sir, That's my Baby, No, Sir, don't mean "maybe",
Yes Sir, That's my Baby now.

Who's the "who" I rave about?
Who do I feel blue without?
In the Winter, Summer, Spring and Fall?
What was I just "gonna" say,
I forget, but anyway,
Here's the most important thing of all.

Yes, Sir, That's my Baby, No, Sir, Don't mean "Maybe"
Yes, Sir, That's my Baby now.
Yes ma'am, we've decided, No ma'am, we won't hide it,
Yes, ma'am, you're invited now.
By the way, By the way,
When we reach the preacher I'll say,
Yes Sir, That's my Baby, No, Sir, don't mean "maybe",
Yes Sir, That's my Baby now.

Ma forsi voi la conosevi in italian?

Lola mia, vien via con me
c'è il fox-trot che fa per te
che hai la frenesia di ballar.
E'un fox-trot rivoluzion
che si chiama charleston
l'avrai ben sentito nominar.

Lola, cosa impari a scuola?
Manco una parola,
balli il charleston.
Lola, balza il cuore in gola
rompe qualche suola
ma quante emozion!

Charleston, charleston
che delizia, che passione!
Lola, sai non è una fola
dopo la spagnola
viene il charleston.

Charleston, charleston
che delizia, che passione!
Lola, sai non è una fola
dopo la spagnola
viene il charleston
viene il charleston
viene il charleston.

Charleston, charleston
che delizia, che passione!
Lola, sai non è una fola
dopo la spagnola
viene il charleston.

La musica xe de Walter Donaldson (1893-1947) e le parole de Gus Kahn (1886-1941). La version italiana iera de Borella e Lombardo.
Go scelto la versione de Gene Austin, ma ghe ne xe diverse.

Spartito : http://www.theguitarguy.com/yessir.htm

Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/Yes_Sir%2C ... 7s_My_Baby
http://en.wikipedia.org/wiki/Gus_Kahn
http://en.wikipedia.org/wiki/Walter_Donaldson
http://en.wikipedia.org/wiki/Gene_Austin


Isham Jones & His Orchestra : I'll See You in My Dreams
Ancora parole de Gus Kahn per questo motivo romantico, con la musica del steso Isham Jones (1894-1956), condutor d'orchestra, violinista, sassofonista e bassista.

Immagine

In questa version de l'autore vien cantado solo el CHORUS:

I'll see you in my dreams
Hold you in my dreams
Someone took you out of my arms
Still I feel the thrill of your charms!

Lips that once were mine
'Tender eyes that shine
They will light my way tonight
I'll see you in my dreams!


Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/I%27ll_See ... %28song%29
http://en.wikipedia.org/wiki/Isham_Jones


Ben Bernie and His Orchestra : Sweet Georgia Brown
Altro toco famosissimo! Xe stado scrito da Maceo Pinkard (1897-1962) con parole de Kenneth Casey (1899-1965), conosudi principalmente proprio per questo brano. Curiosità: la canzon xe (o iera) anche l'inno dei Harlem Globetrotters (la famosa squadra de palacanestro).
La version de Ben Bernie xe solo sonada, ma soto ve go meso el link ale parole.

Link:
http://en.wikipedia.org/wiki/Sweet_Georgia_Brown
http://en.wikipedia.org/wiki/Maceo_Pinkard
http://en.wikipedia.org/wiki/Kenneth_Casey
http://www.perfessorbill.com/lyrics/lyswtgrg.htm (testo)


Ben Selvin & His Orchestra : Manhattan
Questa forsi pol eser meno persone che la conosi, anche se la xe bastanza famosa. La musica xe de Richard Rodgers (1902-1979) e le parole de Lorenz Hart (1895-1943).
Immagine
Hart xe autore anche de "Blue Moon" e "My Funny Valentine". La canzon iera stada scrita per la rivista "Garrick Gaieties". La version de Ben Selvin xe solo sonada.
Link:
http://en.wikipedia.org/wiki/Manhattan_%28song%29
http://en.wikipedia.org/wiki/Richard_Rodgers
http://en.wikipedia.org/wiki/Lorenz_Hart


Marion Harris : Tea For Two
Beh, questa no ga bisogno de presentazioni! :-D
Xe anche l'epoca dei musical e infati la xe trata da "No, No, Nanette" e i autori xe Vincent Youmans (1898-1946) su parole de Irving Caesar (1895-1996).

Queste le parole:

I'm discontented with homes that I've rented
So I have invented my own.
Darling, this place is lovely oasis
Where life's weary taste is unknown
Far from the crowded city
Where flowers pretty caress the stream
Cozy to hide in, to live side by side in,
Don't let it apart in my dream-

Picture you upon my knee
Just tea for two
And two for tea
Just me for you
And you for me alone
Nobody near us to see us or hear us
No friends or relations
On weekend vacations
We won't have it known, dear,
That we own a telephone, dear...

Day will break and I'll wake
And start to bake a sugar cake
For you to take for all the boys to see

We'll raise a family

A boy for you
And a girl for me

Can't you see how happy we would be...


Links :
http://en.wikipedia.org/wiki/Tea_for_Two_%28song%29
http://en.wikipedia.org/wiki/Vincent_Youmans
http://en.wikipedia.org/wiki/Irving_Caesar
http://www.stlyrics.com/lyrics/teafortwo/teafortwo.htm


Ted Lewis & His Band : O! Katharina
El brano, publicado nel 1924, uno One Step simpatico e scherzoso, xe bastanza conosudo ma non xe facile trovar dele notizie. Gli autori xe L. Wolfe Gilbert (parole, 1886-1970) e Richard Fall (musica).
Da un link indicado soto son rivà a trovar:
Double version of The Sensational Success from "Chauve Souris." Specially featured by Elsie Parkes in Hugh J. Ward's Stupendous Christmas Pantomime Cinderella. Produced by Frank Neil. Musical Director A. T. Burton. [The verse tells how Heinie came to Yankee Land from Rotterdam, went to the follies, then returned home to Katharina, lamenting how to keep his love she must be leaner, "There's so much of you, two could love you. Learn to swim, join a gym, eat farina. Unless you're leaner I'll have to build a big arena, you're such a crowd, my Katharine, I got a lot when I got you." In the second verse she becomes leaner and so wows him that in the chorus all he can say is "O Katharina" over and over again.]
No son rivado a trovar le parole.

Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/L._Wolfe_Gilbert
http://www.streetswing.com/histmain/z3onestp.htm One Step
http://answers.google.com/answers/threadview?id=458641
http://www.lib.rochester.edu/camelot/cinder/cin9.htm



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » martedì 20 novembre 2007, 15:02

Go trovado su internet do bele pagine su canzoni de questo periodo e ve le segnalo:
http://parlorsongs.com/issues/2001-3/th ... atureb.asp
http://parlorsongs.com/issues/2001-3/th ... atureb.asp
I meti a disposizion speso anche le parole, i file midi e i spartiti, che se pol leger instalando un activex gratuito:
http://www.sibelius.com/cgi-bin/downloa ... rod=scorch



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » martedì 20 novembre 2007, 15:06

Uuhh.. . go meso do volte el steso link (e no rivo a coreger).
Bon, ve meto el link de l'indice:
http://parlorsongs.com/index.asp



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » martedì 27 novembre 2007, 14:36

Me son preso una picola pausa, anche perché sto lavoro me par interesante (almeno spero) ma xe anche lungheto.
Semo cusì rivadi al 1926, ancora l'epoca dela grandi orchestre (che durerà parechi anni)....

1926
Paul Whiteman Orchestra : Valencia
Jan Garber & Orchestra : Baby Face
George Olsen & His Orchestra : Horses

e in dettaglio :

Paul Whiteman Orchestra : Valencia
La canzon no credo gabi bisogno de spiegazioni. Dovesi eser datada 1923 (fonte Popular Music de Gammond) e vedi come autor el spagnolo - nato a Granada - José Sancho Padilla (1889-1960). Padilla gaveva composto diverse canzoni per Mistinguett e el iera stado diretor musicale per molti anni a Parigi al Moulin Rouge e al Casino. Nel 1918 gaveva comoposto "La violetera". El testo originale iera de Lucien Boyer e Jacques-Charles, mentre la version inglese (1925) vedeva come autor Clifford Grey. Xe interesante notar come la canzon fosi ormai de publico dominio, ma i sui diriti vigniva recuperadi (negli USA) per una modifica legislativa che vedeva come autor (dela lege) Sonny Bono, sì, proprio lui, l'ex partner de Cher! Odioso una volta de più!
Nel link indicado se trova anche una version mp3 sonada al piano (bastanza ben) credo da l'autor dela pagina stesa, che dixi de gaverla ripreso dala version del pianista Vincent Lopez, datada 1926-27. El dixi anche che la contien diversi pattern (no savesi come tradur in italian, dei giri musicali, ma no me sembra proprio coreto come traduzion) del ragtime tradizionale. Forsi per i motivi indicadi sora, non son riuscido a trovar le parole.

Links:
http://www.ragtime-france.net/Ragtime/Cla/Eclass.htm


Jan Garber & Orchestra : Baby Face
Questa penso che pochi la saveva! :wink: La famosa "Baby Face" portada al successo, tra i altri, anche da Little Richard nel 1956.
La canzon ghe darà anche el titolo al film omonimo del 1933 con Barbara Stanwyck e John Wayne. La vien sonada nei tioli de apertura e spesso durante el film. El film iera stado censurado e se ga podudo veder la version completa solo nel 2004.
Gli autori del brano sono Benny Davis e Harry Akst.

Queste le parole:

Rosy cheeks and turn'd up nose and curly hair,
I'm raving 'bout my baby now,
Pretty little dimples here and dimples there;
Don't want to live without her,
I lover her goodness knows,
I wrote a song about her and here's the way it goes:

Chorus:
Baby face, you've got the cutest little baby face
There's not another one could take your place
Baby face, my poor heart is jumpin;
You sure have started somethin'
Baby face, I'm up in heaven
When I'm in your fond embrace,
I didn't need a shove
'Cause I just fell in love
With your pretty baby face.

When you were a baby not so long ago,
You must have been the cutest thing.
I can picture you at ev'ry baby show
Just winnin' ev'ry ribbon with your sweet baby way.
Say, hones I ain't fibbin', you'd win 'em all today.

Chorus:


Video (questa version) : http://www.youtube.com/watch?v=-WJjiV4H ... re=related

Audio : http://www.archive.org/details/babyface1926

Links :
http://www.imdb.com/title/tt0023775/ (film)
http://www.imdb.com/title/tt0023775/soundtrack (colonna sonora del film)
http://musicanet.org/robokopp/usa/rosychek.htm


George Olsen & His Orchestra : Horses
No podevo no meter questo brano dedicado ai cavai! :-D
Xe stado uno dei magiori sucesi de quel anno, ma no son rivado a trovar notizie su sta canzon, né tantomeno le parole. Se trata de una specie de "marceta", tanto che me sorgi el dubio che posi tratarsi de un "revival" de Horse Trot, una "runnig walk dance" in voga intorno al 1914.

Links:
http://www.streetswing.com/histmain/z3horsetrot.htm Horse Trot Dance



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » martedì 27 novembre 2007, 15:45

1927
Gene Austin & Nat Shilkret : My Blue Heaven
Guy Lombardo & His Royal Canadians : Charmaine
Ben Bernie : Ain't She Sweet
Henry Burr : Are You Lonesome To-Night?
The Revelers : Hallelujah


Gene Austin & Nat Shilkret : My Blue Heaven
Sto anno vedi una serie de brani intramontabili, ancora ogi famosi.
I autori xe Walter Donaldson (musica) e George Whiting (parole). Su Wikipedia (link indicado) trové indicade un centinaio de versioni, ma la prima e più famosa xe questa de Gene Austin.
Per le notizie su Gene Austin (1900-1972) e Nat Shilkret (1895-1982) ve rimando al link su Wikipedia.

Queste le parole:

Day is ending, birds are wending
Back to the shelter of
Each little nest they love

Nightshades falling, lovers calling
What makes the World go round
Nothing but love

When whippoorwills call
And evening is nigh
I hurry to my Blue Heaven

I turn to the right
A little white light
Will lead you to my Blue Heaven

A a smiling face, a fireplace, a cosy room
A little nest that nestles where roses bloom

Just Molly and me
And baby makes three
We're happy in my Blue Heaven

(Orchestral Break)

A a smiling face, a fireplace, a cosy room
A little nest that nestles where roses bloom

Just Molly and me
And baby makes three
We're happy in my Blue Heaven

(Whistling)

A a smiling face, a fireplace, a cosy room
A little nest that nestles where roses bloom

Just Molly and me
And baby makes three
We hurry to my Blue Heaven


Video
simpatico!: http://www.youtube.com/watch?v=pkd-prtmiUc
altro video: http://www.youtube.com/watch?v=cT8aSwYM ... re=related
video (se fa per dir, ma con la version de Gena Austin): http://www.youtube.com/watch?v=gZK_pVo9 ... re=related

Links:
http://lyricsplayground.com/alpha/songs ... aven.shtml
http://en.wikipedia.org/wiki/My_Blue_Heaven_(song)
http://en.wikipedia.org/wiki/Gene_Austin (Gene Austin)
http://en.wikipedia.org/wiki/Nat_Shilkret (Nathaniel Shilkret)



Guy Lombardo & His Royal Canadians : Charmaine
Famoso valzer, scrito nel 1926 e publicado nel 1927, dale numerose versioni. Autori Erno Rapee (musica) e Lew Pollack (parole).
Per Guy Lombardo (1902-1977) vardé pur el solito link de Wikipedia (alrtrimenti no finiso più :wink: ).

Le parole ga due versioni, a seconda se el brano xe cantado da un omo o da una donna.

Versione maschile:

I can't forget the night we met
How bright were stars above
That precious memory lingers yet
When you declared your love

And then you went away
And now each night and day...

I wonder why you keep me waiting
Charmaine, my Charmaine
I wonder when bluebirds are mating
Will you come back again

I wonder if I keep on praying
Will our dreams be the same
I wonder if you ever think of me too
I'm waiting my Charmaine for you

Versione femminile:

You went away one dreary day
I knew you had to go
'Mid tears and cheers I heard you say
"Charmaine, I love you so"

Though old years turn to new
My heart keeps calling you...

I wonder why you keep me waiting
Charmaine cries in vain
I wonder when bluebirds are mating
Will you come back again

I wonder if I keep on praying
Will our dreams by the same
I wonder if you ever think of me too
Charmaine's waiting, just for you

Video: http://www.youtube.com/watch?v=SrYS77VZe9Q

Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/Charmaine_%28song%29
http://lyricsplayground.com/alpha/songs ... aine.shtml
http://en.wikipedia.org/wiki/Guy_Lombardo (Guy Lombardo)



Ben Bernie : Ain't She Sweet
Beh, questa chi no la conosi?
Ve dago solo i link e le parole. I autori xe Milton Ager e Jack Yellen.

Le parole:

Ain't she sweet?
See her walking down that street.
Yes I ask you very confidentially,
Ain't she sweet?

Ain't she nice?
Look her over once or twice.
Yes I ask you very confidentially,
Ain't she nice?

Just cast an eye in her direction.
Oh me oh my, ain't that perfection?

Oh I repeat,
Well, don't you think that's kinda neat?
Yes I ask you very confidentially,
Ain't she sweet?

(Instrumental break)

Ripetere tuto
Ripeter 1 con le ultime do linee do volte.

Video:
http://www.youtube.com/watch?v=iKDORuUk1y0 (breve versione de Lillian Roth del 1933)
http://www.youtube.com/watch?v=m1dIXDU- ... re=related (Eddie Fisher anni '50)
http://www.youtube.com/watch?v=eP8s4FoKenU (version dei Beatles)

Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/Ain%27t_She_Sweet
http://www.songfacts.com/lyrics.php?findsong=212
http://en.wikipedia.org/wiki/Ben_Bernie (Ben Bernie)


Henry Burr : Are You Lonesome To-Night?
Pensavi che la gaveva lanciada Elvis Presley per primo? E inveze no!
Autori Lou Handman (musica) e Roy Turk (parole).

Le parole:

Are you lonesome tonight
Do you miss me tonight
Are you sorry we drifted apart

Does your memory stray
To a bright summer day
When I kissed you
And called you sweetheart

Do the chairs in your parlor
Seem empty and bare
Do you gaze at your doorstep
And picture me there

Is your heart filled with pain
Shall I come back again
Tell me dear
Are you lonesome tonight

{Interlude}

Do the chairs in your parlor
Seem empty and bare
Do you gaze at your doorstep
And picture me there

Is your heart filled with pain
Shall I come back again
Tell me dear
Are you lonesome tonight


Links:
http://en.wikipedia.org/wiki/Are_You_Lo ... %28song%29
http://en.wikipedia.org/wiki/Henry_Burr (Henry Burr)
http://www.duchessathome.com/music/arey ... night.html


The Revelers : Hallelujah
Ultima per ogi. :wink:
Altra canzon famosa, forsi ogi un poco dimenticada, anche se la trovè ancora in molte racolte su CD. Scrita da Vincent Youmas (1898-1946), autor de tanti brani famosi, come "Tea for Two".

Links:
http://www.musicweb-international.com/n ... oumans.htm (le canzoni de Vincent Youmas)



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36554
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 27 novembre 2007, 16:47

rofizal ha scritto: Henry Burr : Are You Lonesome To-Night?
Pensavi che la gaveva lanciada Elvis Presley per primo? E inveze no!
mi a suo tempo, che no savevo inglese, iero convinta che la gaveva lanciada un zerto Michele, Se sei sola anche tu..nei anni 60 :-D



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36554
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 27 novembre 2007, 16:54

rofizal ha scritto: Ma forsi voi la conosevi in italian?

Lola, cosa impari a scuola?
Manco una parola,
balli il charleston.
Lola, balza il cuore in gola
rompe qualche suola
ma quante emozion!
In triestin!!flag_ts

Lola, cos'te impari a scola?
gnanca una parola
Balla el charleston
Lola, rompi qualche siola,
batti el cor in gola
balla el charleston

El charleston, el charleston.
oh che follia o che passion...


cussì cantava mama mia...



Capuzi garbi

Messaggio da Capuzi garbi » mercoledì 28 novembre 2007, 1:28

babatriestina ha scritto:
rofizal ha scritto: Henry Burr : Are You Lonesome To-Night?
Pensavi che la gaveva lanciada Elvis Presley per primo? E inveze no!
mi a suo tempo, che no savevo inglese, iero convinta che la gaveva lanciada un zerto Michele, Se sei sola anche tu..nei anni 60 :-D
Interesante che la canzon originale torna al periodo dela guera civil nei Stati Uniti col nome de Aura Lee. Mi gavevo impara` sto fato un mucion de ani fa, co gavevo trova` la musica de sta melodia e sonandola, me jero imbatu` sula stesa melodia de Love me tender.

Aura Lee
(Words: George R. Poulton; Music W. W. Fosdick)

As the blackbird in the spring, 'neath the willow tree,
Sat and piped, I heard him sing; sing of Aura Lee.
Aura Lee, Aura Lee, maid with golden hair
Sunshine came along with thee, and swallows in the air.

In thy blush the rose was born, music when you spake.
Through thine azure eye, the morn, sparkling seemed to break.
Aura Lee, Aura Lee, birds of crimson wing
Never song have sung to me as in that night, sweet spring.

Aura Lee, the bird may flee the willow's golden hair
Swing through winter fitfully, on the stormy air.
Yet if thy blue eyes I see, gloom will soon depart.
For to me, sweet Aura Lee is sunshine through the heart.

When the mistletoe was green, midst the winter's snows
Sunshine in thy face was seen kissing lips of rose.
Aura Lee, Aura Lee, take my golden ring.
Love and light return with thee, and swallows with the spring.

Note: A traditional West Point favorite for a couple of centuries. Elvis,
of course, used the tune for "Love me Tender." Neither set of lyrics
is terribly inspired; perhaps the ruder fusion approach is best:
"Love me tender, love me sweet, love me Aura Lee
" RG



Rispondi

Torna a “Musica legera”