ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

storie e tradizioni: credibili, incredibili, metropolitane de Trieste e dintorni
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
bilo
naufrago
naufrago
Messaggi: 44
Iscritto il: lun 28 lug 2008, 11:37

ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da bilo »

go inteso varie versioni per el rito da compier in modo da alontanar la sfiga...
giri intorno a la ciesa... russarse el dedrio su la ringhiera... sentanrse sul roson...

ma qual xe quel giusto !? e sopratuto... perchè ? (da dove deriva sta credenza...? no quela dela cusina... :-D )



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37225
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da babatriestina »

No go idea de questo "rito scaramantico", ma go sempre sentido parlar de "andarse a far benedir del prete grego" dove el prete grego non xe necessariamente greco-ellenico, ma sta per prete ortodosso ( quindi el pol eser greco ortodosso come serbo ortodosso) e go sempre pensado alla loro liturgia molto elaborada e de effetto.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10945
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da Nona Picia »

Mi go sentì: "Va a farte benedir ala cesa dei s'ciavoni!"


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da AdlerTS »

Mi go sentido dir de russarse su una delle colonne all'interno .... l'origine non go idea ?


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
Giulia scorcolana
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 86
Iscritto il: mar 4 ott 2011, 13:19
Località: Trieste

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da Giulia scorcolana »

No, quele de rusarse el cul fora dela ciesa xè monade.
Xè proprio un rito che el prete fa drento in ciesa la vera benedizion, bisogna cior appuntamento, po' se va in ciesa in certi giorni, el prete te coverzi la testa con una coverta e po' el se meti a pregar mandando incenso intorno, xè come una specie de fumento per capirse, sa quel che se fa co se ga rafredor.
So perché gavevo un parente che xè 'ndado farse benedir, mi iero tentada de 'ndar perché iero in un periodo de sfighe continue, ma sicome no credo in 'ste robe go lassà perder.


Xè più giorni che luganighe e più croste che formaio, ma no fa niente.

Avatar utente
spritz_bianco
naufrago
naufrago
Messaggi: 68
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 14:34
Località: Trieste --- francesco.tolloi [at] gmail.com

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da spritz_bianco »

Ciao :-) Son novo del forum....ma visto che son un conoscitor dela liturgia me permeto una precisazion: el prete te converzi la testa con l' "epitrarchelion" che xe la stola, l'insegna principale dei sacerdoti che i sia occidentai o orientai... :-)! La tradizion xe appunto de farse benedir dai s'ciavoni...non ocori apuntamento, quando xe el parroco (padre Rasko, davvero una santa persona de grande fede, umanità e sensibilità) basta domandarghe. La incensazion in questa benedizion no xe prevista ma la se chiudi con l'aspersion con l'acqua benedetta e el baso della crose. :-)


_________
Francesco Tolloi

sbriso
naufrago
naufrago
Messaggi: 60
Iscritto il: gio 20 nov 2008, 0:28
Località: Kanton Zug

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da sbriso »

no xe anche quela de entrar de un porton e andar via per quel'altro , ma no viceversa che sennò porta nera ?



Avatar utente
spritz_bianco
naufrago
naufrago
Messaggi: 68
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 14:34
Località: Trieste --- francesco.tolloi [at] gmail.com

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da spritz_bianco »

Come come:-)???Spighime mejo sta roba del porton che no la go capida!


_________
Francesco Tolloi

Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3501
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da Elisa »

sbriso ha scritto:no xe anche quela de entrar de un porton e andar via per quel'altro , ma no viceversa che sennò porta nera ?

Sembrerebbe un' espressione attribuibile alla superstizione o credenza popolare... :roll: :-)


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
spritz_bianco
naufrago
naufrago
Messaggi: 68
Iscritto il: lun 11 giu 2012, 14:34
Località: Trieste --- francesco.tolloi [at] gmail.com

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da spritz_bianco »

ma come se realizza??


_________
Francesco Tolloi

Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3501
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da Elisa »

Darò la mia personale interpretazione all' espressione di Sbriso, che mi richiama i ricordi specifici delle usanze -o forme di devozione- del giovedì santo.
Tradizionalmente, in quella giornata si realizzava (realizza?) la pratica di una visita a diverse chiese, allo scopo di ottenere la concessione di indulgenze.
Era stabilita la seguente regola per poter ottenere l' indulgenza:
si doveva entrare in chiesa da una determinata porta e poi uscire da un' altra!

Poi, se a chi non procede in questo modo ma viceversa, questa sua azione gli puo portare sfortuna (=nera), questo è appunto frutto dell' ingenuità o della superstizione....direi! :-) :-)


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
Giulia scorcolana
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 86
Iscritto il: mar 4 ott 2011, 13:19
Località: Trieste

Re: ciesa dei s'ciavoni - portafortuna

Messaggio da Giulia scorcolana »

spritz_bianco ha scritto:Ciao :-) Son novo del forum....ma visto che son un conoscitor dela liturgia me permeto una precisazion: el prete te converzi la testa con l' "epitrarchelion" che xe la stola, l'insegna principale dei sacerdoti che i sia occidentai o orientai... :-)! La tradizion xe appunto de farse benedir dai s'ciavoni...non ocori apuntamento, quando xe el parroco (padre Rasko, davvero una santa persona de grande fede, umanità e sensibilità) basta domandarghe. La incensazion in questa benedizion no xe prevista ma la se chiudi con l'aspersion con l'acqua benedetta e el baso della crose. :-)

Ah eco, no savevo cussì a fondo la storia, ma savevo che non se limitava a fregarse el cul sul muro o passar per le porte, ma iera (o xè 'ncora) un vero e proprio rito.


Xè più giorni che luganighe e più croste che formaio, ma no fa niente.

Torna a “Legende dela cità”