Cimiteri de S. Anna

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7323
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 8 novembre 2019, 8:28

Grazie. E i ga messo Nereo Rocco, ma no Pino Grezar; insoma xe el stadio novo, ma no el vecio...


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da babatriestina » venerdì 8 novembre 2019, 8:37

sono piccolo ma crescero ha scritto:
venerdì 8 novembre 2019, 8:28
Grazie. E i ga messo Nereo Rocco, ma no Pino Grezar; insoma xe el stadio novo, ma no el vecio...
te ga controlado la nova version esposta in cimitero?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da babatriestina » venerdì 8 novembre 2019, 12:21

Stavo zercando la storia dela tomba de Ressel, Wikipedia in tedesco xe oviamente el più completo, ma per i termini tecnici devo aiutarme cola traduzion. E vedo che essendo morto al Lubiana là i lo ha sepolto, ma ghe xe stade modifiche al cimitero nel 1926 e el xe andado distrutto nel 1955. Insoma, se ga salvado lapido o qualcossa, ma forsi no tuto. E questo spiegassi el pars cinerum. ve copio el paragrafo tedesco
Enttäuscht zog sich Josef Ressel völlig zurück, blieb Forstbeamter – er bezeichnete sich selbst als „Förster ohne Wald“[4] – und starb während einer Dienstreise in Laibach an Malaria (auch: Typhus), wo er im damaligen Gasthof Bayrischen Hof (heute nur mehr Areal „Bavarski dvor“) eingekehrt und mit Schüttelfrost der Gaststube ferngeblieben war. Begraben wurde er 600 m nordöstlich davon im ehemaligen St. Christoph-Friedhof (slowenisch: pokopališče pri sv. Krištofu), der 1926 stillgelegt und 1955 zerstört wurde. Von 1936 bis 1940 wurden Grabsteine berühmter Personen in den anliegenden Navje Memorial Park (slowenisch: Spominski park Navje) transferiert. Der Kern dieser Gedächtnisstätte hundert Meter nördlich des Bahnhofs ist ein dreißig Meter langer neoklassizistischer Arkadengang mit hohen Säulen in dessen Rückwand Grabsteine für etwa 30 Personen eingelassen sind. Auch Ressels Grabstein ist hier zu sehen.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7323
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 10 novembre 2019, 18:26

Sula tomba de Giotti ghe xe una targa metallica, scrita in una lingua neolatina. Te ne sa gnente?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2749
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da mandi_ » domenica 10 novembre 2019, 20:32

Dopo aver letto il testo di wikipedia, riporto questo articolo del 2007 del "Piccolo" perchè non vada perso.

Nell'urna di Ressel non ci sono le ceneri ma terra

di Gabriella Ziani

Lo segnala una sua bis-bisnipote, Immacolata Mioni Ressel, 82 anni, adesso che un bel libro, traboccante di storie e di immagini, riporta a Trieste la memoria un po' sbiadita del famoso parente. «Ci sono anch'io, il libro parla di una discendenza sola» protesta. E aggiunge: «Tutti credono che in quell'urna, fotografata anche nel volume, ci siano le ceneri di Ressel, perché così fece scrivere mio zio Ferdinando: aveva raccolto molti documenti sull'antenato, ma soffriva un po' di mania di grandezza...».
«Josef Ressel, un Leonardo di casa nostra» (Edizioni Italo Svevo), il libro di Aldo Rampati che afferma di aver percorso 2500 chilometri sulle tracce del personaggio, è un meticoloso e divertente affondo non solo nelle tante avventure del biografato, pubbliche e private (due mogli e dieci figli, tra l'altro), ma anche nelle vicende cittadine del secondo '800, quando la città si pizzicò e si fece i consueti dispetti sull'ipotesi di sistemare una statua per Ressel, come chiesto da un apposito comitato che aveva pure raccolto parecchi fiorini allo scopo, o nell'attuale piazza Hortis o nell'attuale piazza Venezia.
Non se ne fece nulla perché un «austriaco boemo» non era molto ben visto all'epoca del nascente ma già robusto irredentismo triestino, né i figli riuscirono mai compiutamente a ottenere il riconoscimento sperato per il padre quanto all'invenzione dell'elica, attribuita poi nel 1836 a Francis Petit Smith e John Ericsson (ma un tentativo vincente porta anche la firma di John Stevens, nel 1802). Il viaggio sperimentale di Ressel nel 1829 sulla motonave Civetta era nato infatti sotto cattiva stella: il motore si fermò quasi subito. Il motore, non l'elica. Ma il grande obiettivo risultò fallito. I figli dell'inventore andarono perfino a Miramare implorando la causa a Massimiliano d'Asburgo giusto un attimo prima che questi perdesse il Lombardo-Veneto e partisse per il Messico, viaggio senza ritorno per una corona imperiale.
«E durante il fascismo - dice la discendente - ci fu un nuovo progetto di monumento, ma di nuovo la nazionalità fu d'ostacolo, perché il fascismo non voleva onorare stranieri». Dunque alla fine tutto andò o restò a Vienna, statua compresa, e la tomba rimase a Lubiana, dove Ressel era morto all'improvviso in un viaggio di lavoro, non si sa se per tifo o malaria, né si sa esattamente se in ospedale, in albergo, o dove. E pure il bisnipote Ferdinando (1904-1992), che nella sua grande casa di via Fabio Severo aveva creato un piccolo museo resseliano cercando di aprire una fondazione, non avendo trovato dove collocare i cimeli spedì ogni cosa al Museo della tecnica di Vienna, «né potè fare la fondazione - prosegue Immacolata decisa -, perché i soldi alla fine non c'erano». Il Museo del mare di Trieste conserva di Ressel il fondo fotografico Marzari e l'Università nel '93 realizzò una ricostruzione del Civetta.
«Ma poi la famiglia - dice ancora Immacolata -, che comunque è stata sempre presente nelle città dove Joseph aveva vissuto e lavorato (nella natale Chrudim in Boemia, a Praga, a Vienna e a Lubiana) chiese alla municipalità lubianese almeno un segno per la memoria, e fu concesso un sacchetto di terra della tomba». Terra, non ceneri. Senza dire che anche la stessa tomba triestina, ornata di mesta figura femminile in preghiera, ha una storia: «In origine si chiamava ''tomba Zebochin'' - dice Immacolata Ressel -, fu donata a mio nonno da un prete suo amico». E mentre il 2007 ha segnato il bicentenario della morte («passato inosservato a Trieste» commenta la discendente), Rampati, che il suo lo ha fatto, replica: «Ho avvertito per prudenza che forse qualche errore c'è, ma mi premeva solo la storia di quest'uomo».
Una storia emblematica in tempi che si affacciano su frontiere aperte, e anche su ansie di ricerca e connessa «innovazione».

Il Piccolo, 31 dicembre 2007


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da babatriestina » domenica 10 novembre 2019, 20:50

Su Ressel abbiamo un intera discussione dove si è scritto pure che
Go comprado el libro 'pena vignudo fora "Josef Ressel, un Leonardo di casa nostra", de Aldo Rampanti, ed Svevo.
lo zio Ferdinando citato doveva essere l'amico di mio padre da cui avevo sentito la storia dell'elica.
Il resto del Piccolo è appunto il solito discorso, che a me sembra un po' dettato dalla mentalità di oggi, perché ai tempi della seconda guerra d'indipendenza italiana non è che poi ci fosse a Trieste tanto ardore patriottico - quello venne poi, per altri motivi...
quel che è certo è che non si sa nemmeno di cosa sia morto a Lubiana e che la statua venne presa a Vienna , dalla Vienna le cui accademie non avevano riconosciuto il brevetto dell'elica.
Ma se mi dici che il pars cinium è un falso perché in realtà è solo terra, allora della tomba non è rimasto nulla, e nessuno dei vari autori citati e nemmeno i sostenitori attuali triestini parlano della doppia distruzione della tomba e del cimitero compiuto dalla Jugoslavia... che poi è il soggetto del nostro discorso sui cimiteri, mentre per i meriti di Ressel abbiamo appunto un argomento a parte. Se è vero quanto detto, allora possiamo tranquillamente dire che non ne è rimasto nulla , visto che qua c'è un falso e la tomba è andata distrutta. Di questo sembra non scandalizzarsi nessuno.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da babatriestina » domenica 10 novembre 2019, 20:57

Che la Tomba Zebochin sia passata ai Ressel non è nulla di strano e mi sembra strano che lo facesse "un prete". Quando una famiglia è estinta, la tomba passa ad altri.
Abbiamo un esempio molto più vistoso: la tomba degli Ananian, gli armeni benefattori della fondazione, per estinzione passò ai Tomazic e così accanto agli armeni giace Giuseppe lo Sloveno noto ristoratore e suo figlio Pino detto Pinko ucciso dai fascisti come terrorista


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da babatriestina » lunedì 11 novembre 2019, 11:58

babatriestina ha scritto:
venerdì 8 novembre 2019, 12:21
Stavo zercando la storia dela tomba de Ressel, Wikipedia in tedesco xe oviamente el più completo, ma per i termini tecnici devo aiutarme cola traduzion. E vedo che essendo morto al Lubiana là i lo ha sepolto, ma ghe xe stade modifiche al cimitero nel 1926 e el xe andado distrutto nel 1955. Insoma, se ga salvado lapido o qualcossa, ma forsi no tuto. E questo spiegassi el pars cinerum. ve copio el paragrafo tedesco
Enttäuscht zog sich Josef Ressel völlig zurück, blieb Forstbeamter – er bezeichnete sich selbst als „Förster ohne Wald“[4] – und starb während einer Dienstreise in Laibach an Malaria (auch: Typhus), wo er im damaligen Gasthof Bayrischen Hof (heute nur mehr Areal „Bavarski dvor“) eingekehrt und mit Schüttelfrost der Gaststube ferngeblieben war. Begraben wurde er 600 m nordöstlich davon im ehemaligen St. Christoph-Friedhof (slowenisch: pokopališče pri sv. Krištofu), der 1926 stillgelegt und 1955 zerstört wurde. Von 1936 bis 1940 wurden Grabsteine berühmter Personen in den anliegenden Navje Memorial Park (slowenisch: Spominski park Navje) transferiert. Der Kern dieser Gedächtnisstätte hundert Meter nördlich des Bahnhofs ist ein dreißig Meter langer neoklassizistischer Arkadengang mit hohen Säulen in dessen Rückwand Grabsteine für etwa 30 Personen eingelassen sind. Auch Ressels Grabstein ist hier zu sehen.
Ciancele, te ne tradusessi ben? per favor


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da babatriestina » lunedì 11 novembre 2019, 12:06

sono piccolo ma crescero ha scritto:
domenica 10 novembre 2019, 18:26
Sula tomba de Giotti ghe xe una targa metallica, scrita in una lingua neolatina. Te ne sa gnente?
speta che me fazo far el permesso de fotografar, e po me darò de far. intanto trovo questo linkato da una pagina " search burial" Qua no se vedi la targa metallica..
Allegati
tomba giotti.jpg
tomba giotti.jpg (8.3 KiB) Visto 110 volte


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7323
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Cimiteri de S. Anna

Messaggio da sono piccolo ma crescero » lunedì 11 novembre 2019, 17:23

La xe tacada in basso a sinistra. La lingua me par quasi portoghese, ma poderia eser gradese o qualche altro dialetto. Forsi xe anche scrito, ma no lo go visto. Po' ghe xe un ricordo dei due fiori dispersi in Russia nela seconda guera e un per de versi sui.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Rispondi

Torna a “Architetura triestina”