Fouché a Trieste: morte e leggende

Libri de autori triestini o dintorni o su Trieste e dintorni
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Fouché a Trieste: morte e leggende

Messaggio da babatriestina » mercoledì 9 gennaio 2008, 8:56

Oggi sul Piccolo xe un gran articolo sul libro de Julien Sapori, in francese, sui anni de esilio de Fouché e in particolar sul suo esilio triestin e sulle leggende dela sua morte ( la bara che se ribalta con la bora, la sepoltura in senton..) che l'autor smentissi e pensa che le sia stade messe per quela leggenda nera romantica che se trova nela fin Ottocento a Trieste, in particolar i nostri nonni de Caprin.
Ma ghe xe molto de più, i Napoleonidi, le lettere della polizia.. come so? perchè lo go letto sti giorni, preso in prestito alla Civica. el tutto su suggerimento de un nostro forumista :-D :-D :-D :wink: :-D :-D :-D
Se ghe xe interessai, se pol continuar el discorso.. mi gavevo messo qualcossa qua co scrivevo, in breve:
xe Palazzo Vicco, arcivescovado, in origine a do piani, soprelevado nel Otocento, famoso per aver ospitado Fouché, el convenzional, regicida e ministro de polizia de Napoleon, scampado qua ala restaurazion. Su de lui xe un poca de legenda: el andava al teatro Comunal e dopo pochi ani el xe morto e la legenda disi che el ga avudo el funeral una giornata de piova e bora e fredo e che la bara se ribaltava- ma go leto de recente che par che i ga romanzado un poco. I lo gaveva sepolto in una cripta vizin de l'ingresso de San Giusto, ma po la famiglia lo ga riportado in Francia.
Ultima modifica di babatriestina il domenica 13 gennaio 2008, 17:27, modificato 1 volta in totale.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » mercoledì 9 gennaio 2008, 12:22

Mi non posso zontar niente, però se te gaverà voja de contarne te legerò volentieri :-D


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2660
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 18:54
Località: London, UK

Messaggio da macondo » mercoledì 9 gennaio 2008, 14:07

Continua per favor, Betta. Assai interessante!



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 9 gennaio 2008, 22:32

Intanto ve metto una premessa, su chi che iera Fouché, perchè el libro, scritto in francese per lettori francesi, dà per scontado un poco chi che el fussi. anche mi adesso no stago a rilegger le biografie, e po tuti savè andar su Wikipedia o su Google, per trovar date de nascita de morte e qualcossa sula vita.
mi ve la conto cussì ala bona, come sentai intorno al caminetto...
( forumisti francesi, coreggeme se no ve va ben.. :wink: :-D )
sto Fouché iera un giovine intellettual, se no me sbaglio anche prof de matematica , che se ga trovado a partecipar ala rivoluzion francese dela parte dei Giacobini, El ga votado la morte del re ( i cosiddetti "regicidi") e par che in provincia el sia stado responsabile de gravi repressioni, per no dir massacri . Po al momento giusto el se ga messo con Napoleon e el xe deventado el suo ministro dela polizia. Tuti motivi che ghe ga dado una fama alquanto sinistra, a dir poco. El xe deventado Duca d'Otranto col Impero e de solito i libri, e anche i romanzi, lo metti alla pari con Talleyrand, che però come persona e come origini era differente. Fouché a un certo punto ga molado o i ghe ga fatto molar la polizia e el xe vegnudo qua a far el governator dele province illiriche ( vedi post sula Trieste francese). In realtà la capitale iera a Lubiana, ma poco el xe stado perchè Napoleon ga perso a Lipsia e el xe rientrado in Francia. Là el ga tentado de riprender el poter e meterse al servizio dei restaurai Borboni, ma dopo un poco , soprattutto per l'ostilità dela Duchessa d'Angouleme ( veder el post su Maria Antonietta: iera la sola fia sopravvissuda dela famiglia real) i ghe ga dado el benservito, prima come nomina de ambasciator a Dresda e po adio che te saludo, e el se ga rifugiado nel Impero austriaco, prima a Praga e ala fin a Trieste.
e qua più o meno incomincia el nostro libro a aprofondir, sula lettura de diverse biografie, ma soprattutto molte Memorie de prima man e molti atti conservai nei archivi viennesi, triestini.. etc.
per quei che se ricorda de co la TV in prima serata trasmetteva sceneggiati culturali al sabato sera, Fouchè iera nel sceneggiato de Zardi I grandi camaleonti, impersonado de Raoul Grassilli. (fine anni 60, diria)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 11 gennaio 2008, 10:50

premessa n.2 .chi che iera i Napoleonidi: se tratta dei fradei e sorelle de Napoleon. El ghe ne gaveva diversi, e un poco per sistemarli e un poco per zercar de tegnir el aministrazion del suo impero in famiglia, el ga provado a metterli un poco dapertutto nei posti conquistati o influenzai del impero francese:
Giuseppe el maggior el lo ga fatto prima re de Napoli e po re de SpagNa. al ribalton de Napoleon el xe andado in America e là el xe restado
Luciano lo ga aiutado nel colpo de stato ma po se ga un poco staccado del clan, el xe deventado principe de Canino, ma el ga fato vita sua, ala fin el xe finido a Roma, se no me sbaglio ( anche qua, francesisti, coregeme se sbaglio!)
Luigi ga sposado la fiastra Ortensia de Beauharnais fia de Giuseppina , el lo ga fato re de Olanda: i ga avudo alcuni fioi masci, l'ultimo dei quali sarà el futuro Napoleone III: anche questo con Trieste no ga avudo a che far diretamente
Gerolamo xe stado fato re de Westfalia ( una region dela Germania) e xe un de quei che xe vegnudo a Trieste: xe anche el unico che sia arivado a veder el secondo Impero e che sia tornado a Parigi ai tempi del nipote Napoleon III
Le sorelle:
Paolina, la più bela, se disi, e la più ciacolada, ga sposado ala fin un principe Borghese e la se ga sistemado a Roma
Elisa ga sposado un Baciocchi de cui poco se disi, e xe passada per Trieste, e la xe morta nella sua campagna a Villa Vicentina
Carolina la più picia ga sposado el ufficial de cavalleria Murat e i xe stai fatti re de Napoli dopo de Giuseppe: dopo el 1815, Murat ga tentado de imitar Napoleon col sbarco dal Elba, ma ghe xe andada mal e i lo ga fucilado: la vedova Carolina xe vegnuda a Trieste, col nome de contessa de Lipona ( Napoli anagrammado)

( anche qua, su wikipedia o su google poderè trovar spiegazioni più formali..)

Quei che iera a Trieste, se ga trovado con Fouché e i se frequentava, conta apunto el libro, fra l'altro.
Ultima modifica di babatriestina il venerdì 11 gennaio 2008, 16:45, modificato 1 volta in totale.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 11 gennaio 2008, 11:13

Fouché contado de Caprin:
Caprin , nel suo libro I nostri nonni, 1888, rievoca cussì la morte de Fouché: ( p 151 ed or):
L'osservatore Triestino , il giorno 28 di dicembre del 1820, recava il secco annunzio:
"Il signor duca Fouché è stato colpito il 25 decembre da una morte prematura, nel seno della sua famiglia, in conseguenza di una malattia di petto, contro la quale tutti i soccorsi dell'arte furono inutili. le sue esequie sono state celebrate questa mattina nella insigne nostra cattedrale di S giusto, dove pure si sono deposte le sue spoglie mortali"
e Caprin continua:
L'osservatore nulla disse di quel funebre trasporto avvenuto in una sera tempestosa, e una bufera di neve investì e rovesciò, sulla strada di san Giusto, il carro che chiudeva la bara dell'ex ministro della polizia napoleonica, dell'uomo disprezzato da tutti, sceso tra le ire del cielo nei riposi eterni della tomba.

Dopo de che Caprin va avanti per 8 pagine a parlar mal de Fouché, riporto qualche frase:
" era diventato il beccaio della Montagna. quando parlava dalla tribuna, pareva che confinasse la patria nello scannatoio del terrore. [..] fu chiamato il modello del delitto e dell'anarchia [..] egoista, crudele [..] Fouchè ha distrutto ( a Lione) un'intera generazione.[..]speculatore avido di ricchezze [..] senza amici, coi folti e spaventosi ricordi che gli affaticavano la memoria, caduto da tanta potenza nella sterilità [.] morì chiamando al letto un sacerdote..
Caprin però ghe riconossi che come governator delle province illiriche " diede prova di essere un uomo di governo" e riporta un suo proclama de Lubiana el 21 agosto del 1813- dopo Lipsia che disi " io, per quanto mi sembra, diedi la più grande prova dellamia confidenza nella città di Trieste, collocando nel seno della medesima li miei figlioli, c he sono gli oggetti più cari ch'io abbia al mondo"

El libro de Sapori appunto segnala questo libro, e disi che Caprin ghe ga un poco ricamado sora, tegnudo conto dele proprie impressioni, e in un clima ( 1888) favorevole a racconti vagamente del orror ( qua zonto mi, el famoso racconto de Tribelsula passeggiata per Trieste e i orrori suggeridi per i sotterranei dei Gesuiti. semo nel 1883..)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 13 gennaio 2008, 17:14

Visto che i nostri forumisti francesi no se fa vivi, continuo col nostro Fouché a Trieste, coi particolari del libro:
Sapori riprendi la figura de Fouchè anche dal punto de vista familiar, una prima moglie morta giovine e una giovine seconda moglie, che lo ga seguido in esilio. Paressi dei matrimoni ben riuscidi, in linea general.
Tre fioi del primo matrimonio, sarà un de lori, con famiglia e eredi in Svezia, che farà traslar la salma in Francia, a Ferrières, dove che el gaveva una tenuta e dove che dopo I Rotschild farà, al posto dela casa de Fouché, costruir un grande castel finto medievale ala fin del Ottocento.

Fouchè a Trieste bori no ghe mancava, e el se gaveva sistemado a Palazzo Vicco ( el atual arcivescovado, con un pian de meno) e forsi el sperava ancora de tornar in Francia. El gaveva palco al Comunale e el andava a seguir el opera. i Napoleonidi inveze iera furenti che no i ghe gaveva concesso de cior palco e gnanca de frequentar l'esclusiva società del Casin vecchio.
Nel dicembre Fouché se ga peggiorado e el xe morto, come contado, una nota: Sapori ricopia el Osservatore che dà la morte al 26, Caprin nel riportar come che go copiado mi dà el 25.
Morto e sepolto nela cripta davanti alla cattedral, fin ala traslazion.
E qua comincia le leggende, riprese anche de una biografia de Castelot:
che i lo gabi sepolto davanti ala cesa , sotto el sagrato, perchè el iera un magnapreti, in realtà Sapori conferma che le gaveva ricevudo l'estrema unzion.. xe una leggenda, in realtà no iera permesso, salvo eccezioni-vedi i Carlisti- sepolture in cesa.
La c ripta iera accessibile fin ala prima metà del Novecento, po i lavori sul sagrato la ga modificada.
e po la leggenda più misteriosa: che de morto no se lo arivassi a distirar, e che i lo gavessi sepolto in senton, con una cassa fata aposta in quela forma. Sapori disi che xe una leggenda, se no altro perchè i loculi, per quel che xe restado e se vedi, no podeva tegnir una cassa de forma anomala, per no parlar del rapporto dela riesumazion per la traslazion.
E per la leggenda della morte " Era una notte buia e tempestosa"" e fa notar 2 robe:
1 che i funerai xe stai el 28 dicembre e che la tempesta de neve, sui dati de un osservazioni meteorologiche conservade, xe stada el 29 dicembre
2 che le casse de morto no vegniva a quel epoca portade con un carro, ma a brazzi dei becchini.

E qua el verzi un ultimo capitolo su ste leggende romanzade de Trieste. e el cita una serie de romanzi più o meno ispirai ai Misteri de Parigi de Sue, un feuilleton ottocentesco pezo de un teleromanzo:
I Misteri di Trieste de Thiergen e Generini 1851, I Misteri della Locanda Grande 1872, i misteri de Muja 1883 de Piero Perini, el Misteri della Via degli Artisti 1900 il Mistero di Gretta 1902 fin a Carolina Invernizio che nel 1915 ( anno fatal) scrivi L'Orfana di Trieste, per finir col Fantasma di Trieste de Bettiza

ghe xe un poche de immagini, in particolar el xe arivado a fotogrfar la cripta, che mi xe anni che tentavo de arivarghe, mi ve mostro solo quel che go rivado a far mi, de drio le sbarre, dove che comincia el ingresso, de l'orto lapidario:
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

julien
naufrago
naufrago
Messaggi: 52
Iscritto il: domenica 16 dicembre 2007, 23:47

Messaggio da julien » domenica 13 gennaio 2008, 23:12

Grazie babatriestina per la tua presentazione del mio libro "L'"exil et la mort de Joseph Fouché - entre mensonge romanesque et vérité historique".
Mi son deciso a lanciarami in questa ricerca profittando delle mie vacanze a Trieste (e dunque della frequentazione degli archivi locali) e di certi contatti che avevo potuto stabilire a Linz.
Fouché è stato in esilio successivamente a Praga, Linz e Trieste ; questo periodo della sua vita è generalmente passato sotto silenzio dai suoi grandi biografi (Madelin e Tulard) ed è, soprattutto, oggetto di leggende che lo denigrano in maniera asolutamente abusiva (cf. André Castelot). Ho voluto cercare di scoprire (certi dicono "rivalutare"...) questo grande uomo di stato la cui opera ha profondamente marcato la storia della Francia. Attenzione, non pretendo riscrivere la vita di Fouché, e sopratutto non intendo rivalutare la sua azione negli anni della Rivoluzione (le "cannonate" di Lyon, conoscete ?) : il mio obbiettivo è molto pù modesto : cercar di dimostrare che Fouché aveva delle qualità umane (buon sposo, buon padre di famigli) e che è sempre rimasto fedele agli ideali della rivoluzione francese.
Sarei felice di poter dialogare con voi sul soggetto.
A presto.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 25 gennaio 2008, 8:50

Sempre per la leggenda nera de Fouché a Trieste: me passa per le man questa variante, del libro de André Maurel Paysages d'Italie 1921:
Le jour de l'enterrement, la bora souffla si violemment qu'elle renversa le char funèbre. La dépouille de Fouché roula dans le ruisseau. Trainé dans la boue de son vivant, mort il y retombait encore une fois. San Giusto reçut néanmoins sa dépouille, toute crottée qu'elle fut, et la garda jusqu'au 1875, époque à la quelle le petit-fils la ramena en France. L'oraison funèbre fut prononcée par Catherine, l'ex reine de Westphalie qui écrit à Joseph: "Il nous a laissé des regrets comme homme privé, il était impossible d'apporter plus d'aimabilité et un commerce plus sur dans les relations de société. Nous sommes retombés dans la solitude la plus complète". Fouché finissant en salonard modèle! Il joua tous les roles, et si le bonheir réside dans la diversité, nul homme ne fut plus heureux.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 26 gennaio 2008, 17:44

Ogi go visto el libro alla Svevo (se savè leger in francese :wink: )


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 21 maggio 2008, 15:48

Sabato 24 maggio, alle ore 17.30, per la società di Minerva, nella sala Costantinides del Museo Sartorio, Julien Sapori in persona presenterà sto libro :-D :-D :-D
( za che son, ve zonto che la settimana dopo Claudio Magris parlerà su Ibsen, stesso logo, stessa ora..)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 28 maggio 2008, 9:45

oggi sul Piccolo, articolo dedicato a Julien :-D
congratulazioni! :+9: :+9: :+9:


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Fouché a Trieste: morte e leggende

Messaggio da babatriestina » domenica 25 settembre 2011, 15:55

Mi collego qua, perchè oggi nella visita del Vescovado in via Cavana si vede un salone con mobili stile Impero che mi hanno confermato che sono originali dell'epoca e che probabilmente erano quelli usati da Fouché:
Immagine
caratteristiche le specchiere a consolle sostenute da animali fantastici stile grifoni.
Immagine
I mobili sono stati recentemente restaurati e ricoperti in un bel tessuto verde fiammato

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Fouché a Trieste: morte e leggende

Messaggio da babatriestina » domenica 25 settembre 2011, 15:57

e certamente questo animale fantastico dalla testa d'uccello e dalla coda di serpente mi ha fatto pensare alla figura del Ministro di polizia di Napoleone!
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
spritz_bianco
naufrago
naufrago
Messaggi: 68
Iscritto il: lunedì 11 giugno 2012, 14:34
Località: Trieste --- francesco.tolloi [at] gmail.com

Re: Fouché a Trieste: morte e leggende

Messaggio da spritz_bianco » giovedì 14 giugno 2012, 14:36

Devo far veramente i complimenti su queste ottime e preziose informazioni sulla figura de Fouché!


_________
Francesco Tolloi

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36113
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Fouché a Trieste: morte e leggende

Messaggio da babatriestina » sabato 12 settembre 2015, 9:46

Un aneddoto famoso:
Maria Luisa , fresca moglie de Napoleon, che gaveva sentido parlar a casa dela morte de Maria Antonietta, sua prozia, a un pranzo de gala, se rivolgi ai vicini de tavola, disendo: "E voi, gavè avudo anche problemi, in quela orenda rivoluzion?" i due vicini iera Fouché e Cambacérès, tuti due Convenzionali e regicidi! :lol:


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Libri”