La Trieste de Veit Heinichen

Imagini de strade, piaze, palazi, nela Trieste atuale
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » lunedì 14 luglio 2008, 14:11

Dopo aver letto un per de libri gialli de sto autor, go pensado che forsi, ai lettori, podessi piaserghe veder che moti dei loghi descritti xe reali.
Per riferimento al ultimo libro Danza macabra
eccove
Via Torbandena,
dove che xe ubicado el fantomatico consolato de Petra Piskera
a sinistra, la Questura

Immagine
Immagine
per el bar malabar, una vecia immagine
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » lunedì 14 luglio 2008, 14:14

per I morti del Carso ecco via XXX Ottobre con la vecia intendenza de Finanza, in questa via xe ubicada la pescheria de Nicoletta, in realtà nella via no ghe xe nissuna pescheria
Immagine
ma co el istrian va al albergo Blaue Krone, eco nela medesima via el cartel che lo indica :-D
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » lunedì 14 luglio 2008, 23:31

Per la Danza Macabra de Hrastovlije, anche se andemo fora Trieste, ma fa parte dei iitinerari, el romanzo disi che no xe possibile far foto, però mi ve metto un link
http://www.flickr.com/photos/lucacandini/2490424782/
dove che ghe ne trovè un per. Però in mancanza,a nche se i disi che xe meno spettacolar, posso meterve un per de affreschi dela chiesa de S Maria della Lastre vizin Pisin,(sv Marija na Skrilinah. ) che go fotografado un ventina de anni fa, e xe anche là una danza macabra, anche mi linko el mio album Flickr.
El pittor xe el medesimo , Vincenzo da Castua Solo che questa xe in Croazia e no più in Slovenia.
Immagine
ma anche là no xe solo questa, eccove una Natività
Immagine
e un Bacio de Giuda, sempre dela medesima cappella
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 27 luglio 2008, 14:01

Da : Danza macabra:
"La M75 è un residuato della Doppia Monarchia [..] è stata fatta esplodere verso l'una e mezza dalla scala dei Giganti, sopra l'imboccatura della galleria Sandrinelli e, a giudicare dalla distanza, è stata lanciata su via Pellico..."
Immagine
in questo punto, all'imboccatura della Galleria, anni fa venne buttata di notte, dalla scala dei Giganti, una piccola bomba, molto meno terrificante di quella del romanzo, che danneggiò un'automobile, scheggiò un vetro del portone e di cui potete vedere forse il ricordo in alcune macchie bianche nella vernice grigia del muro.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 30 luglio 2008, 15:17

I morti del Carso:
In un bar di viale XX Settembre. Il Bellavia.
Il Bellavia non l'ho trovato, ma possiamo immaginarlo più o meno qua., in mezzo al Viale


Immagine
anche se nel libro è ambientato d'inverno
Immagine
" e le svastiche sui muri?"
beh, non sono proprio le svastiche,. almeno oggi, ma all'angolo di via Polonio troviamo
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 30 luglio 2008, 15:21

sempre i muri del Viale:
Immagine
camminarono... fino a via Stuparich
Immagine
Un edificio a cinque piani di elementi prefabbricati, sui terrazzini erano montate ringhiere rosse di ferro... anni sessanta..
ecco le case di via Stuparich, di fronte all'ingresso superiore dell'Ospedale:
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 30 luglio 2008, 15:27

via Stuparich prosegue, comunque
Immagine

Prima di andare in ufficio, Laurenti fece una scappatina al bar X in Largo Piave
Immagine
non lontano d al tribunale ( in fondo a sinistra nella foto)
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 30 luglio 2008, 15:33

Abbiamo avuto una segnalazione che dopopranzo nello Tse yang di via Brunner si giocava d'azzardo.

In via Brunner lo Tse Yang non c'è, ma un ristorante cinese sì, il noto Cina Cina

Immagine
Immagine
( ce n'è pure uno indiano subito dopo..

potevano scegliere tra i caffè Stella Polare rinnovato in modo mortalmente triste , subito di fronte, e il bar Illy di stile moderno dietro al chiesa, nel quale c'era il miglior caffè della città, se non di tutto il mondo...
Immagine
e invece scelgono il Malabar..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 21 settembre 2008, 18:22

Da "a ciascuno la sua morte"
pag 49:
Orlando e Laurenti si erano fermati a chiacchierare ancora un po' all'incrocio tra via Roma e via Mazzini, davanti a un palazzo di epoca mussoliniana che ospitava la filiale della Deutsche Bank. Erano infastiditi dalla bruttezza delle due sculture bronzee davanti all'edificio, così diverso dai sontuosi palazzi adiacenti che testimoniavano dell'enorme antica ricchezza di Trieste. [..]era significativo che la Deutsche Bank avesse scelto proprio quell'edificio, come se a Trieste non ci fossero stati altri palazzi a disposizione.
l'edificio no xe dubbi che sia questo:
Immagine
Immagine
Immagine
ma come fazzi Heinichen a darghe del "mussolinian" che invece el xe prima dela guerra e de stile Secession boema...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » lunedì 16 luglio 2018, 21:14

Dall'ultimo romanzo di Heinichen, Ostracismo:

Aristèides lo seguì fino a piazza della Valle, dove Mazza trafficò a lungo prima di riuscire ad aprire il portone di uno dei palazzi...

piazza della Valle, il personaggio vive in una soffitta

Immagine

Immagine

Laurenti chiese da accendere a un africano magrissimo che aspettava davanti all'ingresso principale [della Questura] la riapertura dello sportello pe ri permessi di soggiorno

stamattina non c'era tanta fila
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3618
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da Ciancele » martedì 17 luglio 2018, 8:55

Ogni volta che vedo foto dela piazeta dela Vale me vien inamente la mia piazeta 1953: sporca, zozza, squasi lurida. Adeso cusì neta e piturada. In piazeta stava mula s’ciaveta e nel 46 o 47 se misiaimo con ela e su sorela Zorka. In che via iera ‘sto Gran Malabar? In via XXX Otobre no iera la Questura? Forsi anca la finanza, ma a mi me par pintosto la questura. No sta parlar de Illy che mio fio va mato par lu. L’altro ano el ga fato una gita a Trieste e el me ga mandá per email una foto che el bevi cafè. El ga dito che el ga resistì ala tentazion de lumar (sottrarre) una scudeleta e cuciarin.
Descrizioni de cità in film o romanzi xe par gente de fora. Che no conosi la cità. Anca qua xe lo steso. Te vien fora dela stazion, te giri canton e te son a Servola. Te giri de novo canton e te son a Barcola. No se devi dar tanta importanza.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » martedì 17 luglio 2018, 9:04

El gran Malabar go messo la foto xe in piazza san Giovanni sul canton tacà de Toso.
La questura iera -e xe- dopo la seconda guera -sempre al suo posto la ex casa del fascio e po sede del GMA. In via XXX Otobre in un ex edificio zalonero xe un uficio de polizia.
Qua se te legi el libri, per andar dela stazion a Barcola o a Servola el scrivi anche el bus, in qualche caso anche el numero giusto. El mato vivi a Trieste se vedi benissimo. Se lo incontra al malabar spesso..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » martedì 17 luglio 2018, 13:49

ecco qua: sull'angolo il GranMalabar prediletto di Heinchen e vicino il classico Toso, dove fa comprare al protagonista una fiaschetta di olio di ricino. Chissà se adesso qualcuno è già andato a chiedere da Toso se vendono davvero olio di ricino?
Immagine

buona parte del romanzo si svolge attorno a largo Piave:
Immagine

sull'angolo il bar X, da moltissimi anni là

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » martedì 17 luglio 2018, 13:53

In Largo Piave il protagonista affitta un piccolissimo negozio che trasformerà in ristorantino dal nome "Avviso di garanzia" avente cone clietela mirata ggi avvocati e i funzionari dle Tribunale
io immagino qualcosa come i negozietti che si vedono qua
Immagine

e si rifornirà dalla pescheria vicina, immagino ispirata da questa
Immagine

Il Tribunale è vicino...
Immagine

( queste immagini sono pensate sia per i triestini ma soprattutto per eventuali lettori di Heinichen che non conoscono Trieste e che possono vedere i luoghi a cui si ispira per le descrizioni)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » martedì 17 luglio 2018, 20:43

" Alla drogheria Toso in piazza san Giovanni Aristèides Albanese dovette attendere mentre alcune anziane signore in pelliccia, che stando al leggero odore di canfora dovevano esser state tolte dall'armadio solo pochi giorni prima, si rifornivano di sapone, tè e zafferano. Quando arrivò il suo turino chiese dell'olio di ricino- dove altro avrebbe potuto trovarlo se non lì?Molte cose erano cambiate in città durante i suoi diciassette anni di assenza, cose che facevano mal e agli occhi solo a guardarle. Ma la drogheria Toso era immutabile da oltre un secolo, aveva superato guerre,c risi e cambi di generazione, resistito a offerte di acquisto redditizie e, come l'adiacente Gran Malabar, reagito all e mode passeggere opponendo con perseveranza una qualità costante"


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » venerdì 20 luglio 2018, 14:20

"dal centro si era inerpicato in autobus fino al grigio complesso di cemento alla periferia della città [..] una delle orribili torri."
prendo la foto di Marino Ierman dalla mostra inaugurata ieri su Il secolo italiano

Immagine
Sembra che anche grazie allo sceneggiato " la porta rossa" ci sia più di un turista che chiede di vedere da vicino Melara :-)


"alcune settimane prima l'ennesimo coglione aveva rubato l a pipa di bocca alla statua in bronzo di Umberto Saba e staccato il bastone. Sotto il sole della trda mattinata un fabbro in tuta blu dispose gli attrezzi sul selciato e accese il cannello per saldare le ennesime copie degli oggetti sottratti al celebre poeta triestino. Come sempre quando si imbattevano in qualche lavoro in corso, alcuni anziani si radunarono subito per commentare la perizia degli operai di turno, che naturalmente non erano più come quelli di un a volta"

Immagine

in realtà il libro è ottimista: ormai sembra che abbiano deciso che " no merita " restaurare in una città dove appena restaurato distruggono di nuovo

"lo sguardo gli cadde per un attimo sull'ultimo piano dell'opulento palazzo in stile Liberty all'angolo di via Dante Alighieri.
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » venerdì 20 luglio 2018, 14:22

e dall'ultimo piano cadrà Maggie Aggeliki, anglo-greca che voleva investire nel porto di Trieste. Il delitto principale del libro

Immagine

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3618
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da Ciancele » venerdì 20 luglio 2018, 17:30

No volevo dir gnente, ma davanti a cusì bele foto me xe scampà. Via Mazini e via Dante ga le case più bele de Trieste. Te te imagini se i gavesi bombardà Trieste come che i ga fato in Germania? Penso tanto a Desda, ma anca a altre cità. Una vergogna. Scusè.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » domenica 12 agosto 2018, 12:26

Superato il comune passò davanti alla piccola taverna greca di una sua vecchia conoscenza e decise di concedersi un pranzo come si deve e non un tramezzino. Considerando la marcata deriva a destra della nuova giunta, poteva stare sicuro che né il sindaco né il suo entourage avrebbero messo piede in un ristorante che serviva cibo straniero.

sarà questo? in via Crosada o uno di quelli d i via Malcanton? io ho pensato a questo, non ci vedo l'attuale sindaco seduto qua
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34099
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Trieste de Veit Heinichen

Messaggio da babatriestina » martedì 14 agosto 2018, 13:32

heinichen fa anche un'osservazione che mi ha colpita, nel suo utlimor omanzo: a Trieste c'è cucina do pesce, cucina carsolina, cucina greca, cucina turca, cucina cinese, cucina giapponese... mediorientale... però manca un ristorante di cucina austriaca! ;--D
per tutti quelli che si riempiono la bocca di mitteleuropa, non c' un ristorante per dire che faccia un vero Wienerschnitzel ( pullulano le Lubianske invece) per non dire un Pariserschnitzel che credo pochi sappiano pure cosa sia.. o che ti facciano sul momento un Kaiserschmarrn... non c'è nemmeno un ristorante ungherese con un Gulasch e nemmeno uno di cucina francese che ti faccia un soufflé...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Trieste de ogi”