Giuseppe Rota (1836-1911)

a Trieste ghe xe un teatro Comunal che de oltre 200 anni fa opere, balletti, concerti... e altri teatri che fa spettacoli musicali de tipo classico: contene storie vece e resoconti de spettacoli attuali..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da Piereto » mercoledì 24 novembre 2010, 21:24

Xe pasà anche qua tanto tempo da l'ultimo post,ma su Rota e faccio me son fato l'idea ,visto che go lavorà al Verdi,che casa Ricordi voleva piazar sia Faccio che i suoi coristi e la sua orchestra,co la scusa che con sta Aida ,opera nova e grandiosa per l'epoca de Verdi,no se podeva far come sempre lesinando su le spese.Cioè no se podeva aver una orchestra de 50 elementi e un coro cusì e cusì. Dovemo ricordarse che anche in quei ani i soldi iera curti nonstante che el Verdi fosi un teatro Cesareo,cioè che el ciapava bori dal governo centrale de Viena.(diventà cesareo soto Giuseppe II ). E quindi Rota xe sta estromeso. Fino a quela data ,el violin de Spalla o el maestro al cembaleo,che saria come ogi el maestro de palcoscenico o un maestro sostituto, provava coi cantanti e poi insieme con l'orchestra,e se no iera bori el dirigeva lui l'opera,opur el preparava tuto in atesa che rivasi el diretor titolare scelto da la direzion.Quindi Rota fazeva el maestro concertatore e poi anche el direttor. Dal 1873 le robe cambia,e quindi Rota va via. Verdi che ammirava Faccio no xe vignù a diriger perchè no ghe interesava più ,e nol gaveva più i ani de gli inizi. Verdi ga anche direto e scrito a Trieste il Corsaro e Stiffelio perchè la moglie, la cantante Strepponi la iera fia de un maestro concertatore milanese che gaveva za operado al Verdi,e vivendo a Trieste la iera diventada amica de una Hirshel,cioè de la fia del paron del teatro che quela volta no se ciamava Verdi ,ma Grande. Forsi savè anche la storia dell'omicidio nel palco n° 9 di pepiano che ga visto l'accoltellamento de due esponenti de la famiglia Hirschel,ma questa xe una altra storia.



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da Nona Picia » mercoledì 24 novembre 2010, 22:05

Perchè no te ne la conti? :-D


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36145
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da babatriestina » mercoledì 24 novembre 2010, 22:09

Continela ben, che mi go letto allusioni.. palco 9 piepiano? e dir che son stada più volte ospite in palco 10.. nel 9 mai..
ma la storia no la so propio!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da Piereto » venerdì 26 novembre 2010, 15:29

Adeso ve digo . Xe un fato realmente aviniù al teatro Grande,che saria el nostro Verdi,inaverto da apena sei ani. Iera una volta.... ,cioè coreva l'ano 1807, e in una recita de una sera del 9 dicembre,(credo fosse l'opera "Alfonso e Cora"di Simone Mayr) un certo sior Hovall ,sudito ungherese, ghe devi aver girà i bacoli,forsi mi credo che i sonava sai mal l'opera,o no la valeva un boro,o forsi nol stava za de tempo ben co la capuzera,fato sta che armatosi di coltello,el se gà fato verzer la porta del palcheto N°9 di pepiano ,e el ga pugnalà Rachele Hirschel e la nuora Stella che le stava guardandose el spetacolo.Rachele iera la moglie de Moisè Hirschel nata Vivante .I Hirschell Iera richi comercianti de origine amburghese , de tessuti ,ed esisti ancora al numero 9 del corso la loro casa ,sora la galeria Rossoni.Tanto richi che poi el fio de Moisè ,Leone sposandose nel 1832 con una Clementina Minerbi,altra ricca fameia,acquisterà nel 1835 el teatro Grande ,cioè el nostro Verdi. La Clementina Hirschel la gaveva una bela vose e la iera amica de la fia Giuseppina de Strepponi padre ,un maestro sostituto nonchè impresario per qualche ano al Grande . La giusepina la fezeva le sue prime esibizioni sul palco del Grande.Se vedè l'intestazion della partitura del Stiffelio de Giuseppe Verdi ,vederè che el xe dedicado a Clementina. Difati Verdi tramite la sua mula Giusepina el otien da Leone Hirschel proprietario del teatro el permeso de poder rapresentar a Trieste el Stiffelio. Cosa vol dir le conoscenze. (ma anche questa xe una altra storia)



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36145
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da babatriestina » venerdì 26 novembre 2010, 16:04

Sui Hierschel gavevimo parlado za
dove che proprio iera sta allusion:

incidente del 4 dicembre 1807


finalmente la mia ricerca con gli Hierschl é finita, per conto mio, e potete sapere tutto solo clicando su : http://deudon.charles.free.fr/salons.htm#hierschel (ma sempre in francese) forse scoprirete anche un evento avvenuto a Trieste il 4 dicembre 1807 e se qualcuno di voi ha un detaglio, un complemento di informazioni sulla facenda, ringrazio di farmelo sapere - grazie per tutto l'aiuto passato e anche quello futuro :-)
che ne gaveva lassado in sospeso e curiosi.
qualcossa dela famiglia anche


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da Piereto » venerdì 26 novembre 2010, 20:30

Comunque del 4 dicembre me informerò ,ma go i miei dubi su le date perchè nel testo francese se parla del 2 dicembre ,mentre quel italian parla del 9,e lo steso val per la compravendita del teatro che Ruteri disi fata nel 1832. Comunque ve go dito de l'opera che i dava la sera dell'omicidio,che nisun ga menzionà,e anche che l'amicizia fra i Strepponi e gli Hirschell,ga avù alti e basi.Ma za forsi savè che i Strepponi che fazeva anche i impresari gà fato un buso de 3800 fiorini ne la stagion del teatro del 1806 ,dove che se gà da una sola opera,quando che inveze se ne fazeva tre complessive in autunno,carnevale -quaresima e estate.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36145
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da babatriestina » venerdì 26 novembre 2010, 20:55

Sì, l'opera xe quasi sicuro quela, guardando el Comunale di Trieste de Levi, pag 111: in quela stagion ghe xe stada sta Alfonso e Cora e altre due, che però iera in primavera o carneval quaresima, Se el fattaccio iera in dicembre.. ma perchè nel elenco la xe messa prima?

per ste robe ghe volessi che postassi la Ernesta, che in realtà iera finida qua perchè ghe interessava una Ernesta Hierschel Minerbi dela fin Ottocento che se gaveva sposado in Francia.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da Piereto » sabato 27 novembre 2010, 12:37

De solito la nova stagion de le opere adeso la comincia in autuno,perchè d'estate se preferisi attività all'aperto per via del fresco. Ma in quei tempi lontani e ancora vizini al 700, l'unico obligo che se gaveva iera quel de rispetar sia le date e le festività de la cesa,che quele civili. Anche la attività lavorativa de la giornata iera misurada sia su le ore de sol che su la frequentazion de le mese e funzioni religiose. Una sharia cattolica che la rivoluzion francese gà fato cascar. Po le opere veniva scelte in ragion dei bori che se gaveva in cassa,e se iera disponibile una compagnia de cantanti de giro ,co le scene,e magari che gavesi l'opera in repertorio,cioè con le parti scrite de proprietà,(cioè se doveva far ricorso ale conoscenze de un impresario). I sonadori e el coro se li trovava aTrieste.No iera la Siae ,e quela volta bastava un musicista con orecia bona e memoria che ascoltada una prima,po trascriveva e nisun diseva niente. Quindi se verzeva la stagion se se podeva. Per cui de solito rivava aTrieste le opere dade a Venezia. Dovemo anche pensar che semo in periodo de guere napoleoniche. Xe la bataglia de jena,napoleon entra a berlino,el sacro roman imperator vien destituitdo e Francesco II SRI,diventa Francesco I imperator de Austria . I commerci e i bori che gira xe variabili, ogni tanto i franzesi va e vien .Insoma instabilità. Se combati anche nel 1807 e apena in giugno vien firmada la pace tra Francia e Prusia .Nel 1806 se ga dà una sola opera e ghe xe sta un buso nel bilancio(pochi spetatori),per cui nel 1807 se ga verto el teatro solo dopo l'autuno. Me son leto un libron sul teatro San Pietro cioè el teatro che iera prima del Grande -Comunale -Verdi,e credo forsi de aver capì lo spirito del secolo. Comunque l'opera del Mayr dada in quel giorno de omicidio no la xe sta mai più rifata al Verdi,se vedi che la portava mal.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da Piereto » sabato 27 novembre 2010, 12:46

El libro de boteri sul Verdi riferisi le produzioni che vien fate in un ano.Mala stagion cominciava alora come adeso in autuno e la finiva l'ano dopo con la quaresima.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36145
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da babatriestina » sabato 27 novembre 2010, 12:56

Piereto ha scritto: Comunque l'opera del Mayr dada in quel giorno de omicidio no la xe sta mai più rifata al Verdi.
ti disi che i pensava che portava pegola? o la iera de scarsa qualità?

Se te ga ocasion, contine qualcossa del teatro san Pietro.. mi go messo le foto e so che iera el stesso edificio che prima iera el Conisglio del Comun, un bel edificio in stile sansovinian
Immagine
( del thread )


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da Piereto » domenica 28 aprile 2013, 16:37

Savè che Giuseppe Rota ga scrito el libro "L'emancipazione dei sordomuti " un metodo per donare la parola ai sordomuti, e questo dopo esperimenti e applicazioni del metodo tra el 1874 e el 1875 avenudo al collegio de Francia a Parigi. . El metodo se basa su la aplicazion de un aparecchio Marey , cioè le vibrazioni de le corde vocali ne la laringe le veniva amplificade e riportade su un cilindro e co un penin su un grafico de carta. Aplicado el aparecio al sordomuto e fato el grafico per le singole vocali, con esercizi de letura sucessivi e de canto de tante silabe formade con tute le 5 vocali e po parole bi e trisilabi e sempre confrontando la emision col primitivo grafico de le cinque vocali, se rivava dopo un longo lavor a far parlar el sordomuto senza emisioni de suoni guturali e senza che el sentisi cosa che el diseva. Se tratava sempre de un sordo e muto in quanto nol podeva sentir i suoni dei altri , nè i propri. Nel 1898 l'istituto per sordomuti vien ultimado a Trieste e l'istruzion vien dada da principio come che voleva el Rota e come che se fazeva a Parigi, ma po' se riprendi le abitudini precedenti de insegnamento, e solo co la legge italiana che aprovava l'istruzione obbligatoria per i sordomuti nel 1923, e nel 1928 co la riforma Gentile sto metodo el rientra nei regolamenti de la legge della pubblica Istruzion. La civica scola per sordomuti se trovava sul canton de via commerciale con via Sant'Anastasio.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36145
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da babatriestina » lunedì 18 agosto 2014, 18:17

Un ricordo de Guseppe Rota anche al Museo de storia patria: la sua croce de cavalier de ... Savoia!
Immagine
dono de Maria Rota Bouillon, anno 1911, Immagino dopo la morte


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36145
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giuseppe Rota (1836-1911)

Messaggio da babatriestina » sabato 3 dicembre 2016, 15:43

Confermo dal data 1911 pe r la morte, anche perchè.. ghe xe una sua foto del 1910! :-D

Rota, Giuseppe <1833-1911>

Immagine

Giuseppe Rota musicista / F. Penco Trieste
Trieste : [1910]
positivo : aristotipo ; 145x100 mm
Collocazione: CMSA F Ritratti PC 4 - 8-10; CMT Archivio fotografico 731

E a sto punto diria che no ghe sia dubbi che el sia stado parente dela mia profe de ginnastica Giuseppina Rota.. somiglianza notevole..

ghe xe nel Museo teatral sia qualcossa relativo a sta storia dei sordomuti, sia la sua bacchetta.
Intanto una sua cartolina a Schmidl, la data no xe ciara perché xe el ciodin sora, ma xe dei sui ultimi anni e.. col chiudilettera dela lega Nazional
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Musica clasica”