Maretta al Verdi

a Trieste ghe xe un teatro Comunal che de oltre 200 anni fa opere, balletti, concerti... e altri teatri che fa spettacoli musicali de tipo classico: contene storie vece e resoconti de spettacoli attuali..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia » sabato 2 giugno 2007, 8:35

A quanto ne so mi, el xe sempre sta un tipo che diseva "O se fa come che digo mi e me porto i artisti che voio mi e me paghè come che voio mi o nisba" e se no andava come che el volevo el se dava malà. A volte el se ga dà mala e el se andà a diriger altrove e questo no xe de sicuro molto corretto, ma sicome i triestini lo ama molto certe robe xe passade via come l'acqua. Mi lo go sentì in diverse opere, xe vero che el scegli generalmente cantanti boni e che el xe bravo, però go sentì anche dei direttori meno noti che iera meio de lui e i costava de meno. E el xe anche noto per le sue paiazade.


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1982
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Maretta al Verdi

Messaggio da Piereto » martedì 29 ottobre 2013, 8:54

Scrivo in sto post, rinfrescandolo dopo tanti ani, perchè la mareta al Verdi xe quantomai reale e atuale. Noi forumisti, o almeno mi, semo maladi de storia, andemo avanti , ma guardemo indrio con un ocio de amor e de riguardo. Anche senza voler no se pol no far politica, perchè i confronti tra pasato e presente salta ai oci. La maretta al Verdi xe un rifleso de la mareta in tuto el nostro paese. Qualchidun volesi che dai pochi nodi de vento de la mareta se pasasi a burrasca per cambiar el paese e po tornar a la calma dopo la tempesta in una nova era. Qualchidun altro inveze preferisi continuar a scansar el vento, ma el finisi per ciaparlo sempre in muso. Ma finimo co la meteorologia e venimo al merito. I enti lirici che deso se ciama fondazioni, xe sta sempre un poco spendacioni (rischio di impresa), confidando nel interessamento del publico, e sicome son uno storico ve dirò che sin dal settecento el nostro teatro, che prima se ciamava San Pietro, iera sta riconosù come teatro cesareo da Giuseppe II, e quindi gaveva a disposizion dei fondi publici che veniva da Viena. In Italia i teatri lirici (tredici enti tra cui el nostro Verdi) dopo la seconda guera mondial i ga ciapado i schei a piedilista per tanti ani, ma a un certo punto el rubineto ga comincià a serarse. Xe nati più tentativi de riforma, zercando de meter un fren ai sprechi (legi magnadora), e la nascita del Fondo Unico dello Spettacolo FUS, xe parso subito el toccasana (soldi contro spese documentate e certe, come el pagamento dei stipendi ). Ma sicome che tuto el aparato de lo Stato ga scominzià a far aqua, xe nata la decision za de subito de taiar anche i fondi a disposizion del FUS, e cusì ano dopo ano. ( ben prima che gavesimo incontrà la parola spending review ). Solo che, e lo vedemo adeso ogni giorno, chi che taia, taia sempre nei stesi posti e mai in casa propria, sperando che i li continui a votar. Se semo capidi. Calando i bori i teatri ga dovesto taiar su le scriture quindi con diminuizione de atività de pregio,, sui alestimenti idem , sul personale che podeva servir per le grandi ocasioni, poi anche su quel de ogni giorno, e adeso la prospetiva e la volontà dei politici xe de tornar indrio de 60 ani obligando a far atività stagionale. Forsi resterà in pie i solo do tetrai e tuti i periferici sparirà. Continuando a taiar e contemporaneamente a far debiti, e a svender i beni dei citadini e a delocalizar o a scampar via, no se sera solo i teatri, ma tuto el bel paese. Chi ga i poteri in man devi cominciar a doprarli, e el primo paso xe " la spesa standard ". Come una siringa devi costar a Bolzano come a Palermo la stesa cifra, e per tute le aministrazioni publiche, cusì anche i teatri lirici devi aver i stesi costi. Più o meno i tien tuti 1500 posti e per esperienza personale i funziona con 300 dipendenti (orchestra, coro, tecnici, e impiegati).Zontemoghe un milion per far l'ativita istituzionale , e vien fora el costo reale. E no se pensi più de taiar. Enti o cità che vol de più se trovi i finanziamenti privati. Punto.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36541
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Maretta al Verdi

Messaggio da babatriestina » martedì 29 ottobre 2013, 9:08

sante parole.. una domanda: per ingrumar qualche soldin i podessi afittar el teatro digo edificio per altre atività? tanto per dir, domenica iera la conferenza al Ridotto del Verdi.. che po i me disi che i ga averto anche per el pubblico la platea e i ga diffuso con altoparlanti..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1982
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Maretta al Verdi

Messaggio da Piereto » martedì 29 ottobre 2013, 10:06

Za fato, ma ..... i xe più cari de altri co i afita la sala. Certi tipi de spettacolo per esempio vien dadi al Roseti e quindi che xe una concorenza tra Verdi e Roseti, e che ogi no dovesi eser. Cito i musical e i baleti de sti ultimi ani, e sta sera me par che i fa el flauto magico de un grosso regista inglese, e logicamente per question de costi al Roseti, e sempre per i costi col solo pianoforte. La concorenza xe stada da sempre, e xe anche la ragion de la costruzion del teatro Roseti. Cioè Trieste voleva un altro tipo de programazion più moderna ,più europea e anche meno classista, insoma do tipi de publico diversi. Tanto xe vero che la tetralogia se ga da al Roseti, Mahler ga direto al Roseti e anche tante altre opere xe stade dade prima al Roseti. Anche Lehar ga da le sue operete al Roseti. La societa dei concerti xe andada al Roseti. E el afito del Tripcovich xe anche lu caro, dipendendo dal Verdi. El Miela xe una cooperativa, quindi che costa ancora de meno e la zerca de venirghe incontro a tuti. E ciononostante ghe xe tanti grupi amatoriali de musica e de prosa che no sa come far per farse sentir. Anche el Conservatorio col fa le robe in grande el devi trovar i schei per pagar l'afito de una sala più granda. Po ghe xe le spese fise : pompieri, eletricista,fonico, datore luci, Siae, e sbiglietamento, insoma un percorso a ostacoli che se fa ogni ano più dificile.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1982
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Maretta al Verdi

Messaggio da Piereto » martedì 19 settembre 2017, 15:57

Prosegui la maretta al Verdi. Passa i anni ma....inveze de andar avanti se va indrio. Succedi che per qualsiasi attività che riguarda l'intervento dello Stato se preferisi crear una nova organizzazion e quindi provvedimenti legislativi che troppo spesso necessità de spiegazioni, piuttosto cha andar a cambiar un paragrafo o un capoverso de una legge o regolamento de vecia data. Giusto per farse bei co una nova legge. Cosicchè l'erogazione dei fondi che servi a far l'attività delle Fondazioni liriche xe ligada a novi parametri. Uno de questi prevedi che se aumenti el numero de contribuenti privati , non nel numero ma nella quantità dei bori. Cosicchè el Verdi , e cioè Trieste pol far affidamneto sul contributo de 4 imprenditori, perchè Trieste gà solo 4 imprenditori. Se Verona ciapa i schei da 4 imprenditori pol ciapar novi contributi da centinaia de imprendotori perchè la consistenza economica de Verona xe diversa da quela de Trieste. Tiradi via le Generali e la Siot, poderà tornar Illy, ma no xe altri. Allora risulta che no ghe xe l'impegno della Sovrintendenza del Verdi a incrementar gli introiti. Una vera scemenza pensada a Roma. Pensada ? Malamente. Questo vol dir ciapar 900.000 euro de meno. Se risparmia su tuto, aumenta i abbonati, ma per Roma no basta . :evil: :twisted:



Rispondi

Torna a “Musica clasica”