Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

dele canzoni triestine ai spettacoli de musica leggera che se tegniva e se tien a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 35909
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

Messaggio da babatriestina » domenica 9 ottobre 2011, 15:51

C'è un seconda strofa:
No venderia
la mia bela baracca
.......
con qualche palazzo.
......
cola bora me iazzo.
.......

cito a memoria, ma si può ritrovare


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

Messaggio da mandi_ » domenica 9 ottobre 2011, 16:18

Cocoli i muleti! Chissà se le so maestre ga insegnà qualcos de cossa le era le venderigole, de cossa le faseva...Bela l'usanza de nsegnar canzon en dialet ai pici.

Avete notato che usano la parola "flica" per dir "bori"?

Me pias i "brazi stagni e forti", rende l'idea...

Da noi "pizigon" se dis "spizegon" ma i fa mal entrambi! :lol:

Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7197
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 9 ottobre 2011, 18:59

Ci sono molte belle canzoni trentine, ma quella che in questo momento mi piace di più è "L'è tre ore che son chi soto".
L'è tre ore che son chi soto con chitara e mandolin
e no so capir negota che no te vedo comparir.
Butete fora, daghe n'ociada che gh'è soto 'l caro Bepin.

Geri t'ho vista a messa cantada: corpo de Baco se t'eri mai bela!
co' la drezza petenada te me parevi 'n anzolin.
Butete fora, daghe n'ociada che gh'è soto 'l caro Bepin.

Ogni volta che te rivedo a mi me ven el sbrisegolin
e no so capir negota che pù no dormo nè not nè dì.
Butete fora, daghe n'ociada che gh'è soto 'l caro Bepin.
La trovo fresca, allegra, l'innamorato è proprio cotto, non dorme più e gli basta vedere la treccia ben pettinata per perdere la testa...


Molto bella anche "Le maitinade del nane Periot" che qui è eseguita dal coro di Ala (e infatti nella canzone si fa riferimento al monte Baldo).



Ma il Trentino ha un patrimonio di musica corale immenso ed il coro mi piace moltissimo. Mia piace il concetto di un insieme di voci sostanzialmente mediocri che messe assieme producono qualcosa di bello. Mi piace il concetto di opera d'arte collettiva.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7197
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 9 ottobre 2011, 19:07

Ho dimenticato il testo della seconda
La me morosa l'è da Monte Baldo,
ela la 'mpiza 'l föch e mi me scaldo.

La me morosa per en prà la core,
dove la mete 'n pè ghe nasse 'n fiore.

Ghe nasse 'n fior e po' ghe nass' 'na rosa,
dove la mete 'n pè la me morosa.

Leva su, bela, ch'è levà la luna
le verz'è cott e la polenta fuma.

Leva su, bela, da quel cossineto,
quatro parole e poi ritorno a leto.

La mamma mia per non farmi dota
la m'ha ligà la pancia con 'na stròpa.
ed una nota: l'armonizzazione della canzone è di Arturo Benedetti Michelangeli.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

Messaggio da mandi_ » domenica 9 ottobre 2011, 21:34

Confesso amaramente di non conoscere la seconda canzone, dal finale un pò furbetto... :wink: Mi aggiornerò....


Ricambio la cortesia con l'intera canzone della venderigola ....come i me l'ha pasada. E' stata presentata il 14 febbraio 1895 a un Concorso di complessi corali (con un premio di 200 corone). Il coro era mascherato, in occasione del Carnevale.


Qui c'è la locandina o testo musicato

http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?VIS ... 0227967236


LA VENDERIGOLA

Son de mestier venderigola in piazza,
son triestina, ma dona, sincera,
mi trato tuti con bela maniera,
solo un scartozzo no posso sofrir.
El vien, el palpa, el sbècola,
el resta là impalà
a dirme stupidezi
che proprio no me va.
Se ancora, el guardi, el stùziga,
ghe tiro drìo un limon;
go brazzi stagni e forti,
che nova? Sior paron!

No cambiarìa la mia bula baràca,
nè istà, nè inverno, con qualche palazzo,
là sfido 'l sol, co' la bora me iazzo,
ma no bazilo, san fata cussì.
Pecà che vien quel tàngaro
in guanti profumai;
per spender la flicheta
el tira su i ociai.
E po' 'l me disi «strucolo»
el tenta un pizigon...
go brazi stagni e forti,
che nova? Sior paron!
Che nova? Che nova?
Che nova? sior paron!

Se qualche volta i me tira in barufa,
la cavelada va in aria, no nego,
e zigo forte che proprio me sbrego,
za chi che ziga ga sempre ragion.
E a quel ghe zigo: "bacoli!"
se 'l credi 'sto pivèl
de rimurciarme in casa
coi fruti in tun zestèl.
Son nata venderigola
a l'ombra del Melon,
go brazzi stagni e forti
che nova? Sior paron!
Che nova? Che nova?
Che nova? sior paron!


Belisima!Me par na baba sveglia!


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 35909
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re:

Messaggio da babatriestina » venerdì 11 gennaio 2019, 13:24

LELA ha scritto:
lunedì 6 aprile 2009, 1:40
E mi vado 'vanti:

DIMELO, DIMELO, DIMELO
(Canzon popolare)

"Dimelo, dimelo. dimelo,
di che contrada sei?"
"Son de la Madonina
son dela Madonina"
"Dimelo, dimelo, dimelo,
di contrada sei?"
"Son dela Madonina
numero ventisei."
come si cantasse il resto, non so,
ma a casa mia questo verso veniva cantato come

Dimelo dimelo dimelo
di che paese sei?
sono dela Malora e numero trentasei


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 35909
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

Messaggio da babatriestina » venerdì 11 gennaio 2019, 13:25

a cui veniva associato

Dove te jeri??

Bobolo bobolo bobolo
dove te jeri fin sta ora?
in malora
a lavorar!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 35909
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

Messaggio da babatriestina » venerdì 11 gennaio 2019, 13:31

Sul motivo di O du lieber Augustin

E le rave calde le rave calde le rave calde
E le rave calde le rave calde le magno mi

Oi deriderela co piovi el ombrela
Oi deriderango co piovi xe fango
Oi didiririssa co piovi se sbrissa
Oi deridiragna co piovi se se bagna
Oi deriderasa co piovi se sta casa
Oi derideruca co piovi se se struca


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Musica legera”