Modi de dir triestini

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36948
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da babatriestina » martedì 25 febbraio 2020, 12:29

Gavemo el asedo, ma no la locuzion "andar in asedo"


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4233
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Ciancele » martedì 25 febbraio 2020, 12:37

Se disi.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7425
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 25 febbraio 2020, 12:56

babatriestina ha scritto:
martedì 25 febbraio 2020, 12:29
Gavemo el asedo, ma no la locuzion "andar in asedo"
Soto andar ghe xe tuta una racolta de modi de dir...


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36948
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da babatriestina » martedì 25 febbraio 2020, 14:02

orpo e mi zercavo soto asedo..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7425
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 25 febbraio 2020, 15:06

Sula Treccani che go citado sora di scrivi
http://www.treccani.it/vocabolario/sottogamba/ ha scritto:sottogamba (o sótto gamba) avv., fam. – Nell’espressione prendere una cosa, una persona s., prenderla alla leggera, sottovalutarne l’importanza, le difficoltà o le capacità: ha preso s. l’esame ed è stato bocciato; non è cosa da prendersi s., perché elementi estranei non vi producano un’infezione (Palazzeschi); meno com. le espressioni trattare s., con lo stesso sign. (un avversario che non va trattato s.), e fare una cosa s. (o di s.), con eccessiva disinvoltura, senza l’impegno necessario.
Ribadiso che no dovemo copiar el Doria Zeper, anzi... . Comunque, per no discuter avanti, meto la parola.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2048
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Piereto » martedì 25 febbraio 2020, 17:29

Ogi go notado che la busa no xe solo el feminile de el buso, ma ga' un diverso significato. La busa xe l'asola. Finora no ghe facevo fato caso.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36948
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da babatriestina » martedì 25 febbraio 2020, 19:55

noi la busa che disevimo anche ale doline
Ma la busa xe el asola mascio o l'asola femina? se parlemo de quel metalliche


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36948
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da babatriestina » mercoledì 26 febbraio 2020, 21:24

Farghe drio per imitare, parodiare, gavemo?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4233
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Ciancele » giovedì 27 febbraio 2020, 9:24

Andar in gnente, ai miei tempi significava finire in nulla. È negativo se volete, ma anche positivo. Dipende dall’ottica. Per noi era sempre positivo, cioè non comportava oneri (in senso lato) contro di noi. Esempio: I ga fato un condoto de mati, po xe ‘ndà a finir in gnente.
Sono l’unico ad avere questo parere?



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2048
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Piereto » venerdì 28 febbraio 2020, 19:03

Te ga ragion. Andar in gnente xe come finir una roba in ben, tuto resta come prima, ne caldo ne fredo.
Ma ogi iero senta' in un bar e gavevo vizin de mi dei giovini forsi trentenni, e i parlava in dialeto. A un certo punto go scoltà do parole che no gavevo mai sentido. "Ulmo" che da quel che go capì volesi dir pien, e l'altra parola iera "scrauso" che saria credo come de una persona sai a remengo o s'ciopada. Alora anche el nostro dialeto xe vivo e el va modificandose.



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2770
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da mandi_ » venerdì 28 febbraio 2020, 19:16

Prendere sottogamba io lo dico comunemente in italiano


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7425
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 29 febbraio 2020, 7:07

Piereto ha scritto:
venerdì 28 febbraio 2020, 19:03
Te ga ragion. Andar in gnente xe come finir una roba in ben, tuto resta come prima, ne caldo ne fredo.
Ma ogi iero senta' in un bar e gavevo vizin de mi dei giovini forsi trentenni, e i parlava in dialeto. A un certo punto go scoltà do parole che no gavevo mai sentido. "Ulmo" che da quel che go capì volesi dir pien, e l'altra parola iera "scrauso" che saria credo come de una persona sai a remengo o s'ciopada. Alora anche el nostro dialeto xe vivo e el va modificandose.
Ulmo xe za nel nostro vocabolario.

Scrauso no lo go mai sentido, ma el xe sul vocabolario Treccani: http://www.treccani.it/vocabolario/scra ... ogismi%29/ e qua te trovi l'etimologia http://www.treccani.it/magazine/lingua_ ... o_211.html Pareria che sia romanesco, almeno in origine.

Comunque per mi sì, el dialeto xe vivo e dovemo acetar che rivi parole nove, magari de Roma :D ;-) .


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2048
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Piereto » lunedì 2 marzo 2020, 9:18

Si, ma dovemo acetar che tante parole oramai no le vien più doprade, in quanto un mucio de volte le fa riferimento a mestieri che o nisun fa più o i se ga evoludi con nova tecnologia. Penso sia de più le perdite che i novi acquisti.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7425
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 3 marzo 2020, 5:48

Su questo son d'acordo con ti; soprtuto la TV sta uniformando la lingua dei italiani. Per certi versi xe ben (la lingua servi per capirse e in più che semo a capirse con una certa lingua meio xe), per altri xe senza dubio una perdita.

El gergo dei giovani, po', xe vivissimo. Co insegnavo gavevo provà a far coi muli un vocabolario del gergo dela muleria, ma no i rivava a dirme cosa che significava le parole. Per esempio i doprava el termine "blanda" come sostantivo me par, ma no go mai capì cosa che volessi dir. Certi odi de dir dura poco, altri dura.

Per esempio i vigili urbani no i li ciama più "tubi", ma "urbi" (e deso forsi i li ciamerà "locali"?).

QUel che me son acorto, sopratuto quando gavemo fato quela spece de vocabolario italian-triestin, xe che ghe xe una certa diferenza no solo nele parole, ma nel modo che se meti in pie le frasi. Per esempio in dialeto fazo sai uso dei anacoluti.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4233
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Ciancele » giovedì 26 marzo 2020, 18:42

So che no fazemo problemi de etimologia dele parole, ma ve conto che ogi, vardando un servizio sula Croazia, i ga fato veder un coro e i ga dito che el se ciama clapa. In crvato: Klapa, e vol dir grupo, clapa. Me xe vignù inamente la parola colesa, voce del verbo colesar. Ingrumare. La gavè mai sentida?



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36948
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da babatriestina » giovedì 26 marzo 2020, 18:48

colesa? mai sentida


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7425
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 27 marzo 2020, 9:37

Mio nonno: "Quando se va a coleser sariese bisogna ciorle col capòl". Traduco "quando si va a raccogliere le ciliegie bisogna raccoglierle col picciolo" (è molto più facile raccogliere le ciliegie lasciando il picciolo sull'albero, ma non va bene, credo marciscano facilmente).


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4233
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da Ciancele » venerdì 27 marzo 2020, 10:23

sono piccolo ma crescero ha scritto:
venerdì 27 marzo 2020, 9:37
Mio nonno: "Quando se va a coleser sariese bisogna ciorle col capòl". Traduco "quando si va a raccogliere le ciliegie bisogna raccoglierle col picciolo" (è molto più facile raccogliere le ciliegie lasciando il picciolo sull'albero, ma non va bene, credo marciscano facilmente).
Son Picolo, te me ga salvà. No credo de eserme insognà la parola. Ciò che non ricordo è, dove l'ho sentita. In famiglia forse no, ma da un vicino, di origine friulana?
Noi andiamo a prendere le ciliege in un paesetto a circa 40 chilometri, dove ci sono vere piantagioni, con migliaia di alberi. Costano forse un po' meno che in città, ma nonostante il viaggio l'acquisto direttamente dal coltivatore, in qualche caso raccolto di giornata, merita. Comperiamo sempre diversi chili, anca per la famiglia della figlia. Sono veramente ottime.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7425
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Modi de dir triestini

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 27 marzo 2020, 11:36

Ciancele ha scritto:
venerdì 27 marzo 2020, 10:23
sono piccolo ma crescero ha scritto:
venerdì 27 marzo 2020, 9:37
Mio nonno: "Quando se va a coleser sariese bisogna ciorle col capòl". Traduco "quando si va a raccogliere le ciliegie bisogna raccoglierle col picciolo" (è molto più facile raccogliere le ciliegie lasciando il picciolo sull'albero, ma non va bene, credo marciscano facilmente).
Son Picolo, te me ga salvà. No credo de eserme insognà la parola. Ciò che non ricordo è, dove l'ho sentita. In famiglia forse no, ma da un vicino, di origine friulana?
Noi andiamo a prendere le ciliege in un paesetto a circa 40 chilometri, dove ci sono vere piantagioni, con migliaia di alberi. Costano forse un po' meno che in città, ma nonostante il viaggio l'acquisto direttamente dal coltivatore, in qualche caso raccolto di giornata, merita. Comperiamo sempre diversi chili, anca per la famiglia della figlia. Sono veramente ottime.
Mio nono iera de Isola, ma colezer con la z dolce xe anche sul Doria. Capol inveze no lo trovo.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Rispondi

Torna a “El nostro dialeto”