Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

De 'l porto franco a la prima guera mondial
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » sabato 18 settembre 2010, 20:49

macondo ha scritto:
babatriestina ha scritto: sulla facciata dell'edificio che ospita la Comunità, sui cui è presente pure questa targa, dell'anno 1929:
E dove saria l'edificio in question?
Via del Monte!
Immagine
la targa in memoria della Porta di Sion xe un momento più in suso, all'ingresso del museo, questo xe el edificio principal. In mezzoale due finestre, una targa scancellada che gnanca la guida me ga savù dir cossa che ghe iera prima


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » domenica 19 settembre 2010, 14:31

babatriestina ha scritto: Le navi principali di tali rotte erano del Lloyd Triestino, in particolare le navi: Palestina, Tel Aviv, Galilea ( ex Pilsna), Gerusalemme, Cesarea.
Una citazione letteraria:
El Noneto, anno 1959
La Vulcania

Co' gerimo putei i ga varà el Vulcania:
iera cascà de poco el Kaiser de Germania
[..]
Mia sorela stralocia andava a tuti i vari:
el Caifa, el Calitea, el Palestina e el Bari,
quei de la linea ebrea.
[..]


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » lunedì 25 ottobre 2010, 7:38

babatriestina ha scritto: Comunque, già prima dell'apertura del Ghetto, Maria Teresa, assai benevola verso gli Ebrei triestini (dicono molto meno verso quelli praghesi, ma non so perchè..)
in effetti, mentre a Trieste Maria Teresa concedeva patenti, negli anni 1744-45 espelleva gli ebrei da Praga per tre anni.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » lunedì 25 ottobre 2010, 8:04

Siamo verso la conclusione di questa breve storia, per chi è interessato ci sono i libri della mia collega prof Silva Bon esperta in materia
http://www.irsml.it/testi/bonebreibib.doc
dove trovate una bibliografia
in oarticolare:
Gli ebrei a Trieste. Identità, persecuzione, risposte

Personaggi usciti dalla comunità religiosa come il podestà Salem ( sotto cui vennero eseguiti tutti i lavori urbanistici degli anni Trenta), e che era stato irredentista, volontario italiano nella prima guerra, si ritenevano ormai integrati nella società laica e fascista, notare che venne preferito nelle elezioni al candidato del partito, Cobolli Gigli; vennero colpiti dapprima moralmente e poi legalmente dalle leggi razziali, per cui diede le dimissioni nell'agosto 1938, e non fu lui ad accogliere Mussolini nella famigerata visita del settembre 1938. Fu la persecuzione antiebraica, che a Trieste si rivelava per la prima volta in maniera così esplicita , a far comprendere che la via dell'integrazione allora risultava impossibile.
Ma il peggio venne con l'occupazione tedesca dal settembre 1943, le deportazioni , dalla risiera ai campi di sterminio:
Immagine
( targa sulla Stazione)
particolarmente odiosa fu la deportazione dei vecchi della casa di riposo Gentilomo
Immagine
Al Museo della comunità, alcuni ricordi di oggetti prelevati ai deportati
Immagine
e immagini della devastazione della Sinagoga
Immagine

Molti si salvarono emigrando, poi ci fu chi tornò e chi rimase lontano, principalmente negli Stati Uniti.
La Comunità si ridusse e solo dopo la guerra pian piano si è ripresa.
Il resto, e attualità


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » sabato 30 ottobre 2010, 18:07

babatriestina ha scritto: Comunque la Comunità prosperava e i personaggi più in vista si misero in luce nei commerci e soprattutto nelle assicurazioni. Diversi di loro vennero nominati baroni nell'ottocento.
Fra i fondatori ebrei delle Assicurazioni Generali nel 1831 ricordiamo: Giuseppe Lazzaro Morpurgo, nato a Gorizia nel 1759 e morto a Trieste nel 1835, Marco Parente, Caliman Minerbi. Alcuni di essi erano pure banchieri.
Aron Isak de Parente si trova fra i ritratti dei presidenti della Borsa, ora Camera di Commercio ( 1838-1841)
Immagine
era un signore che pur nell'ottocento non rinunciò a tricorno e spadino, e mette in mostra la sua medaglia di un'onorificenza concessagli da Francesco Giuseppe


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » giovedì 30 dicembre 2010, 11:44

babatriestina ha scritto:

Nel 1771 Maria Teresa concesse due famose patenti ( riconoscimento) alla Nazione Ebrea: alcune frasi:
..Accogliamo e prendiamo sotto gli auscpici della singolare Nostra Protezione, Grazia e Clemenza gli Ebrei già stabiliti o che si stabilissero in Trieste, come pure le loro mogli e figli [..]
Gli conferiamo la facoltà ibera liberissima di commerciare per Mare e per Terra e di piantare in Trieste Fabbriche..
[..]
Gli concediamo di professare la Religione ebraica, e di esercitare nella loro Sinagoga le funzioni, cerimonie r riti della medesima Religione [..]Dichiariamo che ne'giorni di Sabato, e in altri giorni festivi ebraici non posino gli ebrei esser forzati di agrire, procedere, rispondere..

Questa patente si conserva tuttora ed è stata salvata durante la seconda guerra mondiale grazie all'opera del Vescovo Santin, a cui era stata affidata.
il testo completo:
http://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?id ... privilegio


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » mercoledì 25 luglio 2018, 8:47

Da poco in piazza della Borsa, hanno messo alcune " Pietre d'inciampo" che ricordano ebrei qui vissuti e deportati
Immagine
https://it.wikipedia.org/wiki/Pietre_d%27inciampo

https://commons.wikimedia.org/wiki/Cate ... in_Trieste


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » mercoledì 8 agosto 2018, 12:16

i Vivante in zona Cavana. A leggere i dati, sembra che i vecchi siano morti tutti e alcuni dei giovani siano sopravvissuti. Questo per il diverso trattamento, i vecchi venivano uccisi subito..
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34760
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da babatriestina » sabato 27 ottobre 2018, 12:25

Forse l'hanno fotografata anche altri, ma mi pare di essere la prima a postare l a nuova lapide sotto il Municipio sulle leggi razziali

Immagine

C'è una citazione sugli Amaleciti presa dal Deuteronomio ( Antico Testamento)
ve la riporto completa - non credo differisca dalla versione ebraica originale..

17]Ricordati di ciò che ti ha fatto Amalek lungo il cammino quando uscivate dall'Egitto:

[18]come ti assalì lungo il cammino e aggredì nella tua carovana tutti i più deboli della retroguardia, mentre tu eri stanco e sfinito, e non ebbe alcun timor di Dio.

[19]Quando dunque il Signore tuo Dio ti avrà assicurato tranquillità, liberandoti da tutti i tuoi nemici all'intorno nel paese che il Signore tuo Dio sta per darti in eredità, cancellerai la memoria di Amalek sotto al cielo: non dimenticare!



uno si domanda: beh cosa successe a sti Amaleciti? allora si va a un altro passo: Esodo

E Giosuè sconfisse Amalec e la sua gente passandoli a fil di spada.
Il SIGNORE disse a Mosè: «Scrivi questo fatto in un libro, perché se ne conservi il ricordo, e fa sapere a Giosuè che io cancellerò interamente sotto il cielo la memoria di Amalec».
Allora Mosè costruì un altare che chiamò «il SIGNORE è la mia bandiera»; e disse:
«Una mano s'è alzata contro il trono del SIGNORE, perciò il SIGNORE farà guerra ad Amalec di generazione in generazione» » (Esodo 17,8-16)


perché a volte questo ultimo passo viene considerato come prova della crudeltà degli Ebrei di Mosè... ( è la famosa battaglia in cui vincevano finché Mosè teneva le braccia sollevate..)

rimane la mia ossrevazione: stando alal mostra dei ragazzi dle Petrarca in data 3 settembre il Piccolo scriveva già:

Immagine
eppure poi scrivono che il 18 settembre ossia due settimane dopo Mussolini lo annunciò qua per la prima volta.
Qualcossa non bati..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10815
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Storia degli Ebrei triestini-parte seconda

Messaggio da Nona Picia » domenica 28 ottobre 2018, 11:02

Devo andar a fotografar anche mi, ma non col cell


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Rispondi

Torna a “De 'l 1719 a 'l 1914”