Vocabolarietto Triestin-Italian

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10658
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Nona Picia » lunedì 30 aprile 2018, 9:23

Mi savevo che se intendeva un con la spala più alta del'altra...Se diseva anche che i fioi diventava spalete per via della borsa de scola, la"Cartella", eci perchè i ga inventà i zaini scolastici :-D


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33918
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » domenica 3 giugno 2018, 20:01

Sòfigo. Vero caldo afoso , ma me vien la locuzion " far le robe in sofigo" ossia in fretta, troppo ammassate le une sulle altre.Se prendo ttroppi impegni doan mattina, rischio di fare tutto " in sofigo" ( o de sofigo)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3553
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » domenica 3 giugno 2018, 20:35

babatriestina ha scritto:
domenica 3 giugno 2018, 20:01
Sòfigo. Vero caldo afoso , ma me vien la locuzion " far le robe in sofigo" ossia in fretta, troppo ammassate le une sulle altre.Se prendo ttroppi impegni doan mattina, rischio di fare tutto " in sofigo" ( o de sofigo)
Non giurerei, ma non mi suona nuova.



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10658
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Nona Picia » domenica 3 giugno 2018, 20:56

babatriestina ha scritto:
domenica 3 giugno 2018, 20:01
Sòfigo. Vero caldo afoso , ma me vien la locuzion " far le robe in sofigo" ossia in fretta, troppo ammassate le une sulle altre.Se prendo ttroppi impegni doan mattina, rischio di fare tutto " in sofigo" ( o de sofigo)
far tuto de sofigon


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6756
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 5 giugno 2018, 20:58

Messo. Mi go scrito "con tanta fretta", ma forsi saria meio "senza aver il tempo di respirare"? Deme un parer. El Doria lo dopra per magnar e disi mangiare fino a soffocare.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3553
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » mercoledì 6 giugno 2018, 8:06

sono piccolo ma crescero ha scritto:
martedì 5 giugno 2018, 20:58
Messo. Mi go scrito "con tanta fretta", ma forsi saria meio "senza aver il tempo di respirare"? Deme un parer. El Doria lo dopra per magnar e disi mangiare fino a soffocare.
Mi penso che voli dir far in furia e forsi no tropo preciso.
Mangiare fino a soffocare: Noi diseimo insofigarse, 'punto per dir che gavemo magnà de furia, squasi senza mastigar. Ingollare? Altrimenti xe far una spanzada opur incoconarse.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33918
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » mercoledì 6 giugno 2018, 8:59

insofigarse xe una roba ( ingozzarsi); far le robe " in sofigo" no ga de far col magnar o la digestion ma in furia, semai fin a farse mancar el fià


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3553
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » mercoledì 6 giugno 2018, 9:40

babatriestina ha scritto:
mercoledì 6 giugno 2018, 8:59
insofigarse xe una roba ( ingozzarsi); far le robe " in sofigo" no ga de far col magnar o la digestion ma in furia, semai fin a farse mancar el fià
No volaria capir mal, ma credo che semo dela stesa idea. Che el Doria no sia tanto giusto col magnar.
Adeso vado mi a magnar, ma sensa insofigarme. :clapping_213:



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6756
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 1 luglio 2018, 8:34

Oltre a qualche imprecazion, che go za meso nel vocabolario, me xe stada segnalada la parola "gramparela".

No go capì se xe una pus'cia o qualcosa de simile. Ciancele, o chi per lui, te me iuti?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6756
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 1 luglio 2018, 8:48

Go trovado che el xe za nel vocabolario, ma i me ga obietà: "solo quatro uncini"? Quindi resta la domanda "come xe fata sta benedeta gramparela"?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3553
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » domenica 1 luglio 2018, 10:47

sono piccolo ma crescero ha scritto:
domenica 1 luglio 2018, 8:34
Oltre a qualche imprecazion, che go za meso nel vocabolario, me xe stada segnalada la parola "gramparela".
No go capì se xe una pus'cia o qualcosa de simile. Ciancele, o chi per lui, te me iuti?
Son Piccolo Ma Crescerò, co' no te sa 'ndar più avanti te ciami quel pozo de s'cenza che xe Ciancele. Ma sicuro che te 'iuto.
Te va in Google.it e te fa gramparela. Vien fora tuto. anca che Lugara, in Ricordi sule rive, nel suo post del 04.06.2007 ore 14:24 fa una descrizion dela gramparela. E altri ancora. Mio papà gaveva una o do gramparele, par ciapar masinete o caramai. Ma noi muli se fazeimo grampareld come attrezzo tuttofare. Meteimo insieme tre o quatri ami o tochi de fil de fero piegà, li ligaimo con un toco de spago e ghe meteimo un piombo che i vadi zo. Se ierimo su un mureto e in baso iera qualche robeta che ne interesava, cioleimo la gramparela. Purtropo tuti spiega come che se fa, ma nisun no meti pupoli. La pus'cia xe solo par pescar, la gramparela xe un total weapon.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6756
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 13 luglio 2018, 6:33

Me xe sta segnalà che mancava la parola "Peromo", per ciascuno.

Me xe parso giusto segnalar che anche se la parola finisi per omo se la dopra anche per le done. Po' me xe vegnù un dubio. Xe sbaglià quel che go scrito? Deghe un cuc, per favor.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33918
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » venerdì 13 luglio 2018, 7:07

io l'avevo sempre pensato come alla locuzione per omo. Ci ho messo un po' per riconoscerlo tutto attaccato. Vedo che il Doria Zeper lo cita pure anche attaccato. Non ho dubbi che l'espressione valga per ambosessi.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3553
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » venerdì 13 luglio 2018, 8:40

babatriestina ha scritto:
venerdì 13 luglio 2018, 7:07
Io l'avevo sempre pensato come alla locuzione per omo. Ci ho messo un po' per riconoscerlo tutto attaccato. Vedo che il Doria Zeper lo cita pure anche attaccato. Non ho dubbi che l'espressione valga per ambosessi.
Confermo. No lo go mai visto scrito e no so dir. Noi diseimo sempre paromo: una parola o liaison de do parole? Peromo xe fineto. :cheezy_298: :cheezy_298:



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10658
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Nona Picia » venerdì 13 luglio 2018, 8:42

Mi lo go sempre e anche dito come due parole


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6756
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 13 luglio 2018, 14:02

La go messa sia soto "omo" che soto "peromo".
Quanto a peromo o paromo, nela premessa al vocabolario gavevo scrito, za de tanto
https://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?id=dialetto:indice ha scritto:La estrema apertura delle vocali fa sì che, talvolta, la vocale a possa sostituire sia la e che la o, e la vocale e possa sostituire la i. Talvolta queste differenze sono state riportate, come nel caso di Amlet/Omlet, Bala­rin/Ba­lerin, e così via. Spesso, però, delle voci ne è stata riportata una sola. Perciò chi cercasse la parola varigola, non trovandola, farà bene a cercarla anche sostituendo alla vocale a la e, e troverà verigola. Può, tuttavia, valere anche il contrario, che la parola si trovi con la vocale a invece che con la e.
Ve scrivo questo no per farme bel o per altro, ma solo per domandarve un favor: deghe una leta ala premessa e, se gavè voia anche a ste altre pagine https://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?i ... to:plurali e https://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?i ... lterazioni e diseme se ve par che ghe sia qualche sbaglio o imprecision. Tignì presente che el mio scopo xe sempre quel de darghe al possibilità a un che no xe triestin de capir quel che se scrivi.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Rispondi

Torna a “El nostro dialeto”