Uccelli a Parigi

Bestiuze o bestione che i nostri amici in trasferta ga incontrà e che i ga pensà ben de mostrarne
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 41572
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Uccelli a Parigi

Messaggio da babatriestina »

No, non è che ne ho fotografati, ma mi ha colpito questo cartello che vi mostro al Canal Saint Martin, dove si vedevano spesso anatre:
Immagine
Traduco il testo:
Municipio di Parigi

Se amate gli uccelli, non nutriteli!
Perchè?

Nutrirli rende gli uccelli selvatici dipendenti dall'uomo
Nutrirli è nefasto per la loro salute. E' l'origine di raggruppamenti di uccelli e sovrappopopolazione che favoriscono il diffondersi di malattie

Il nutrimento degrada l'ambiente, inquina il mezzo acquatico, favorisce il proliferare di speci dannose

E' vietato nutrire gli uccelli.. etc etc...rimando alle norme
Oggi Parigi è così. proteggiamo la biodiversità.


( nb avevo visto qualcosa di simile in Germania)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
Nona Picia
cavalier del forum
cavalier del forum
Messaggi: 10983
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da Nona Picia »

Diria che no i ga tuti i torti....più che se ghe dà de magnar più i vien a zercar de noi e no i se rangia de soli. E poi in inverno ai passeri e i useleti pici in general no saria de darghe el pan, no me ricordo ben el motivo, ma ghe fa qualcossa che ghe causa la morte per congelamento....


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 41572
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da babatriestina »

i esperti cossa pensa?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
Zigolo
Citadin
Citadin
Messaggi: 1075
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Muggia

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da Zigolo »

Nutrirli rende gli uccelli selvatici dipendenti dall'uomo

Vero. Ma consideriamo che ci troviamo in ambiente urbano e di reale "selvaticità" non ce n'è molta. Gli animali cittadini, se si trovano lì, è perché ne traggono comunque vantaggio e sono in gran parte già dipendenti da un ambiente fortemente antropizzato.
Ovvio che di fronte ad animali che possono diventare invadenti e costituire quindi fisicamente un problema, provvedimenti (divieti) di questo tipo possono risultare opportuni. Penso naturalmente ai colombi o ai gabbiani (non so qual è la situazione di questi ultimi a Parigi).

Nutrirli è nefasto per la loro salute. E' l'origine di raggruppamenti di uccelli e sovrappopopolazione che favoriscono il diffondersi di malattie

Non lo metto in dubbio, penso che VetRitter ci saprà dire qualcosa a tal proposito.

Il nutrimento degrada l'ambiente, inquina il mezzo acquatico, favorisce il proliferare di speci dannose

Certo, basta non somministrarne in eccesso.
Anche qui penso che il senso di misura, magari controllato dagli zelanti gendarmi francesi, sia la soluzione migliore.


Avatar utente
babatriestina
senator
senator
Messaggi: 41572
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da babatriestina »

Zigolo ha scritto:Nutrirli rende gli uccelli selvatici dipendenti dall'uomo


Ovvio che di fronte ad animali che possono diventare invadenti e costituire quindi fisicamente un problema, provvedimenti (divieti) di questo tipo possono risultare opportuni. Penso naturalmente ai colombi o ai gabbiani (non so qual è la situazione di questi ultimi a Parigi).
ecco, mi sembra di non aver visto gabbiani a Parigi. Nemmeno lungo la Senna. mentre qua arrivano molto all'interno, nelle discariche soprattutto. E nemmeno dai cugini, nella campagna normanna vicino a Lisieux.
Però ricordavo a suo tempo i vecchietti che nutrivano i passerotti alle Tuileries
Immagine

e passerotti che giravano nei caffè di Place des Vosges un paio di anni fa.

Immagine

Immagine
Queste scritte mi giungono nuove

Tre anni fa, le anatre e gli anatroccoli al Canal Saint Martin, dove ho visto queste scritte
Immagine
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
VetRitter
Citadin
Citadin
Messaggi: 1165
Iscritto il: mar 13 ott 2009, 16:25
Località: Piacenza (provincia)

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da VetRitter »

Zigolo ha scritto:Nutrirli è nefasto per la loro salute. E' l'origine di raggruppamenti di uccelli e sovrappopopolazione che favoriscono il diffondersi di malattie
eh si. quando una popolazione aumenta di numero velocemente, perchè trova più cibo (o condizioni di vita migliori), diventa più veloce per i loro parassiti o le malattie batteriche o virali che possono colpirli, la loro diffusione.
e se per zecche o parassiti intestinali non è un problema grave, molto più pericolosi sono i virus simili influenza (H N) aviaria e suina, per esempio, che con pochi passaggi da un animale all'altro possono cambiare velocemente la loro virulenza, la loro "cattiveria", e diventare un problema anche per l'uomo.
problema anche economico, durante i periodi di migrazione, si sviluppa spesso qualche focolaio di aviaria negli allevamenti industriali di avicoli, e quando la diagnosi è confermata, per legge è previsto l'abbattimento.
80. - 100.000 polli o tacchini distrutti sono un discreto danno anche per le grosse aziende commerciali.
Nona Picia ha scritto:no saria de darghe el pan, no me ricordo ben el motivo, ma ghe fa qualcossa che ghe causa la morte per congelamento....
non so niente di questo, io sbagliando, ma mi fanno pena, cerco di variare quello che gli lascio, soprattutto d'inverno, ma anche con il pane non ho mai visto diminuire il numero di quelli che vengono a mangiare. non so.
saluti


Avatar utente
Zigolo
Citadin
Citadin
Messaggi: 1075
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Muggia

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da Zigolo »

babatriestina ha scritto:Però ricordavo a suo tempo i vecchietti che nutrivano i passerotti alle Tuileries
Passeri a Parigi, autunno 2011 (foto di mia moglie)
Allegati
Passeri a Parigi.jpg
Passeri a Parigi.jpg (103.28 KiB) Visto 1798 volte


Avatar utente
Zigolo
Citadin
Citadin
Messaggi: 1075
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Muggia

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da Zigolo »

VetRitter ha scritto:cerco di variare quello che gli lascio, soprattutto d'inverno
Durante l'inverno appena finito mi sono andati circa 150 kg di girasole, oltre 50 di miscela e oltre 150 "palle" e altri "pendagli".

E visto che anche nel comune di Trieste, come in quello di Parigi, è proibito somministrare cibo agli animali liberi, penso proprio che dovrò andare a costituirmi :roll:

Ad ogni modo questo delitto continuato mi ha procurato una bella quantità di ospiti nel mio giardino, con punte di anche 70/80 individui contemporaneamente di una decina e più di specie (specie osservate in totale 23).


VetRitter
Citadin
Citadin
Messaggi: 1165
Iscritto il: mar 13 ott 2009, 16:25
Località: Piacenza (provincia)

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da VetRitter »

Zigolo ha scritto: dovrò andare a costituirmi
se faremo compagnia in canon..
Zigolo ha scritto:una bella quantità di ospiti nel mio giardino, con punte di anche 70/80 individui contemporaneamente di una decina e più di specie (specie osservate in totale 23).
:clapping_213: :clapping_213:


Avatar utente
Nona Picia
cavalier del forum
cavalier del forum
Messaggi: 10983
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Uccelli a Parigi

Messaggio da Nona Picia »

VetRitter ha scritto:
Zigolo ha scritto: dovrò andare a costituirmi
se faremo compagnia in canon..
E no sarè soli.....


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Torna a “Fauna de fora”