Raimondo Cornet Corrai

Autori triestini famosi e no famosi, poesie, anche le vostre...
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
mandi_
eximio
eximio
Messaggi: 2851
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Raimondo Cornet Corrai

Messaggio da mandi_ »

Raimondo Cornet "Corrai" xe gia nel forum.
Raimondo Cornet, alias Corrai (o Corraj), nato nel 1887 e morto nel 1945, xe un personaggio per lo più dimenticado dalle generazioni più recenti.
Pur conducento un'esistenza seria da consulente finanziario delle Federazion dei commercianti, el suo Mr. Hide jera un autor de canzonette che nel 1937 pubblicava le celebri "Trieste Mia" e la "Marinaresca", musicade da Publio Carniel. El suo ecletismo lo portava poi ad esser anche presidente della sezion Canottieri della Ginnastica Triestina e caporedattor del "Marameo" (settimanal satirico fondado nel 1910 da Carlo de Dolcetti, nel quale el se gaveva fatto conosser inizialmente come vignettista) nonché critico teatral sul "Osservatore triestino".
Irredentista convito, arruolado nel kuk 97 e po' internado a Graz durante la prima guerra, nel 1943 se farà promotor del "Tergeste", poema dialettale in versi, trasmessa alla radio con le musiche de Carniel, dirette da Giacomo Cipci. El libretto dello stesso uscirà postumo nel 1950 grazie alle edizioni Borsatti. (Vedi Adlerst)
Qua volevo meter na poesia ( da Trieste mia del 1938) che me piase, per la sua semplicità.

Maria

Quando canto l'amor, in versi o in prosa
mi penso al nostro amor e a ti, Maria
cara compagna de la vita mia,
sempre bona e gentil, sempre afetuosa.

E te vedo, mia bionda, quando sposa,
ti ga portado in casa l'alegria;
te vedo mama, e la mia fantasia
no la trova una mama più amorosa.

E se l tempo ne ga cambià i conotati,
no l' ga cambià per gnente el nostro amor
e i sentimenti xe restadi intati.

Cussì traverso i ani, de putela
fin a l'estrema età, dentro l'mio cuor
Maria, per mi te resti sempre quela!


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Torna a “Autori e poesie”