Riflessioni e domande

a Trieste ghe xe un teatro Comunal che de oltre 200 anni fa opere, balletti, concerti... e altri teatri che fa spettacoli musicali de tipo classico: contene storie vece e resoconti de spettacoli attuali..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » giovedì 3 settembre 2015, 9:02

I me ga domandà (smpc) perchè xe l'oboe a dar el la all'orchestra. E mi parto de lontan per spiegarvelo. La ricerca de una intonazion comune almeno all'inizio de la sonada, xe dovuda ai diversi materiali impiegadi ne la costruzion dei strumenti che i se dilata causa le differenze de temperatura, e de umidità dell'ambiente. Mi son violinista, e al Verdi gaveimo adotà per intonarse ,tanti ani fa,e lo fazeimo un per un,un grosso diapason de metallo fisado su una cassa armonica. Po se doprava el la del oboe una volta entradi in sala. Comunque ogi ognidun pol accordarse ciolendo un la eletronico de riferimentodado da una machineta eletronica. Vedè i archi de una orchestra pol tirar su e zo l'intonazion de una corda sai facilmente mentre i fiati no. I tubi de cui i xe fati i ga una lunghezza prefisada. L'unica roba che permetti delle picole variazioni cioè disemo un la calante o crescente xe dada dal fatto de poder mover per i fiati legni l'ancia (qualche milimetro) e per i fiati de metallo de spostar el bochin. L'oboe xe sta scelto tra i fiati perchè xe un strumeento ad ancia molto antico. Se ciol come nota de riferimento el la, perche xe una nota centrale nell'estension del strumento. I fiati quando che i xe soli i preferisi cior el si bemolle per intonarse . Se volemo xe una picolezza più in su del la e xe una verità fisica che quando che i strumenti xe caldi , i fiati tendi a emeter suoni crescenti e i archi suoni calanti rispeto ad una nota de riferimento, e i esecutori xe ciamadi a coregerse.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 3 settembre 2015, 9:05

Grazie.

Vita dura, insoma, per andar d'accordo. Come sempre co se xe in tanti.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36549
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da babatriestina » giovedì 3 settembre 2015, 12:14

un poco de profana... prima che entri el diretor, apunto, se senti i singoli de l'orchestra che come che sentivo dir" acorda i strumenti". po riva el diretor, aplauso, e taca maestro.
Ma ai concerti co no xe orchestra ma solo gruppi de solisti, che no riva el diretor, a volte, co i sona zerti pezzi moderni, no sempre noi profani capimo co i ga finido de acordarse e co ga cominciado el pezzo.. :cheezy_298:


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » venerdì 16 dicembre 2016, 8:31

Qualche giorno fa , per el gazetino rai, i gà fato propaganda sul fato che casa Ricordi gà averto on line el suo archivio. Mi me son dito : iera ora. Adeso ghe dago una ociada e forsi se pol scarigar qualcosa. Illusione :( perchè Ricordi xe una casa editrice musicale ede fogli musicali scarigabili nianche l'ombra. Solo per alcuni autori e in campo operistico una opera de scanerizzazion de tanti manifesti, figurini, scenografie de poder ammirar. Un bel catalogo de oltre 40000 partiture musicali drio autor o titolo dai inizi de casa Ricordi (qualchidun xe de fine 700) fin ai giorni nostri. No credo perciò che i gabi scanerizado ste 40000 partiture e anche se i gà el copyright su musiche de autori morti in sti ultimi 70 anni, e el copyright su nove ristampe, i fa un bruto favor alla diffusione e conoscenza musicale, lasando in cassaforte opere de autori morti prima de settanta annifa. Molte de ste opere po le xe stade mese in cassaforte per no farle circolar e farghe ombra ad altri autori.
L'archivio storico xe depositado alla biblioteca braidense de Milan e se ghe pol acceder solo de persona riempindo modulo e specificando el scopo de la consultazion e su appuntamneto. Niente on line.
Mi son in possesso de una partitura stampada da Ricordi de Raimondo Tominz fio del pittor, che el iera un bon pianista e anche compositor, ma che nol xe presente sul catalogo. Quindi no xe proprio tuto.
http://www.ricordicompany.it/



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » mercoledì 27 novembre 2019, 8:56

Dai ogi, dai domani, finalmente se stemo acorzendo del cambiamento del clima. Quante volte gavemo inteso dir che le stagioni no xe più quele de una volta. Un do mesi de sol e temperature sai alte, opur quasi un mese de piova, tante giornate de aqua alta. Ricordo che anche al Verdi se se ne ga inacorto del cambiamento. Ogni tanto l'aqua entrava in teatro sia dal piano stradale, ma sopratuto dai scarighi fognari de le aque bianche e nere. El punto più baso del teatro iera la buca dell'orchestra ben al de soto de la linea media del mar. Soto la buca ghe iera e ghe xe ancora la cassa de risonanza, quindi semo sai bassi. Ben, verso la fine dei anni 60 se ga pensado a una soluzion. Rifar la fossa dell'orchestra e la cassa de risonanza, piazarghe un do grandi pompe per butar fora l'aqua e quindi rifar anche el proscenio del palcoscenico , tuto un travo in cemento armado. E da quela volta...... l'acustica xe cambiada al Verdi, e...l'aqua ga continuà a salir in buca. No xe de pezo per la riflesion dei suoni aver a che far co materiali diversi: cemento malta , matoni ,legno , stoffa. Cusì gaveimo adeso un teatro fatto de piera a matoni co la sala rivestida de legno tetto de legno e palcoscenico anche. L'acustica del Verdi che i diseva esser bona iera za cambiada sulla fine dei anni 80 dell'ottocento quando che i ga fato piu grande el palcoscenico e quindi un maggior cubatura rispetto la sala, roba che andava a discapito della vose. Co la ristrutturazione dei anni 90 del novecento no xe cambiado sai in termioni de acustica. Si le soglie de ingresso in teatro le xe stade alzade tuta la zona palcoscenico e fossa orchestra nova impermeabilizada, ma...una zona vecia in piera e legno e una nova in cemento. Una linea de separazion sopratuto in buca.Quindi chi sona più in platea ga un suono, chi sona sotto el proscenio emetti una altro suono. Chi che canta in palcoscenico e specialmente co regie moderne che fa mover sai la gente, se trova a cantar in un contenitor de cemento e el suono fa fadiga a andar in platea.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36549
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da babatriestina » mercoledì 27 novembre 2019, 9:37

tanti anni fa parlavo con un amico che iera musicista ( clavicembalo, organo..) e ingegner. Po ala fin el ga optato per far el ingegner lassando indrio la musica.
Lu me diseva che per l'acustica teatral no esisti metodi costruttivi tecnici standard, ma va tuto fato per esperienza, tradizion... xe ancora cussì? una bona acustica xe un colpo d e fortuna, una roba che no se pol spiegar e sopratuto no se pol dimostrar che se rovina con zerti cambiamenti? insoma più arte che scienza?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » mercoledì 27 novembre 2019, 12:42

Ghe xe delle proporzioni naturali che dovesi andar seguide come el segmento aureo, ma determinante xe l'uso dei materiali. Ciolemo sale come la Scala o come el Semper de Dresda , i iera consideradi el massimo per acustiva almeno fino al 900, con un riverbero ottimale. Oggi no so più quanto le sia ancora al top, perchè tutta la parte palcoscenico xe stada cambiada con aumento de cubature e materiali costruttivi diversi da quei de dozento anni fa. Difatti oggi quando che se intervien per migliorar se ricorri molto de più all'uso dell'elettronica e del digitale. Se piazza una fonte sonora in un punto del palcoscenico e po se fa una mappatura dela sala con tanti microfoni per captar i punti de la sala dove che se senti mal. E alora se zonta tanti amplificatori e altoparlanti locali facenti capo a un impianto centralizado. El più de le volte la roba riesi. Anche al Maggio musicale fiorentino, el teatro dell'opera de Firenze, i ga fato cusì , ma el risultato secondo el m°Vidusso no gaveva sodisfatto. Noi gavemo una perla de esempio de zone de ombra sonora che xe el Rossetti. Ricordo che bastava spostarse de qualche metro in certe zone de la platea per no sentir più niente. E allora la soluzion iera che i attori doveva zigar sempre. Oggi se preferisi amplificar sia i attori ma anche i cantanti, specie quei che devi moverse ballando come ne le operette. Certo esisti anche de le sale progettade a novo dall'acustica magnifica. Mi me son imbatudo in una de queste che xe qua vizin de noi a Zagabria , la sala da concerto Lisinski del 1973 tuta rivestida de legno. Gavevo provado un programma e anche ascoltado l'esecuzion de fora al Verdi a Trieste, e po la stessa roba a Zagabria. Beh a Zagabria me iero acorto dell'intervento de certi strumenti che a Trieste no se sentiva. Una acustica omogenea e fantastica in ogni parte de la platea. E me ga ricordado l'acustica dei veci teatri greghi, dove cascava una monedina nell'orchestra e ti a 100 metri de distanza te la sentivi distintamente.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 27 novembre 2019, 14:50

A mi i me gaveva dito che l'Auditorium de via Tor Bandena iera el meio a Trieste come acustica, almeno nei anni 50-60.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36549
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da babatriestina » mercoledì 27 novembre 2019, 17:38

sono piccolo ma crescero ha scritto:
mercoledì 27 novembre 2019, 14:50
A mi i me gaveva dito che l'Auditorium de via Tor Bandena iera el meio a Trieste come acustica, almeno nei anni 50-60.
anni 50-60 no so , me ricordo che iera cinema. Cone teatro, ghe go visto un sagio de baletto della Panzini: tremendo! el palcoscenico iera diviso a metà de un scalin e ste povere putele dovea star atente balando de no inciamparse: una se ga propio tombolada.
per el acustica, mi me par de ricordar un per de spetacoli de prosa che se sentiva ben... dele prime file. Iera el Rnrico IV de Pirandello con Randone. No so come che xe cambiado co i ga rifato tuto con veludi, perché poco ga durado e i ga dovesto serar perchè no iera ignifugo.
No me ricordo come che iera el teatro Nuovo come acustica. ghe go fato i mii primi saggi de baletto e andavo a veder Tofano e le commedie del signor Bonaventura. forsi anche Cesco Baseggio che fazeva Goldoni.

El acustica più curiosa le go sentida una volta ala Fenice de Venezia: iero in platea per un Ernani ( che gavessi dovudo cantar Del Monaco ma el ga dado forfait) : co i cantanti iera in un preciso punto dle palcoscenico, la loro vose se sentiva.. vegnir come de un eco sul fondo dela platea!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » mercoledì 27 novembre 2019, 18:42

Beh l'auditorium de via Bandena iera proprio nato come auditorium e quindi se sentiva ben da tute le parti co una omogeneità de costruzion e de arredo. . Eco el Tripcovich xe sta una altra felice sala triestina, una felice trasformazion, anche qua un material omogeneo, tuto cemento armà, e l'arredo de la sala se ga ben inserido. Una acustica bona e omogenea. Adeso i te parla del novo palazzo dei congressi in porto vecio. una sala de 2000 posti tutta programmabile come capienza e arredo, forse niente de bon come acustica e una fissa de 400 posti. Staremo a veder la riuscita. Quanto po alla gestion e al futuro noleggio sarà un altro punto de domanda.



Rispondi

Torna a “Musica clasica”