ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

El SOLO e UNICO logo indove che se pol ciacolar de tuto cuel che pasa per la testa :-) ... a proprio ris'cio e pericolo ;-D
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4201
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele » sabato 4 gennaio 2020, 10:53

Go ciapà de regalo do altoparlanti de tacar al computer e poso scoltar musica. Musica, no cacofonia. Go tacà con arie de Mario Lanza, Pavaroti, Di Stefano, Del Monaco e son pasà a Caruso, Schipa ecc. I mii pensierini xe gusti xe gusti e no intendo discuter. Par esempio go sentì canzoni napoletane cantade de no cabibs e no le val gnente. Go sentì una volta un tenor mai sentì, ma el cantava in napoletan. Bel, bel, bel. Par mi Del Monaco ga una vose de cavra, ma lu el fazeva i acuti quando i altri vigniva intubai parchè ghe mancava el fià. Granada cantada de Mario Lanza xe una delizia, ma mi go l’impresion che el legi. Caruso inveze cantava con pamet (sentimento), specialmente Core ‘ngrato, una dele mie robe che preferiso. A proposito de canzoni napoletane, me vien sempre inamente el nostro cicio no je par barca. Xe dificile copiar la pronuncia del dialeto o de un’altra lingua. Ani anorum fa, a Trieste iera una rivista, con Wanda Osiris o Macario, no me ricordo. Bon, un american ga cantà Co’ son lontan de ti Trieste mia. Un triestin cola pronuncia de Stanlio e Olio. Sento tenori ben pagai che canta in inglese o, ancora pezo, in francese. Sero subito. Tuti loda Pavaroti parchè i disi che quando che el canta se capisi ogni parola. Xe vero. E xe bel. Ma xe tanti altri che i canta in modo che se capisi. Tuti omini. Parchè co’ canta le babe no se capisi gnente, gnanca la musica? Forsi Piereto me sa spiegar. El problema xe che tuti bati le man nela speranza che la la finisi e la vadi a casa. Ela inveze la stracapisi e la fa el bis. Vita dura vita patisi. Sarò vecio, tumbaro, ma un fato xe par mi che la musica dei ani venti a quaranta/zinquanta xe bela e se la poso scoltar scolto.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7394
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 4 gennaio 2020, 20:57

Ciancele ha scritto:
sabato 4 gennaio 2020, 10:53
Parchè co’ canta le babe no se capisi gnente, gnanca la musica? Forsi Piereto me sa spiegar.
Visto che qua xe "elucubrazioni de povari veceti" poderia anche sospetar che la colpa xe de chi che scolta: come che pasa i anni le alte frequenze se le senti sempre meno e le done ga alte frequenze.

Quando me son laureà i me ga regalà un stereo e un disco per valutar la qualità de l'impianto. Co semo rivadi ale alte frequenze ghe go dito a mio papà "Ahi che mal de rece" e mio papà "mi no sento".

Quando mio fio ga fato la matura ghe go regalà un stereo e ... stesa storia, solo che a no sentir le alte frequenze iero mi e no mio fio :x

E xe pasadi 20 anni de alora e quindi de sicuro deso ghe ne sento ancora de meno, epur no penso de eser sordo (almeno cusì credo mi; qualche volta me rabio con mia moglie che parla pian! ;-: )


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2027
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Piereto » domenica 5 gennaio 2020, 8:29

Xe che aumentando l'età diminuisi l'udito, cioè come disi smpc no se senti più le frequenze alte. E poiché i unici che canta ancora oggi xe i cantanti lirici le osservazioni de ciancele xe giuste. Quanto a rivar a capir cosa che i cantanti disi cantando, xe sta sempre un problema, e no per niente veniva stampando el libretto. La musica melodica xe piacevole perché se se basa sai su le sillabe co le vocali, e quindi le parole co tante consonanti le xe difficili de collegarle po' con quelle ga vocali su le quali se se poza . Xe stadi nella lirica pochissimi tenori che se rivava a capir le parole. Gigli, Laurivolpi. Oggi el melodico co le canzonette nol va d'acordo. Ai giovani ghe va ben una musica che se se posi mover cioè dimenarse ne le discoteche, e magari che gabi un testo " impegnato" de protesta politica. Quindi xe musica facile de confezionar, e no ocori eser un cantante cioé non ocori pompar aria dai polmoni e far vibrar al massimo le corde vocali. Quindi xe tuto un business , basado tanto su la non conoscenza da parte dei giovani de come che sta le robe.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4201
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele » domenica 5 gennaio 2020, 12:18

sono piccolo ma crescero ha scritto:
sabato 4 gennaio 2020, 20:57
Ciancele ha scritto:
sabato 4 gennaio 2020, 10:53
Parchè co’ canta le babe no se capisi gnente, gnanca la musica? Forsi Piereto me sa spiegar.
Visto che qua xe "elucubrazioni de povari veceti" poderia anche sospetar che la colpa xe de chi che scolta: come che pasa i anni le alte frequenze se le senti sempre meno e le done ga alte frequenze. .....
Tuti me dà la colpa a mi de tuto. Tu quoque, SPMC, amice mi. Fa anca rima.
Penso che te gabi ragion, parchè anca el dotor me ga dito più o meno la stesa roba. Un giorno ghe go domandà se mi parlo tropo pian, parchè la gente no me senti. Ghe go dito che mi me sento ben. Lu ga dito che la colpa xe dei ialtri. A casa go el problema che la putela alza radio e television e mi sento un dolor fisico.
Ma un grazie, come al solito, a Piereto che spiega cusì ben. Anca mi pensavo che fusi un problema de vose. Un soprano sensa trili e acuti no val gnente, ma forsi se capiria cosa che la canta. Ma no xe un problema par mi, parchè quel che voio scoltar xe cantà de omini e più o meno se capisi sempre tuto.
Stamatina fazevo marenda e scoltavo Pilat. Anzi scoltaimo, parchè anca ala putela ghe piasi le canzoni triestine. E legevo de viva là, o l’A, e che per i filoaustriaci e pai nostalgici voleva dir l’Austria. Sempre pai nostalgici, me xe vignù inamente Verdi = V.E.R.D.I. (Vittorio Emanuele Re d’Italia). A casa mia viva là e po bon voleva dir ciapemola come che la vien e po bon. Ma mio papà no’l iera nostalgico. Mio papà iera austriaco, filio di genitori austriaci, nipote di nonni austriaci. Pronipote … e così via. Listeso de mia mama. :clapping_213:



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2027
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Piereto » domenica 5 gennaio 2020, 12:31

Ciancele no te son solo. Mi co scolto el parlato de tanti serie televisive italiane Rai o Mediaset go dificoltà a capir cosa che i disi. E le cause xe due. La prima xe registrado el suono in diretta e po' i lo miscela co la musica. El tecnico quasi sempre xe sordo, perché la musica sovrasta el parlato e se i attori ga bisbiglia' bisogna andar a ...naso cioè a orecia. La seconda causa xe che i attori no xe attori studiadi, ma i parla co una caterva de vocaboli dialettali resentadi sai mal in talian. Ma forse ti no te ga problemi col gnoco.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36878
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da babatriestina » domenica 5 gennaio 2020, 14:11

anche mi me domandavo sempr eperchè ala tv la musica iera più forte dele parole... adesso lassemo perder.
ma per i cantanti, mi per dil la Callas la go trovada sempre ciarissima come dizion.
I mii noni viveva nel impero austroungarico , ma no i iera austriaci e el tedesco solo chi che ghe ocoreva ga dovudo studiarlo aposta.. e co vado ai bisnoni o prima quasi gnanche un iera in Austria ai tempi de Maria Teresa. perchè indove cha abitava la più parte l'Austria no gaveva ancora messo beco.. che fussi Grecia, Dalmazia, republica de Ragusa, Friul, Istria... e la trisnona tedesca no go mai savesto se la iera austriaca o tedesca de Germania. Dela campagna dei mii noni xe scrito sul contrato de acquisto Noi Napoleone I imperante..
se ai mii tris-noni greghi, che viveva a Atene prima del indipendenza dela Grecia, i ghe gevessi dito che i iera turchi, i ghe gavessi dado col ratapalz!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2027
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Piereto » domenica 5 gennaio 2020, 15:24

El mio bisavolo iera veneto, e tuti quei vignudo dopo de lu ga dovesto imparar anche el gnoco . E siccome i ga' avu a che far co le navi i ga' continuado a parlar in lingua veneta - triestina. A casa se parlava in triestin el italian iera doprado co se parlava coi foresti.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4201
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele » domenica 5 gennaio 2020, 17:49

Go paura che, come al solito, no son rivà a spiegarme. Mi intendevo solo dir che viva l'A devi eser vignù dopo el viva là. Insoma che xe inventà e che forsi a Trieste se voleva solo dir: Xe destin. Ciapemola come che la xe. De mio papà, dei mii antenati, go dito solo par spiegar che noi no ierimo nostalgici, ma da tante generazioni austriaci, anca se mi son inbastardà con 3 o 4 raze. Un antenato de mia mama el iera a Pola nel 1540. Par ch'el sia vignù de Viena, come le luganighe, ma el cognome dovaria eser spagnol. Par che i antenati de mia nona i sia stadi trentini. Elisa! No saremo miga parenti? :clapping_213:



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2027
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Piereto » domenica 5 gennaio 2020, 18:11

I miei antenati prima de andar a venezia a far barche , e remi i viniva dal trentin. Elisa! No sarò anche mi con ti parente ? :clapping_213:



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4201
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele » lunedì 6 gennaio 2020, 16:59

Piereto, stago legendo un tratato de endogamia. Ma mio papà no, no mio nono, bisnono e trisnono. Forsi quadrisnono. Pensavo de parte de mama no. Mio bisnono no, ma no so chi che iera el trisnono. Quante generazioni xe franche? Me fazo pensier. :36_6_6:



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4201
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele » sabato 1 febbraio 2020, 9:54

In 'sti giorni vardo 'sai ala television e la vecia me brontola. Anca parchè vado ore e ore in internet. Cusì go la glava (testa) come un balon e volaria far un poco de posto. Sensa voler son capità inte la Gazeta Uficiale del 1932, andove che in Istria i ga cambià i nomi. El mio amico Giani iera Volpi, figlio di Fuchs. I ga scrito che i nomi slavi i xe de origine taliana e che bisogna scriverli par talian. Merdic xe diventà Mordini, Vodopivec se ciama Beviacqua. Un Beviacqua iera primatista talian dei 5 e 10 mila, prima de Nocco. Me go domandà come che se ciamaria un Slivopivec. A Pola, mio nono de parte de mama ga dovesto cambiar nome. De parte de papà no iera bisogno parchè un impiegato, nel 1859, ga sbalià de scriver e inveze dela k el ga meso una c. Cusì el mio nome xe diventà talian. Dopo la guera forsi Tito ga volesto che i nomi taliani diventi s’ciavi (croati) e inveze de Molinari saria sta Mlinar e inveze de Moretti forsi Umrjacic. Per Monatti podaria far mi una proposta bona. Un fato xe che tanta gente, par no ciapar tunchio (legnate), xe stada costreta a usar un nome no propio suo. E, anca parchè go visto un filmeto ala television, me xe vignudo inamente el Sudtirol, deto anca Alto Adige. I ga dito, nei comenti, che i sudtirolesi xe porchi parchè i aprofita par no pagar. Mi penso che no i xe porchi, ma astuti. I disi: me ga volesto, adeso tignime. Sicome che nisun xe eterno, bastava che sia testa lustra che Tito i spetasi che tuti mori e po i gavaria vu tuto sensa far barufa. Mi tegno duro, ma ala mia età no servi. Forsi son l’ultimo nostalgico o un dei ultimi. Dopo a Trieste nisun parlarà più austriaco e cusì la politica gavarà un problema de meno. Però anca a mi me disturbasi se i me metesi drento se parlo par triestin. In spaceto i metaria un cartelin: La persona civile non parla in dialetto. Mi dia per favore un rotolino di limpida. Sicome che son ripetente, ripeto che qualchedun che ga vinto la guera ga perso una ocasion più unica che rara per dimostrar de non eser pezo dei vinti. Come che diseva mio cugin: Maza, maza, l’è tuto una raza. Breno ga dito inveze Vae victis.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36878
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da babatriestina » sabato 1 febbraio 2020, 10:12

Go trovado anche mi quela gazetta. Go trovado i mii cugini Scabar ( senza k) che xe deventai Scabardi, i cugini Bednarz che xe deventai Bennari. ma dela proposta che i ga fato a papà de cambiarghe el nome e che el ga dito no, no xe ombra , e purtropo no pensando go butado via le carte . Per dir che tanti ghe piaseva el cambiamento, Certi Slama, per dir... Po ghe xe stai Stuparich, Tripcovich .. che nissun ghe ga cambiado... de un pochi de anni in qua xe assai de moda lamentarse per sti cognomi. E dir che legevo - ma xe libri, ste robe no gira in tv o su internet- che za nel sete-otocento i indipendentisti greghi cambiava i cognomi zontandoghe desinenze greghe..
A trieste me diseva mama che za dopo la prima guera tedesco se parlava de meno, sua sorela che iera nata prima lo parlava ben e ela che iera nata dopo mai la lo ga imparado a fondo, ela saveva ben francese studiado delee monighe. ormai son bastanza veceta anche mi per far le mie elucubrazioni.. a Trieste tuti pianzi el Austria, ma pochi sa parlar tedesco al de là de do frasi... anche mi con certi discendenti de austriaci che me ga domandado foto che gavevo publicado go scambiado messaggi in inglese..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4201
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele » domenica 2 febbraio 2020, 12:55

Baba mia, mi iero picio e no so dirte se tuti i xe stadi costreti o se qualchedun ga ciolto volontariamente el nome talianizà. Probabilmente tute do le robe. De Pola go leto de una publicazione sula Gazeta Uficiale e go leto i nomi in croato e come che i doveva vignir cambiai par talian. A Trieste so che Ribaric (o Ribarich) xe diventà Pescatori, Benderic (o Bendoric) Bendoricchio, Mardesich Ardesi, Rosanz Rosani. Sicome che el mio nome el xe sta talianizà za tanto tempo prima con un sbalio de trascrizion dovù ala pronuncia (fonetica) no fazo testo. El cognome de mia mama, che la contava che finisi par zeta, i lo scriveva qualche volta cola “c”. Par che qualchedun gabi protestà e i ga coreto, o cambià, in zeta. Forsi parchè el nome cola zeta pareva più talian che con la “c”.
Talian o no, questo xe el problema. Go contà che mio zio e mia zia i parlava croato a casa. Quatro fioi (1922, 1924, 1928, 1930). I primi do nati a Pola, i secondi do no so. Presumo a Ponteba. Dopo mio zio xe sta trasferì a Rimini. I parlava un dialeto strambo, polesan misià col romagnol. I primi do i bambava un poco de croato (vedi sopra) e i ga fato l’ultimo ano de guera nela compagnia jugoslava inclusa nele divisioni sudafricane. In giugno del 1945 i voleva andar ne l’esercito de Tito. Noi li gavemo convinti a no andar. Dopo i ne ga ringraziado. No i iera de sicuro par l’Italia. El primo xe ‘ndà in Australia e el secondo xe restà a Trieste e el ga sposà una fia de puliesi. El terzo no so. Mi no ghe go mai domandà e lu no me ga mai dito. El quarto ga fato la maturità a Bologna e dopo la pension el se ga laureà in sienze politiche. A lu ghe go domandà e el me ga risposto che el se senti talian. I secondi do no i parlava gnente de croato, forsi qualche bestema.
Una lingua qualsiasi no se la parla parchè xe quela de i genitori, ma parchè se la senti parlar dei genitori. El fio del mio amico de Monaco parlava bastanza ben talian, parchè su pare gaveva una zaia de fradei e el putelin el iera più a Trieste, de un zio o de l’altro, che a casa. Sicome che mio papà no’l iera tanto bravo de croato, a casa se parlava in triestin e mi go imparà sia austriaco che croato fora. Mia nona, la mama de mio papà, la doveva eser de Rozol e la gaveva un nome talian. Par quel penso che a casa no i parlava slavo. Disemo che se se ga un interese politico, se impara o se zerca de imparar la lingua. Ma senza l’apogio de casa xe dificile.
Anca qua la terza generazion de taliani i parla mal talian, specialmente se i ga genitori misti. Imaginemose che Trieste pasi a l’Austria. La lingua uficiale sarà l’inglese. Forsi tra zinquanta ani se parlarà austriaco se i muleti va a scole austriache. Mi son inbastardà con quatro lingue. Una de più una de meno me rangio in tute quatro. Ma no de putel. Pena dopo, de grando. Anzi de vecio. Ma se no se ga interese e se se ga una quinta (par esempio inglese) se usa la quinta. Nei ani sesanta iero a contato con putele che ga lavorà do ani a Francoforte par imparar el tedesco. Le dormiva dele monighe insieme con tante altre mule. Le me contava che le ga perfezionà l’inglese. El minimo comune multiplo.
No xe che mio pianzo l’Austria. El mio problema xe che son tropo misià e che go vivesto tropo poco in Italia par eser diventà talian. Come i mii cugini più in sora: do cusì e do culì. Co’ i me domanda cosa che son no so mai risponder. No son contento, ma xe tropo tardi par pianzer.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2027
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Piereto » martedì 4 febbraio 2020, 16:59

Te pol sempre dir che te son nato triestin e che te son citadin europeo.
( Meio no dir de che tipo de europeista, se unionista o federalista. Per tradizion tergestina semo de sicuro federalisti).



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4201
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele » lunedì 10 febbraio 2020, 17:29

Garinei e Giovanini. Tanti, ma tanti ani fa. Ala radio, in francese: Gavè vist che ventisel? Opur, quando Brambila al giro de Francia ga dovesto ‘ndar in graia par via de far: Dusse Franse, el gaveva mal de panse. Qua gavemo el maltempo Sabina con vento e piova. I ga parfina serà le scole, fermà i treni. Gnente rioplani. La grande Germania annientata dal maltempo. Stamatina iero in gripiza e trezento metri davanti e trezento metri de drio nisun, gnanca una bici de droghier. E noi a Trieste disemo: Ciò, ogi sufia un pochetin. Noi povari veci veceti gavemo le scarpe cole siole a depresion. Cusì no se rondolemo se i ne sburta o se sufia.



Rispondi

Torna a “El salotin”