ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

El SOLO e UNICO logo indove che se pol ciacolar de tuto cuel che pasa per la testa :-) ... a proprio ris'cio e pericolo ;-D
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2105
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Piereto »

Mi son sta sempre da la prima ora per darghe a tuti i italiani la mascherina obligatoria, per qualsiasi forma influenzale e anche per sto virus. Ma po', no xe .....organizazion e coscienza. Sul vocabolario xe scritta la parola obligatorio, ma farla rispetar xe un altro par de manighe. Per cui stago a casa anche mi, e me movo per andar a fare la spesa do volte a la setimana. Nel mio rion ghe xe solo una boteguza, per cui devo cior l'auto. Ogni provedimento che riguarda el modo de viver porta a dei cambiamenti , xe come el giogo, qualchidun guadagna e qualchidun ghe perdi. L'importante xe che ogni bel giogo stufa, e sto qua no xe un bel giogo afato. No volesi che qualchidun ciapasi gusto a tinirne boni è cuci anche per altre robe.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7491
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Comunque disemo le robe ciare: la mascherina, quela che i ciama "chirurgica", servi perché che la tua spudacia no vadi in giro, no per no ciapar i virus che gira co le spudace dei altri. Mi go un per che gavevo comprà co gratavo i muri e me le meto co vado dentro in botega e pena che vegno fora me la cavo: ciò no iera mai aria cusì neta in ste strade!


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2105
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Piereto »

La mia spudacia no devi far raza co la tua spudacia. Ergo mascherine che tuti devi meter, chi che se ritien sano o che sa de eser mala'.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4256
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele »

Tempora currunt, direbbe il professore di latino che non ho mai avuto. El latin me lo ga insegnà Bruna, la mula de un dela clapa de mio fradel. Nel ’44 la ga fato la matura a l’Oberdan e mi l’esame di amision ala seconda superiore. Semo pasai tuti do. I disegni ghe ga fato la mula Edera, dela clapa, che la fazeva disegno e architetura a Ca’ Foscari. In disegno mi devo eser pasà par via del bombardamento. I me devi gaver dà quatro per incoragiamento, trasformado in tun sie tirando via voti de tedesco a matematica.
1945: fine dela guera. El 25 de april son sta ciamà cola cartolina rosa. La matina son ‘ndà là e no iera nisun. Ierimo in tre muli. Tre, solo pal tersilio, ma no briscola o tresete.
Veramente la guera iera za persa e i sperava forsi che mi fazo come una specie de Dick Fulmine o Superman. Iero solo. Né amici, né nemici. I amici, i gnochi, i se ga forsi fidà de mi e i xe restai in caserma. I gavarà dito: Gavemo Ciancele. I nemici, inglesi o partigiani, sconti, cagai de paura. Savemo tuti come che la xe ‘ndada.
Xe pasai 75 ani e son ‘ncora qua a contarvela. La prosima volta, otantesimo ano, no so. Vedaremo. Go promeso a tanti che li invito co fazo zento che no poso mancar. I saria disperai e i me mandaria tanti colpi. Guanto duro.



Avatar utente
Bilbo
Site Admin
Messaggi: 2256
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 20:51
Località: Trieste

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Bilbo »

Piereto ha scritto:
mar 24 mar 2020, 15:06
La mia spudacia no devi far raza co la tua spudacia. Ergo mascherine che tuti devi meter, chi che se ritien sano o che sa de eser mala'.

Disemo che se sa de eser malà no ga de moverse de casa.....


Bye '73 de Roby.-

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37098
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da babatriestina »

Ma quei dell'Emilia Romagna ga dito ciaro e tondo che i ga proibido el atività fisica no perché servi, ma ripeto el loro parole "volevamo dare il senso di un regime molto stringente“."
regime, ah?
e me sa cha i ga fato altro cussì, vedi mascherina al averto.
Mia cugina a Vienna intanto passeggia pei parchi e va in machina nei dintorni. Lori pol.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4256
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele »

Non tutti i mali vengono per nuocere. De lunedi in qua dovemo anca noi portar la mascara in boteghe, tran e teceta. Solo nel no serà podemo ‘ndar senza. Ieri la putela e mi ierimo in do negozi, cola mascara in scarsela. I ne ga dito che sensa mascara no i ne servi. Sicome che no voleimo crompar gnente, parchè no ne ga piaso gnente, né i prezi né la roba, gavemo dito che ‘ndemo in auto a cior la mascara e semo ‘ndai via. Cola mascara gavesimo dovù trovar una scusa.
I comincia a dar colpa dela situazion al governo. Pol darse che i gabi ragion. Ma el problema xe, come el solito, un altro. Pol darse che sia vero che in altri casi mori de più gente che par via del covid, ma se el governo no fa gnente, i ghe dà la colpa che no’l ga fato gnente. Se el fa sbalià, colpa che el ga fato sbalià. Se el fa giusto, saria la prima volta. Par che in magio i verzi de novo le scole, ma solo per quei de l’ultimo ano, che devi far esami finali. Ma tuti ga paura che vegni una seconda ondada, ‘sai pezo dela prima. E che anca che la prima no sia finida. Ogni giorno mori un mucio de gente. Un fato xe che in tuto el mondo xe pien de disocupai e tuti vol soldi del governo. E po la paura del dei after. Se podaria morir e gaver cusì un pensier de meno, ma a tuti ghe seca.
Una bona e una cativa notizia par quei che pasa o volaria pasar le ferie in Germania. La notizia bona xe che par che i voli verzer alberghi e ristoranti. Adeso i ristoranti e pizerie vendi solo magnar de portar via. La cativa xe che un mucio de gente, che ‘ndava a l’estero, ‘sto ano resta qua e cusì sarà dapertuto batù.
Ogni giorno xe una nova. In television xe solo corona e co’ corona xe finì, mi me indormenzo. Sul giornal i parla ben de corona e i meti che con corona xe meno inbriaghi, ma che serai in casa i se tunchia pal nervoso. Una nova industria: produzione casalinga di maschere. Mia fia ga cusì maschere par tuta la clapa de suoceri e consuoceri e la putelina granda ga fato la logistica. Sicome che la ga el patentin, la girava in machina a consegnar.
Par imbroiar i veci gente telefona disendo de eser el nipote e de gaver bisogno de soldi. Po i disi che no i pol ‘ndar fora de casa e che i manda un amico a ciorli. Adeso ‘sti nipoti i xe malai de corona e i ga bisogno de soldi par le sponte. Che no esisti ancora. O i vien disendo de dover disinfetar la casa o i vien a ofrir de cior soldi in banca. E i veci ghe conta cosa che i ga e i ghe lasa copiar i lumari dei estrati conto. Corona aguza l’ingegno. :doh_143:



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37098
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da babatriestina »

Qua la museriola in certe regioni come la nostra xe obligatorio portarla anche per strada. E cussì te li vedi ch eogni tanto i la sbassa per fumar.. po i ga permesso de vender de magnar " per asporto". prima se podeva ordinar, ma portar a cas apodeva solo loiri coi fattoirni. I bar ga comnciado a vender cafè in bicerin de carta, maxe per asporto. Quindi no te lo pol bever in bar. ma ganca cora del bar, che sari assembramento tuti davanti a bever... ma no te pol gnanca bever caminado, perché te se dovessi caval l mascherina, e po per apsorto lori cvol dir portar casa. Oviamente a pie. se te ga le bar soto casa, ga senso, se no le se sfredisi intanto ch ete rivi. ma oggi i ga ditoi ciaro e tondo che i sarà severissimi sula mascherina e multazze dapertuto. ( mi me par de gaver visto anche un dei nostri politici con mascherina sbassada, cussì de sbriss).
E po.. l'acqua de mar ga 14 gradi, prima i ga dito che se un ga la casa di fronte dle mar pol far bagno.. poi cavado ellimite i ga dito sì se te ghe rivi a pie o in bici te pol, e qualchedun li ga cilti sul serio! El giorno dopo contrordine compagni! gavemo capido mal, no se pol far bagno per paura che po i se fermi al sol.. multa a un che ga fato bagno a Barcola, Per sta estate i sta pensando a museriola anche la bagno, meno che co se va in acqua, i disi. se no saremo za morti prima..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4256
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele »

Ieri sera, ala solita bambada sul corona, el presidente del consiglio dei ministri dell’Assia ga zercà de spiegar cosa che i ga fato, cosa che i farà e parchè. El ga dito che el se incontra coi altri presidenti e ministri dela sanità. Uno xe de una opinion, un xe de l’altra. Ogni tanto i xe tuti dela stesa opinion. Co’ se trata de zogar scaricabarile. I decidi de far una roba, ma quando che sarà fata ‘sta roba decidi la region. Cusì la colpa de quel che sucedi, o no sucedi, xe dela region. Par mi xe inutile ciaparsela col governo. Tratandose de una malatia contagiosa, tuti dirà che el governo no se ga moso e i domandarà parchè. Par quel el devi moverse, ma come?
I ospedai no i xe pieni, ma i ga leti riservadi par quei che ga el corona. Cusì chi che no ga corona devi spetar. Una conosente xe ‘ndada in ospedal e i ghe ga dito che l’operazion no se pol far. Forsi tra do mesi. E i ghe ga dà un lasiapasare par vignir drento. Chi che la compagna devi spetar fora e no pol vignir a veder come che la sta.
Ogi me xe vignù inamente i veci romani. I diseva: repetita juvant. Anca mi ripeto sempre le stese robe. El governo no sa cosa far e ga paura de far sbalià. Qualunque roba che el fazi. Tuti ghe disi che el sbalia, ma nisun ghe disi cosa che se dovaria far par far giusto. Xe sicuro che anca altre malatie fa morir, e ‘sai più del corona, ma contro cancro e teceta no esisti pirole. O contro colpi o aneurismi. Inveze contro le malatie contagiose se pol far qualche roba, ma se no se fa gnente i ghe manda colpi. Par quel el governo ghe trema de cior qualche decision, parchè el sa che la sarà de sicuro sbaliada.
Mi conto sempre che son san. Son mezo morto, ma san. Son più de qua che de là. (OT: Modo de dir triestin). Malatie se pol guarir, quel che go mi no. Za i veci romani diseva mens sana in corpore sano. Par quel i iera tuti soto i sesantazinque e sani. Iera un imperator, me par Tiberio, che gaveva una clinica par curar difeti ortopedici. Ciompi e zoti i ‘ndava de lu par curarse. El mato ghe dava un sburton e co’ i rivava zo no i zotava più. Un ghe ga dito: Ma i xe morti, e lu ghe ga risposto che no se pol ‘ver tuto. Aut aut, diseva i veci romani. L’unica saria che co’ se riva a l’età dela pension, el diretor dia el solito orloio de oro e la famosa pirola. Mortus est e no più buligaribus. Meno problemi sia de pension, sia de salute e aministrazion. Forsi vegnarà. Par intanto spetemo e brontolemo.



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10936
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Nona Picia »

mi no comento....la situazion xe dificile e complicada de tuti i lai de politici ignoranti che sa tuto e no fa gnente e de veci che no vol meter la mascherina e che ghe manca la pasegiata sportiva....purtropo xe la question lavoro, ben più importante de tuto el resto....
Diria che xe come "il gatto si morde la coda e non sa che la coda è sua"


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4256
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele »

Che diferenza pasa tra l’abate Faria e mi? Nisuna. Tuti do gavemo una cavelada fina partera. La mia la devo al corona. De lunedi i barbieri podarà verzer, ma i disi che ghe vol spetar almeno do setimane per poder farse taiar i cavei, parchè adeso tuti vol, o pol, ‘ndar del barbier e el giorno ga solo ventiquatro ore. Mi go deciso de ‘ndar de mia fia. No la taia cusì ben come la mia barbiera, ma la me costa solo un baso. No, no ste pretender che mi … Ala mia barbiera preferiso darghe soldi.
Par restar in corona, i ga dito che i ga fato una roba e che no sarà più code davanti i ufici. Mi so cosa che i ga fato. I ga serà.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37098
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da babatriestina »

de noi gnente barbier. Ssai scandal per un per d elori che ga comprado una bira "per asporto" e inveze i sa la ga scolada fora del local. oror! no i ga spetado de beversela a casa, i se ga cavado zo la mascherina e uera 7-8 , assembramento! e tanta gente se podesi li lapidassi augurandoghe de finir tuti intubai.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4256
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Messaggio da Ciancele »

babatriestina ha scritto:
sab 2 mag 2020, 20:20
de noi gnente barbier. Ssai scandal per un per d elori che ga comprado una bira "per asporto" e inveze i sa la ga scolada fora del local. oror! no i ga spetado de beversela a casa, i se ga cavado zo la mascherina e uera 7-8 , assembramento! e tanta gente se podesi li lapidassi augurandoghe de finir tuti intubai.
Ieri ala television iera una orchestrina e un per de cantanti. Go vu l'impresion che i zoghi ai quatro cantoni, parchè iera un par canton. Gnente asembramenti, inveze de tavolini quadrati par do iera tavoloni retangolari par do: un de qua e un de là sentai o in pie sui lati curti. Probabilmente i tavoloni iera longhi un metro e mezo. Sensa publico.



Torna a “El salotin”