Franz von Suppe

a Trieste ghe xe un teatro Comunal che de oltre 200 anni fa opere, balletti, concerti... e altri teatri che fa spettacoli musicali de tipo classico: contene storie vece e resoconti de spettacoli attuali..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1755
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Franz von Suppe

Messaggio da Piereto » martedì 12 giugno 2018, 10:43

Franz nasce a Spalato nel 1819 da padre italo francese, funzionario civile asburgico, il cui cognome è Demelli - Suppè. (Troverete scritto che è di origine belga, ma il Belgio nel 1819 non esiste sncora) La madre era di origine Viennese. Gli anni dell'infanzia e dell'istruzione si svolgono a Zara dove scriverà la messa dalmatica ,ma a 14 anni parte per Venezia e lo ritroviamo a Ferrara, poi a16 anni a Padova per continuare gli studi musicali e intraprendere gli studi giuridici. Possiede una buona voce di basso , tanto da interpretare la parte di Dulcamara nell'elisir d'amore del lontano cugino Gaetano Donizzetti, e lo fa a Sopron. Viene segnalato per le sue capacità musicali, e lo incontriamo a Vienna nel 1842 , dove diventerà un compositore di successo, il padre dell'operetta viennese. Suppè viaggerà molto , soprattutto nelle terre dell'infanzia approffittando della nuova ferrovia che collega Vienna con Trieste e poi via mare a Spalato Zara e Sebenico, per sovrintendere alle escuzioni delle proprie musiche. Quindi quando è a Trieste dorme sicuramente al Meternich e scopre anche una osteria che lo ospiterà spesso, osteria dove si assaggia il buon vino dalmato, "al papagal" che poi cambierà nome in "Alla colonia americana" . E qui il 23 maggio 1888 comporrà il canto corale Salve Colombo firmandosi : il cavaliere. Questa osteria stava in via crosada all'incrocio con via dei capitelli dopo il 13 di via crosada ed era numerata col 16 di via dei capitelli . La via crosada andava da questo incrocio fino a via della muda vecchia. Oggi è più corta tantè che il numero 1 odierno uno corrisponde al vecchio 7. Il numero 16 di via capitelli all'incrocio è stato demolito.
pianta.jpg
pianta.jpg (65.31 KiB) Visto 575 volte
n°16 di via capitelli all'incrocio con via crosada casa abbattuta .jpg
n°16 di via capitelli all'incrocio con via crosada casa abbattuta .jpg (76.91 KiB) Visto 575 volte
portone di via crosada 13.jpg
portone di via crosada 13.jpg (79.25 KiB) Visto 575 volte



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1755
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Franz von Suppe

Messaggio da Piereto » martedì 12 giugno 2018, 10:44

quel che resta di via crosada.jpg
quel che resta di via crosada.jpg (81.4 KiB) Visto 574 volte
Quindi abbiamo perso con la demolizione una testimonianza storico musicale triestina e un antico ritrovo conviviale .



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34117
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Franz von Suppe

Messaggio da babatriestina » martedì 12 giugno 2018, 11:11

Piereto ha scritto:
martedì 12 giugno 2018, 10:43
(Troverete scritto che è di origine belga, ma il Belgio nel 1819 non esiste ancora)
lo vedo scritto belga in tutte le traduzioni di wikipedia, la francese, la tedesca etc. Ovviamente sarebbe da conoscere l'esatta provenienza della famiglia, che dal cognome Suppé sembrerebbe francofona, Paesi Bassi meridionali sarebbe un termine più storicamente corretto , ma anche se si conoscesse davvero la contea: Fiandra? Brabante? ( più probabile quest'ultimo) si avrebbe un dato più preciso, il termine repubblica belga comunque lo avevano già creato nel 1790 circa i rivoluzionari francesi ( da una Belgica già dei tempi di Cesare..) e se ci riferiamo alla nascita dello Stato, ci troveremmo a non poter parlare di sloveni prima della federazione Jugoslava di Tito dal 1945 in poi...
ps Donizetti con una zeta.
per lo stato delle vie, nel settembre 1994 era crollato uno stabile al n 8 ( n tav 199) di via dei capitelli, l'edificio di via Crosada 16 è crollato sotto le raffiche della bora nella medesima epoca.

per l e osterie, non mancavano... vedere Zubini
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Musica clasica”