la linea Pontebbana

Via nave, via treno, i tram, i autobus, ... tuto
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36552
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

la linea Pontebbana

Messaggio da babatriestina » giovedì 30 maggio 2019, 21:19

Abbiamo parlato di tante linee ferroviarie, ma non abbiamo parlato della Pontebbana
Trieste era collegata, negli anni 50 dell'ottocento, con due linee: la Meridionale verso Vienna ( via
Divaccia, san Pietro del Carso- Postumia. Lubiana) e la veneto- illirica ( 1860) che, via Gorizia e Udine, la collegava a Venezia, la diramazione avveniva al Bivio di Aurisina. La linea " rudolfina" austriaca arrivava a Klagenfurt e Villaco, veniva spontaneo collegare Villaco con Udine. Ma .. 1866 guerra e il confine passò in mezzo. però camere di commercio. oltre ai governi, suggerirono un accordo affinché Austria e Italia potenziassero le linee di comunicazione ferroviarie frontaliere, il Brennero e la pontebbana. che avrebbe unito Villaco e udine. E così negli anni 70 dell'Ottocento si creò la Vecchia Pontebbana, con ponti, gallerie...

il che affossò il progetto di un a linea del Predil lungo la valle dell'Isonzo

due immagini dle Museo ferroviario:
il ponte sul But a Tolmezzo
Immagine


e il famoso ponte di Dogna
Immagine
da cui si ha una splendida visione del Montasio
- Confine alle due stazione di Pontebba/Pontafel.
L'Austria la preferiva, perché statale alla linea privata della Meridionale e più economica
Da Carnia si diramava la linea per la Carnia
Durante la prima guerra mondiale le linee furono interrotte ma usate per scopi bellici da entrambe le parti, poi la stazione di confine diventò Tarvisio.

La linea, a binario unico, risultò nel dopoguerra insufficiente e dal 1977 al 2000 venne creata la nuova Pontebbana a doppio binario che è attualmente in funzione. la vecchia è in parte adattata a pista ciclabile


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Trieste e i trasporti”