venetismi

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36662
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

venetismi

Messaggio da babatriestina » giovedì 26 dicembre 2019, 20:35

Una riflessione di Zeper sul venetismi nel triestino
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2001
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: venetismi

Messaggio da Piereto » venerdì 27 dicembre 2019, 20:36

L'articolo de zeper xe bon. Penso che i scambi commerciali verbali col veneto xe andadi sempre più calando prima de la prima guera ma soprattutto dopo. Pochi veneti vegniva a lavorar a Trieste e Marghera diventava un polo industrial de primaria importanza.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36662
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: venetismi

Messaggio da babatriestina » venerdì 27 dicembre 2019, 20:39

per mi no xe question de veneti del veneto, ma de lingua franca del Mediterraneo lassada de Venezia. Mio papà che gaveva navigado un per de volte col Lloyd fra i anni 20 e 30 saveva che in Mediterraneo oriental el triestin ( veneto) iera più conossudo del italian


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4168
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: venetismi

Messaggio da Ciancele » domenica 29 dicembre 2019, 12:30

Mi no go capido cosa che Nereo Zeper ga volesto dir. L’Istria iera soto Venesia fina a Napoleon. Go leto che anca Muia iera napoleonica. Logico che l’influensa de Venesia se gabi fato sentir ‘sai de più in Istria che a Trieste, che iera soto i Asburgo. Anca l’influenza de l’Italia iera più forte a Venesia che a Trieste, parchè l’Italia gaveva de far contro l’Austria e el resto (anca slavo e crvato). Nel 1953 a Trieste no go mai sentì parlar de piza, noi magnaimo un sanduic. Che preferiso ‘ncora ogi. E po negron xe diverso. In negron no se devi parlar co’ xe putele che senti. Mi podaria far qualche esempio de negron, ma go bisogno de una roba scrita che me vien tuto pardonà e che l’automatico no strica. Far veder una pagina bianca no ga scopo. :cheezy_298:



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36662
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: venetismi

Messaggio da babatriestina » domenica 29 dicembre 2019, 13:38

Ciancele ha scritto:
domenica 29 dicembre 2019, 12:30
Mi no go capido cosa che Nereo Zeper ga volesto dir. L’Istria iera soto Venesia fina a Napoleon. Go leto che anca Muia iera napoleonica. Logico che l’influensa de Venesia se gabi fato sentir ‘sai de più in Istria che a Trieste, che iera soto i Asburgo.
i Asburgo parlava tedesco, anche se fin al Setecento el italian a corte iera conossudo e parlado..Ma el impero asburgico no ga mai imposto una lingua , se no el tentativo de Giuseppe II. I Asburgo iera in Spagna, e la gente parlava spagnol, i iera in Olanda e i parlava olandese e fiammingo, iera in Ungheria e i parlava ungherese.. iera a Milan e a Milan i parlava milanese e italian..per dir, co Manzoni ga scrito i Promessi sposi el viveva a Milan asburgica.
Trieste no parlava tedesco se no per burocrazia. Co i ga averto el portofranco coi Asburgo nel setecento, la lingua franca de mar iera el veneto. El cosideto veneto coloniale. Sul "teregstino furlan" che se diseva prima, go leto un per de articolo che disi che xe una costruzion artificial che ga fato Mainati ingrumando singole vece frasi e fazendo creder che tuti parlava cussì. se volè ve meterò i riferimenti.
Zeper volo solo che dir che el triestin storico xe una variante veneta e no xe solo una roba importada dei esuli istriani dopo la guera, come che qualchedun vol far creder
Nb anche Trieste xe stada napoleonica, e con questo?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2001
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: venetismi

Messaggio da Piereto » domenica 29 dicembre 2019, 15:03

Giusto e zonto che el veneto colonial xe morto perché ogi la marineria dell'adriatico oriental parla croato. I nipoti dei profughi istriani de ieri i parla a Trieste in talian o triestin, e scambi commerciali col veneto i xe scarsi.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4168
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: venetismi

Messaggio da Ciancele » domenica 29 dicembre 2019, 19:36

Forsi no me go spiegà ben. Nereo Zeper ga scrito:
“Tutte queste voci sono sì anche istriane, ma solo perché sono di quel veneziano che non è stato abbandonato in Istria come invece gradatamente è stato abbandonato a Trieste.”
Quel de Muia iera un witz. I francesi no centra.
Mi volevo dir che xe logico che el venesian no sia stado abandonado in Istria, parchè no’l podeva vignir abandonado. Una parte del’Istria, come anca la Dalmasia, iera venesiana fina a Napoleon. Vardemo Piran. Par de eser a Venesia. E a Trieste par de eser in qualche cità de l’Austria o dela Germania del sud. El dialeto venesian, a ovest de Trieste, no’l gaveva tanti contati con l’austriaco e el slavo come el triestin e un poco l’istrian. Dopo Napoleon xe vignuda l’Austria e no xe escluso che diverse parole del venesian e de l’istrian sia stade ‘lora ciolte nel triestin, ma noi za par secoli gavemo ciolto parole de l’austriaco e del slavo. Prima de Napoleon, Venesia e l’Istria iera estero. O sbalio? Se volemo, nel fratempo gavemo nel dialeto parole taliane che mi prima no gavevo mai sentì, tipo cazzate, cazzone e simili. Adeso ‘diritura in inglese. Tuti disi solo ochei. Una volta go dito a un inglese ochei e el me ga vardà de bruto: All correct!
Negron no xe un dialeto diverso del triestin patoco. Forsi xe el triestin patoco, con tante parole che una volta iera bruto de dir e che adeso i disi adiritura in television. Andar de corpo iera de fin. In negron se usava altre espresioni: molar la piomba. Inveze de ‘ndar a sburtar radicio se diseva anca ‘ndar de anima.
Xe par questo che co’ sento un parlar in dialeto, me par de sentir un talian. E a mi no i me capisi.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36662
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: venetismi

Messaggio da babatriestina » domenica 29 dicembre 2019, 21:24

E a Trieste par de eser in qualche cità de l’Austria o dela Germania del sud
eco, se parlava de lingua e linguisticamente a Trieste sempre meno i sa el tedesco. Anche i nostalgici austriacanti, la più parte al de là de "Unser Kaiser" o " Prinzessin Sissi" no i va oltre. Che po anche Serbidiola qua i lo cantava in italian no in tedesco.
per el architettura mi trovo un abisso: no ghe xe a Trieste una, digo una, de quele ciese barocche-rococò che no manca mai nele cità che te disi, no xe un palazzo rococò che là ogni principotto se ga fato un, no xe i tetti spioventi per la neve che i ga de lori: Lubiana xe come che te disi ti. Qua po gavemo i nostri " panduri" che ghe tegnimo tanto, va a Venezia e te vederà che i xe su mezi palazzi barocchi! gavemo una serie de case, in zona Borgo teresian, ponterosso che xe copiade pari pari de palazzi veneziani.. fino al nazionalismo del otocento ( e che adesso torna fora) apartegninza a un stato e cultura precisa per tuti no iera obligatorio che fussi precisi.
Sul negron no me pronuncio, perchè no so. Ma chi disi che el triestin devi eser per forza el negron?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4168
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: venetismi

Messaggio da Ciancele » lunedì 30 dicembre 2019, 18:43

Zeper ga scrito che „disesto volesto e savesto” xe parlata pesante e greve die negroni. Tra le do guere no’l iera ‘ncora nato e no’l pol saver come che se parlava. Par mi xe più venesian che negron. Se’l vol ghe dago mi qualche esempio de parlata pesante. Mi usavo sia savesto che savù o savudo. Bisognaria saver come che parlava i fachini de porto. L’unico fachin che conosevo mi iera de Padova. Mi go imparado a dir un colpo inveze de una volta. Dir una volta go imparà a scola. Un pecato de leso dialeto xe dir mi salivo. In dialeto no go mai visto salite e discese. Sempre solo riva ‘n su e riva ‘n zo.
Mi digo sempre che no fazo testo, parchè no go visto l’evoluzion del dialeto. Mi son quel che’l se ga sveià dopo 70 ani e el se meravilia dei cambiamenti.



Rispondi

Torna a “El nostro dialeto”